Occhio secco e disfunzione ghiandole di Meibomio 
Meibomian gland disease

Tra le principali cause di occhio secco, abbiamo scritto della disfunzione delle ghiandole di Meibomio (qui il link). Esse paiono correlate alla dislipidemia. Questo studio sulla lipodomica, una branca della metabolomica, indaga sulle correlazioni. Di metabolomica occhio secco abbiamo parlato in questa pagina (link). Questo articolo trae spunto da un lavoro di cui si riporta il link in fondo a questa pagina e non ha finalità commerciali né di lucro, ma soltanto scientifiche/divulgative.

Ghiandole di Meibomio

La ghiandola di Meibomio (MG) è una ghiandola sebacea modificata nelle palpebre che produce il Meibum, la componente lipidica del film lacrimale. Il meibum è essenziale per ritardare l’evaporazione del film lacrimale, prevenendo così la secchezza oculare

  Ghiandole di Meibomio e lipidi plasmatici

La relazione tra lo stato lipidico plasmatico e la salute della ghiandola di Meibomio rimane poco chiara e richiede indagini. Pertanto, il ruolo della dislipidemia nello sviluppo della MGD rimane un’area grigia. Nonostante ciò, questi studi forniscono informazioni utili sui potenziali effetti del metabolismo lipidico sistemico disregolato sulla MG, con somiglianze condivise nel loro approccio per esaminare se esiste una relazione tra MGD e dislipidemia.

L’osservazione più rilevante in tutti gli studi tranne uno è stata la scoperta che i pazienti con MGD avevano un’alta prevalenza di dislipidemia rispetto ai controlli. Ciò è stato contrastato dai risultati di uno degli studi in cui la prevalenza della dislipidemia tra i pazienti con MGD non era diversa da quelli senza MGD. In effetti, per questo particolare risultato gli autori ipotizzano che la dislipidemia potrebbe non essere l’unico fattore trainante per lo sviluppo della MGD. Infatti, la MGD è una condizione multifattoriale, il che rende difficile concludere che i risultati di questi studi siano in gran parte attribuibili alla dislipidemia. È noto che l’invecchiamento, l’uso prolungato delle lenti a contatto e le condizioni ambientali avverse, incluso lo stress da essiccazione e l’uso di alcuni farmaci come l’isotretinoina, influenzano negativamente la Ghiandola di Meibomio. Altri fattori che possono influenzare lo sviluppo della MGD includono condizioni autoimmuni come la sindrome di Sjögren, malattie oculari del trapianto contro l’ospite e rosacea e insufficienze ormonali.

Lipidomica e Metabolomica

Il termine “lipidomica” deriva dalla parola “lipidoma”, che si riferisce al profilo lipidico completo all’interno di cellule, tessuti o un organismo. Il lipidoma è il principale sottoinsieme del metaboloma di un sistema vivente (cioè, cellula o organismo), insieme ad altre importanti biomolecole come proteine, zuccheri o acidi nucleici. La lipidomica comprende lo studio dei percorsi e delle reti dei lipidi cellulari nei sistemi biologici. Ciò si ottiene attraverso la definizione quantitativa e completa dei lipidomi delle fonti biologiche al livello di organello più piccolo a interi organi. La lipidomica è stata molto cruciale nella nostra comprensione del ruolo dei lipidi nella salute e nella malattia. È stato determinante nel fornire approfondimenti meccanicistici sui disturbi del metabolismo lipidico cellulare o sistemico, del traffico e dell’omeostasi e su come questi disturbi possono portare a condizioni di salute come obesità, diabete, aterosclerosi, ipertensione, infiammazione sistemica, alcuni tipi di cancro e disturbi neurologici.

Lipidomica e Metabolomica e occhi

Le informazioni sull’uso della lipidomica nella comprensione delle malattie degli occhi sono, tuttavia, limitate. Ad esempio, solo una manciata di studi ha applicato la lipidomica per chiarire le proprietà biochimiche dei lipidi del film lacrimale (meibum) e le aberrazioni specifiche nel liquido lacrimale che possono portare alla malattia dell’occhio secco e ad alcune malattie della retina.

