Elementi naturali, erbe, botanica, probiotici e salute degli occhi

E’ chiaro sin dalla Home page di questo sito che noi siamo fondamentalmente convinti degli effetti positivi sulla salute di una regolare assunzione di alimenti sani e di elementi di derivazione botanica che gli uomini da secoli usano per curarsi. La visione dell’oculistica multidisciplinare, che trovate descritta QUI, considera l’organismo nella sua interezza e non vede l’occhio avulso dal resto del corpo (e del resto, non dimentichiamo, noi oculisti siamo medici). Di conseguenza la rete di medici specialistici in linea con questo pensiero unitario ci permette di affrontare condizioni oculari patologiche a partenza sistemica. Inoltre, sempre a motivo della visione di insieme, consideriamo di estrema importanza il cibo che assumiamo quotidianamente, sia per i nutrienti e vitamine sia per gli effetti sul microbiota intestinale. Alcuni alimenti inoltre sono importanti probiotici, e molti studi dimostrano quanto siano importanti anche essi. E’ oramai riconosciuto che le diete povere di fibre ad altro contenuto di grassi influenzino il microbiota intestinale, con conseguente disturbo delle funzioni immunitarie. La disbiosi intestinale contribuisce a uno stato infiammatorio cronico ed è un fattore eziologico per varie malattie autoimmuni. Pertanto, la dieta rappresenta una via vitale per la modulazione del sistema immunitario. Ovviamente l’utilità delle normali terapie mediche e chirurgiche è essenziale per la nostra salute, e questo va sempre ribadito. A queste però vanno associate la correzione dello stile di vita  e una sana alimentazione (QUI). Molti studi in tema dimostrano, del resto, come alcuni elementi naturali di derivazione botanica possano essere rimedi efficaci per migliorare la salute di tutto l’organismo, e anche degli occhi. Le loro proprietà antiossidanti e anti-infiammatorie possono risultare utili anche  per contrastare gli effetti pro-infiammatori, cangerogeni e pro-ossidanti dell’inquinamento, come riportato dalla letteratura (link alla pagina relativa qui).

erbe, Elementi naturali e botanici

In questa pagina trovate lo schema che indica gli elementi naturali  principali e i loro effetti sugli occhi. Tutto quanto scriviamo deriva da studio della letteratura medica, pubblicata e reperibile in rete, e quindi niente è frutto  di idee tratte da fonti non ufficiali. Abbiamo pertanto, in calce a ogni articolo, inserito il link agli studi di riferimento, di modo che tutti possano verificare in prima persona. Speriamo che le nostre ricerche possano espandere continuamente questo elenco. Nel frattempo perché non iniziare ad assumere a rotazione qualcuna di queste sostanze quotidianamente?

Cliccando sul nome del prodotto si apriranno gli articoli relativi di approfondimento

Miele, propoli, prodotti delle  api e occhi

Iniziamo dai prodotti derivati dalle nostre amiche api, da secoli usati dall’uomo per i loro benefici indiscussi.

Miele: il re dei curativi, utile in molte malattie dell’uomo, antinifiammatorio e immunostimolante. Ha attività antimicrobica. Favorisce la protezione dei denti e cardiovascolare e favorisce lo sviluppo dei bambini. Efficace in blefariti e congiuntiviti, nelle sofferenze delle ghiandole di Meibomio e in occhio secco.

Propoli: pare abbia efficacia come protettore nei confronti della cataratta diabetica. Contiene flavonoidi (vedi dopo)

Pappa Reale: elemento che si usa da secoli, sembra efficace nell’occhio secco, perché aumenterebbe l’efficienza energetica cellulare.  La pappa reale è ben nota per i suoi effetti protettivi sulla salute riproduttiva, sui disturbi neurodegenerativi, sulla guarigione delle ferite e sull’invecchiamento. Possiede attività antitumorali, antietà e anti-infiammatorie.

