Come sempre in questo periodo le raccomandazioni inerenti l’uso dei petardi e botti non sono mai abbastanza!

traumi agli occhi da petardi

Come di consueto raccomandiamo l’uso con massima cautela di botti e petardi.
Le parti più esposte a lesioni sono mani e viso, in particolare gli occhi. I traumi oculari sono la terza parte del corpo, dopo mani e piedi, coinvolta in trauma.  Piuttosto gravi, possono dare anche lesioni permanenti, gravi e invalidanti, fino alla perdita della vista nell’occhio colpito.

Il trauma agli occhi può essere diretto, ovvero l’occhio viene colpito da un frammento scagliato ad alta velocita’ dallo scoppio, o indiretto, in cui l’occhio viene danneggiato da trauma di strutture ossee viciniori o da contraccolpi).

  • Le lesioni possono essere varie.
    Le più lievi sono emorragie sottocongiuntivali (dovute a capillari superficiali rotti) e abrasioni corneali (piccole ferite della cornea, che possono avere decorso benigno, ma che anche complicarsi).
    Le più gravi sono:
    emorragie interne anteriori, che possono poi portare a ipertono
  • rottura del muscolo ciliare dell’iride, con annesso distacco della stessa, o meno;
  • danni al cristallino, con spostamento dello stesso o cataratte secondarie a trauma;
  • emorragie interne nel vitreo con associate  o meno distacco retinico (complicanza molto temibile);
  • edema retinico (di Berlin);
  • emorragie retiniche e maculari.

In alcuni casi si può anche avere una perforazione del bulbo oculare.

trauma oculari da tappi di champagne

Bisogna porre attenzione all’uso dei petardi, dei botti,e di fuochi d’artificio; sottovalutato spesso è il rischio da lesione da tappo di spumante/champagne, che, scagliato dalla pressione interna ad alta velocità’, anche se leggero aumenta notevolmente la sua quantità di moto (QM=M x V), che è la “forza” efficace a produrre lesioni importanti. Spesso sono colpite anche persone lontane dalla bottiglia, anche di rimbalzo, con conseguenze disastrose. In questo ultimo caso è abbastanza semplice tutelarsi e tutelare le persone circostanti: è sufficiente aprire la bottiglia avvolgendola in un tovagliolo, affinchè il tappo sia trattenuto. Sarà meno d’effetto l’apertura, ma sicuramente più sicura.

Tuteliamo inoltre i bambini; è necessario non farli avvicinare agli esplosivi, e tenerli lontano dall’area di lancio. In caso di botti inesplosi stare lontani, anche i giorni seguenti, ed eventualmente porli in sicurezza  prima di gettarli.

Ecco le regole tratte dal sito dei Vigili del Fuoco:

  • Non lasciare mai sui balconi tende, teli di plastica, scope, contenitori di carta o plastica, tappeti, panni stesi, o qualsiasi materiale combustibile; togliere dai balconi e terrazzi tutti i materiali combustibili che potrebbe venire incendiati dal petardo di un vicino.Non indirizzare mai i fuochi verso balconi, finestre, bidoni dell’immondizia, auto, addobbi natalizi.Non collocare mai i fuochi d’artificio nelle vicinanze di luoghi abitati o dove siano depositi di paglia, di grano, fienili, boschi.In caso di vento evitare di sparare quelli a razzo e comunque non lanciarli mai controvento.Non accendere mai i fuochi dentro gli appartamenti, mai sui balconi e mai in prossimità di altre abitazioni o automobili.Non accendere gli articoli pirotecnici vicino le case, persone e posti a rischio di incendio.Non usare in caso di vento!

Cosa fare in caso di sospetta lesione agli occhi

Ovviamente è necessario rivolgersi prontamente a un medico oculista (non al negozio di ottica!)

