Visita oculistica completa pedaitraica per bambini
Ambulatori oculistici Faenza Ravenna

In questa pagina i principali aspetti relativi alle visite oculistiche pediatriche. La visita oculistica pediatrica è la visita dedicata ai bambini e viene eseguita con tutti strumenti adeguati e permette di identificare le condizioni patologiche e i deficit refrattivi dei bimbi fin dalla più tenera età.

Quando è necessario portare il bambino a fare la visita oculistica

Normalmente, almeno in zona di Faenza e Ravenna, i pediatri hanno ben chiaro come valutare lo sviluppo visivo nei loro ambulatori e esercitano ottima opera di prevenzione. In caso di sospette patologie importanti (cataratta congenita, anomalie pupillari, lacrimazioni insistenti, infiammazione ricorrente) i bimbi sono inviati nei primi mesi di vita.

  • Normalmente però la prima visita è intorno ai 3 anni, salvo familiarità per qualche malattia oculare importante o evidenze di difficoltà visive (piuttosto difficili da identificare spesso senza visite oculistiche). Se dunque non ci sono evidenze particolari, familiarità importanti per patologie oculari, complicanze durante o dopo il parto e il bimbo gode di buona salute sarebbe buona norma  un controllo generale oculistico fra i 3 e i 4 anni, previo consulto del proprio pediatra di base, che fornirà indicazioni in merito.
  • Altra età in cui eseguire il controllo è intorno ai 4,5 anni. Queste età sono quelle più indicate durante lo sviluppo e questi controlli oculistici pediatrici servono per prevenire l’ambliopia, che va trattata entro i 6 anni adeguatamente (di ambliopia se ne parla nella pagina dedicata).
  • Dopo i 6 anni normalmente la collaborazione e lo sviluppo psicomotorio permettono visite quasi uguali a quelle degli adulti, per cui ci si basa su controlli periodici e al bisogno a seconda dello stato di salute del bimbo e dei suoi occhi.

Motivo della visita oculistica nei bambini

Inizialmente si inizia con una chiacchierata con la persona che accompagna il bimbo. In questo modo si cerca di capire il motivo principale della visita. A volte possono essere normali controlli di crescita, altre volte ci sono sintomi da indagare attentamente (es ammiccamento, occhi rossi, infiammazioni palpebrali, blefariti, allergie…).

Mentre si fa ciò si interagisce anche con il bambino con molta serenità, iniziando l’osservazione di come il bimbo si comporta e delle sue caratteristiche somatiche, posturali e comportamentali, che darà al medico importanti indicazioni (per es. presenza di eventuale strabismo, movimenti del capo anomali, fenomeni irritativi cutanei e altro).

Come si svolge la visita oculistica nei bambini

I bambini talvolta sono impauriti, quindi è bene acquisire la loro fiducia rapidamente. Ci sono varie tecniche, affinate dall’esperienza, che variano da zona a zona e da medico a medico. La base di tutto è un ambiente piacevole, accogliente, e il personale dovrebbe essere sempre sorridente e allegro.
Noi spesso, in caso di bimbi piccoli, facciamo sedere il bimbo sulle gambe del genitore, perché i bimbi si sentono  rassicurati dalla vicinanza del genitore, agevolando il tutto. Chiediamo però all’adulto di tacere e non intervenire mentre si visita il bimbo.

Le risposte anche non verbali del bimbo alle analisi che facciamo, infatti, ci danno molte indicazioni. Per fare un esempio, un bimbo piccolo che non vede bene, spesso ruota l’occhio inavvertitamente e il capo, non dicendo “non vedo” (per vari motivi che qui non elenchiamo), per cui il genitore non deve intervenire inibendolo, permettendo all’oculista di valutare le reazioni spontanee; bloccarle o modificarle limita gli aspetti da valutare da parte dell’oculista.

Fasi della visita oculistica pediatrica

Normalmente  mostriamo per prima cosa al bimbo alcune tavole con dei disegni colorati (test dei colori). In questo modo il bimbo si rilassa poiché vede disegni che sono familiari (pesce, trenino eccetera).

Come secondo step valutiamo il senso stereoscopico, cioè la capacità di vedere il 3d, che richiede collaborazione e sviluppo adeguato dei due occhi. Anche in questo caso la visione di  stelline, pesciolini e altre figurine mette a proprio agio il bimbo.

