Questo articolo  fa parte di una serie che riguarda prebiotici, probiotici e occhio, che trovate cliccando qui

Prebiotici cosa sono

I prebiotici sono stati definiti una ventina di anni fa come “un ingrediente alimentare non digeribile che influisce positivamente sull’ospite stimolando selettivamente la crescita e / o l’attività di uno o un numero limitato di batteri nel colon e quindi migliora la salute dell’ospite”. Lo studio del microbioma umano è progredito negli ultimi anni. Nel 2016 l’International Scientific Association for Probiotics and Prebiotics (ISAPP) ha pubblicato una dichiarazione di consenso per i prebiotici come “un substrato che viene utilizzato selettivamente dai microrganismi ospiti che conferiscono un beneficio per la salute”.

Differenza tra probiotici e vitamine, sali minerali

Antibiotici, minerali e vitamine possono alterare la composizione batterica intestinale, ma questi non sono considerati prebiotici. I prebiotici hanno caratteristiche distinte. In primo luogo, vengono utilizzati selettivamente, il che significa non utilizzati dai microrganismi patogeni ma solo dai saprofiti benefici;  inoltre, le prove supportano i loro effetti benefici sull’ospite, e sono presenti numerosi studi in letteratura che lo evidenziano; e terzo, gli enzimi ospiti non dovrebbero degradare il composto, nel senso che il composto dovrebbe restare disponibile intatto per i batteri benefici.
Studi clinici hanno dimostrato che il gruppo primario di batteri stimolati dai prebiotici sono Lactobacillus e Bifidobacterium, entrambi comunemente usati come probiotici. Sono stimolati da alcune sostanze inserite nella dieta, che, appunto, l’ospite non elabora. Quindi, i prebiotici sono sostanze che stimolano i probiotici e portano  a un loro miglioramento metabolico. È anche importante notare che i prebiotici non influenzano i batteri patogeni come Clostridia ed Escherichia coli. A differenza dei prebiotici che sono il substrato dei probiotici, questi ultimi sono invece microrganismi vivi che hanno effetti benefici sull’organismo. Gli articoli dedicati ai probiotici li trovate seguendo questo link. Le vitamine invece sono sostanze benefiche necessarie all’organismo, che non può produrle (tutto scritto qui).

Prebiotici: carboidrati non digestivi

carboidrati non digestivi sono stati considerati prebiotici e molte ricerche si sono concentrate su tre gruppi principali; inulina, fruttooligosaccaridi (FOS) e galattooligosaccaridi (GOS). Anche i polifenoli vegetali possono rientrare nella definizione di prebiotico, anche se ancora la cosa è invia di studi. Inoltre, alcuni autori sostengono che gli acidi grassi polinsaturi omega-3 (PUFA) possono essere considerati prebiotici per la loro capacità di modulare i batteri intestinali supportando la crescita dei batteri che sopprimonoi lipoloisaccaridi.

Prebiotici e salute umana e malattia

Nell’ultimo decennio, le prove dell’effetto dei prebiotici sul microbiota dell’ospite a vantaggio della salute generale sono aumentate. 

Benefici dei prebiotici

I benefici fisiologici dei prebiotici si possono sintetizzare nel miglioramento delle funzioni intestinali, l’aumento dell’assorbimento dei minerali (calcio) e il miglioramento della densità ossea, regolazione del metabolismo dei lipidi e del glucosio  e modulazione delle funzioni immunitarie. Inoltre, è stato indicato che i prebiotici possono promuovere autonomamente la salute, senza necessariamente influenzare il metabolismo dei batteri benefici; ad esempio, possono legarsi ad agenti patogeni e creare un effettore anti-aderenza, possono migliorare il sistema immunitario per effetto sui recettori immunitari dell’ospite. 
Oligosaccaridi vegetali, flavonoli e polifenoli è noto che abbiamo numerosi benefici tra cui azioni antiossidanti e antinfiammatorie. Non è chiaro il meccanismo con cui agiscano, ma è possibile sia anche tramite il fornire un substrato prebiotico al microbiota.

Studi sui prebiotici

L’impatto dei prebiotici sulla salute umana e su diverse malattie è stato esaminato in una serie di studi. L’efficienza del galattooligosaccaride (GOS) inulina e lattulosio sono stati trovati efficaci nelle malattie infiammatorie intestinali e nell’obesità. Anche l’Oligomannato di sodio, derivato da una alga, pare efficace nel morbo di Alzheimer.