Talvolta infatti non compaiono disturbi visivi immediati, ma tardivi, e quando il quadro clinico dà sintomi è già passato il momento ideale per un intervento di successo. In caso di trauma corneale, normalmente doloroso, recarsi al pronto soccorso (possibilità di ulcere e di infezioni gravi).

sintomi oculari dopo trauma agli occhi

In caso quindi di rossore, dolore, emorragiole superficiali, anomalie della pupilla (larga, stretta, storta), movimenti difficoltosi, dolorabilità al tocco, ferite locali o oculari o di qualsiasi altra anomalia, recarsi in visita.Inoltre importante un controllo in caso di peggioramento della vista, visione sfocata, doppia, distorta, presenza di lampi o ombre nel campo visivo. In caso di sospetta lesione di un bimbo, non attendere, ma portarlo subito a controllo (i piccoli spesso non sono in grado di riferire disturbi!)

Polifenoli e occhi: Té, uva, mirtillo, olio enotera, glicerolo

Polifenoli e occhi I polifenoli sono un gruppo si sostanze che si trovano in molti vegetali. Hanno proprietà farmacologiche benefiche per l'organismo e quindi sono elementi naturali e rimedi anche per gli occhi. Vediamo quali sono i principali. Questo articolo fa parte della serie dedicata a...

Occhio secco e alfa/beta diversità microbiota intestinale

Occhio secco autoimmune, ambientale e variazioni del microbiota intestinale associate  Questo articolo trae spunto da un lavoro riportato in calce, di cui si riporta il link, e non ha finalità commerciali nè di lucro ma solo scientifico/divulgative L'occhio secco è una malattia multifattoriale che...

Asse intestino occhio (seconda parte): diabete, glaucoma, occhio secco

Microbiota intestinale e asse intestino occhio La prima parte di questo articolo la trovate cliccando qui Continuiamo a parlare del microbiota e degli effetti sulle malattie oculari. Discorso parallelo a quanto scritto sui probiotici e sui loro effetti sulla salute anche degli...

Miodesopsie, distacco di vitreo e stress

Miodesopsie floaters e corpi mobili vitreali Le miodesopsie, floaters, detti anche corpi mobili vitreali, affliggono migliaia di persone. Si correla spesso lo stress con questa condizione (in realtà lo stress si correla con molte condizioni patologiche). Vediamo dunque cosa c'è di vero in questa...

Metabolomica occhio secco: i probiotici modificano il proteoma della ghiandola lacrimale

Metabolomica dell'occhio secco La superficie oculare, un'interfaccia tra l'occhio e l'ambiente, è costituita dalla cornea, dalla congiuntiva bulbare e palpebrale e dalle ghiandole lacrimali e di Meibomio. Spesso vittima di alterazioni infiammatorie e degenerative, può essere responsabile di...

Prevenzione degenerazione maculare senile

Prevenzione maculopatie I familiari di chi ha la degenerazione maculare come possono evitare di ammalarsi?Prevenzione della degenerazione maculare La degenerazione maculare, o maculopatia senile, è una patologia tipica deli anziani. Colpisce la retina centrale, nella parte detta macula, e può...

Nutrizione e salute degli occhi: stress ossidativo

 Dieta e salute degli occhila nutrizione e la sua influenza per le malattie oculari La letteratura medica contiene vari articoli su nutrizione e occhi poiché la dieta può influenzare numerose condizioni lesive della capacità visiva, come la cataratta, la degenerazione maculare, il glaucoma, le...

Resveratrolo, vino, cacao, pistacchi e occhi

Resveratrolo, polifenoli, vino e cacao Proseguono i nostri articoli per la sezione botanica, elementi naturali, vitamine e occhi.  Oggi scriveremo del Resveratrolo. Molte sostanze naturali, come detto, hanno potenti azioni antinfiammatorie e antiossidanti, che potrebbero essere utili se assunte e...

Dott. Alberto Lanfernini – Oculista
Faenza – Ravenna – Riolo Terme – Pesaro

Dot. Lanfernini Alberto

Dott.ssa Annalisa Moscariello – Oculista
Ravenna – Faenza – Pesaro

Dott.ssa Annalisa Moscariello Oculista