In seguito si procede alla valutazione della vista. Si cerca intanto di eseguire una misura strumentale indicativa per poi procedere all’analisi visiva. Ci sono varie possibilità di proiezione di immagini sempre più piccole che il bambino dovrà osservare.  La nostra preferenza va alle E di Albini, ma disponiamo di numeri e figurine infantili. Le E di Albini sono delle E girate nelle varie direzioni. Dai 2,5 anni/3 a seconda dello sviluppo psicomotorio e della collaborazione è possibile avere discrete informazioni su quanto vede il bimbo. Ci sono anche tecniche oggettive di valutazione dei difetti visivi, come la schiascopia, l’autorefrattometria e altri strumenti pediatrici.

Come ricordato qui, a volte un occhio o entrambi possono avere difetti di cui non ci si accorge (ambliopia), per cui la capacità visiva potrà essere limitata. E’ bene quindi eventualmente intervenire con strumenti correttivi, occhiali, lenti a contatto o riabilitazione visiva entro i 6 anni. Talvolta può essere necessaria a completamento la visita ortottica che valuta la motilità oculare e altri aspetti inerenti.

 

Gocce midriatiche nei bambini per dilatare la pupilla e esame in cicloplegia

In genere la visita oculistica richiede la somministrazione di gocce midriatiche e cicloplegiche. Queste servono per dilatare la pupilla e permettere una adeguata esplorazione del fondo oculare. Inoltre mettono a riposo un muscolo che si chiama accomodativo che permette lo spostamento della messa a fuoco,  spesso nei bimbi è fortemente contratto. A motivo di ciò, dunque, per slatentizzare difetti visivi nascosti, è d’uopo eseguire una analisi refrattiva dopo questa somministrazione.

A volte capita che bimbi che paiono veder bene in realtà soffrano di spasmi non percepiti, che porteranno nel tempo a astenopia, affaticamento visivo, cali di concentrazione, difficoltà di lettura e scrittura a scuola. In sintesi questo esame con il muscolo reso deficitario nell’azione dalle gocce cicloplegiche è necessario per valutare la completezza dello stato refrattivo del bimbo.

 Diagnosi di patologie oculistiche nei bimbi

La visita oculistica ovviamente termina con la formulazione di una diagnosi (o di un sospetto diagnostico, in caso potrebbero essere necessari ulteriori esami strumentali), la proposta di una terapia, e suggerimenti per un corretto stile di vita atto alla protezione degli occhi e la prevenzione delle patologie. Se necessaria viene rilasciata ovviamente la prescrizione occhiali, con le spiegazioni per il loro corretto uso. S

ono anche date indicazioni sulle lenti a contatto o i trattamenti correttivi i difetti di vista.

Tutto questo viene certamente adeguatamente descritto al genitore, con il quale si definiscono le linee strategiche. La collaborazione dei genitori in alcuni casi, per esempio trattamenti antiambliopici o l’uso di lenti a contatto, è essenziale per un buon risultato finale del percorso intrapreso.

Medici oculisti, non solo oculisti

Dobbiamo purtroppo sottolineare, vista la confusione tra ottico, optometrista, ortottista e oculista, che gli oculisti sono medici e la loro formazione guarda alla visione di insieme della persona e agli aspetti medici, non solo refrattivi. Tutto questo è maggiormente importante nei bimbi.

A motivo di ciò la nostra valutazione comprende tutte le condizioni patologiche e i fattori di rischio generali di ogni paziente, per cui a volte si prescrivono ulteriori approfondimenti inerenti altre specialità, tramite  referto in cui si chiede la collaborazione del medico curante. L’ottico invece ha una parte fondamentale nella costruzione tecnica dell’occhiale o di eventuali lenti a contatto.

Cosa permette di capire la visita oculistica pediatrica

Nelle strutture in cui lavoriamo a Faenza e Ravenna, sono seguite tutte le patologie.  Ne riportiamo alcune (cliccare sulla patologia di interesse per aprire la pagina relativa):

Valutazioni multidisciplinari e sistemiche oculistiche
gli oculisti come medici

Inoltre in sede di visita oculistica si valutano anche le condizioni sistemiche che portano a patologie oculari, come disbiosi intestinali e alterazioni del microbiota (causa di blefariti, blefarocongiuntiviti), malattie dermatologiche e allergie (associate a congiuntiviti ricorrenti papillari e follicolari e blefariti). Questa valutazione, ovviamente, si basa sulla consulenza di altri medici e  sulla collaborazione multidisciplinare, grazie alla presenza negli ospedali sedi degli ambulatori di colleghi con cui, negli anni, si è instaurato un rapporto di fiducia al fine di potere valutare il paziente nella sua totalità.
Approfondimenti sulla valutazione multidiscilpinare: QUI.