Veleno di api: contiene mellitina e apamina, che sono antinifiammatori , inibendo la cascata dell’ossido nitrico e la sintesi di interlekine pro-infiammatorie come la IL-1b.

Muschio bianco e corno di cervo: entrambi derivano dai cervi, e sono usati in oriente come antiinfiammatori e adrenostimolanti.

Cliccando sul nome del prodotto si apriranno gli articoli relativi di approfondimento

Polifenoli

I Polifenoli sono un gruppo di sostanze molto diffuse in natura.

Té verde: bevanda diffusissima, antinfiammatoria su interleukine come Il-1, IL-6, aiuta le blefariti.

Uva: anche  l’uva ha azione antimicrobica e antinfiammatoria per le blefariti e occhio secco.

Olio di Enotera: riduce il fastidio di lenti a contatto e secchezza oculare, probabilmente per interazione con acidi grassi essenziali dei processi infiammatori.

Glicerolo Monolaurato: ottenuto dal cocco e latte materno è ha azione antimicrobica e inibisce la lipasi baterica. Utile in occhio secco e blefariti.

Resveratrolo: dal vino e dall’uva (ma è presente in tanti altri alimenti che trovate nella pagina dedicata) ha effetti protettivi cardiovascolari. Inoltre potrebbe aiutare la retinopatia diabetica, le ischemie retiniche e avere azione neuroprotettrice sul glaucoma. Riducendo lo stress ossidativo, potrebbe rallentare la cataratta.

Curcuma: è un polifenolo e ha effetti su cataratta e, forse, su degenerazione maculare. Agisce inibendo l’infiammazione tramite azione sulla ciclo-ossigenasi, la lipo-ossigenasi e l’ossido nitrico.

Euphrasia: i principali fitocomposti presenti in Euphrasia sono tannini (acido eufrasiotannico) acidi fenolici (acidi caffeico e derivati, acido clorogenico), flavonoidi (quercetina, apigenina, luteolina). Ha azione anti-infiammatoria e antibiotica per gli occhi.

Mirtillo: ricco di antocianidi e polifenoli con azione antinfiammatoria, anti ROS e anti-apoptotica.

Propoli: già detto della presunta efficacia come protettore nei confronti della cataratta diabetica

Cliccando sul nome del prodotto si apriranno gli articoli relativi di approfondimento 

Carotenoidi e occhi

Luteina e Zeaxantina non hanno bisogno d presentazioni. Sono carotenoidi utili nella retina per i processi biochimici della visione. Agiscono anche da antiossidanti e modulatori genetici. Si trovano in cavoli, spinaci, uova e altri alimenti che trovate nell’articolo. Sono utili anche nell’affaticamento e nell’astenopia, come trovate qui.

Zafferano: gran parte formato da carotenoidi, come la zeaxantina e il licopene. Anche esso è anti-infiammatorio. Porta benefici ai tessuti oculari e qualche studio ne dimostra l’efficacia se integrato per degenerazione maculare e cataratta.

Olio di Oliva e triterpeni per occhi

Se il miele è il re della salute, l’olio di oliva (Olea europea) è l’imperatore universale della nostra cucina. Ricco di sostanze benefiche, come l’acido oleanolico, ha forti proprietà anti-infiammatorie e immuno-modulatorie. Migliora le allergie, riducendo le interleukine pro-infiammatorie, la ciclo-ossigenasi (COX) e la lipo-ossigenasi (LOX). Leggete tutto su Olio di Oliva.

Flavonoidi

Oligosaccaridi vegetali, flavonoli e polifenoli conferiscono numerosi benefici tra cui azioni antiossidanti e antinfiammatorie. Spesso questi agenti vengono discussi in relazione alle loro funzioni infiammatorie o immunomodulanti senza una completa comprensione dei percorsi coinvolti. Ad esempio, la biodisponibilità di tali composti è stata precedentemente vista come uno svantaggio o un enigma. Ma ora stiamo iniziando a vedere che questi composti potrebbero funzionare come fonte di cibo per batteri probiotici e indigeni sia a livello locale che attraverso l’intestino e potrebbero persino agire localmente come prebiotici sulla superficie oculare. 