Il Meibum: produzione.
Da dove deriva
prodotto in loco o dal sangue?

La composizione del meibum è decisamente molto complessa. In effetti, la biochimica del meibum è intricata quanto la sua biosintesi. L’attuale comprensione è che i lipidi di meibum potrebbero essere sintetizzati de novo all’interno degli acini MG o assorbiti dal flusso sanguigno. Tuttavia, rispetto alla teoria “assorbimento dal flusso sanguigno”, la teoria della sintesi de novo ha ricevuto più sostegno perché gli enzimi coinvolti nella sintesi del meibum, comprese le transestersasi, sono stati rilevati nelle cellule acinose MG. Non ci sono attualmente prove che i lipidi siano prelevati dal flusso sanguigno per essere incorporati nei lipidi di meibum, ad eccezione degli ormoni steroidei sessuali che sono di natura lipidica con determinati effetti specifici di crescita ed effetti funzionali sulla MG. È possibile che l’assorbimento di questi ormoni possa cambiare con il cambiamento della dieta o dello stato lipidico plasmatico, come quello che si verifica nella dislipidemia.
Inoltre, anche se ci sono scarse prove sull’assorbimento di altri lipidi plasmatici da parte della MG, non è impossibile che la MG possa assorbire e incorporare lipidi nel meibum dal flusso sanguigno. Questo perché la MG è circondata da una ricca rete vascolare di vasi sanguigni nella pelle della palpebra esterna e nella congiuntiva palpebrale, e abbiamo osservazioni inedite della stretta relazione tra i vasi sanguigni tarsali e MG acini. I profili lipidici del sangue e del meibum condividono alcuni punti in comune tra cui la presenza di trigliceridi, colesterolo, esteri del colesterolo, sfingomieline e ceramidi. Pertanto, è ipoteticamente possibile che i componenti del meibum possano essere assorbiti dal flusso sanguigno.

Disfunzione ghiandola di Meibomio  (MGD) blefariti e lipodomica
Lipasi, infiammazione, ipercheratosi

Le evidenze esistenti derivanti dall’analisi lipidomica di campioni di meibum da pazienti con blefarite cronica, MGD e occhio secco suggeriscono che le proprietà biochimiche e biofisiche del meibum possono cambiare.

Ciò include un’alterazione specifica nei lipidi polari rispetto a quelli non polari e cambiamenti negli ordini dei lipidi dovuti all’aumentata saturazione. Gli esteri del meibum colesterolo sono diminuiti mentre le proteine ​​sono aumentate negli occhi con MGD, rispetto al normale. Si ritiene che la combinazione di saturazione lipidica e interazione lipide-proteina renda il meibum meno fluido (più viscoso e più ordinato), rendendo difficile l’erogazione del meibum al margine palpebrale e bloccando ulteriormente gli orifizi della ghiandola. La stasi del meibum può modificare la MG e il microbioma della superficie oculare con uno spostamento verso le ghiandole che producono lipasi per degradare il meibum e / o quelle che producono mediatori tossici e mediatori della infiammazione. Quindi, questo crea un circolo vizioso di iper-cheratinizzazione della MG e disturbo della composizione del meibum che potrebbe portare all’autoperpetuazione della MGD. Tuttavia, è stato recentemente dimostrato che l’iper-cheratinizzazione della MG (duttale) è assente in un modello murino di MGD correlata all’età , e ciò può essere dovuto alle differenze nei modelli così come nei sottotipi umani di malattia. Quindi, l’iper-cheratinizzazione può dipendere in parte dal fenotipo MGD e dalle risposte specie-specifiche.