Alimentazione e salute degli occhi

Siamo profondamente convinti che la salute dell’organismo in toto, e, di conseguenza, anche la salute degli occhi, sia fondamentalmente influenzata dalla alimentazione. Quersto è vero in particolar modo nei bambini.

Educarli a una corretta e sana alimentazione avrà effetto preventivo nei confronti di patologie e malattie infiammatorie anche oculari che potranno manifestarsi nel tempo, tanto più negli allergici o in caso di familiarità.
Sempre maggiori evidenze si hanno in direzione che squilibri alimentari portino a malattie croniche con il passare degli anni. Trovate tutto nella sezione alimentazione e microbiota di questo sito cliccando qui.

Tutte le informazioni contattando le segreterie delle varie strutture che ospitano gli ambulatori oculistici di faenza e ravenna (clicca sul nome):

Dott. Alberto Lanfernini Faenza Ravenna
Dott.sa Annalisa Moscariello Ravenna Faenza.

Le prestazioni possono essere eseguite anche in regime di convenzione con il SSN, con regolare appuntamento tramite CUP. Le strutture inoltre hanno convenzioni con le principali assicurazioni e fondi integrativi sanitari (clicca) come Unisalute, Fasdac, Campa, Sanità amica, Fasi…. e con vari enti del territorio (es. banche, Conad card).

Blefariti, orzaioli e calazi cura e prevenzione

cure di blefariti, orzaioli, calaziosi ricorenti (cosa fare e come curarli) Blefariti e calazi, cura e prevenzione. Alimentazione  e dieta per blefariti.Spesso le blefariti e le blefarocongiuntiviti sono associate a calazi e a malattie della pelle come la rosacea o dermatiti. Inoltre l'intestino e la disbiosi intestinale sono un fattore che entra nella patogenesi delle blefariti.La cura delle blefariti dunque è complessa. Cura e prevenzione delle blefariti e dei calazi Blefariti e calazi, processi infiammatori delle ghiandole lacrimali palpebrali, affliggono molte persone. In questo articolo...

Ciclosporina in Vernal e Occhio Secco (dry eye)

La ciclopsorina collirio come terapia nelle Cheratocongiuntiviti Vernal e NELLA SINDROME DA OCCHIO SECCO Il collirio a base di ciclosporina è una ottima soluzione per alcune malattie oculari, come la sindrome da occhio secco, la vernal cheratocongiuntivite (VKC) la rosacea oculare. Si tratta di un collirio galenico, cioè preparato da alcune farmacie direttamente, anche se ora è presente un costosissimo (per l'ssn) preparato commerciale la cui prescrizione è possibile solo in reparti ospedalieri. Di seguito andiamo a capire di cosa parliamo analizzando la ciclosporina collirio più da vicino....

Autosiero (collirio con siero autologo)

L'autosiero contro l'occhio seccosiero autologo e siero eterologo collirio In questo articolo parleremo dell'autosiero (o siero collirio autologo), un derivato del sangue (emocomponente) molto utile per la terapia di alcune condizioni patologiche della superficie oculare. Siero collirio Il siero autologo, chiamato anche autosiero, è uno speciale collirio ottenuto tramite la centrifugazione del proprio sangue (che viene normalmente prelevato come per gli esami di laboratorio ematici), e contiene diversi fattori di crescita, tra cui fibronectina e vitamine che contribuiscono all’integrità...

fattori di rischio miopia

Cause della miopia Un fastidioso difetto di vista che impedisce la visione per lontano, la miopia. Vediamo di capire quali sono i fattori di rischio per la miopia. Cos'è la MiopiaFattori di rischio della miopia Riportiamo in questa pagina la sintesi delle conoscenze attuali dei fattori di rischio della miopia,  delle leggende "metropolitane" Quello che si può effettivamente fare per rallentare la progressione miopica è descritto qui, mentre le cure naturali per la miopia sono qui. cos'è la miopia La miopia, difetto per cui non si vede chiaramente da lontano, interessa fino  al 25/30 dei...

Microbiota e occhi – XII Congresso Aimo Oculisti Roma

 Microbiota intestinale e occhio Congresso AIMO Associazione Italiana Medici OculistiSessione Microbiota umano: la nuova frontiera della medicina Roma 30 settembre - 2 ottobre 2021 Anche quest’anno si è svolto il congresso AIMO (Associazione Italiana Medici Oculisti) a Roma dal 30 settembre, giunto alla XII edizione. Oculisti di tutta Italia si sono finalmente incontrati nuovamente di persona per discutere tematiche di rilevo in ambito oftalmologico.Tra i temi toccati c’è anche il Microbiota umano come fattore regolatore della salute, frontiera della medicina e dell’oculistica. La...

