Mascherine ffp pelle e occhi 

A seguito di questa situazione emergenziale, molti di noi sono obbligati (o autonomamente indotti) ad usare mascherine protettive per proteggere gli altri e se stessi da eventuali contagi, come prevenzione della Sars Cov 19. Questi dispositivi, benché utili, possono provocare disagi e irritazioni al viso, pelle e occhi. Insieme alla dott.ssa Emanuela Fogli (medico dermatologo a Faenza), che già ha scritto per noi riguardo le dermatiti da contatto e aeromediate, e le blefariti associate a rosacea (rosacea oculare), abbiamo pensato dunque di proporre qualche suggerimento anche in tema di mascherine e infiammazioni del viso e occhi. 

Tipi di mascherine FFP 

Le mascherine che vanno per la maggiore sono di due tipi: le chirurgiche, con capacità filtrante verso l’esterno, spesso di colore verde o azzurro; e le filtranti , FFP1, FFP2, FFP3, con o senza valvola.  

Mascherine e protezione della pelle del viso 

Iniziamo parlando delle mascherine filtranti, le più irritanti per il volto. Esse sono le più rigide e creano molta umidità nella zona coperta. Nonostante siano fatte con materiale ipo-allergenico, o almeno dovrebbero esserlo, l’uso intensivo e ricorrente può portare ad affezioni cutanee. Talvolta anche l’uso associato dei disinfettanti fai da te può aggravare i disturbi disturbi, dal momento che sostanze tossiche spruzzate sulle mascherine possono essere poi trasmesse per contatto al volto, occhi, naso e inalate (dermatiti DIC e DAC – link).
E’ utile proteggere dunque la zona di contatto tra maschera, elastico e volto, usando creme barriera nei punti critici, o un cerotto di carta traspirante. Inoltre dopo l’utilizzo inoltre sarebbe utile detergere e idratare le zone più sensibili, con, per esempio, estratti di calendula o camomilla. Sapete bene come nel nostro sito siamo profondamente convinti dell’efficacia dei rimedi naturali per occhi e pelle, come trovate qui (link).  

Mascherine e trucco – cosmetici 

Dei cosmetici e dei loro rapporti con gli occhi abbiamo già scritto qualche nota in una pagina dedicata (link). A parte il consiglio di usare poco trucco insieme alla mascherine per il possibile concomitante apporto di germi tramite i cosmetici, e di evitare creme occlusive, il consiglio è di usare prodotti idratanti prima dell’uso della mascherina, e associare un cosmetico lenitivo anti-arrossamento dopo l’uso. Talvolta possono esserci delle follicoliti intorno alla bocca, cioè delle infezione dei follicoli piliferi con conseguente comparsa di foruncoli di colore rosso: in questo caso, dopo consulto con il dermatologo, potrebbe essere utile un antimicrobico. Questa proliferazione batterica è facilitata dal ricircolo di aria che porta batteri da naso e bocca e dalla umidità alta locale che ne facilita l’attecchimento e lo sviluppo.  

Che trucchi e cosmetici usare per la mascherina 

E’ necessario quindi, nel caso ci si voglia comunque truccare, usare una crema colorata con effetto idratante, ma si possono usare anche terra e fard.
Non è bene invece usare fondotinta coprenti e molto cremosi. I cosmetici per gli occhi possono essere dannosi in quanto serbatoio potenziale di batteri e germi vari. Trovate i consigli generici per la protezione degli occhi e l’uso dei cosmetici in questa pagina dedicata.  

Come pulire la pelle del  volto e gli occhi dopo l’uso di mascherina 

Da quanto esposto è fondamentale quindi usare acque micellari per struccarsi, o, in caso di pelle secca  anche creme lavanti e latti detergenti. I prodotti dovrebbero essere emollienti restitutivi e lenitivi, a risciacquo dopo qualche minuto, per lasciare il tempo di espletare il loro effetto calmante sulle irritazioni. Inutile ricordare che è fondamentale la sera eliminare trucchi e cosmetici insieme alle impurità quotidiane. Gli antimicrobici sono sconsigliati, a meno di consulto dermatologico in qualche caso.   

Mascherine e occhi: blefariti e congiuntiviti 

Come abbiamo spiegato nell’articolo relativo alle blefariti (QUI), tutti i fattori irritanti ambientali rivestono una grande importanza in quanto possono diventare fattori pro-infiammatori. La mascherina dunque, rimandando continuamente l’aria verso il viso, oltre ad appannare gli occhiali come vedremo in seguito, può irritare la pelle e gli occhi. Della pelle abbiamo già parlato. Vediamo ora come proteggere gli occhi dall’uso di mascherine.  