MGD (disfunzione ghiandola di meibomio) e dislipidemia

Mentre gli studi di cui sopra sottolineano l’utilità della lipidomica nella comprensione della MG e della secrezione nella disfunzione ghiandolare di Meibomio primaria o nella situazione dell’occhio secco, poco è stato fatto con la lipidomica per chiarire il legame tra MGD e dislipidemiaNon sappiamo ad esempio se livelli elevati di trigliceridi nel sangue, colesterolo, esteri del colesterolo o lipoproteine ​​durante la dislipidemia siano accompagnati da aumenti proporzionali delle proporzioni di questi tipi di lipidi nel meibum. Inoltre, non sappiamo se un tale cambiamento possa avviare la MGD disturbando la reologia del meibum, ostruendo la MG e portando a un’eventuale cheratinizzazione e atrofia della ghiandola. Resta anche da determinare se il controllo della dislipidemia, in altre parole il ripristino del profilo lipidico ematico alla normalità attraverso la dieta o l’intervento con statine, abbia dei benefici diretti per la MG.

Diagnosi di occhio secco

La diagnosi di occhio secco conseguenza frequente della disfunzione delle ghiandole di Meibomio, è clinica e strumentale. L’oculista valuterà i sintomi del paziente e eseguirà una visita oculistica soffermandosi particolarmente sulla superficie oculare. Ne vedrà le alterazioni e i segni diretti e indiretti di sofferenza da secchezza oculare. Inoltre potrà procedere ai test lacrimali, che trovate descritti qui.

occhio secco e intestino

La correlazione tra occhio secco e intestino, nell’ambio dell’asse intestino-occhio, è trattata ampiamente QUI.

rimedi e terapie per occhio secco

Tutte le cure e i rimedi per la secchezza oculare son descritte in altra pagina (qui il link), dal momento che la terapia è piuttosto complessa e variegata. Vale la pena però farsene una idea leggendo l’articolo dedicato.

Riferimenti bibliografici:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6678820/ 
 Questo articolo è un articolo ad accesso aperto distribuito secondo i termini e le condizioni della licenza Creative Commons Attribution (CC BY) ( http://creativecommons.org/licenses/by/4.0/ )

6-Allergie a novembre/dicembre: gli acari

Allergie oculari a novembre e dicembre Prima di leggere questo articolo consigliamo la lettura della pagina relativa all'inquadramento generale delle allergie oculari, che trovate in questo link. La stagione classica in cui si pensa che gli allergici soffrano è la primavera. In realtà ci sono...

VItamina B e dolore occhio secco

Vitamina B e dolore oculare L'occhio secco  è una malattia multifattoriale della superficie oculare, caratterizzata dalla perdita dell'omeostasi del film lacrimale, con conseguenti sintomi dovuti alla sua instabilità, quali bruciore, senso di corpo estraneo e dolore. Dell'occhio secco e delle sue...

occhio secco e microbioma oculare

occhio secco e microbioma oculare Vi sono evidenze che il microbiota oculare (la comunità di microbi  che risiedono nella superficie oculare) e intestinale possano influenzare la comparsa dell'occhio secco. E' importante comprendere questi fattori per potere espandere le possibilità terapeutiche....

Asse intestino occhio (terza parte): digiuno, trapianto fecale, probiotici

Microbiota intestinale e occhio Asse intestino occhio La prima e seconda parte di questo articolo si trovano  qui Il digiuno intermittente e le malattie oculari Continuando il riadattamento dell'articolo citato in  calce a questa pagina, liberamente rielaborato a fini divulgativi, arriviamo infine...

1-allergie occhi cosa sono, come si manifestano e terapie – congiuntiviti allergiche cure

  Allergie agli occhi - sintomi e cure Questo è il primo articolo che costituisce la base per tutti i successivi inerenti le allergie oculari. Ne consigliamo quindi la lettura prima degli altri inerenti lo stesso tema. Per allergia si intende una iper-reazione immunitaria dell'organismo verso...

Ginseng per occhi

Proprietà del Ginseng e effetti sulle malattie oculari Continuiamo qui la nostra carrellata su botanica, elementi naturali e occhi. Oggi, dunque, parliamo del Ginseng e delle sue proprietà benefiche per gli occhi. Questo articolo trae spunto da un lavoro  riportato in calce, e non ha fini...

