Miodesopsie e antiossidanti. Perché è difficile guarire dalle miodesopsie. Nutrizione del vitreo. Integratori vitreali.

 Torniamo a parlare di cause miodesopsie, corpi mobili vitreali, e distacco del vitreo. In particolare accenniamo  un tema piuttosto importante, ovvero se gli antiossidanti e gli integratori sono utili nelle patologie vitreali. Quali sono i migliori integratori per il vitreo? Questo articolo fa seguito a quanto scritto riguardo il vitreo e il distacco d vitreo in questa pagina.

I corpi mobili vitreali e le miodesopsie dipendono da vari fattori, che trovate invece in questa altra pagina (clicca QUI).

Non è noto comunemente che il vitreo è pieno di antossidanti e non è formato, come si crede normalmente, soltanto da acqua e qualche proteina disciolta in essa. Nonostante il vitreo sia pieno di antiossidanti, è possibile che si esauriscano e, una volta esauriti, è difficile il loro ripristino. Questo probabilmente il motivo per cui è difficile guarire dalle miodesopsie e dai corpi mobili vitreali.

I fattori predisponenti al distacco di vitreo sono trattati in questo altro articolo (qui).

In questa (qui) altra pagina invece immagini OCT dei corpi mobili vitreali.

Vitreo sano è pieno di antiossidanti

Come precedentemente definito, un antiossidante è una sostanza che, quando presente in bassa concentrazione rispetto a quella di un substrato ossidabile, ritarda o inibisce notevolmente l’ossidazione del substrato. Di ossidazione abbiamo parlato qui, perché è spesso causa di molte patologie, non solo oculari. Il vitreo accumula un’elevata concentrazione di antiossidanti idrosolubili, che potrebbero proteggere l’occhio dallo stress ossidativo. Gli antiossidanti vitreali possono essere ampiamente classificati in antiossidanti enzimatici e non enzimatici. 

Antiossidanti vitrei non enzimatici

Gli antiossidanti di questa classe comprendono molecole non enzimatiche in grado di inattivare rapidamente radicali e ossidanti. Sulla base della fonte di antiossidanti vitrei non enzimatici, possono essere classificati in antiossidanti non enzimatici metabolici e nutrienti. 

Antiossidanti vitreali endogeni

Gli antiossidanti metabolici sono antiossidanti endogeni prodotti dall’organismo e includono glutatione, proteine ​​chelanti dei metalli, acido urico e transferrina.

Antiossidanti vitreali nutrienti

Gli antiossidanti nutrienti includono la classe degli antiossidanti non enzimatici che sono di origine esogena attraverso alimenti e integratori, ad esempio vitamina C, vitamina B2 e tracce di metalli (zinco e selenio).

Vitamina C per il vitreo

Vitamina C: denominata anche acido ascorbico (AA), la vitamina C è una molecola idrosolubile presente nella maggior parte dei tessuti nel suo stato anionico. Gli esseri umani non possono sintetizzare AA de novo e fornire questa molecola esogena. Il gel vitreo riceve la sua fornitura di vitamina C dal plasma mediante trasporto attivo dal processo ciliare del corpo ciliare. La concentrazione di AA all’interno del corpo vitreo si avvicina a 2 mmol / L, circa 33 volte superiore alla concentrazione plasmatica. Inoltre, l’acido ascorbico all’interno del gel vitreo intatto è maggiore rispetto al vitreo liquefatto e nel vitreo dei pazienti con retinopatia diabetica proliferativa (PDR).

Vitamina B2 nel vitreo: riboflavina

Vitamina B2: la riboflavina è stata rilevata sia nel vitreo umano che animale, con concentrazioni medie di 0,8 µg / 100 mL e 8,0 µg / L rilevate rispettivamente nel vitreo di bue e bovino. La riboflavina svolge un ruolo essenziale nel ciclo redox del glutatione e protegge dalla perossidazione lipidica.D’altra parte, la riboflavina è un fotosensibilizzatore che può mediare una reazione fotochimica sensibilizzata alla riboflavina e provocare la liquefazione del vitreo correlata all’età. Pertanto, l’uso terapeutico della riboflavina per le malattie degli occhi può essere un’arma a doppio taglio che deve essere valutata con attenzione per ottenere un risultato salutare. Di vitamina B e occhio secco parliamo qui.

