Vitamina C – potente antiossidante
Cataratta, glaucoma
cornea – trabecolato – cristallino

Proseguiamo i nostri articoli sulle vitamine  per gli occhi e, dopo aver accennato alla Vitamina D e alla Vitamina B e dei loro effetti su occhi secchi e dolore oculare, scriviamo oggi della vitamina C, per la sua azione di potente elemento antiossidante oculare. Di altri effetti della Vitamina C per gli occhi abbiamo già parlato in questa pagina (link), in relazione alle maculopaie e degenerazione maculare. Ricordiamo che tutto l’organismo, oltre  agli occhi, trae beneficio da elementi naturali, (alcuni ne trovate cliccando qui), facilmente assimilabili e reperibili nei cibi.  Anche la presbiopia pare che sia responsiva agli antiossidanti, e possa essere rallentata da Esperidina e simili.

Tessuti segmento anteriore occhio e ossidazione

I tessuti del segmento anteriore dell’occhio sono molto sensibili allo stress ossidativo. Pertanto ci sono sistemi di difesa che includono antiossidanti enzimatici e non enzimatici, oltre ai sistemi di riparazione. Benché siano piuttosto efficienti, con il passare dell’età questi meccanismi vengono sopraffatti. Di conseguenza insorgono alcune patologie come opacità corneali, cataratta e glaucoma. In questo articolo parliamo della Vitamina C (acido ascorbico), che, insieme al glutatione, fa parte degli antiossidanti non enzimatici dell’occhio.

Vitamina C

La vitamina C, detta anche acido ascorbico, è un potente antiossidante e un cofattore per molte reazioni enzimatiche. Nonostante molti mammiferi abbiano la capacità di sintetizzare la vitamina C, gli umani, mancando di un enzima particolare, possono soltanto assumerla attraverso i cibi. Oltre a essere un antiossidante, l’acido ascorbico (vitamina C) può proteggere i poteri riducenti di altri antiossidanti, come la vitamina E. Infine l’acido ascorbico, è anche essenziale per la sintesi di collagene e ha proprietà antiinfiammatorie. In questo modo perviene tra l’altro anche i danni dei tessuti oculari.

Occhi e vitamine
Segmento anteriore e protezione degli antiossidanti
cornea, cristallino e trabecolato

La vitamina C è il più importante antiossidante idrosolubile nel corpo umano e il principale antiossidante negli occhi. La vitamina C è dunque presente negli occhi ad alte concentrazioni nella cornea, nell’epitelio corneale centrale, nel film lacrimale, nell’umore vitreo e nell’umore acqueo. La cornea è la barriera primaria tra ambiente e tessuti oculari. Ovviamente il suo strato esterno è l’epitelio ed è costantemente esposto a stress meccanici, invasione microbica, insulti chimici esterni, radiazioni ultraviolette. Qualsiasi alterazione della cornea può portare a perdita di trasparenza, per cui è essenziale la sua protezione dagli insulti esterni.

Il cristallino è la lente interna dell’occhio che serve a focalizzare i raggi luminosi sulla retina. La sua opacizzazione dà luogo alla formazione di cataratta. Pare che i meccanismi ossidativi siano co-responsabili di queste modificazioni di trasparenza.

Il trabecolato invece è un sistema attraverso il cui l’umore acqueo, il fluido interno della struttura anteriore dell’occhio responsabile se in eccesso dell’aumento della pressione dello stesso, defluisce all’esterno. L’alterazione di questo strato può portare  a glaucoma, ipertono oculare. 

Acido ascorbico nell’occhio anteriore

Sebbene l’acido ascorbico sia il principale antiossidante dell’umore acqueo, non è così efficiente per disintossicare i ROS, le specie reattive all’ossigeno (in questa pagina si spiegano i meccanismi di danno oculare tossici da ossidazione, link). La nutrizione è essenziale per la assunzione di anti-ossidanti, come spiegato qui. L’ascorbato entra anche nei processi di presbiopia, rallentati dall’esperidina (qui).

