ALlergie oculari e intolleranze alimentari
alimenti da evitare nelle congiuntiviti allergiche

Forse non tutti sanno che le reazioni avverse agli alimenti possono dare quadri di infiammazione oculare. Queste reazioni  che possono essere tossiche, allergiche, e da intolleranze si manifestano, con vari quadri clinici, molti dei quali interessano gli occhi e i tessuti perioculari come la cute perioculare e palpebrale. Abbiamo scritto vari articoli insieme alla dermatologa Dott.sa Emanuela Fogli in tema di irritazioni cutanee della zona intorno agli occhi disponibili nella sezione “dermatologia” cliccando qui  e nel menù che trovate in alto.

Semplificando, in generale possiamo dire che i quadri clinici suggestivi di allergia e intolleranza alimentare nell’adulto sono molto spesso  rappresentati da:

  • orticaria acuta,
  • sindrome orale allergica,
  • e meno frequentemente da vomito diarrea e gonfiori addominali con disturbi digestivi.
  • Nei bambini invece è più frequente la dermatite atopica.

Congiuntiviti alimentari

Tutte le condizioni descritte in precedenza aumentano il livello infiammatorio dell’organismo, attraverso la modulazione della secrezione di sostanza pro-infiammatorie come le interleukine, favoriscono anche la comparsa di

I  sintomi conseguenti, naturalmente, sono i soliti noti alle persone allergiche, e comprendono prurito, bruciore, senso di corpo estraneo, rossore oculare e palpebrale, secrezione mucosa (in particolare mattutina). Spesso in aggiunta compare improvvisamente una intolleranza da lenti a contatto. Infatti l’instabilità lacrimale, di origine infiammatori, non permette adeguato supporto e appoggio alla lente, con conseguente forte discomfort oculare.
A margine ricordiamo che il microbiota intestinale, il cui squilibrio determina varie patologie sistemiche e oculari, è molto suscettibile: ne consegue che, per avere cura di sé, è necessario mantenerlo con alimentazione equilibrata. Anche questo aspetto, dunque, è da considerare nelle congiuntiviti di origine alimentare. Nella sezione alimentazione trovate molti approfondimenti, tra cui la dieta a basso contenuto di istamina (qui) che, seguita per brevi periodi di tempo, può costituire un valido aiuto nello spegnere le infiammazioni generali.

Istamina nemico numero uno, non solo nelle allergie

E’ importante capire che i disturbi compaiono non solo negli allergici, ma che altre persone possono avere sintomatologia simile. L’istamina è il mediatore delle allergie e viene liberata in quantità eccessiva nell’organismo, risultando responsabile di sintomi come prurito, occhi gonfi, dolore e altri. Questo può accadere perché alcuni alimenti contengono istamina, mentre altri favoriscono la liberazione di istamina. Talvolta squilibri del microbiota fanno sì che si elaborino male alcuni aminoacidi aumentando come prodotto finale l’istamina (es. Klebsiella). Alcuni cibi, specie mal conservati, possono avere all’interno amine biogene con azione istamino simile, come la putrescina e la cadaverina. Inoltre ci sono soggetti che hanno deficit enzimatici che portano, come conseguenza, a un aumento dell’assorbimento di istamina. Infine ci sono allergie crociate tra alimenti e pollini ai quali si risulta allergici. Tutto ciò spiega perché molti soggetti che risultano apparentemente non allergici hanno in realtà importanti disturbi assumendo alcuni alimenti ai quali non sono allergici.  Di tutto questo parliamo in questa pagina, a cui rimandiamo. Date una occhiata alla sezione infiammazione occhi per avere un quadro più preciso di quanto detto sopra.

Che differenza c’è tra allergia e intolleranza?

Principalmente si riscontrano allergie, ma in qualche caso anche le intolleranze possono causare disturbi. Vediamo di accennare alla differenza tra allergie e intolleranza. L’allergia è una reazione avversa agli alimenti causata da un’anomala reazione immunologica legata da anticorpi della classe E. E’ mediata principalmente da una molecola chiamata Istamina. L’ intolleranza invece non è dovuta alla reazione del sistema immunitario e varia in relazione alla quantità ingerite dell’alimento ingerito non tollerato. Inoltre è da sapere che ci possono essere deficit enzimatici o farmaci che bloccano il catabolismo dell’istamina assunta, dando delle sindromi pseudoallergiche.