COngiuntiviti da mascherine 

I fattori aerosol diretti agli occhi possono alterarne la barriera  lacrimale, producendo quindi una instabilità che mina la difesa degli occhi e il comfort. Una dislacrimia conseguente all’uso di mascherina è un potente fattore pro-infiammatorio. Nel momento dunque in cui si liberano interleukine infiammatorie a livello della congiuntiva e della palpebra avremo l’innescarsi del circolo infiammatorio, rubor, dolor, tumor calor (qui descritti ampiamente). Ne consegue che rossore oculare, occhi gonfi, bruciore e talvolta dolore saranno manifestazioni frequenti. Se poi si associa un quadro locale di dermatite, è intuitivo capire che le cose si aggravano.  

 Sintomi delle blefariti e congiuntiviti 

Come capire se si ha una infiammazione, congiuntivite o blefarite, da mascherina? Intanto ricordiamo i sintomi principali di queste condizioni che sono:  

La blefarite è una malattia delle ghiandole palpebrali, coinvolgente occhi e pelle, quindi più fastidiosa spesso della congiuntivite. Gli occhi ne risentono a causa della alterazione della composizione della lacrima, la pelle viene interessata invece per l’estendersi all’ambiente para-ghiandolare dell’infiammazione. Per questo abbiamo inserito articoli scritti da oculista e dermatologo a quattro mani. La valutazione delle infiammazioni è infatti di competenza specialistica per l’inquadramento e la terapia, evitando il fai da te che può cronicizzare tutti i sintomi e produrre lesioni microscopiche del tessuto blefaro-congiuntivale a volte irreversibili, specialmente se trascurate. Per cui la collaborazione di due specialisti aprirà più opzioni terapeutiche e di inquadramento diagnostico. 

Protezione degli occhi a seguito di uso di mascherine antivirus 

Per difendere e proteggere gli occhi pertanto possiamo usare vari rimedi. Innanzi tutto l’uso costante di lavaggi instillando soluzione fisiologica fiale porterà spesso beneficio, perché allontana i fattori pro-infiammatori lacrimali che si accumulano, e ripristinerà lo strato acquoso lacrimale certamente destabilizzato dal flusso di aria costante (come accade anche a chi esegue ossigeno terapia con flusso nasale). Anche le lacrime artificiali sono molto utili, per riequilibrare la lubrificazione e protezione della superficie anteriore, così come gli spray oculari lenitivi e protettivi. Molto importante è anche la cosiddetta ginnastica palpebrale, che consiste nello stringere ogni tanto le palpebre al fine di spremere le ghiandole lacrimali congiuntivali e palpebrali e spalmare tutta la lacrime sulla cornea in maniera omogenea. Molti di questi rimedi sono descritti nel paragrafo occhio secco, che trovate a questo link. 

Congiuntiviti da mascherina rimedi e cure 

Se invece si è vittima di fenomeni acuti di congiuntiviti (infiammazione della membrana bianca che riveste l’occhio) o blefariti (infiammazione del margine della palpebre), allora è necessario aiutarsi con rimedi farmacologici, o almeno naturali per le persone più delicate. Saranno utili dunque colliri a base di Camomilla e Perilla, o, per essere più decisi, cortisonici, anti-inifiammatori locali e anti-chemiotattici. Difficile invece sia necessario l’uso di antibiotici locali, salvo infezioni franche e evidenti, e comunque per brevi periodi. Il più delle volte infatti si parla di fenomeni infiammatori, non infettivi, e questo cambia tutto il percorso terapeutico. Di questi quadri clinici si parla ampiamente nella sezione infiammazione – occhi rossi (link). 

Occhio secco da mascherina, colliri, lavaggi e spray 

Per chi ha la tendenza a soffrire di occhio secco, perché autoimmune o video-terminalista, è necessario ricorrere ancora più frequentemente ai lavaggi e all’uso di lacrime artificiali. In aggiunta portano molti benefici anche gli spray oculari a base di vitamine e lipidi, che proteggono e lubrificano, avendo pure un effetto lenitivo sulle palpebre.  

Cosa fare quando si annebbiano gli occhiali con la mascherina 

L’aria che esce dalla bocca viene re-inviata in alto, se non si usano accorgimenti, come già spiegato. Questo provoca appannamento della lente da occhiale, specialmente se essa è fredda, e il formarsi di un lieve strato di condensa, fastidioso e continuativo. Si può dunque ricorrere a spray antiappannanti, oppure usare un cerottino che permetta la perfetta adesione della mascherina al naso, per evitare la fuoriuscita di aria.  