Omega-3 prebiotici: acidi grassi polinisaturi

Gli acidi grassi Omega-3 (FA) sono acidi grassi polinsaturi essenziali ottenuti attraverso la dieta. 
Gli acidi grassi a catena corta (acido alfa-linolenico) si trovano nelle noci, nella soia, nei semi di lino e nei semi di lino.
Invece  i sottotipi di acido eicosapentaenoico (EPA) e acido docosaesaenoico (DHA) a catena lunga sono derivati ​​dal pesce azzurro o prodotti nell’organismo dalla desaturazione / allungamento degli AF a catena corta. Ci sono prove emergenti del loro ruolo come prebiotici. 
È stato dimostrato che gli Omega-3 in modelli animali normalizzano la disbiosi intestinale indotta da stress precoce e, attraverso la modulazione di Fimicutes / Baceroidetesratio. Hanno altri effetti tra cui l’aumento della sensibilità all’insulina, e contribuiscono al miglioramento metabolico nell’obesità, avendo anche un ruolo attivo in  ansia, umore e depressione, artrite reumatoide e cancro. Inoltre, gli omega-3 possono influenzare generi produttori di butirrato come Bifidobacterium, Lactobacillus e altri, alterati in malattie infiammatorie intestinali. Gi omega-3 aumenterebbero le attività antinifiammatorie dell’organismo e avrebbero un impatto sulla produzione di benefici acidi grassi a catena corta. Non meno importanti sono i loro effetti antitumorali (link).

Probiotici una questione comunque aperta

Secondo alcune stime il mercato a base di microbioma umano vale almeno 400 milioni di dollari, destinato a aumentare. Ci sono forti interessi quindi dietro questo mercato. Le generalizzazioni di prebiotici e probiotici dovrebbero essere evitate. Non sono quindi la bacchetta magica, e la letteratura è complessa e contraddittoria alcune volte. E’ chiaro oramai comunque che i microbi non sono solo patogeni nemici come un tempo si pensava, ma anche dei collaboratori della salute umana e che alcuni alimenti possono modulare il loro equilibrio positivamente per l’uomo.

Continua a leggere sui prebiotici e le malattie dell’occhio
c
licca qui

 

microbioma e occhio – un libro sul futuro

 Microbioma e occhio - Il futuroUn piccolo libro su microbiota e occhio Il Microbioma, unitamente alle sue azioni sull'organismo ospite, è un tema di grande interesse in medicina da qualche anno, perché, come più volte ribadito in questo sito, il Microbiota umano intestinale influenza lo stato di...

Occhio secco e osteoporosi

Occhio secco e osteoporosi: una associazione da valutare attentamente   L'occhio secco è una alterazione cronica della superficie oculare e risulta essere una condizione patologica frequente che colpisce milioni di persone.  E' una malattia che si associa alla diminuzione della quantità...

3-sostanze negli alimenti che provocano occhi rossi e allergie agli occhi

Congiuntiviti da sostanze chimiche degli alimenti  La dieta a basso contenuto e priva di istamina è stata rielaborata in un nuovo articolo del quale consigliamo la lettura, a questo link.Questo articolo fa riferimento ad altri che trovate nella sezione allergie, cliccando qui. Probabilmente vi...

VItamina B e dolore occhio secco

Vitamina B e dolore oculare L'occhio secco  è una malattia multifattoriale della superficie oculare, caratterizzata dalla perdita dell'omeostasi del film lacrimale, con conseguenti sintomi dovuti alla sua instabilità, quali bruciore, senso di corpo estraneo e dolore. Dell'occhio secco e delle sue...

Rosacea oculare e blefariti

Blefariti - Eczemi da contatto - Rosacea La rosacea si associa spesso alla blefarite (rosacea oculare). E' necessario curare entrambe le condizioni per migliorare il quadro clinico. La terapia della blefarite associata a rosacea dovrà dunque essere valutata da dermatologo e oculista. Blefariti -...

Mascherine ffp anticovid e dermatiti, blefariti congiuntiviti

Mascherine ffp pelle e occhi  A seguito di questa situazione emergenziale, molti di noi sono obbligati (o autonomamente indotti) ad usare mascherine protettive per proteggere gli altri e se stessi da eventuali contagi, come prevenzione della Sars Cov 19. Questi dispositivi, benché utili, possono...

Vernal keratocongiuntivite – cause, sintomi, evoluzione e terapie

Congiuntivite che non passa con le curela cherato-congiuntivite Vernal (VKC), quando la congiuntivite persiste    La Vernal keratocongiuntivite è una forma infiammatoria piuttosto antipatica che colpisce bambini, e tende a migliorare dopo l'adolescenza. Tendenzialmente cronica, si esacerba in...

come si usano i colliri (anche nei bimbi)

 Come si usano i colliri in adulti e bambini Usare i colliri e osservare il giusto modo di mettere le gocce oculari ad adulti a bambini. Quale è il metodo migliore e meno fastidioso di somministrazione dei colliri. Usare i colliri, come mettere le gocce negli occhi   Una colpa che spesso...

Dott. Alberto Lanfernini – Oculista
Faenza – Ravenna – Riolo Terme – Pesaro

Dot. Lanfernini Alberto

Dott.ssa Annalisa Moscariello – Oculista
Ravenna – Faenza – Pesaro

Dott.ssa Annalisa Moscariello Oculista