Alimenti congiuntiviti alimentari

C’è una grande varietà di alimenti che possono provocare disturbi, e ogni persona reagisce al cibo a suo modo. In linea di massima, comunque, possiamo ricordare che i principali alimenti che determinano allergie, anche agli occhi, sono:

  • uova,
  • latte,
  • arachidi,
  • noci,
  • pesce,
  • molluschi,
  • grano,
  • soia.

Tra i vegetali è necessario valutare:

  •  i cereali,
  • le arachidi,
  • la soia – spesso   utilizzata al posto del latte,
  • la frutta a guscio come nocciola e noci,
  • il   sedano, per il quale c’è una certa diffusione di allergie in Italia particolarmente nei soggetti allergici al polline di betulla.

Tra gli alimenti di origine animale che determinano allergie agli occhi primo imputato è il latte, certamente il più noto alimento allergenico. Caseina e altre proteine, come la beta lattoglobulina, sono i  responsabili principali della allergia. A tal proposito è importante sottolineare che la prima è stabile ai trattamenti termici come la pastorizzazione e la sterilizzazione, mentre le altre proteine vengono invece  denaturate da alcuni trattamenti e rese meno allergeniche. Infine, anche le uova sono frequentemente coinvolte nelle forme allergiche, prevalentemente infantili, in particolare le proteine dell’albume. Pesci crostacei e molluschi, e qui si va in un campo vastissimo, hanno vari antigeni responsabili di allergie, per cui è bene prestare attenzione a sintomi che possono comparire dopo la loro ingestione. E’ bene ricordare che alcuni di questi alimenti apportano vitamine e elementi essenziali benefici per l’organismo, quindi prima di sospenderne l’assunzione è necessario valutare attentamente la situazione clinico/allergologica.

Nickel e allergie occhi

Un occhio particolare va dato alle reazioni avverse miste IGE cellulo-mediate e non. Esse infatti sono particolarmente fastidiose, e comprendono:

  • dermatite atopica
  • gastrite eosinofilia,
  • sindrome sistemica da Nichel, metallo presente nei vegetali che lo assorbono nel terreno.

Tra gli alimenti a più alto contenuto di nickel, troviamo il cacao, i pomodori, gli asparagi, i broccoli, le carote, i legumi e la frutta secca. In altro articolo abbiamo ospitato la dott.sa Emanuela Fogli, dermatologa, che  ci ha illuminato sulle dermatiti perioculari (trovate la pagina QUI) che possono associarsi alle congiuntiviti allergiche. Ovviamente nel momento di un importante coinvolgimento cutaneo, è bene consultare anche il dermatologo, per ottimizzare le valutazioni cliniche e i percorsi terapeutici. Questa è la base multidisciplinare delle nostre valutazioni nelle patologie oculari di origine sistemica.

Quali sono gli alimenti che danno più frequentemente intolleranza e  disturbi agli occhi?

L’intolleranza al lattosio è sicuramente la più diffusa, e può dare vari sintomi, anche fastidi agli occhi, tra cui occhi rossi, prurito oculare, gonfiore palpebrale. Per inquadrare questo tipo di intolleranza si usa un veloce test, il breath test al lattosio,  ed è necessaria una consulenza gastroenterologica/allergologica ed eventualmente nutrizionistica al fine di strutturare una dieta ipoallergenica e a basso contenuto di istamina, che darà beneficio a tutto l’organismo e ridurrà anche la sintomatologia delle congiuntiviti allergiche, la loro intensità e l’uso di terapie farmacologiche.

Alimentazione sana e congiuntiviti
Probiotici
Dieta povera di istamina

Come andiamo ripetendo in ogni riga di questo sito, l’alimentazione corretta (ne parliamo in questa pagina: link) è la base della salute, anche degli occhi. Dunque anche le congiuntiviti, le blefariti con calazi, le dermatiti rispondono molto bene alla correzione alimentare, oltre anche all’assunzione di elementi naturali curativi per gli occhi (e non solo) come l’acido oleanolico (presente nell’olio di oliva, ma meglio in estratti concentrati, come trovate discusso qui).  Da non sottovalutare i probiotici nelle allergie, perchè ne è stata dimostrata l’efficacia terapeutica (link); in tal senso è noto che alcuni batteri producono istamina –Klebsiella aerogene- da precursori aminoacidi, e questo può dare fastidio ai soggetti anche con allergie oculari (1).

La dieta a basso contenuto e priva di istamina è stata rielaborata in un nuovo articolo del quale consigliamo la lettura, a questo link.

