microbioma oculare e salute degli occhi

Il microbioma oculare è l’insieme dei microorganismi che vivono sulla superficie oculare. In questo articolo parleremo di come esso possa essere fattore importante nell’equilibrio della salute della stessa superficie oculare.

il micribooma oculare normale

La superficie dei nostri occhi è caratterizzata da un microbiota relativamente stabile, relativamente poco diversificato. Inoltre recenti scoperte suggeriscono che i batteri della possano avere un ruolo nel mantenimento dell’omeostasi modulando la funzione immunitaria, proteggendo, in alcuni casi, anche dalle infezioni. Discorso analogo per il microbiota intestinale che, tramite l’asse intestino-retina, contribuisce allo stato di salute degli occhi.

La superficie oculare, come qualsiasi altro rivestimento e, del resto anche la superficie cutanea, ha una flora microbica, costituita da microrganismi Gram + e Gram- presenti sulla pelle e che colonizzano la superficie oculare immediatamente dopo la nascita. Naturalmente questi microrganismi sono in equilibrio con il sistema immunitario della superficie oculare e non stimolano reazioni infiammatorie locali a meno che no ci siano alterazioni.

il microbioma oculare come fattore protettivo oculare

Per tutta la nostra vita la superficie oculare è continuamente esposta all’ambiente esterno e quindi a contatto con diversi tipi di microrganismi. Come detto prima questi microrganismi interagiscono con la stessa superficie, e hanno un ruolo regolatorio e protettivo nei confronti della colonizzazione da parte di altre specie potenzialmente patogene. C’è infatti un continuo cross-talking tra ospite e organismi ospitati. Ovviamente ci sono più meccanismi tramite i quali questo avviane; ne ricordiamo i due principali:

  • da un lato i batteri saprofiti  occupano spazio, togliendone ai patogeni, competendo con loro per le risorse, e limitandone l’espansione e la moltiplicazione;
  • dall’altro stimolano un basso livello di attivazione del sistema immunitario innato, mantenendo pronte le difese in caso di attacchi patogeni.

Cosa altera il microbioma oculare

Il microbiota oculare, insomma, pare essere piuttosto importante, e, di conseguenza, qualsiasi fattore che ne porta squilibrio, può essere foriero di condizioni patologiche. In sostanza l’equilibrio, eubiosi, è tutto, e tale equilibrio può essere alterato da condizioni come:

  • diabete
  • insulti esterni
  • traumi
  • ambiente, temperatura e umidità
  • uso di lenti a contatto)
  • farmaci
  • infezioni
  • ambiente lavorativo
  • comportamento
  • dieta
  • sonno
  • stress
  • e tanti altri.

E’ bene sottolineare che, se è vero che tanti fattori possono alterare il microbioma oculare, è altrettanto vero che quando viene alterato, esso porta a conseguenze, (come avviene, del resto, per  le alterazioni del microbiota dell’intestino). Pare infatti che in caso di squilibri del microbioma oculare si possa essere più suscettibili a infezioni e infiammazioni locali, con ritardi di guarigione e cronizzazione dei sintomi. In sostanza si puo’ essere più predisposti a blefariti, cheratiti, occhio secco, eccetera.

Gli antibiotici alterano il microbiota oculare

Da quanto detto sopra, consegue che usare gli antibiotici di superficie indiscriminatamente può peggiorare i quadri clinici. Le terapie di infiammazioni oculari devono essere sempre valutate dal medico oculista, e non essere approssimative, per non innescare la conseguenza di una cronicizzazione delle patologie di superficie. Infatti, nel momento della cronicizzazione, intervengono infiltrazioni cellulari infiammatorie nei tessuti  congiuntivali e palpebrali (chemiotassi) che alterano la struttura, rendendo più difficoltosa e lenta la guarigione. Questo in particolar modo nei portatori di lenti a contatto, e negli allergici.

Come detto l’uso di lenti a contatto porta inevitabilmente a dei cambiamenti dello stato del microbiota, con conseguente possibile suscettibilità a infezioni e problemi infiammatori (occhio secco, allergie, infiltrati…). Qui trovate il modo correto di usare le LAC.

Se sfortunatamente avete già disturbi da lenti a contatto troverete utile leggere l’articolo dedicato alle intolleranze da lenti a contatto (QUI).

 

Si può migliorare il microbiota?