Cornea, vitamina C e stress ossidativo

Come dicevamo la cornea è costantemente esposta a elevate quantità di radiazioni ultraviolette. Questi fattori, di conseguenza, portano alla formazione di Ros, specie reattive all’ossigeno. Per proteggersi quindi da questi danni indotti dalla luce, l’epitelio corneale contiene altissime concentrazioni di acido ascorbico. In questa sede si superano molto le concentrazioni trovate in altri tessuti dell’occhio. Le lacrime trasportano la vitamina C e lo cedono all’epitelio della cornea, ma essa può accumularlo anche tramite diffusione passiva dall’endotelio e dallo stroma. L’aggiunta di vitamina C alle soluzioni di irrigazione durante gli interventi di cataratta riduce significativamente la quantità di perdita di cellule endoteliali. Ogni processo infiammatorio e degenerativo della cornea può portare a danni strutturali con perdita della sua trasparenza. Di infiammazione oculare e dei suoi meccanismi parliamo in questa pagina (link).

Vitamina C e cristallino, la lente dell’occhio

Come dicevamo anche nel cristallino, la lente interna dell’occhio, l’acido ascorbico è presente e ha molti ruoli protettivi importanti. Tra essi v’è la protezione della perossidazione lipidica della membrana e la protezione di alcuni sistemi di trasporto di ioni. Una forma particolare di vitamina C, il deidroascorbato (DHA), pare sia la forma prevalentemente trasportata nel cristallino: questa sostanza viene poi ridotta per rigenerare l’acido ascorbico attraverso enzimi dipendenti dal glutatione, di cui parliamo in altra pagina. Da sottolineare che il DHA è tossico del cristallino ed è associato alla formazione di cataratta senile e diabetica. Nei pazienti con diabete e con cataratta i livelli di acido ascorbico nel cristallino sono diminuiti, mentre sono aumentati i livelli di DHA. Ed è per questo che è importante l’assunzione di glutatione che entra nei processi di ossido rudizione. Qualcosa sulla prevenzione della cataratta tramite alimentazione e antiossidanti è scritto in questa altre pagina (link). Ad esempio la propoli, la quercetina, e lo zafferano pare abbiano un qualche effetto protettivo.

Vitamina C e trabecolato.
glaucoma e vitamina C

Come dicevamo il trabecolato è il sistema attraverso il cui l’umore acqueo defluisce dall’occhio. Una sua alterazione può portare ad un accumulo dell’umore acqueo con conseguente ipertono oculare e glaucoma (link). È stato dimostrato che i livelli fisiologici di vitamina C promuovono la crescita tissutale, la stimolazione di alcune linee cellulari che producono collagene e sono cruciali per l’assemblaggio della lamina basale di questo trabecolato. La vitamina C inoltre può svolgere anche un ruolo protettivo di ridurre al minimo lo stress ossidativo il danneggiamento del trabecolato. Nei pazienti affetti da glaucoma pare che sia stato dimostrato un livello inferiore di acido ascorbico rispetto ai controlli sani.

Vitamina C e Retina

In molti studi siano riportati risultati che correlano l’assunzione di vitamina E o C e la prevenzione o la riduzione del rischio di degenerazione maculare legata all’età (AMD), ma i risultati non sono ancora univoci in tal senso.  Ne parliamo in questa altra pagina (link).

Vitamina C e  microbiota intestinale. Ossidazione/riduzione (redox)

Ripetiamo quanto scritto in altre pagine in merito a ossidazione e riduzione. Il termine Stress Ossidativo o “squilibrio REDOX indica l’insieme delle alterazioni che si producono nei tessuti, nelle cellule e nelle macromolecole biologiche quando queste sono esposte ad un eccesso di agenti ossidanti. L’effetto è costituito da alterazioni metaboliche, danno e morte cellulare. È stato  dimostrato che gli antiossidanti naturali come la vitamina c possono regolare la composizione del microbiota intestinale eliminando i radicali liberi in eccesso e supportando le risposte immunitarie cellulari e umorali. Recenti scoperte in un modello animale di infiammazione ileale (una parte dell’ntestino) suggeriscono che una dieta antiossidante, arricchita di vitamine C ed E, selenio e acido retinoico, può rimodellare la comunità microbica intestinale verso un profilo antinfiammatorio, mitigando l’infiammazione della mucosa. Di questo parliamo in questa pagina (link). Di microbiota invece e dei suoi rapporti con gli occhi scriviamo nella sezione dedicata (link).