Per questo, in sede di visita oculistica, cerchiamo di estendere la valutazione a tutti gli aspetti che possono essere causa di disturbi oculari, coinvolgendo altri specialisti e terapie con elementi naturali, per quanto possibile, oltre ai normali colliri antistaminici, cortisonici e tutte le terapie locali necessarie a migliorare lo stato di salute degli occhi. Non dimenticate di leggere gli altri paragrafi relativi alle allergie alimentari e i disturbi ad esse collegate, che trovate in questo link.

La dieta a basso contenuto e priva di istamina è stata rielaborata in un nuovo articolo
del quale consigliamo la lettura, a
questo link.

Questo articolo fa riferimento ad altri che trovate nella sezione allergie,
cliccando qui.

(1)https://microbioma.it/gastroenterologia/batteri-intestinali-produttori-di-istamina-peggiorano-il-dolore-cronico/

 

Microbioma, dieta e alimentazione per occhio secco

Alimentazione e dieta per occhio seccoMicrobioma e occhio secco   Un recentissimo studio fa il punto della situazione su alimentazione, microbioma e occhio secco. Il microbioma intestinale è collegato al sistema immunitario stimolando o attenuando la risposta linfocitaria, coinvolta nelle...

Microbiota oculare sano, un nuovo studio

Microbiota oculare sano Un recente studio ha analizzato il microbiota e il microbioma oculare normale negli occhi sani tramite tecniche di metagenomica.     Il microbiota oculare (eye-microbioma) Da anni è noto che il microbiota, la comunità di batteri che vive in un organismo ospite, ha profonde...

microbioma e occhio – un libro sul futuro

 Microbioma e occhio - Il futuroUn piccolo libro su microbiota e occhio Il Microbioma, unitamente alle sue azioni sull'organismo ospite, è un tema di grande interesse in medicina da qualche anno, perché, come più volte ribadito in questo sito, il Microbiota umano intestinale influenza lo stato di...

Quercetina e occhi

Quercetina e malattie degli occhi L'alimentazione influenza notevolmente lo stato di salute generale e, di conseguenza, anche il benessere degli occhi. Dopo aver parlato di Quercetina e degli effetti sulle maculopatie e sulle cataratte (qui), facciamo un excursus più generale sull'effetto della...

Sale, ipertensione e malattie degli occhi

 ALimentazione, dieta ricca di sale e malattie oculari  La visione dell'oculistica multidisciplinare, che trovate descritta QUI,  cerca di considerare l'organismo come unico e non valuta quindi  l'occhio avulso dal resto del corpo. Questa impostazione, ovviamente, non  può prescindere anche da ciò...

Occhi rossi nei bambini: cure, colliri e terapie naturali

  Occhi rossi nei bambini cause, rimedi e terapie  Rimedi e terapie dell'occhio rosso del bimboprobiotici per occhio rossoprebiotici per bambini I bimbi soffrono spesso di occhi rossi, e questo accade per una molteplicità di condizioni. I motivi e le cause di questi rossori ricorrenti sono già...

Microbiota e occhi – XII Congresso Aimo Oculisti Roma

 Microbiota intestinale e occhio Congresso AIMO Associazione Italiana Medici OculistiSessione Microbiota umano: la nuova frontiera della medicina Roma 30 settembre - 2 ottobre 2021 Anche quest’anno si è svolto il congresso AIMO (Associazione Italiana Medici Oculisti) a Roma dal 30 settembre,...

Presbiopia, esperidina e antiossidanti

 Curare la presbiopia con l'alimentazione E' possibile rallentare la presbiopia?   La presbiopia è un difetto di vista che impedisce la visione per vicino e colpisce i soggetti dopo i 40 anni. E' piuttosto fastidioso nella vita di questo periodo storico a causa della continua necessità delle...

Microbioma oculare e occhio secco

microbiota oculare e occhio secco Il microbiota oculare è la comunità di batteri che vivono sulla superficie oculare. I lettori sanno già che parliamo spesso di microbioma intestinale e suoi rapporti con le malattie oculari. In recenti studi sono stati analizzati i cambiamenti del microbioma nella...

Microbiota e malattie degli occhi

 Microbiota intestinale e occhio: relazione tra occhi e intestino Il microbiota intestinale e i suoi rapporti con l'occhio. Recenti evidenze indicano quanto le alterazioni del microbioma possano influenzare le malattie degli occhi e come il suo ripristino possa aiutare a mantenere lo stato di...

Microbiota e occhio: articoli giornali e siti

Microbiota e occhi Microbiota oculare, microbiota intestinale e occhio.Le malattie oculari possono essere influenzate dal microbiota? L'idea che i batteri che vivono in costante simbiosi con noi (microbiota intestinale, cutaneo, vaginale, oculare, ecc.) possano influenzare lo stato di salute...

