Alimenti e cibi da evitare nel glaucoma
Cosa non mangiare per il glaucoma

Una errata alimentazione può aumentare il rischio di progressione del glaucoma.

Glaucoma cosa non mangiare

Il glaucoma (qui) è una patologia oftalmica che colpisce il nervo ottico e può causare danni irreversibili alla vista. La pressione intraoculare elevata è uno dei fattori di rischio più importanti per lo sviluppo del glaucoma.  La dieta sana e corretta può essere utile per prevenire il glaucoma e costituisce un valido aiuto per la salute oculare.

Questo può avvenire per vai motivi, tra cui:

  • apporto di nutrienti come antiossidanti
  • limitazione dei tossici
  • riequilibrio del microbiota intestinale, orale e oculare con la dieta
  • riduzione dalla infiammazione di basso grado polidistrettuale dell’organismo
  • miglioramento circolatorio con assunzione di alcuni alimenti e nutrienti.

In questo articolo, esamineremo alcuni consigli dietetici utili per i pazienti affetti da glaucoma.
L’alimentazione per gli occhi in generale è descritta qui.

 

Leggi anche:

Sono fondamentali le terapie suggerite dall’oculista, colliri, laser o interventi chirurgici: il glaucoma è una malattia che se trascurata porta alla cecità.
No automedicazione.

Diversi studi hanno suggerito che alcuni alimenti possono contribuire al rischio di sviluppare il glaucoma o peggiorare la sua progressione. Di seguito sono elencati alcuni alimenti da evitare per prevenire o gestire il glaucoma:

1. Sale

Il sale è composto principalmente da cloruro di sodio e il suo consumo eccessivo può causare un aumento della pressione sanguigna (qui: occhi e apparato cardiocircolatorio). Ciò può contribuire ad un aumento della pressione intraoculare, che rappresenta il principale fattore di rischio per lo sviluppo del glaucoma.

Leggi anche:

2. Zucchero

Il consumo eccessivo di zucchero può aumentare il rischio di sviluppare diabete, una condizione che può aumentare il rischio di glaucoma. Il diabete può causare danni ai vasi sanguigni dell’occhio, causando un aumento della pressione intraoculare.

3. Caffeina, caffè e pressione oculare

La caffeina può aumentare temporaneamente la pressione intraoculare, il che può essere problematico per le persone con glaucoma. Si può bere dunque il caffè in caso di glaucoma? se il medico concorda si, dipende molto dallo stadio del danno.

4. Alcol e glaucoma

L’alcol può causare un aumento temporaneo della pressione intraoculare e contribuire ad un aumento del rischio di sviluppare glaucoma. Inoltre l’eccesso consumo può danneggiare il fegato come indicato qui.

Leggi anche:

5. Grassi saturi

I grassi saturi possono contribuire alla formazione di placche nelle arterie, aumentando il rischio di malattie cardiovascolari. Queste, a loro volta, possono causare danni ai vasi sanguigni dell’occhio e aumentare la pressione intraoculare.

6. Carne rossa in glaucoma

La carne rossa può contenere elevate quantità di grassi saturi, che possono aumentare il rischio di sviluppare glaucoma. Inoltre, alcuni studi hanno suggerito che un elevato consumo di carne rossa può essere associato ad un aumento del rischio di sviluppare glaucoma ad angolo aperto.

7. Alimenti ad alto indice glicemico e glaucoma

Gli alimenti ad alto indice glicemico, come i carboidrati raffinati, possono causare un picco di zucchero nel sangue, aumentando la produzione di insulina. Questo a sua volta può aumentare la pressione intraoculare e contribuire al rischio di sviluppare glaucoma.

8. Alimenti fritti e glaucoma

Gli alimenti fritti possono contenere elevate quantità di grassi saturi e acidi grassi trans, che sono noti per aumentare il rischio di malattie cardiovascolari. Inoltre, alcuni studi hanno suggerito che un alto consumo di alimenti fritti può essere associato ad un aumento del rischio di sviluppare glaucoma.

9. Alimenti contenenti glutammato monosodico (MSG)

Il glutammato monosodico è un additivo alimentare utilizzato per migliorare il sapore dei cibi. Tuttavia, alcuni studi hanno suggerito che il MSG può causare un aumento della pressione intraoculare e contribuire al rischio di sviluppare glaucoma.

10. Alimenti ad alto contenuto di sodio

Il sodio è un minerale che viene utilizzato dal nostro corpo per regolare il bilancio dei fluidi. Tuttavia, un eccesso di sodio nella dieta può causare un aumento della pressione sanguigna e contribuire al rischio di sviluppare glaucoma.