Proteine nel vitreo e radicali liberi

L’analisi proteomica del vitreo umano ha rivelato proteine ​​e diversi costituenti di amminoacidi che svolgono un ruolo importante nello sviluppo oculare oltre che funzionano come antiossidanti. La maggior parte delle proteine ​​antiossidanti del vitreo si trova all’interno del vitreo centrale, tra cui glutatione, taurina, cristallina, cisteina, acido urico, tirosina, albumina sierica umana, transferrina e fattore derivato dall’epitelio del pigmento.

Glutatione vitreale

La concentrazione di glutatione nel vitreo è relativamente bassa rispetto all’AA. In quanto antiossidante, il glutatione può rimuovere direttamente i radicali dell’ossigeno selezionati e indirettamente assistere nel riciclaggio delle vitamine C ed E. Inoltre, il GSH inibisce la degradazione dell’HA agendo da scavenger per i radicali idrossilici.

Taurina nel vitreo

La taurina è un amminoacido libero che abbonda nei tessuti durante lo sviluppo . La taurina è stata rilevata nel vitreo di ratto a una concentrazione di 1,72 µmol / mL. Sebbene il ruolo esatto della taurina nel vitreo debba ancora essere chiarito, è stato proposto che la taurina, come osmolita organico, sia coinvolta negli scambi ionici mediati dal vitreo che si verificano tra la retina e il segmento anteriore.

Cristallina nel vitreo

La cristallina svolge un ruolo anti-apoptotico inibendo la formazione di ROS, riducendo così lo stress ossidativo.

Cisteina vitreale

 La cisteina agisce come precursore limitante la velocità per la sintesi di glutatione ridutto. Come antiossidante  aiuta a mantenere un equilibrio redox all’interno di una cellula, tessuto o biofluido.

Tirosina vitreale

 Le attività antiossidanti della tirosina, come osservato in vitro, comprendono la perossidazione anti-lipidica, l’eliminazione dei radicali anionici superossido, l’eliminazione del perossido di idrogeno e le attività chelanti dei metalli.

Albumina sierica del vitreo

 La struttura molecolare della Albumina sierica (che proviene dalla filtrazione del sangue e rappresenta l’80% di proteine del sangue) gli conferisce molteplici proprietà antiossidanti, inclusa la capacità di legare potenziali ligandi generatori di ROS (ad esempio, i metalli di transizione rame e ferro), eliminare i radicali idrossilici attraverso il suo residuo di cisteina ridotto (Cys34) e eliminare il perossinitrito attraverso il suo gruppo tiolo (–SH) (per una revisione delle proprietà antiossidanti dell’HSA.

Tranferrina vitreale

Come antiossidante, la transferrina è un chelante del ferro che mantiene il ferro ionico sequestrato a PH fisiologico e riduce al minimo il coinvolgimento del ferro nelle reazioni radicali ferro-dipendenti. Questa proprietà aiuta a ridurre la tossicità del ferro intravitreale durante l’emorragia del vitreo.

Oligoelementi del vitreo: selenio e zinco

Fonti ricche di selenio includono frutti di mare, prodotti a base di carne e cereali. Fonti di bassi livelli includono latte, frutta e verdura. Il selenio funziona indirettamente come antiossidante attraverso la sua incorporazione negli enzimi antiossidanti, i selenoenzimiLo zinco è il secondo metallo in tracce più essenziale nel corpo e il più abbondante nell’occhio. Mentre i suoi ruoli specifici all’interno del vitreo devono ancora essere chiariti, è noto che lo zinco esercita i suoi effetti antiossidanti proteggendo i gruppi sulfidrilici dall’ossidazione.

Acido Urico nel vitreo

L’acido urico, un prodotto di degradazione della degradazione metabolica dei nucleotidi purinici, funziona come antiossidante a concentrazioni normali. In presenza di stress ossidativo, tuttavia, si verifica una sovraregolazione delle concentrazioni di UA e un contemporaneo spostamento dell’equilibrio redox, che fa sì che UA diventi ossidante

Antiossidanti del vitreo enzimatici

Gli enzimi antiossidanti rilevati nel vitreo sono la superossido dismutasi, la glutatione perossidasi e la catalasi.

