Keratocongiuntivite Vernal (VKC).
Terapie, cure e rimedi possibili
La ciclosporina collirio

Chi colpisce la vernal keratocongiuntivite?

Questo articolo fa seguito a quanto abbiamo già scritto in altra pagina, a cui rimandiamo (link qui) in merito al fatto che la cherato-congiuntivite vernal (VKC) inizia a manifestarsi nei primi 10 anni di vita e si risolve, spesso spontaneamente verso i 18-20 anni e che in alcuni casi, però, può persistere nell’età adulta.  I nord africani sono più colpiti (dieci volte in più degli svedesi): questo avvalora l’ipotesi di una eziologia genetica. Affronteremo qui le terapia e i rimedi possibili per curare la Vernal, dopo avere appunto inquadrato i meccanismi immunitari che la sostengono e la clinica (QUI).

sintomi della vernal keratocongiuntivite

I soggetti affetti, allergici o non, presentano una ipersensibilità nei confronti di stimoli vari, soprattutto stimoli fisici, in primis i raggi solari. Necessario quindi l’uso di occhiali da sole, a scopi protettivi e sintomatici.

I sintomi si presentano in primavera (febbraio-aprile) e peggiorano progressivamente in estate, per regredire spesso nel periodo autunno-inverno; sono caratterizzati da prurito, fotofobia, lacrimazione, sensazione di corpo estraneo, fastidio oculare ricorrente, occhi rossi, gonfiore della congiuntiva e altri che trovate nella pagina dedicata.

Circa il 10-15% dei soggetti ha invece una forma definita “perenne” di vernal, in cui, nei mesi invernali si ha solo un miglioramento ma non una remissione completa. A differenza di quanto si osserva nelle congiuntiviti allergiche, nella Vernal non c’è risposta adeguata ai farmaci antiallergici locali.

Cure della Vernal keratocongiuntivite: Antistaminici

Cominciamo a parlare degli antistaminici. L’istamina, la molecola della allergia, come spieghiamo in questa pagina (qui, in cui parliamo anche degli alimenti che liberano istamina), è la responsabile della sintomatologia degli allergici. Provoca prurito, rossore, e altri fastidi noti ai soggetti atopici. Gli antistaminici sono molecole che non fanno altro che legarsi ai recettori dell’istamina, facendo in modo che essa non possa esplicare la sua azione. Nelle forme di Vernal lieve e moderata spesso sono sufficienti i prodotti antistaminici, da usarsi ai primissimi sintomi. Infatti quanto la immunitaria parte in maniera eclatante, l’antistaminico non è più in grado spesso di controllarla adeguatamente. Tra gli antistaminici ricordiamo il Ketotifene, L’olopatadina e l’Azelastina. Hanno lo spiacevole difetto della tachifilassi, cioè della perdita di efficacia a causa della down regulation recettoriale dopo qualche settimana, per cui vanno usati a spot.

Inibitori della degranulazione mastocitaria
stabilizzanti di membrana
Antichemiotassici nella vernal keratocongiuntivite

Associati a antistaminici ci sono dei colliri  a base di farmaci che bloccano la degranulazione dei mastociti, cioè delle cellule che liberano istamina. Tra i più noti sicuramente il sodiocromoglicato e il nedocromile. Accanto a questi è acido spaglumico, prodotto che noi usiamo molto anche per la sua attività antichemiotassica, cioè di bloccare il richiamo delle cellule infiammatorie nel sito infiammatorio, riducendo così l’infiltrazione infiammatoria tissutale. Questi trattamenti son utili nella prevenzione e nelle fasi finali per stabilizzare altre terapie.