11. Alimenti trasformati

Gli alimenti trasformati, come i cibi pronti o le merendine confezionate, possono contenere elevate quantità di sale, zucchero e grassi saturi, che possono contribuire al rischio di sviluppare glaucoma.

12. Bevande zuccherate

Le bevande zuccherate possono contenere elevate quantità di zucchero, che possono aumentare il rischio di sviluppare diabete e contribuire al rischio di glaucoma.

13. Alimenti a base di farina bianca

Gli alimenti a base di farina bianca, come il pane bianco e la pasta, possono aumentare rapidamente i livelli di zucchero nel sangue, causando un aumento della produzione di insulina. Questo a sua volta può aumentare la pressione intraoculare e contribuire al rischio di sviluppare glaucoma.

15. Bevande alcoliche gassate

Le bevande alcoliche gassate possono contenere elevate quantità di zucchero e possono aumentare la pressione sanguigna, contribuendo al rischio di sviluppare glaucoma.

16. Cibi piccanti

I cibi piccanti, come il peperoncino, possono causare una temporanea dilatazione dei vasi sanguigni, aumentando la pressione intraoculare e contribuendo al rischio di sviluppare glaucoma.

17. Alimenti ricchi di istamina

Gli alimenti ricchi di istamina, come il tonno, il salmone e i formaggi stagionati, possono contribuire alla formazione di placche nelle arterie e aumentare il rischio di sviluppare glaucoma. La dieta a basso contenuto di istamina è qui.

18. Bevande energetiche

Le bevande energetiche possono contenere elevate quantità di caffeina e zucchero, che possono contribuire al rischio di sviluppare glaucoma.

19. Cibi affumicati

I cibi affumicati, come la pancetta e il salame, possono contenere elevate quantità di sodio e acidi grassi trans, che possono aumentare il rischio di malattie cardiovascolari e contribuire al rischio di sviluppare glaucoma.

20. Alimenti ricchi di grassi saturi

I grassi saturi sono spesso presenti in alimenti di origine animale, come carni rosse, burro e formaggi. L’eccessivo consumo di grassi saturi può aumentare i livelli di colesterolo nel sangue e contribuire al rischio di malattie cardiovascolari, che a loro volta possono aumentare il rischio di sviluppare glaucoma

In conclusione, è importante limitare il consumo di questi alimenti per ridurre il rischio di sviluppare glaucoma.

Una dieta equilibrata che includa frutta, verdura, cereali integrali, legumi e proteine magre può aiutare a mantenere la salute degli occhi e prevenire le malattie oculari.
La dieta per gli occhi e il glaucoma la trovate qui.

Inoltre, è importante prestare attenzione alla quantità di sale e zucchero presenti negli alimenti, evitare di mangiare cibi trasformati e bere bevande zuccherate.

Con una dieta sana ed equilibrata, si possono mantenere gli occhi sani e prevenire il rischio di sviluppare glaucoma e altre malattie generali.

 

Esempio di dieta sbagliata e alimentazione non corretta per glaucoma

 

Colazione:

  • Caffè con latte intero
  • Pancetta e uova fritte
  • Pane bianco tostato con burro
  • Succo d’arancia zuccherato

Spuntino mattutino:

  • Ciambelle al cioccolato

Pranzo:

  • Hamburger con formaggio e patatine fritte
  • Bevanda gassata zuccherata

Spuntino pomeridiano:

  • Biscotti dolci

Cena:

  • Pasta con sugo di carne e formaggio
  • Pane bianco
  • Bevanda gassata zuccherata

Questo tipo di dieta è sbagliata per il glaucoma perché contiene alimenti ad alto contenuto di grassi saturi, zuccheri, sale e carboidrati raffinati, tutti fattori che possono aumentare il rischio di sviluppare la malattia. Inoltre, questa dieta è carente di antiossidanti, vitamine e minerali essenziali che sono importanti per la salute degli occhi.

Blefariti, orzaioli e calazi cura e prevenzione

cure di blefariti, orzaioli, calaziosi ricorenti (cosa fare e come curarli) Blefariti e calazi, cura e prevenzione. Alimentazione  e dieta per blefariti.Spesso le blefariti e le blefarocongiuntiviti sono associate a calazi e a malattie della pelle come la rosacea o dermatiti. Inoltre l'intestino e la disbiosi intestinale sono un fattore che entra nella patogenesi delle blefariti.La cura delle blefariti dunque è complessa. Cura e prevenzione delle blefariti e dei calazi Blefariti e calazi, processi infiammatori delle ghiandole lacrimali palpebrali, affliggono molte persone. In questo articolo...