Ribes Nigrum e il Crisantemo: sono usati come anti-infiammatori da secoli. Utili nel penfigo, dolore e scrofola, hanno anche effetti antiossidanti e riducono l’affaticamento muscolare.

 

Rosa Canina: alte concentrazioni di vitamina C sono utili come antiossidanti oculari.

Quercetina: uno dei flavonoidi più studiati, presente nei capperi, broccoli, pomodori, asparagi e altri cibi. Ha attività anti-infiammatoria e rallenta le vie della apoptosi, la morte cellulare programmata; agisce anche sui ROS, le specie reattive all’ossigeno. Potrebbe essere benefica per degenerazione maculare, glaucoma, cataratta.

Il Ginkgo Biloba contiene sia flavonoidi e terpenoidi. E’ uno degli integratori più usati. Aiuta il metabolismo mitocondriale e riduce gli effetti dell’invecchiamento. Potrebbe essere utile nella protezione del nervo ottico, quindi nel glaucoma, e della retina.

Cliccando sul nome del prodotto si apriranno gli articoli relativi di approfondimento 

Saponine per occhi

La saponina più importante è il  Ginseng, dalla radice Panax (panacea) Ginseng. Molto usato in oriente, contiene ginsenoidi (saponine steroidee) con numerosi effetti farmacologici. Inibisce l’apoptosi, ed è utile nei pazienti con glaucoma. Ostacola inoltre il TNF-alfa, proinfiammatorio nella degenerazione maculare. Ha effetto anche sulla cataratta diabetica, così come nell’occhio secco.

Acidi grassi Omega-3

Gli acidi grassi Omega-3 (FA) sono acidi grassi polinsaturi essenziali ottenuti attraverso la dieta. Gli acidi grassi a catena corta (acido alfa-linolenico) si trovano nelle noci, nella soia, nei semi di lino e nei semi di lino, mentre i sottotipi di acido eicosapentaenoico (EPA) e acido docosaesaenoico (DHA) a catena lunga sono derivati ​​dal pesce azzurro o prodotti nell’organismo dalla desaturazione / allungamento degli AF a catena corta. Esistono prove emergenti del loro ruolo come prebiotici. È stato dimostrato che i PUFA Omega-3 in modelli animali normalizzano la disbiosi intestinale indotta da stress precoce e, attraverso la modulazione di Fimicutes / Baceroidetesratio, può ridurre l’endotossiemia associata a infiammazione di basso grado, una caratteristica distintiva delle condizioni croniche tra cui resistenza all’insulina, obesità, MICI, ansia, umore e depressione, artrite reumatoide e cancro. I rapporti esistenti suggeriscono una relazione reciproca tra Faecalibacterium e Bacteroidetes . Inoltre, i PUFA omega-3 possono influenzare generi produttori di butirrato come Bifidobacterium, Lachno-spira, Roseburia e Lactobacillus , molti dei quali sono segnalati per essere in disbiosi in soggetti IBD. È stato riportato che i PUFA omega-3 esercitano un aumento dell’attività antinfiammatoria nell’intestino attraverso l’aumento dei batteri produttori di acidi grassi a catena corta. Studi sugli animali suggeriscono collegamenti tra l’alterazione del microbioma intestinale mediata da PUFA con Omega 3 e gli impatti immunitari positivi che insieme lavorano per mantenere l’integrità della mucosa intestinale. Qui tutto sugli omega-3  gli effetti sugli occhio secco.