Euphrasia elemento naturale per curare gli occhi

 Euphrasia Officinalis: elemento naturale e olio essenziale I composti botanici e gli estratti dalle piante possono essere utili in alcune patologie oculari come cataratta, diabete, congiuntiviti, maculopatia, blefariti, occhio secco.  In questa pagina parleremo della Euphrasia e dei sui effetti...

Difetti di vista: miopia, ipermetropia, astigmatismo e presbiopia

I difetti visivi sono quattro miopia ipermetropia astigmatismo e presbiopia Emmetropia cosa vuol dire Prima di parlare dei difetti di vista, bisogna spiegare che c'è una condizione di normalità che si chiama Emmetropia. In sostanza, questo vuole dire essere perfetti da un punto di vista visivo,...

Zafferano efficace protettore degli occhi

Zafferano e malattie oculari Come avrete capito leggendo gli articoli di questo sito, la nostra filosofia di terapia tiene molto in considerazione la prevenzione tramite un corretto stile di vita e una alimentazione adeguata. I composti botanici e gli estratti dalle piante è noto che possano...

Ambienti domestici, uffici, inquinamento e occhi

Inquinamento e infiammazioni oculari Nell'articolo precedente (link qui) abbiamo visto come l'inquinamento atmosferico sia composto da agenti particolati organici, inorganici  e gas nocivi. Tutti i fattori inoltre ambientali, quali temperatura, esposizione luce UV, umidità e ventilazione hanno la...

Perché i bambini sbattono sempre gli occhi

bimbo ammicca spesso e strizza gli occhi  Cos'è l'ammiccamento In questo articolo parleremo dei bimbi che sbattono continuamente le palpebre e delle cause che possono portare a questi disturbi. Uno dei motivi di visita più frequente per cui i genitori portano a visitare i bambini, almeno negli...

Curcuma nelle malattie dell’occhio

I composti botanici: effetti sulle malattie oculari Proseguono i nostri approfondimenti sugli effetti dell'alimentazione nelle patologie oculari come cataratta, diabete, congiuntiviti, blefariti, occhio secco. In questo breve articolo (che traiamo da un lavoro riportato in calce, non a scopi...

Meglio usare o non usare gli occhiali?

Usare o non usare gli occhiali? Vediamo di fare un poco di chiarezza su una domanda che spesso viene fatta dai pazienti nei nostri ambulatori oculistici. In effetti taluni pensano che l'uso degli occhiali sia un obbligo, ma, al contrario, spesso non è così. L'occhiale è, infatti, una specie di...

Vitamina D e salute degli occhi

Vitamina D e salute degli occhi Come più volte affermato in questo sito, con articoli tratti da letteratura, l'alimentazione ha un ruolo chiave nella prevenzione anche delle malattie oculari. Le vitamine dunque, insieme ad altri nutrienti, sono efficaci protettori degli occhi.  La base per una...

terapie per miopia

Trattamenti e terapie della miopia cosa si può fare per rallentare la miopia Molti pazienti, specialmente i genitori dei bimbi che iniziano a diventare miopi, ci chiedono in visita se ci siano dei modi per rallentare la miopia (qui per leggere sui fattori di rischio per miopia). Facciamo il punto...

Vernal keratocongiuntivite – cause, sintomi, evoluzione e terapie

Congiuntivite che non passa con le curela cherato-congiuntivite Vernal (VKC), quando la congiuntivite persiste    La Vernal keratocongiuntivite è una forma infiammatoria piuttosto antipatica che colpisce bambini, e tende a migliorare dopo l'adolescenza. Tendenzialmente cronica, si esacerba in...

Dott. Alberto Lanfernini – Oculista
Faenza – Ravenna – Riolo Terme – Pesaro

Dot. Lanfernini Alberto

Dott.ssa Annalisa Moscariello – Oculista
Ravenna – Faenza – Pesaro

Dott.ssa Annalisa Moscariello Oculista