Dieta priva di istamina in quadri infiammatori oculari e dermatologici 

Ricordiamo a margine l’importanza della dieta nelle congiuntiviti e nelle dermatiti (link qui), e di quanto sia utile, talvolta, ridurre la quantità di istamina assorbita con i cibi per abbassare il livello infiammatorio generale dell’organismo e migliorare anche i quadri irritativi di volto e occhi. 

Siamo a disposizione, ovviamente, nei nostri ambulatori oculistici di San Pier Damiano Hospital (Faenza) e Ospedale San Francesco (Ravenna) per ogni valutazione del caso. 

Foto di Karolina Grabowska da Pexels (sfondo)  

Potrebbero interessarti anche i seguenti post 

congiuntiviti allergie e alimenti 
cosmetici e occhi 
Dermatiti da contatto DAC DIC 
intolleranza da lenti a contatto 

congiuntiviti allergie e alimenti

cosmetici e occhi

 Blefarite oculista o dermatologo? 

Rosacea oculare e blefariti 

 

Occhi e disbiosi del microbiota intestinale

 Microbiota intestinale e occhio: relazione tra occhi e intestino Il microbiota intestinale e i suoi rapporti con l'occhio. Recenti evidenze indicano quanto le alterazioni del microbioma possano influenzare le malattie degli occhi e come il suo ripristino possa aiutare a mantenere lo stato di...

Cure naturali per occhi: la quercetina

Cure naturali per occhi: quercetina La quercetina è un efficace antiossidante naturale  con proprietà benefiche anche per gli occhi Quercetina e malattie degli occhi L'alimentazione influenza notevolmente lo stato di salute generale e, di conseguenza, anche il benessere degli occhi. Dopo aver...

Visita oculistica pediatrica bambini

 Visita oculistica completa pedaitraica per bambiniAmbulatori oculistici Faenza Ravenna In questa pagina i principali aspetti relativi alle visite oculistiche pediatriche. La visita oculistica pediatrica è la visita dedicata ai bambini e viene eseguita con tutti strumenti adeguati e permette di...

Pappa reale e Polline: rimedi naturali per l’occhio secco

 Pappa reale e polline per gli occhiCura naturale per occhio secco Il polline non procura solo allergie oculari, ma è anche una integrazione molto utile, insieme alla pappa reale, per l'occhio secco. Occhio secco L'occhio secco, è una malattia multifattoriale che segua la compromissione della...

Oculistica multidisciplinare

Oculistica multidisciplinareuna visione sistemica a tutela degli occhi La prospettiva della oftalmologia multidisciplinare sistemica considera l'occhio come parte integrante dell'organismo, e quindi suscettibile di essere influenzato da squilibri in altre parti del corpo.Non è solo nelle malattie...

Zafferano efficace protettore degli occhi

Cure naturali per gli occhi: zafferano Lo zafferano, una spezia usata da secoli, potrebbe proteggere gli occhi dall'invecchiamento ed essere quindi un utile rimedio naturale. Zafferano e malattie oculari Come avrete capito leggendo gli articoli di questo sito, la nostra filosofia di terapia tiene...

Dieta priva di istamina per congiuntiviti allergiche alimentari

Allergie agli occhi e alimenti La dieta priva di istamina migliora spesso le congiuntiviti e le blefariti associate ad allergie alimentari o che hanno la causa in alcuni cibi.Ridurre l'istamina assunta con i cibi può aiutare a migliorare i sintomi delle infiammazioni oculari. Allergie agli occhi e...

Occhi rossi da polvere e inquinamento

Occhi rossi da polvere e inquinamento La polvere da inquinamento dell'aria è causa di infiammazione agli occhi con conseguenti occhi rossi, occhi gonfi, prurito, bruciore a altri sintomi oculari Occhi rossi e gonfi: l'inquinamento L'inquinamento atmosferico è un grande problema e costituisce una...

Dott. Alberto Lanfernini - Oculista
Faenza - Ravenna - Riolo Terme - Pesaro

Dot. Lanfernini Alberto

Dott.ssa Annalisa Moscariello - Oculista
Ravenna - Faenza - Pesaro

Dott.ssa Annalisa Moscariello Oculista

Dott.sa Emanuela Fogli
Dermatologa
Faenza 
Forlì

dot.ssa Emanuela Fogli