Mirtillo e occhi

Mirtillo e occhi Il mirtillo e la sua azione sugli occhi. Da tempo il mirtillo viene considerato a ragione un rimedio che aiuta la vista, grazie alle sue proprietà antiossidanti. Il mirtillo per occhio secco, glaucoma, cataratta e danno da luce blu: cosa c'è di vero? Mirtillo  Dopo avere parlato...

Vitamina C: antiossidante per gli occhi

  Vitamina C - potente antiossidanteCataratta, glaucomacornea - trabecolato - cristallino Proseguiamo i nostri articoli sulle vitamine  per gli occhi e, dopo aver accennato alla Vitamina D e alla Vitamina B e dei loro effetti su occhi secchi e dolore oculare, scriviamo oggi della vitamina C, per...

Probiotici e occhi: retinopatia diabetica

Questo articolo  fa parte di una serie che riguarda prebiotici, probiotici e occhio, che trovate cliccando qui Probiotici cosa sono I probiotici sono microrganismi viventi non patogeni, che possono portare beneficio all'ospite se somministrati con continuità. Generalmente, le specie probiotiche...

Vitamina D e salute degli occhi

Vitamina D e salute degli occhi Come più volte affermato in questo sito, con articoli tratti da letteratura, l'alimentazione ha un ruolo chiave nella prevenzione anche delle malattie oculari. Le vitamine dunque, insieme ad altri nutrienti, sono efficaci protettori degli occhi.  La base per una...

Euphrasia elemento naturale per curare gli occhi

 Euphrasia Officinalis: elemento naturale e olio essenziale I composti botanici e gli estratti dalle piante possono essere utili in alcune patologie oculari come cataratta, diabete, congiuntiviti, maculopatia, blefariti, occhio secco.  In questa pagina parleremo della Euphrasia e dei sui effetti...

Blefariti e calazi: rimedi cure e terapie naturali

 Rimedi per blefariti, orzaiolo, calaziosiTerapie e cure Questo articolo completa (ed è quindi la continuazione e la seconda parte in tema blefariti)   quanto scritto su origine e cause di calazi, blefariti e terapie, che trovate in questa pagina a cui rimandiamo. Ne consigliamo la lettura per...

Probiotici Lactobacillus e Allergie

Probiotici cosa sono In questo articolo parleremo di probiotici e della loro utilità anche per gli occhi, in particolare nelle allergie oculari. Il termine probiotico è stato introdotto da Lilly e Stillwell nel 1965 come agente che conferisce benefici per la salute esistenti nel latte...

Autosiero (collirio con siero autologo)

L'autosiero contro l'occhio seccosiero autologo e siero eterologo collirio   In questo articolo parleremo dell'autosiero (o siero collirio autologo), un derivato del sangue (emocomponente) molto utile per la terapia di alcune condizioni patologiche della superficie oculare.Il siero autologo,...

Presbiopia, esperidina e antiossidanti

 Curare la presbiopia con l'alimentazione E' possibile rallentare la presbiopia?   La presbiopia è un difetto di vista che impedisce la visione per vicino e colpisce i soggetti dopo i 40 anni. E' piuttosto fastidioso nella vita di questo periodo storico a causa della continua necessità delle...

visita ortottica e traning ortottico

Visita ortottica a cosa serve e come si esegue La valutazione ortottica riveste un ruolo fondamentale nello studio dei muscoli oculari e dell’equilibrio visivo sia nel bambino che nell’adulto. Proprio per questo il si consiglia questo tipo di esame assolutamente non invasivo ogni volta che...

Perché i bambini sbattono sempre gli occhi

bimbo ammicca spesso e strizza gli occhi Cos'è l'ammiccamento In questo articolo parleremo dei bimbi che sbattono continuamente le palpebre e delle cause che possono portare a questi disturbi. Uno dei motivi di visita più frequente per cui i genitori portano a visitare i bambini, almeno negli...

Occhio secco da disfunzione ghiandole meibomio

Occhio secco e disfunzione ghiandole di Meibomio L'occhio secco è una alterazione cronica della superficie oculare e risulta essere una condizione patologica frequente che colpisce milioni di persone. Si tratta fondamentalmente di una congiuntivite cronica che autoalimenta un deficit lacrimale,...

Dott. Alberto Lanfernini – Oculista
Faenza – Ravenna

Dot. Lanfernini Alberto

Dott.ssa Annalisa Moscariello – Oculista
Ravenna – Faenza 

Dott.ssa Annalisa Moscariello Oculista