Mascherine ffp anticovid e dermatiti, blefariti congiuntiviti

Mascherine ffp pelle e occhi  A seguito di questa situazione emergenziale, molti di noi sono obbligati (o autonomamente indotti) ad usare mascherine protettive per proteggere gli altri e se stessi da eventuali contagi, come prevenzione della Sars Cov 19. Questi dispositivi, benché utili, possono provocare disagi e irritazioni al viso, pelle e occhi. Insieme alla dott.ssa Emanuela Fogli (medico dermatologo a Faenza), che già ha scritto per noi riguardo le dermatiti da contatto e aeromediate, e le blefariti associate a rosacea (rosacea oculare), abbiamo pensato dunque di proporre qualche...

Microbiota oculare e malattie dell’occhio (lenti a contatto, diabete, allergie, occhio secco, blefariti…)

microbioma oculare e salute degli occhi Il microbioma oculare è l'insieme dei microorganismi che vivono sulla superficie oculare. In questo articolo parleremo di come esso possa essere fattore importante nell'equilibrio della salute della stessa superficie oculare. il microbioma oculare normale Sempre maggior interesse la medicina indirizza verso lo studio del microbiomta dei vari organi, che pare abbia notevole importanza nella regolazione dello stato di salute. Anche gli occhi sono sempre più studiati tramite l'analisi del microbiota con tecniche avanzate di metagenomica. E' stato rilevato...

Cos’è il microbioma oculare e a cosa serve

MIcrobiota oculare e malattie dell'occhiolenti a contatto, diabete, allergie, occhio secco, blefariti. Il microbiota oculare pre valutare la disbiosi oculare può essere studiato con nuove tecniche di metagenomica e può costituire un nuovo metodo utile alla diagnosi, prevenzione e personalizzazione delle terapie per alcune malattie oculari.  I testtamponi oculari PCRe i Test per il microbiota ocularesono disponibili nel seguente sito https://pcr4eye.it Clik su questo box: si aprirà il sito in nuova pagina Nei nostri ambulatori eseguitamo i tamponi oculari PCR e i test microbiota oculare...

Occhi e natura: difendere la vista da inquinamento, disnutrizione, stress

Occhi e natura: difendere la vista da inquinamento, disnutrizione, stress Inquinamento, stress, disnutrizione possono influenzare la salute degli occhi.Nella natura spesso ci sono utili rimedi per la prevenzione e il supporto terapeutico.Incontro a Faenza su questi temi il 18 ottbore 2023.   Incontro su occhi e naturaFaenza Mercoledì 18 ottobre 2023 La parafarmacia Salute e natura di Faenza organizza una serie di incontri du alcuni temi di medicina aperti alla popolazione interessata e gratuiti, in collaborazione con ANSPI.Ho il piacere di essere stato invitato a parlare il 21 ottobre...

Stress e occhi: disturbi oculari da stress

Stress e occhi Lo stress può influenzare gli occhi oltre che il nostro corpo in molti modi. Perché lo stress danneggia gli occhi: occhi e stress I meccanismi per cui lo stress danneggia gli occhi sono numerosi, impossibile elencarli tutti in questo articolo. Citiamo i principali modi in cui lo stress danneggia la vista. Innanzitutto lo stress locale porta tensione a livello del volto. Quando siamo stressati, infatti, tendiamo a stringere i muscoli della faccia, inclusi quelli attorno agli occhi, causando tensione e dolore, affaticamento, cefalee, disturbi visivi. Inoltre lo stress ha...

Occhiali dopo intervento di cataratta

Quando si possono fare gli occhiali dopo intervento di cataratta Dopo l'intervento di cataratta bisogna aspettare qualche tempo prima di comprare gli occhiali. Dopo la cataratta non vedo da vicino, è normale?  Comprare gli occhiali dopo la cataratta Una domanda che molti pazienti ci fanno nei nostri ambulatori oculistici di Faenza e Ravenna è dopo quanto tempo dall'intervento di cataratta possono iniziare ad acquistare gli occhiali. Anticipiamo subito che successivamente all'operazione di cataratta ci vuole un poco di pazienza e qualche settimana prima che l'oculista possa procedere alla...

Dott. Alberto Lanfernini – Oculista
Faenza – Ravenna 

Dot. Lanfernini Alberto

Dott.ssa Annalisa Moscariello – Oculista
Ravenna – Faenza 

Dott.ssa Annalisa Moscariello Oculista