Cortisonici per curare la Vernal

Il cortisone è l’anti-infiammatorio per eccellenza. Di efficacia molto evidente, ha effetti collaterali che ne fanno consigliare il limitato uso a alcune fasi. I dosaggi quindi vanno gestiti dall’oculista. Si possono dare terapie ad alti disaggi nell’acuto per poi scalarli, o bassi dosaggi per più tempo, con stretto rapporto medico paziente per osservare le possibili complicanze (ipertono, cataratta). Tra i principali ricordiamo il Desametasone, il Clobetasone, il Fluorometolone, ognuno con caratteristiche di efficacia e penetranza nei tessuti differente.

Ciclosporina per la cura della Vernal Keratocongiuntivite

La ciclosporina è una importante molecola che si usa nelle Vernal e nella malattia da occhio secco, più raramente in blefariti e altre condizioni. E’ un farmaco che in commercio non  c’è in Italia, ma si può fare preparare dalla farmacie (qui l’elenco per le farmacie in Romagna che preparano la Ciclosporina in collirio)  in preparazioni galeniche. Si può usare in varie percentuali. L’importanza di questo collirio ci ha fatto dedicare altri articoli che ne spiegano gli effetti, che trovate seguendo questo link (qui). Qualche studio dimostra che alcuni peptidi come albumina, transferrina e emopexina soon aumentati nelle lacrime di soggetti vernal, e diminuiscono dopo somminstazione di ciclosporina.

Dieta e Vernal
alimenti da evietare per chi soffre di Vernal
Vernal e alimentazione

Essendo una condizione che risponde, anche se parzialmente, agli antistaminici, è implicito che una dieta a basso contenuto di istamina favorisce il miglioramento sintomatologico. Abbiamo dedicato molti articoli a questo discorso. Trovate tutto in questi link.

Stile di vita per i soggetti affetti da Vernal

La Vernal è fortemente impattante sulla vita quotidiana nelle forme acute. Per prima cose non bisogna arrivare ai quadri iperacuti. Se al primo episodio non si inquadra non è colpa di nessuno, ma al secondo episodio un sospetto deve venire. Necessario quindi consultare lo specialista (nei nostri ambulatori oculistici di Faenza/Ravenna seguiamo molti pazienti con Vernal, ma ogni paziente deve trovarsi il suo oculista di fiducia possibilmente vicino a casa) e iniziare terapie di supporto per evitare le fasi acute.
La riduzione all’esposizione del sole è consigliata, ma ovviamente questo comporterebbe andare poco al mare e in piscina, attività che dispiace dove limitare ai bambini. Per cui ci utilissimi sono gli occhiali da sole. Un uso di lacrime artificiali e di lavaggi frequenti con soluzione fisiologica è necessario, per dare beneficio e allontanare i mediatori dell’infiammazione che si accumulano nelle lacrima (abbiamo parlato di questo negli articoli inerenti le terapie delle allergie).

 Vernal, microbiota disbiosi e intestino

 Il microbiota intestinale è un profondo regolatore dell’immunità. Di conseguenza sarebbe bene prendersene cura. Sono possibili analisi specifiche per valutare la presenza di eventuali disbiosi intestinali, e l’utilità di terapie correttive qualora risultassero squilibri. Abbiamo scritto tanti articoli in merito, ai quali rimandiamo (qui).