Cliccando sul nome del prodotto si apriranno gli articoli relativi di approfondimento 

Frutto Oligo-saccaridi (Aloe Vera) per occhi

Tra i frutto oligosaccaridi, dei quali qualche studio documenta l’efficacia per occhio secco, troviamo l’Aloe Vera. La letteratura brevettuale cita l’uso di Aloe Vera e di un prebiotico, fruttano derivato dalla radice di cicoria, per il miglioramento dei sintomi neurologici, del dolore cronico, delle malattie infiammatorie intestinali e dell’occhio secco, tra gli altri disturbi. La ricerca sull’uso dell’Aloe Vera nei disturbi oftalmologici è volta a determinare se la rapida riparazione dei tessuti e le proprietà antinfiammatorie dell’Aloe Vera, che sono state dimostrate con successo nel trattamento delle ferite interne ed esterne, possono essere applicate ai disturbi dell’occhio che coinvolgono infiammazioni, ulcerazioni e infezioni.

Vari composti utili per gli occhi

Artemisia o Assenzio: è un lattone sesquiterpenico. Usato da decenni come antimalarico ha anche proprietà sui tumori, le infiammazioni, le malattie autoimmuni e le infezioni virali e parassitarie. Antiossidante, anticitotossica e anti-apoptotica, anti-angiogenetica può avere applicazioni in uveiti, malattie retiniche, neovascolarizzazioni maculari e coroideali.

Cliccando sul nome del prodotto si apriranno gli articoli relativi di approfondimento 

prebiotici

Nell’ultimo decennio, le prove dell’effetto dei prebiotici sulla comunità microbica ospite e sui benefici per la salute hanno preso piede. Poiché i prebiotici sono utilizzati da specifici ceppi batterici, questo può elevare il metabolismo di batteri selezionati e dei loro metaboliti affini senza necessariamente aumentare il numero di batteri. In questo modo, altri membri della comunità, così come l’ospite, possono trarre benefici biologici o fisiologici dai prebiotici. I benefici fisiologici dei prebiotici includono il miglioramento delle funzioni intestinali, l’aumento dell’assorbimento dei minerali (calcio) e il miglioramento della densità ossea, regolazione del metabolismo dei lipidi e del glucosio e modulazione delle funzioni immunitarieInoltre, è stato indicato che i prebiotici possono promuovere autonomamente la salute, senza necessariamente influenzare il metabolismo dei batteri benefici; per esempio, possono legarsi ad agenti patogeni e creare un effettore anti-aderenza possono migliorare il sistema immunitario per effetto sui recettori immunitari dell’ospite. I leucociti intestinali e gli enterociti specializzati rilevano il contenuto del lume intestinale e influenzano la risposta immunitaria intestinale. È stato dimostrato che il β-glucano dell’avena attiva entrambi i tipi di cellule.  Importantissimi nutrienti i prebiotici, insieme ai batteri vivi probiotici benefici, sono regolatori dell’immunità; è un capitolo da approfondire attentamente per cui abbiamo trovato utile dedicare vari articoli.  Trovate tutto sui prebiotici seguendo questo link.

probiotici 

 I probiotici, microrganismi viventi non patogeni, svolgono importantissimi funzioni modulatorie e di omeostasi per la salute generale dell’organismo. Rimandiamo alla sezione apposita, che trovate seguendo questo link.

Se siete interessati a qualcosa di particolare, usate la funzione Cerca, in altro a destra.

Tutti i riferimenti bibliografici di quanto affermato sono reperibili in fondo agli articoli dedicati per ogni elemento. Riferimenti per questo articolo: https://www.mdpi.com/2079-6382/8/3/88/htm#B164-antibiotics-08-00088

Microbiota e malattie degli occhi

 Microbiota intestinale e occhio Come e perchè il microbiota intestinale è correlato alle malattie oculari e allo stato di salute dei nostri occhi Riporto l'articolo pubblicato sul numero 1.2021 di Viscochirurgia (rivista italiana di Oftalmologia a cura di Fabiano Editore, responsabile dott....

Microbiota e occhio: articoli giornali e siti

Microbiota e occhi L'idea che i batteri intestinali che vivono in costante simbiosi con noi (microbiota intestinale) possano influenzare lo stato di salute dell'organismo in generale si sta diffondendo anche tra gli oftalmologi. Si affacciano finalmente in alcune riviste specialistiche dedicate a...