Ciclosporina in Vernal e Occhio Secco (dry eye)

La ciclopsorina collirio come terapia nelle Cheratocongiuntiviti Vernal e NELLA SINDROME DA OCCHIO SECCO Il collirio a base di ciclosporina è una ottima soluzione per alcune malattie oculari, come la sindrome da occhio secco, la vernal cheratocongiuntivite (VKC) la rosacea oculare. Si tratta di un collirio galenico, cioè preparato da alcune farmacie direttamente, anche se ora è presente un costosissimo (per l'ssn) preparato commerciale la cui prescrizione è possibile solo in reparti ospedalieri. Di seguito andiamo a capire di cosa parliamo analizzando la ciclosporina collirio più da vicino....

Autosiero (collirio con siero autologo)

L'autosiero contro l'occhio seccosiero autologo e siero eterologo collirio In questo articolo parleremo dell'autosiero (o siero collirio autologo), un derivato del sangue (emocomponente) molto utile per la terapia di alcune condizioni patologiche della superficie oculare. Siero collirio Il siero autologo, chiamato anche autosiero, è uno speciale collirio ottenuto tramite la centrifugazione del proprio sangue (che viene normalmente prelevato come per gli esami di laboratorio ematici), e contiene diversi fattori di crescita, tra cui fibronectina e vitamine che contribuiscono all’integrità...

Occhi e menopausa

OCCHI E MENOPAUSA La menopausa è una fase della vita femminile caratterizzata dalla cessazione definitiva della funzione ovarica e dalla riduzione della produzione di estrogeni. Questo evento fisiologico può avere effetti sulla salute dell'occhio e sulla funzione visiva, ma anche sulla salute generale. In questo articolo, esploreremo gli effetti della menopausa sulla salute degli occhi e cosa si può fare per prevenire o gestire i sintomi. SECCHI E PRURITO OCULARE La riduzione dei livelli di estrogeni può causare secchezza oculare, prurito e bruciore, e questi sintomi possono peggiorare con...

Presbiopia rimedi naturali: esperidina

 Cure naturali per la presbiopia La presbiopia è un difetto di vista che impedisce la visione per vicino e colpisce i soggetti dopo i 40 anni. Vediamo di capire se esistono cure e rimedi naturali per rallentare la presbiopia. E' possibile rallentare la presbiopia? E' piuttosto fastidioso nella vita dei quarantenni la presbiopia, specialmente adesso a causa della continua necessità diffusa di passare molto tempo su telefoni e computer. La presbiopia disturba inoltre anche la vecchia guardia affezionata al cucito e al ricamo, specie quasi in via di estinzione. Una domanda ricorrente è se si...

Migliore collirio occhio secco

Il miglior collirio per occhio secco: una soluzione personalizzata per ogni paziente Non esiste il miglior collirio per l'occhio secco. E' necessaria  una cura personalizzata sul paziente che non comprende solo colliri, ma integratori, correzione dietetica e dello stile di vita. Il miglior collirio per l'occhio secco: una cura personalizzata L'occhio secco è una patologia comune che può causare fastidi e problemi di vista. Ci sono molte cause dell'occhio secco, come l'età, l'uso di dispositivi digitali e alcune malattie come il diabete. Il collirio è uno dei trattamenti più comuni per...

Blefarite cure naturali e alternative

Cure e rimedi alternativi e naturali per blefarite La blefarite è una condizione comune che si verifica quando le palpebre diventano infiammate.Ci sono molte cure naturali e alternative da associare a colliri e trattamenti oculari. Le cause di blefariti possono essere a partenza dagli occhi o da altri organi come l'intestino, il fegato, la pelle.Quindi le cure dovranno avere questi bersagli personalizzati. Curare le Blefariti La blefarite è una infiammazione delle palpebre, a volte associata a calazi e congiuntiviti, che ha numerose cause, come: la rosacea, l'acne e la dermatite seborroica,...

Vitamina C e Vitamina E per gli occhi: maculopatie

 Vitamina C - vitamina E per maculopatie Arriviamo oggi a parlare di due Vitamine fondamentali per l'uomo, la vitamina C e la vitamina E, dopo aver accennato alla Vitamina D e alla Vitamina B e dei loro effetti su occhi secchi e dolore oculare. Infatti tutto l'organismo e ovviamente  gli occhi, traggono beneficio da molti elementi naturali, (alcuni ne trovate cliccando qui), facilmente assimilabili e reperibili nei cibi. Vediamo quindi gli effetti di queste vitamine e l'aiuto che possono portare nelle maculopatie. Della vitamina C e segmento anteriore dell'occhio e le sue implicazioni come...