Conclusioni sulle terapie della Vernal Keratoconjunctivitis

Nessun trattamento farmacologico ad oggi in commercio è privo di effetti collaterali o è in grado di eliminare i segni e i sintomi completamente. Pertanto è necessario ancora sviluppare nuove strategie terapeutiche per rispondere alla complessa patogenesi delle forme severe della VKC. Resta comunque una malattia spesso controllabile dalle terapie, che richiede controlli da oculista di fiducia frequenti e contatto stretto per gestire l’andamento clinico sintomatologico variabile tra i vari soggetti. Diversi studi hanno rivelato che nelle forme lievi o moderate può essere sufficiente il trattamento con colliri antistaminici come ketotifene, olopatadina ed azelastina prima del previsto esordio dei sintomi, associato a brevi cicli di corticosteroidi.
Oltre agli antistaminici, sono stati utilizzati anche inibitori della degranulazione mastocitaria (disodiocromoglicato, nedocromile) e farmaci antinfiammatori non- steroidei come la lodoxamide. Tali farmaci si sono rivelati utili soprattutto nelle fasi iniziali e finali della patologia anche se è opportuno valutarne l’efficacia nei singoli pazienti.
E’ ampiamente descritto in letteratura l’impiego di preparati cortisonici per uso topico (clobetasone, rimexolone, desonide, fluorometolone, loteprednololo, desametasone) per il controllo delle fasi attive della patologia. Tali farmaci sono certamente efficaci, ma per i loro effetti collaterali nell’impiego a lungo termine sono da utilizzare per cicli brevi (tra sette e quindici giorni), ripetibili tre-quattro volte l’anno. Poiché la fase acuta della Vernal Keratoconjunctivitis si svolge generalmente nell’arco di cinque-sei mesi l’anno, la terapia con soli cortisonici topici è improponibile, se non correndo il rischio di gravi effetti collaterali come la cheratite erpetica sovrapposta, infezioni batteriche, ipertensione oculare, glaucoma, cataratta.

Occhio secco e probiotici

Occhio secco terapie e rimedi Questo articolo fa seguito al precedente di inquadramento delle cause dell'occhio secco che trovate in questa pagina cliccando QUI e all'articolo relativo alle terapia. Consigliamo di leggerli prima di questo. L'occhio secco, una dislacrimia che origina da varie...

Probiotici e occhi. Rimedio naturale per malattie oculari

Questo articolo  fa parte di una serie che riguarda prebiotici, probiotici e occhio, che trovate cliccando qui Probiotici e malattie degli occhi probiotici nella congiuntivite allergica I probiotici, cioè i batteri "buoni" che fanno parte del microbiota intestinale, possono essere assunti per...

Probiotici e occhio: congiuntiviti batteriche

 Questo articolo  fa parte di una serie che riguarda prebiotici, probiotici e occhio, che trovate cliccando qui Congiuntiviti batterichecause e sintomi La congiuntivite batterica (BC) è un tipo comune di congiuntivite infettiva e colpisce tutti i gruppi di età umana. Si differenzia dalle altre...

Lenti a contatto come si usano

 chi mi deve dire se posso usare le lenti a contatto Prima di scegliere la tipologia di lenti e di acquistarle, consultare il medico oculista per verificare l'assenza di controindicazioni e, anche in seguito, sottoporsi a controlli periodici dal medico. La lente a contatto è un corpo estreneo, ben...

Microbiota intestinale, disbiosi e malattie dell’occhio (glaucoma, occhio secco, blefariti, uveiti,diabete, degenerazione maculare)

Il microbiota intestinale e gli occhi Negli ultimi anni son stati eseguiti studi scientifici che approfondiscono i rapporti tra flora batterica intestinale (microbiota) e l'aggravarsi di varie condizioni patologiche oculari. In questa pagina trovate un riassunto di quanto scritto in maniera più...

occhio secco e microbioma oculare

occhio secco e microbioma oculare Vi sono evidenze che il microbiota oculare (la comunità di microbi  che risiedono nella superficie oculare) e intestinale possano influenzare la comparsa dell'occhio secco. E' importante comprendere questi fattori per potere espandere le possibilità terapeutiche....

Occhi rossi nei bambini

 Occhi rossi nei bambini cause, rimedi e terapie  Occhi rossi perché vengono Uno dei principali motivi di visita nei nostri ambulatori oculistici di Faenza e Ravenna, dedicati anche alla oculistica pediatrica,  è la presenza di occhi rossi nei bambini. Spesso infatti i bimbi accusano questo...

propoli e miele per gli occhi. Effetti sulla cataratta

La propoli inibisce lo sviluppo della cataratta da zucchero nei ratti  Questo articolo trae spunto da alcuni lavori in letteratura riportati in calce. Il fine è divulgativo/scientifico e non per scopi commerciali GLi elementi naturali per gli occhialimentazione e salute degli occhi Che...