Mirtillo e occhi

Mirtillo e occhi Dopo avere parlato di altri numerosi rimedi naturali benefici per gli occhi, scriviamo ora del mirtillo, noto elemento che spesso viene associato agli occhi anche nella cultura popolare da tempo. I composti botanici e gli estratti dalle piante è noto che possano essere utili in...

Vitamina C: antiossidante per gli occhi

  Vitamina C - potente antiossidanteCataratta, glaucomacornea - trabecolato - cristallino Proseguiamo i nostri articoli sulle vitamine  per gli occhi e, dopo aver accennato alla Vitamina D e alla Vitamina B e dei loro effetti su occhi secchi e dolore oculare, scriviamo oggi della vitamina C, per...

Probiotici e occhi: retinopatia diabetica

Questo articolo  fa parte di una serie che riguarda prebiotici, probiotici e occhio, che trovate cliccando qui Probiotici cosa sono I probiotici sono microrganismi viventi non patogeni, che possono portare beneficio all'ospite se somministrati con continuità. Generalmente, le specie probiotiche...

Vitamina D e salute degli occhi

Vitamina D e salute degli occhi Come più volte affermato in questo sito, con articoli tratti da letteratura, l'alimentazione ha un ruolo chiave nella prevenzione anche delle malattie oculari. Le vitamine dunque, insieme ad altri nutrienti, sono efficaci protettori degli occhi.  La base per una...

Luce blu e occhi: display, monitor, PC, telefonini e LED

Luce blu, telefonini, display, PC, led e occhi La luce  blu è una particolare lunghezza d'onda dello spettro luminoso compresa tra 415 nm e 455 nm. L'esposizione a questa radiazione avviene all'aperto ma anche durante l'applicazione ai display nelle attività lavorative e non. Pare che questa...

Probiotici, luce blu, pc, telefonini e occhi

 Questo articolo  fa parte di una serie che riguarda prebiotici, probiotici e occhio, che trovate cliccando qui Probiotici cosa sono Le specie probiotiche principali appartengono ai generi Lactobacillus e Bifidobacterium ma anche ad altri ceppi di altri batteri lattici,...

Proteoma lacrimale in rinocongiuntivite allergica

Rinocongiuntivite allergica e proteoma Mebabolomica congiuntiviti allergiche La metabolomica  studia le impronte chimiche dei processi dei sistemi biologici. In altri articoli abbiamo affrontato questi temi. Abbiamo infatti parlato di  metabolomica e disfunzione ghiandole Meibomio in occhio secco...

Inquinamento e infiammazioni oculari

  Inquinamento e infiammazioni oculari L'inquinamento atmosferico è un grande problema e costituisce una crescente preoccupazione globale. Sono chiare le correlazioni tra numerose malattie e inquinamento dell'acqua, dell'aria, del suolo, ma anche acustico e luminoso. Tra gli organi bersaglio...

Ambienti domestici, uffici, inquinamento e occhi

Inquinamento e infiammazioni oculari Nell'articolo precedente (link qui) abbiamo visto come l'inquinamento atmosferico sia composto da agenti particolati organici, inorganici  e gas nocivi. Tutti i fattori inoltre ambientali, quali temperatura, esposizione luce UV, umidità e ventilazione hanno la...

Dermatiti intorno agli occhi e alimentazione

Dermatiti occhi e alimenti Visto l'interesse degli utenti del sito in tema di allergie, alimenti e dermatiti, pubblichiamo un altro articolo scritto insieme alla Dottoressa Emanuela Fogli, dopo quello inerente le dermatiti da contatto e aeromediate (link), e le blefariti associate a rosacea...

Nutrizione e salute degli occhi: stress ossidativo

 Dieta e salute degli occhila nutrizione e la sua influenza per le malattie oculari La letteratura medica contiene vari articoli su nutrizione e occhi poiché la dieta può influenzare numerose condizioni lesive della capacità visiva, come la cataratta, la degenerazione maculare, il glaucoma, le...