Sebbene quindi ci siano le evidenze descritte sopra, altri studi sono necessari per valutare l’effettiva possibilità di intervenire terapeuticamente sul microbiota oculare. Per ora siamo agli inizi, ma il percorso potrà dare soddisfazioni nel prossimo futuro. Attualmente cominciano a esser disponibili test ambulatoriali per la valutazione del microbiota oculare, accessibili a un costo di circa 180/200 euro, tramite tecniche di metagenomica (www.eyemetagenomics.com), potenzialmente utili per la diagnosi e valutare terapie.

Nondimeno, con una attenta dieta e stile di vita corretto si può già migliorare il microbiota intestinale, che pare entri nella concausa di malattie oculari (QUI).

Insomme, per concludere, è importanteìissmo anche per gli occhi  eseguire prevenzione con visite oculistiche periodiche e seguire tutti le regole del buon senso generale inerenti alimentazione, attivitià sportiva, uso di lenti a contatto e terapie in caso di infiammazioni o patologie.

Per una valutazione generale oculare i dot. Lanfernini e Moscariello Oculisti, si avvalgono di consulenza di altri specialisti (pagina dei collaboratori QUI).

La visione e l’applicazione della multidisciplinarietà estende il campo di interventi e di possibilità di miglioramento di numerose patologie oculari croniche  (oculistica multidisciplinare).

 

copertina del libro microbioma e occhio

Perchè la disbiosi porta a malattie degli occhi

Microbiota intestinale e occhiRelazione tra intestino e occhi Il microbiota intestinale influenza lo stato di salute degli occhi, ed è elemento cruciale nella relazione tra intestino e occhi. Alterazioni del microbiota possono portare a malattie generali e oculari. Di conseguenza l'alimentazione...

Nutrizione e salute degli occhi: stress ossidativo

 Dieta e salute degli occhila nutrizione e la sua influenza per le malattie oculari La letteratura medica contiene vari articoli su nutrizione e occhi poiché la dieta può influenzare numerose condizioni lesive della capacità visiva, come la cataratta, la degenerazione maculare, il glaucoma, le...

Inquinamento e infiammazioni oculari

  Inquinamento e infiammazioni oculari L'inquinamento atmosferico è un grande problema e costituisce una crescente preoccupazione globale. Sono chiare le correlazioni tra numerose malattie e inquinamento dell'acqua, dell'aria, del suolo, ma anche acustico e luminoso. Tra gli organi bersaglio...

3-sostanze negli alimenti che provocano occhi rossi e allergie agli occhi

Congiuntiviti da sostanze chimiche degli alimenti  La dieta a basso contenuto e priva di istamina è stata rielaborata in un nuovo articolo del quale consigliamo la lettura, a questo link.Questo articolo fa riferimento ad altri che trovate nella sezione allergie, cliccando qui. Probabilmente vi...

Cos’è l’occhio secco, perchè viene e come si cura

 Occhio secco cause e cure Le cause di occhio secco principali vanno ricercate in fattori ambientali, patologie reumatologiche, conseguenze di forme allergiche, condizioni autoimmuni come il Sjogren e nell'intestino. Occhio secco cos'è  L'occhio secco è una alterazione cronica della superficie...

terapie per miopia

Trattamenti e terapie della miopia cosa si può fare per rallentare la miopiafermare la miopia è possibile? Molti pazienti, specialmente i genitori dei bimbi che iniziano a diventare miopi, ci chiedono in visita se ci siano dei modi per rallentare la miopia (qui per leggere sui fattori di rischio...

Artemisia e assenzio rimedi naturali per gli occhi

 Artemisia e assenzio I composti botanici e gli estratti dalle piante sappiamo che possono essere utili in alcune patologie oculari come cataratta, diabete, congiuntiviti, blefariti, occhio secco.  In questa pagina parleremo della Artemisia o  Assenzio maggiore e dei suoi dimostrati effetti...

Probiotici calazi, occhio, secco e blefariti

Blefariti e calazi: probiotici rimedi naturali efficaci L'integrazione con probiotici può favorire il riequilibrio del microbiota intestinale e  e avere efficacia in problemi oculari quali occhio secco, blefariti e calazi? Come è noto, blefariti, orzaioli e calazi sono spesso legati ad alterazioni...

Dott. Alberto Lanfernini – Oculista
Faenza – Ravenna

Dot. Lanfernini Alberto

Dott.ssa Annalisa Moscariello – Oculista
Ravenna – Faenza 

Dott.ssa Annalisa Moscariello Oculista