Occhiali da sole e protezione occhi

Gli occhiali da sole proteggono gli occhi Con l’arrivo della bella stagione, soprattutto in luoghi con intensi riflessi di luce come ad esempio in acqua, su una spiaggia bianca oppure sulla neve, gli occhiali sono essenziali per salvaguardare gli occhi dai dannosi effetti dei raggi ultravioletti....

degenerazione maculare secca e umida: cause e possibilità di cura

degenerazione maculare -  maculopatia Maculopatie legate all'età La degenerazione maculare è una sofferenza della parte centrale della retina, detta appunto macula. Tutti hanno la macula, qualcuno ha la malattia, detta appunto maculopatia degenerazione maculare secca differenza con degenerazione...

Microbioma oculare e occhio secco

microbiota oculare e occhio secco Il microbiota oculare è la comunità di batteri che vivono sulla superficie oculare. I lettori sanno già che parliamo spesso di microbioma intestinale e suoi rapporti con le malattie oculari. In recenti studi sono stati analizzati i cambiamenti del microbioma nella...

Autosiero collirio con una goccia di sangue?

Sangue come autosiero collirionella malattia  occhio secco (dry eye) Abbiamo già parlato del collirio autosiero, un particolare derivato del sangue che viene utilizzato da anni nelle sindromi dell'occhio secco, nelle erosioni ricorrenti corneali, nelle cheratiti neurotrofiche, e in altre...

Artemisia e assenzio rimedi naturali per gli occhi

 Artemisia e assenzio I composti botanici e gli estratti dalle piante sappiamo che possono essere utili in alcune patologie oculari come cataratta, diabete, congiuntiviti, blefariti, occhio secco.  In questa pagina parleremo della Artemisia o  Assenzio maggiore e dei suoi dimostrati effetti...

Asse intestino occhio (terza parte): digiuno, trapianto fecale, probiotici

Microbiota intestinale e occhio Asse intestino occhio La prima e seconda parte di questo articolo si trovano  qui Il digiuno intermittente e le malattie oculari Continuando il riadattamento dell'articolo citato in  calce a questa pagina, liberamente rielaborato a fini divulgativi, arriviamo infine...

Probiotici calazi, occhio, secco e blefariti

Blefariti e calazi: probiotici rimedi naturali efficaci L'integrazione con probiotici può favorire il riequilibrio del microbiota intestinale e  e avere efficacia in problemi oculari quali occhio secco, blefariti e calazi? Come è noto, blefariti, orzaioli e calazi sono spesso legati ad alterazioni...

Ambienti domestici, uffici, inquinamento e occhi

Inquinamento e infiammazioni oculari Nell'articolo precedente (link qui) abbiamo visto come l'inquinamento atmosferico sia composto da agenti particolati organici, inorganici  e gas nocivi. Tutti i fattori inoltre ambientali, quali temperatura, esposizione luce UV, umidità e ventilazione hanno la...

Vernal lettera di una mamma

Testimonianza sulla Vernal curata con ciclosporina Una mamma ci scrive Le cose che rendono felici i medici sono le guarigioni dei pazienti. Ancora più felici siamo quando questi pazienti ci mandano dei ringraziamenti, come quello che pubblichiamo. Il nome del bimbo è di fantasia. Trovate...

2- allergie occhi e intolleranze. Alimenti da evitare

ALlergie oculari e intolleranze alimentarialimenti da evitare nelle congiuntiviti allergiche Forse non tutti sanno che le reazioni avverse agli alimenti possono dare quadri di infiammazione oculare. Queste reazioni  che possono essere tossiche, allergiche, e da intolleranze si manifestano, con...