Occhi rossi e infiammazione occhi – cause e rimedi naturali

occhi rossi e infiammati occhio rosso, occhio gonfio, occhio che brucia infiammazioni oculari Le infiammazioni oculari e gli occhi rossi sono motivo di visita molto frequente nella nostra attività quotidiana di oculisti a Faenza e Ravenna. In tale ambito notiamo che c'è desiderio, da parte di...

Dieta priva di istamina per congiuntiviti allergiche alimentari

Allergie agli occhi e alimenti- sintomi e cure Prima di leggere questo articolo consigliamo la lettura della pagina relativa all'inquadramento generale delle allergie oculari, che trovate in questo link. L'importanza della dieta corretta per gli occhi è descritta nella pagina introduttiva (link)....

2- allergie occhi e intolleranze. Alimenti da evitare

Allergie occhi e intolleranze alimentari alimenti da evitare nelle congiuntiviti allergiche La dieta a basso contenuto e priva di istamina è stata rielaborata in un nuovo articolo del quale consigliamo la lettura, a questo link.Questo articolo fa riferimento ad altri che trovate nella sezione...

Microbiota intestinale e occhio secco Sjogren

 Microbiota intestinale e salute degli occhi asse intestino ghiandola lacrimale Come abbiamo più volte scritto in queste pagine, ci sono numerose evidenze che il microbiota intestinale possa influenzare numerose patologie oculari, come  anche una alterazione del microbiota oculare; ne abbiamo...

Dermatiti intorno agli occhi e alimentazione

Dermatiti occhi e alimenti Visto l'interesse degli utenti del sito in tema di allergie, alimenti e dermatiti, pubblichiamo un altro articolo scritto insieme alla Dottoressa Emanuela Fogli, dopo quello inerente le dermatiti da contatto e aeromediate (link), e le blefariti associate a rosacea...

Microbiota oculare e malattie dell’occhio (lenti a contatto, diabete, allergie, occhio secco, blefariti…)

microbioma oculare La superficie oculare sana è caratterizzata da un microbiota relativamente stabile, relativamente poco diversificato. Inoltre recenti scoperte suggeriscono che i batteri della possano avere un ruolo nel mantenimento dell'omeostasi modulando la funzione immunitaria, proteggendo,...

Luteina e Zeaxantina: cure naturali per occhi e macula

Luetina e Zeaxastina I composti botanici e gli estratti dalle piante sappiamo che possono essere utili in alcune patologie oculari come cataratta, diabete, congiuntiviti, blefariti, occhio secco.  Questa pagina, dunque, parlerà di un paio di elementi naturali che hanno proprietà benefiche per gli...

Metabolomica occhio secco: generalità

Metabolomica dell'occhio secco La superficie oculare, un'interfaccia tra l'occhio e l'ambiente, è costituita dalla cornea, dalla congiuntiva bulbare e palpebrale e dalle ghiandole lacrimali e di Meibomio. L'unità funzionale lacrimale, responsabile della secrezione lacrimale acquosa, è composta...

Mirtillo e occhi

Mirtillo e occhi Dopo avere parlato di altri numerosi rimedi naturali benefici per gli occhi, scriviamo ora del mirtillo, noto elemento che spesso viene associato agli occhi anche nella cultura popolare da tempo. I composti botanici e gli estratti dalle piante è noto che possano essere utili in...

Alimentazione microbiota intestinale e salute degli occhi

 ALimentazione, elementi naturali, probiotici, prebiotici, botanica, vitamine e occhio La nostra filosofia medica si poggia su evidenze scientifiche, riportate ampiamente in questo sito nella sezione "alimentazione, microbiota intestinale e occhio", che la prevenzione tramite un corretto stile di...

Dott. Alberto Lanfernini – Oculista
Faenza – Ravenna – Riolo Terme – Pesaro

Dot. Lanfernini Alberto

Dott.ssa Annalisa Moscariello – Oculista
Ravenna – Faenza – Pesaro

Dott.ssa Annalisa Moscariello Oculista