I miei occhi sono occhei

GVM4SCHOOL, I MIEI OCCHI SONO OCCHEI Il 19 maggio 2014 è partita la lezione pilota di un progetto più ampio, che ha coinvolto varie scuole di Faenza. I MIEI OCCHI SONO OCCHEI fa parte del progetto GVM 4 School. Una lezione interattiva condotta dallo scrivente  Medico Oftalmologo Alberto Lanfernini, che con l’aiuto della Mascotte Fotone racconta agli studenti come te i segreti della vista, della luce, dei colori e del cinema. Tante curiosità quindi, ma anche consigli importantissimi, che ti aiuteranno a capire quali sono i più comuni problemi visivi e come possono essere risolti....

Quercetina per gli occhi in maculopatia e cataratta

Quercetina Torniamo ancora su alimentazione e di come i composti naturali possano avere benefici per l'organismo e per gli occhi. Oggi parliamo di Quercetina e degli effetti sulle maculopatie e sulle cataratte. L'articolo è tratto dal link che trovate in basso, ed è a fini divulgativi-scientifici e non commerciali. Ricordiamo sempre che tutte queste sostanze non vanno a sostituire le normali terapie dedicate per le varie malattie oculari, ma possono essere utile coadiuvante.   L'indice delle sostanze botaniche trattate nel sito lo trovate qui. Botanica e salute degli occhi Molte sostanze...

Test microbiota oculare per la disbiosi oculare

Test del microbiota per disbiosi oculare Il test del microbiota oculare è un esame utile per comprendere se è presente  disbiosi oculare. La disbiosi oculare è l'alterazione della normale flora di microrganismi presenti sulla superficie dell'occhio e può portare a vari disturbi. Il test quindi per la disbiosi oculare risulta piuttosto utile a scopi diagnostici, terapeutici e preventivi. I testtamponi oculari PCRe i Test per il microbiota ocularesono disponibili nel seguente sito https://pcr4eye.it Clik su questo box: si aprirà il sito in nuova pagina Nei nostri ambulatori eseguitamo i...

Bibliografia

  1. Pasquale LR, Loomis SJ, Kang JH, et al. Prospective study of dietary fat and risk of primary open-angle glaucoma. JAMA Ophthalmol. 2013 Jul;131(7): 841-9. doi: 10.1001/jamaophthalmol.2013.1440.

  2. Kang JH, Pasquale LR, Willett W, Rosner B, Egan KM, Faberowski N, Hankinson SE. Antioxidant intake and primary open-angle glaucoma: a prospective study. Am J Epidemiol. 2003 Aug 1;158(3):337-46. doi: 10.1093/aje/kwg157.

  3. Giaconi JA, Yu F, Stone KL, Pedula KL, Ensrud KE, Cauley JA, Hochberg MC, Coleman AL; Study of Osteoporotic Fractures Research Group. The association of consumption of fruits/vegetables with decreased risk of glaucoma among older African-American women in the study of osteoporotic fractures. Am J Ophthalmol. 2012 Aug;154(2):635-44.e1. doi: 10.1016/j.ajo.2012.03.043.

  4. Coleman AL, Stone KL, Kodjebacheva G, Yu F, Pedula KL, Ensrud KE, Cauley JA, Hochberg MC, Topouzis F, Badala F, Mangione CM; Study of Osteoporotic Fractures Research Group. Glaucoma risk and the consumption of fruits and vegetables among older women in the study of osteoporotic fractures. Am J Ophthalmol. 2008 Jul;146(1):108-14. doi: 10.1016/j.ajo.2008.02.005.

  5. Shen SY, Wong IH, Yu YS, Wong D. The effects of green tea catechins and vitamin E on the ocular surface in an experimental rabbit model of glaucoma. Br J Ophthalmol. 2009 Nov;93(11):1507-12. doi: 10.1136/bjo.2008.147843.

  6. Choi J, Kook MS. Systemic and ocular hemodynamic risk factors in glaucoma. Biomed Res Int. 2015;2015:141905. doi: 10.1155/2015/141905.

  7. Chen H, Cho KS, Vu THK, Shen CH, Kaur M, Chen G, Mathew R, McHam ML, Luyendyk JP, Zhang W, Muddiman DC, Kwon YH. Commensal microflora-induced T cell responses mediate progressive neurodegeneration in glaucoma. Nat Commun. 2018 Oct 17;9(1):3209. doi: 10.1038/s41467-018-05681-9.

  8. Flammer J, Mozaffarieh M. What is the present pathogenetic concept of glaucomatous optic neuropathy? Surv Ophthalmol. 2007 Nov-Dec;52 Suppl 2:S162-73. doi: 10.1016/j.survophthal.2007.08.009.

Dott. Alberto Lanfernini – Oculista
Faenza – Ravenna –

Dot. Lanfernini Alberto

Dott.ssa Annalisa Moscariello – Oculista
Ravenna – Faenza –

Dott.ssa Annalisa Moscariello Oculista