INtegratori vitamina C per gli occhi
rosa canina  e occhi

Da quanto riportato pare evidente trarre la conseguenza che una assunzione costante di vitamina C tramite gli alimenti sia fondamentale per la modulazione dei processi ossidativi. Verosimilmente anche gli integratori di vitamina C, specialmente in caso di scarso apporto dietetico, dovrebbero avere effetti benefici. In commercio si trovano sotto forma di compresse e bustine numerosi prodotti contenenti vitamina C isolata o in combinazione con altre sostanze. Potrebbe essere molto utile associarla anche a probiotici e prebiotici, e assumerla in formulazioni naturali come gli estratti alcoolici e i macerati glicerici. Ad esempio nella rosa canina, oltre alla vitamina C, ci sono altre sostanze (tra queste i Fenoli) che portano a riduzione citochine pro infiammatorie   e di enzimi come la COX1/2, 5-LOX, iNOS e di proteina C reattiva, modulazione negativa della chemiotassi e inibizione delle metalloprotteasi pro-infiammatorie.

Conclusioni

Una dieta sana e equilibrata come sempre pare protettiva. Con l’aumentare dell’età si verifica una diminuzione dell’attività degli antiossidanti e degli enzimi antiossidanti, che porta a progressivi danni dei tessuti oculari e a patologie. Nonostante molti studi abbiano dimostrato l’efficacia protettiva degli antiossidanti endogeni ed esogeni, pochi studi hanno studiato e chiarito i meccanismi molecolari mediante i quali gli antiossidanti si accumulano i tessuti degli occhi. D’altro canto ci sono tanti altri numerosi studi, e in ogni articolo di questo sito trovate il riferimento in fondo all’articolo stesso, che dimostrano quanto antiossidanti, sali minerali, elementi naturali e cibi genuini possano migliorare lo stato di salute anche degli occhi (sezione alimentazione). Non smetteremo mai quindi di affermare che la salute si mantiene attraverso la prevenzione con la nutrizione adeguata e sana.

Dove si trova la Vitamina C

I cibi più ricchi di vitamina C sono:

Peperoncini piccanti 229
Peperoni, rossi e gialli 166
Prezzemolo 162
Peperoni crudi 151
Peperoni, verdi 127
Broccoletti di rapa crudi 110
Rughetta o rucola 110
Broccoletti di rapa, cotti 86
Foglie di rapa 81
Cavoli di bruxelles crudi 81
Cavolo broccolo verde ramoso crudo 77
Lattuga da taglio 59
Cavolfiore crudo 59
Spinaci crudi 54
Broccolo a testa crudo 54
Broccolo a testa, cotto [bollito in acqua distillata senza aggiunta di sale] 53
Tarassaco o dente di leone 52
Cavolo cappuccio rosso 52
Cavoli di bruxelles, cotti [bolliti in acqua distillata senza aggiunta di sale] 52
Cavolfiore, cotto [in forno a microonde senza aggiunta di acqua e di sale] 50

 

 

Riferimenti bibliografici
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/24187660/

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3668991/

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31138475/

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6267253/

 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/33307167/

 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30025088/

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6483250/

 Tabelle Alimentari da Ciqual e Inran. 

 

 

Miodesopsie e corpi mobili. Rimedi e antiossidanti

Miodesopsie e antiossidanti. Perché è difficile guarire dalle miodesopsie. Nutrizione del vitreo. Integratori vitreali.     Questo articolo è tratto da un lavoro citato in calce alla pagina, da cui prendiamo spunto per una rielaborazione divulgativa/scientifica non a scopi commerciale e...

Vitamina C e Vitamina E per gli occhi: maculopatie

 Vitamina C - vitamina E per maculopatie Arriviamo oggi a parlare di due Vitamine fondamentali per l'uomo, la vitamina C e la vitamina E, dopo aver accennato alla Vitamina D e alla Vitamina B e dei loro effetti su occhi secchi e dolore oculare. Infatti tutto l'organismo e ovviamente  gli occhi,...

OCT il raggio laser per le maculopatie

OCT il raggio laser che in pochi secondi fa diagnosi di maculopatie L'esame OCT è un esame che permette di visualizzarela retina con i suoi strati profondie il nervo ottico   L'oct è una esame la cui sigla significa tomografia a coerenza ottica. Negli ultimi anni si è imposto come pilastro...

cosa fare dopo l’intervento di cataratta

Cosa può e cosa non può farechi si opera di cataratta FASE POST-OPERATORIA Dopo l'intervento di catarattacosa posso e cosa devo fare? Dopo l'intervento di cataratta ci sono dei comportamenti da tenere con prescrizioni da conoscere e osservare attentamente per non comprometterne l'esito. Ovviamente...