Superoossido dismutasi (SOD): SOD è un enzima metalloproteico che catalizza i radicali superossido in perossido di idrogeno e ossigeno molecolare . Regola la risposta allo stress ossidativo del vitreo.

Glutatione perossidasi: pare che sia poso attivo nel vitreo.

Catalasi: la catalasi è stata rilevata nel vitreo dei pazienti con distacco retinico, suggerendo che la catalasi possa essere un potenziale candidato per il trattamento delle malattie ischemiche acute della retina, sebbene questa associazione richieda ulteriori indagini.

Nutrizione del vitreo
Perché è difficile curare la miodesopsie

Il corpo vitreo è dunque carico di molecole antiossidanti che potrebbero proteggere dallo stress ossidativo e dalle malattie del vitreo e dei tessuti circostanti. 
Per quanto riguarda lo stress ossidativo, la liquefazione e la degenerazione del gel vitreo possono essere dovute, almeno in parte, all’esaurimento degli antiossidanti vetrosi che iniziano la liquefazione del gel. 
Per quanto concerne i tessuti circostanti, la scarsa capacità antiossidante del vitreo potrebbe contribuire a malattie croniche come cataratta, glaucoma, vitreo-retinopatia diabetica e degenerazione maculare legata all’età. 

migliore integratore per le miodesopsie, corpi mobili e vitreo

Esiste dunque un migliore integratore per i corpi mobili? qual è l’integratore migliore per il vitreo? Sono domande che spesso sentiamo dai pazienti. La questione va posta in altri termini. E’ necessario capire perché si è incorsi nella formazione di corpi mobili e andare ad agire in tal senso. Se si parla di sportivi, ad esempio, verosimilmente sarà uno squilibrio di sali minerali, così come può capitare nei dismetabolismi. Altri soggetti invece potrebbero avere carenze di oligoelementi, come ad esempio chi segue alcune diete. Il dimagrimento rapido porta ancora a squilibri idro-elettrolitici, come picchi glicemici nel diabete.  L’esposizione al sole determina disidratazione, così come i lavori all’aperto pesanti. Il poco sonno porta a stress (fortemente legato al distacco di vitreo, link qui), il fumo (qui i danni oculari da fumo) a calo di antiossidanti… Come vedere non c’è un integratore unico e migliore per curare i corpi mobili, ma è necessario il riequilibrio dello stile di vita e dell’organismo in generale.

Guarire della miodesopsie

Da quanto noto quindi, le strategie future per guarire dalle miodesopsie potrebbero includere la somministrazione di micronutrienti esogeni come acido ascorbico, esperidina, zinco, leucocianidina, l-lisina e verbascosidi che hanno dimostrato di avere effetti inibitori sui meccanismi proposti di degenerazione vitreale, anche se solo indirettamente e non in vivo, certamente non negli esseri umani.
In termini di ruolo dei micronutrienti esogeni nell’aumentare il vitreo, un aspetto importante da considerare riguarda l‘efficacia attualmente non provata dell’aumento dei livelli intravitreali di micronutrienti esogeni e la modalità di entrata nel vitreo di questi nutrienti nel vitreo. 

Entrata nel vitreo di nutrienti e integratori molto limitata

Ad oggi, sono disponibili dati limitati per aiutare a spiegare questo processo, quindi possiamo solo fare congetture basate su prove provenienti da studi tossicologici. Dato che alcuni dei suddetti nutrienti esogeni sono stati precedentemente rilevati nel vitreo umano, si può teorizzare che questi nutrienti utilizzino i percorsi per accumularsi nel vitreo, nonostante il fatto che specifici canali di somministrazione non siano stati isolati per la maggior parte di questi nutrienti. Inoltre, l’efficacia di questi presunti canali sono sconosciute e quindi, il raggiungimento di dosi terapeutiche sufficienti di nutrienti esogeni all’interno del vitreo può richiedere la somministrazione ripetuta a lungo termine di questi agenti. Tuttavia, per proteggersi dagli effetti avversi sistemici dovuti all’uso cronico e per garantire la sicurezza, le concentrazioni di micronutrienti esogeni somministrati devono essere Valori dietetici di assunzione di riferimento per questi nutrienti. Nel caso in cui non sia disponibile un valore raccomandato per un micronutriente, la concentrazione da consumare dovrebbe essere guidata dai dati sugli effetti negativi osservati con diverse concentrazioni dello stesso micronutriente.
Questo articolo è tratto da un lavoro citato in calce alla pagina, da cui prendiamo spunto per una rielaborazione divulgativa/scientifica non a scopi commerciale e di lucro.
Riferimenti bibliografici:

