OCT il raggio laser che in pochi secondi fa diagnosi di maculopatie

 L’esame OCT è un esame che permette di visualizzare
la retina con i suoi strati profondi
e il nervo ottico

 

L’oct è una esame la cui sigla significa tomografia a coerenza ottica. Negli ultimi anni si è imposto come pilastro della diagnostica oculistica e viene usato di routine per la diagnosi di  maculopatie,  glaucoma e altre malattie degli occhi. Tramite un raggio laser indolore lo strumento OCT scansiona la retina e il nervo ottico e il suo software permette di ricostruire graficamente gli strati interni delle strutture scansionate. Se paragoniamo la retina a una torta, è come se ne vedessimo tutti gli strati dopo averla tagliata. In questo modo, dunque, si riescono a vedere i segni delle patologie retiniche interne.

come viene eseguito l’oct
per l’oct ci vogliono le gocce?

Per eseguire l’oct il paziente si appoggia con il mento davanti a un piccolo strumento, il quale invia un raggio laser, completamente indolore, alla retina e al nervo ottico. Tale scansione, infatti, dura qualche secondo, e non è percepita dal paziente. Terminato l’esame, il soggetto è libero e non ha nessun tipo di disturbo. Il più delle volte, con i moderni OCT, non è necessario instillare alcun tipo di goccia che dilata la pupilla (midriatico).

a cosa serve l’oct
quando si fa l’oct

oct e retina

L’oct è un esame fondamentale in tutte le patolgie retiniche. Ad esempio

Inoltre riveste un ruolo essenziale nella valutazione prognostica pre-intervento di cataratta, poiché dimostra con certezza le condizioni retiniche che sono spesso mal visualizzabili attraverso l’opacità del cristallino catarattoso. In questo modo si può determinare con discreta precisione quanto sarà il recupero visivo dopo l’intervento di cataratta. In alcuni casi si può eseguire per il distacco di vitreo, al fine di valutare trazioni centrali e presenza di membrane.

oct e glaucoma
OCt nervo ottico
OCT fibre ganglionari (GCL OCT)

Nel glaucoma è fondamentale eseguire gli oct delle fibre del nervo ottico e ganglionari. Con una rapida scansione lo strumento evidenzia i segni di sofferenza del nervo ottico, la struttura bersaglio attaccata dal glaucoma; è importante eseguire le scansioni nello stesso centro oculistico, poiché lo strumento OCT tiene in memoria tutte le immagini, permettendo un confronto automatizzato e il tracciamento di curve di prevenzione.  Se il campo visivo studia la funzione del nervo ottico e le vie ottiche, possiamo dire che l’OCT studi l’anatomia e la integrità dello stesso. Inoltre l’alterazione dei parametri del nervo ottico rilevati con l’ott delle fibre RNFL si ha prima della lesione del campo visivo, permettendo una diagnosi molto precoce di glaucoma, e uno screening nei familiari. La prevenzione del glaucoma non passa dunque solo per la misura della pressione, per una integrazione di esami diagnostici tra i quali oct fibre nervo ottico e fibre ganglionari (gcl) (link qui). Tutto ciò concorre ad aumentare la precisione delle terapie e la definizione di chi e quando trattare farmacologicamente.

oct e cornea pachimetria
segmento anteriore

Applicazioni meno diffuse dell’oct sono la mappa pachimetrica, lo studio del segmento anteriore e dell’angolo irido-corneale. Entrambe sono utili anche  nel glaucoma.
L’oct corneale evidenzia invece la cornea e i suoi strati, permettendo la visualizzazione di lesioni quali cicatrici.

Angio-oct: l’evoluzione dell’oct

Da qualche anno è disponibile una evoluzione tecnologica di primaria importanza: l’angio-oct. A Faenza e Ravenna i centri in cui siamo ospiti si sono attrezzati di questo strumento fin dal primo momento, e abbiamo frequentato corsi di aggiornamento continui. Tramite questo esame si visualizzano, senza mezzo di contrasto, i vasi retinici e coroideali, permettendo la diagnosi di maculopatie in pochi secondi e in modo indolore. In questo articolo abbiamo approfondito, vi basta cliccare qui.

Luce blu e occhi: display, monitor, PC, telefonini e LED

Luce blu, telefonini, display, PC, led e occhi La luce  blu è una particolare lunghezza d'onda dello spettro luminoso compresa tra 415 nm e 455 nm. L'esposizione a questa radiazione avviene all'aperto ma anche durante l'applicazione ai display nelle attività lavorative e non. Pare che questa...

Sale, ipertensione e malattie degli occhi

 ALimentazione, dieta ricca di sale e malattie oculari  La visione dell'oculistica multidisciplinare, che trovate descritta QUI,  cerca di considerare l'organismo come unico e non valuta quindi  l'occhio avulso dal resto del corpo. Questa impostazione, ovviamente, non  può prescindere anche da ciò...

Microbiota oculare e malattie dell’occhio (lenti a contatto, diabete, allergie, occhio secco, blefariti…)

microbioma oculare e salute degli occih Il microbioma oculare è l'insieme dei microorganismi che vivono sulla superficie oculare. In questo articolo parleremo di come esso possa essere fattore importante nell'equilibrio della salute della stessa superficie oculare. il micribooma oculare normale La...

Euphrasia elemento naturale per curare gli occhi

 Euphrasia Officinalis: elemento naturale e olio essenziale I composti botanici e gli estratti dalle piante possono essere utili in alcune patologie oculari come cataratta, diabete, congiuntiviti, maculopatia, blefariti, occhio secco.  In questa pagina parleremo della Euphrasia e dei sui effetti...

Blefariti, orzaioli e calazi cura e prevenzione

Rimedi per blefariti, orzaiolo, calaziosi Cura e prevenzione In questo articolo parleremo di blefariti, calazi, delle loro cause e del particolare legame che hanno con l'intestino. I calazi e le blefariti, infatti, hanno spesso come causa scatenante problemi intestinali a carico del...

Microbiota e occhi – XII Congresso Aimo Oculisti Roma

 Microbiota intestinale e occhio Congresso AIMO Associazione Italiana Medici OculistiSessione Microbiota umano: la nuova frontiera della medicina Roma 30 settembre - 2 ottobre 2021 Anche quest’anno si è svolto il congresso AIMO (Associazione Italiana Medici Oculisti) a Roma dal 30 settembre,...

Vitamina D per occhio secco

 Occhio secco e vitamina D L'occhio secco, una malattia multifattoriale descritta a fondo QUI, risponde, oltre che alle terapie locali con colliri a base di cortisonici, antinfiammatori, autosiero, ciclosporina e lacrime artificiali, anche all'alimentazione; in altri articoli, abbiamo già...

fattori di rischio miopia

Cos'è la MiopiaFattori di rischio della miopia    Molti pazienti, specialmente genitori di bimbi miopi, mi chiedono se esista qualche  terapia per miopia e come sia possibile rallentare la miopia. Riportiamo in questa pagina la sintesi delle conoscenze attuali dei fattori di rischio della...

Dott. Alberto Lanfernini – Oculista
Faenza – Ravenna – Riolo Terme – Pesaro

Dot. Lanfernini Alberto

Dott.ssa Annalisa Moscariello – Oculista
Ravenna – Faenza – Pesaro

Dott.ssa Annalisa Moscariello Oculista