Presbiopia, esperidina e antiossidanti

 Curare la presbiopia con l'alimentazione E' possibile rallentare la presbiopia?   La presbiopia è un difetto di vista che impedisce la visione per vicino e colpisce i soggetti dopo i 40 anni. E' piuttosto fastidioso nella vita di questo periodo storico a causa della continua necessità delle...

blefarite: oculista o dermatologo? Blefariti eczemi dermatiti rosacea

  Dermatiti da contatto - Blefariti - Eczemi da contatto - Rosacea Le blefariti sono infiammazioni delle palpebre, associate spesso a congiuntiviti e dermatiti. Di blefariti, delle loro cause e dei loro rimedi (anche naturali e non farmacologici), oltre che della prevenzione, abbiamo scritto qui....

Congiuntivite allergica e rinite

Allergie degli occhi associate a rinite Per allergia si intende una iper-reazione immunitaria dell'organismo verso sostanza normalmente innocue. La congiuntivite allergica (AC) comprende cinque entità cliniche, una congiuntivite allergica stagionale, congiuntivite allergica perenne,...

Asse intestino occhio (terza parte): digiuno, trapianto fecale, probiotici

Microbiota intestinale e occhio Asse intestino occhio La prima e seconda parte di questo articolo si trovano  qui Il digiuno intermittente e le malattie oculari Continuando il riadattamento dell'articolo citato in  calce a questa pagina, liberamente rielaborato a fini divulgativi, arriviamo infine...

Cataratta immagini

In questa pagina pubblichiamo alcune immagini di cataratte Tutto quanto riguarda la cataratta, le sue cause, le terapie mediche e chirurgiche è trattato inquesta sezione del sito (clik qui), alla quale rimandiamo.   Abbiamo pensato di pubblicare alcune immagini di cataratte, cioè delle...

Miele e occhi

 Miele come rimedio naturale per la salute degli occhi GLi elementi naturali per gli occhialimentazione e salute Abbiamo in altri articoli parlato dei rapporti tra alimenti e congiuntiviti (QUI), disbiosi intestinale e blefarite/calazi (QUI), microbiota intestinale e salute degli occhi (QUI),...

danni agli occhi da fumo di sigaretta: cataratta, glaucoma, maculopatie, occhio secco

Fumo e patologie oculari E' noto da tempo  che il fumo sia un fattore di rischio maggiore per numerose patologie. Tra queste ricordiamo quelle vascolari, dismetaboliche - come il diabete, tumorali, infiammatorie generali. Questo messaggio è oramai passato, e tutta la popolazione è cosciente dei...

Dolore occhio secco. Cause e rimedi

Occhio secco e dolore agli occhi L'occhio secco è una frequente malattia infiammatoria della superficie oculare, che può influenzare negativamente la qualità della vita di chi ne è affetto. La disfunzione infatti della unità di funzione lacrimale, altera la composizione delle lacrime e altera...

Miodesopsie, distacco di vitreo e stress

Miodesopsie floaters e corpi mobili vitreali Questo articolo fa parte di una serie dedicata al distacco di vitreo. Abbiamo già scritto di cause (qui), sintomi, clinica  meccanismi biochimici di degenerazione vitreale, di antiossidanti e di integratori in questa altra pagina (antiossidanti,...

cataratta cos’è

Cos'è la cataratta Questa pagina non vuole essere esaustiva sul tema della cataratta, ma si propone di dare indicazioni molto sintetiche su cosa sia la cataratta e sulle possibilità di prevenzione e cura.La cataratta, in sostanza, è una opacizzazione del cristallino, le lente interna dell'occhio....

Perchè la disbiosi porta a malattie degli occhi

Microbiota intestinale e occhi Come avrete visto uno dei pilastri del nostro vedere la medicina e l'oftalmologia è la visione che pone al centro lo stile di vita e l'alimentazione. Le sezioni infatti importanti di questo sito, che si propone una informazione oftalmologica multidisciplinare e...

cosmetici e malattie occhi

rucchi, cosmetici e occhi   Per quanto naturali e ipoallergenici, i cosmetici, essendo applicati direttamente sulla cute in prossimità degli occhi, possono creare comunque problemi di natura infiammatoria oculare. E' necessario quindi un uso corretto dei prodotti viso. Di seguito riportiamo...

Dott. Alberto Lanfernini – Oculista
Faenza – Ravenna – Riolo Terme – Pesaro

Dot. Lanfernini Alberto

Dott.ssa Annalisa Moscariello – Oculista
Ravenna – Faenza – Pesaro

Dott.ssa Annalisa Moscariello Oculista