Ankamah, E .; Sebag, J .; Ng, E .; Nolan, JM Vitreous Antiossidanti, Degenerazione e Vitreo-Retinopatia: Exploring the Links. Antiossidanti 2020 , 9 , 7.

https://doi.org/10.3390/antiox9010007


© 2019 dagli autori. Licenziatario MDPI, Basilea, Svizzera. Questo articolo è un articolo ad accesso aperto distribuito secondo i termini e le condizioni della licenza Creative Commons Attribution (CC BY) (http://creativecommons.org/licenses/by/4.0/ ).
https://www.mdpi.com/openaccess

    Alimentazione corretta per occhio secco: omega 3

    occhio secco e dieta mediterranea Alimentazione corretta nell'occhio secco L'occhio secco è una patologia frequente che provoca molti disturbi alle persone che ne sono affette. Le cause di occhio secco sono numerose: possiamo ricordare malattie reumatologiche, varie condizioni ormonali, malattie...

    Prevenzione degenerazione maculare senile

    Prevenzione maculopatie I familiari di chi ha la degenerazione maculare come possono evitare di ammalarsi?Prevenzione della degenerazione maculare La degenerazione maculare, o maculopatia senile, è una patologia tipica deli anziani. Colpisce la retina centrale, nella parte detta macula, e può...

    Ginkgo biloba per OCCHI: proprietà benefiche per retina e glaucoma

    Ginkgo biloba contro i radicali liberiProtezione retina e nervo ottico (glaucoma)   Alimentazione e salute degli occhi Continuiamo i nostri articoli su prodotti botanici e occhi. Come sapete siamo fermamente convinti dell'efficacie preventiva sulle malattie oculari e generali di una corretta...

    Resveratrolo, vino, cacao, pistacchi e occhi

    Resveratrolo, polifenoli, vino e cacao Proseguono i nostri articoli per la sezione botanica, elementi naturali, vitamine e occhi.  Oggi scriveremo del Resveratrolo. Molte sostanze naturali, come detto, hanno potenti azioni antinfiammatorie e antiossidanti, che potrebbero essere utili se assunte e...

    cataratta cos’è

    Cos'è la cataratta Questa pagina non vuole essere esaustiva sul tema della cataratta, ma si propone di dare indicazioni molto sintetiche su cosa sia la cataratta e sulle possibilità di prevenzione e cura.La cataratta, in sostanza, è una opacizzazione del cristallino, le lente interna dell'occhio....

    Lenti a contatto microbiota oculare

    le lenti a contatto alterano il microbiota oculare Il microbiota è la comunità di batteri che vive in un luogo. Anche la superficie oculare ha un suo proprio microbiota, che deve rimanere in equilibrio con il sistema immunitario dell'organismo. Numerosi sono gli stimoli che possono influenzare la...

    Microbioma oculare e occhio secco

    microbiota oculare e occhio secco Il microbiota oculare è la comunità di batteri che vivono sulla superficie oculare. I lettori sanno già che parliamo spesso di microbioma intestinale e suoi rapporti con le malattie oculari. In recenti studi sono stati analizzati i cambiamenti del microbioma nella...

    Probiotici, luce blu, pc, telefonini e occhi

     Questo articolo  fa parte di una serie che riguarda prebiotici, probiotici e occhio, che trovate cliccando qui Probiotici cosa sono Le specie probiotiche principali appartengono ai generi Lactobacillus e Bifidobacterium ma anche ad altri ceppi di altri batteri lattici,...

    Dott. Alberto Lanfernini – Oculista
    Faenza – Ravenna – Pesaro

    Dot. Lanfernini Alberto

    Dott.ssa Annalisa Moscariello – Oculista
    Ravenna – Faenza – Pesaro

    Dott.ssa Annalisa Moscariello Oculista