Euphrasia elemento naturale per curare gli occhi

 Euphrasia Officinalis: elemento naturale e olio essenziale I composti botanici e gli estratti dalle piante possono essere utili in alcune patologie oculari come cataratta, diabete, congiuntiviti, maculopatia, blefariti, occhio secco.  In questa pagina parleremo della Euphrasia e dei sui effetti...

Visita oculistica pediatrica bambini

 Visita oculistica completa pedaitraica per bambiniAmbulatori oculistici Faenza Ravenna In questa pagina i principali aspetti relativi alle visite oculistiche pediatriche. La visita oculistica pediatrica è la visita dedicata ai bambini e viene eseguita con tutti strumenti adeguati e permette di...
congiuntivite

Occhiali dopo intervento di cataratta

Quando si possono fare gli occhiali dopo intervento di cataratta Dopo l'intervento di cataratta bisogna aspettare qualche tempo prima di comprare gli occhiali. Dopo la cataratta non vedo da vicino, è normale?  Comprare gli occhiali dopo la cataratta Una domanda che molti pazienti ci fanno nei...

Nutrizione e salute degli occhi: stress ossidativo

 Dieta e salute degli occhila nutrizione e la sua influenza per le malattie oculari La letteratura medica contiene vari articoli su nutrizione e occhi poiché la dieta può influenzare numerose condizioni lesive della capacità visiva, come la cataratta, la degenerazione maculare, il glaucoma, le...

Autosiero collirio con una goccia di sangue?

Sangue come autosiero collirionella malattia  occhio secco (dry eye) Abbiamo già parlato del collirio autosiero, un particolare derivato del sangue che viene utilizzato da anni nelle sindromi dell'occhio secco, nelle erosioni ricorrenti corneali, nelle cheratiti neurotrofiche, e in altre...

Metabolomica occhio secco: generalità

Metabolomica dell'occhio secco La superficie oculare, un'interfaccia tra l'occhio e l'ambiente, è costituita dalla cornea, dalla congiuntiva bulbare e palpebrale e dalle ghiandole lacrimali e di Meibomio. L'unità funzionale lacrimale, responsabile della secrezione lacrimale acquosa, è composta...

Resveratrolo, vino, cacao, pistacchi e occhi

Resveratrolo, polifenoli, vino e cacao Proseguono i nostri articoli per la sezione botanica, elementi naturali, vitamine e occhi.  Oggi scriveremo del Resveratrolo. Molte sostanze naturali, come detto, hanno potenti azioni antinfiammatorie e antiossidanti, che potrebbero essere utili se assunte e...

Probiotici e occhio: congiuntiviti batteriche

 Questo articolo  fa parte di una serie che riguarda prebiotici, probiotici e occhio, che trovate cliccando qui Congiuntiviti batterichecause e sintomi La congiuntivite batterica (BC) è un tipo comune di congiuntivite infettiva e colpisce tutti i gruppi di età umana. Si differenzia dalle altre...

Probiotici cosa sono

Questo articolo  fa parte di una serie che riguarda prebiotici, probiotici e occhio, che trovate cliccando qui Probiotici cosa sono I probiotici sono microrganismi viventi non patogeni, che possono portare beneficio all'ospite se somministrati con continuità. Generalmente, le specie probiotiche...

Occhio secco da disfunzione ghiandole meibomio

Occhio secco e disfunzione ghiandole di Meibomio L'occhio secco è una alterazione cronica della superficie oculare e risulta essere una condizione patologica frequente che colpisce milioni di persone. Si tratta fondamentalmente di una congiuntivite cronica che autoalimenta un deficit lacrimale,...

Dott. Alberto Lanfernini – Oculista
Faenza – Ravenna – Riolo Terme – Pesaro

Dot. Lanfernini Alberto

Dott.ssa Annalisa Moscariello – Oculista
Ravenna – Faenza – Pesaro

Dott.ssa Annalisa Moscariello Oculista