Occhio secco e vitamina D

L’occhio secco, una malattia multifattoriale descritta a fondo QUI, risponde, oltre che alle terapie locali con colliri a base di cortisonici, antinfiammatori, autosiero, ciclosporina e lacrime artificiali, anche all’alimentazione; in altri articoli, abbiamo già affrontato più volte questi temi. Dopo aver parlato della Vitamina B e degli effetti sull’occhio secco specialmente sul dolore neuropatico, vediamo oggi qualche studio in letteratura riguardo vitamina D e occhio secco. In altra pagina abbiamo visto l’associazione tra occhio secco e osteoporosi (clicca qui per leggere l’articolo).

Occhio secco e Vitamine

Come più volte affermato e dimostrato, le vitamine, insieme ad altri nutrienti, sono efficaci protettori degli occhi. L’occhio secco in particolare risponde all’alimentazione corretta, alla integrazione di alimenti naturali e di vitamine. La base per una condizione generale di salute di tutto l’organismo sembra essere sempre l’alimentazione, anche tramite l’influenza che essa ha sul microbiota intestinale, come abbiamo discusso qui. DI Vitamina D e occhi in generale abbiamo già parlato in altra pagina (qui).

Vitamina D

La vitamina D, liposolubile, viene sintetizzata per lo più dal nostro organismo  attraverso l’assorbimento dei raggi solari durante l’esposizione della pelle. La vitamina D ottenuta dall’esposizione solare o attraverso la dieta è presente in una forma biologicamente non attiva e deve subire trasformazioni per essere trasformata nella forma biologicamente attiva, il calcitrioloE’ un fondamentale regolatore del metabolismo del calcio e modula la calcificazione delle ossa. Ci sono due forme di vitamina D principalmente: l’ergocalciferolo (D2) di provenienza vegetale, e il colecalciferolo (D3), sintetizzato dagli animali. Essa ha numerosissimi effetti sull’organismo: ne citeremo soltanto alcuni per forza di cose, non essendo argomento di questo articolo. La carenza di Vitamina D, come è noto, può portare a osteoporosi (qui parliamo di occhio secco e legame con l’osteoporosi), e, forse meno noto, pare associata anche alla depressione (se come causa o conseguenza non è noto) (1). Le meta-analisi, invece, di studi randomizzati hanno dimostrato che i marker di rischio di malattie cardiovascolari, come parametri lipidici, marker di infiammazione, pressione sanguigna e rigidità arteriosa, non sono in gran parte influenzati dalla supplementazione di vitamina D (2).

Vitamina D e infezioni

Nel complesso,  i dati suggeriscono che i livelli della vitamina D sono correlati alla sensibilità alle infezioni e alle malattie autoimmuni, mentre il rischio di malattie atopiche è meno evidente (3). Un legame tra il sistema endocrino della vitamina D e il sistema immunitario è altamente plausibile; i dati accumulati fino ad oggi indicano che un basso stato di vitamina D aumenta il rischio di infezioni delle vie respiratorie superiori e che la carenza di vitamina D durante i primi anni di vita predispone il sistema immunitario a un rischio successivo più elevato di malattie autoimmuni o allergie. (3). I metaboliti della vitamina D sono più di 50 e i dati sono tantissimi! (3). E’ in corso quindi un dibattito sul fatto che la vitamina D debba essere trattata solo come integratore, come profilassi o come terapia di numerose malattie, cancro compreso. (4)

Vitamina D e occhi

Poiché esistono vari studi che associano occhio secco e carenza di vitamina D, ultimamente questo aspetto è in via di profonda valutazione (7). Un recente studio (5) sull’occhio secco e la vitamina D ha correlato l’associazione tra livelli sierici di Vitamina D e i sintomi di occhio secco. I partecipanti sono stati sottoposti a integrazione di vitamina D per 2 mesi e valutati con i test lacrimali (shirmer, but, altezza menisco, fluorescina, staining corneale, eccetera) e l’ocular surface index. Sono stati, inoltre, raccolti campioni di sangue per l’analisi sierica della vitamina D e per i livelli di interleuchina-6 (IL-6). Questa interleukina è un marker infiammatorio, come ben descritto nella videopresentazione su disbiosi e malattie oculari in cui si parla anche delle interleukine infiammatorie. Le conclusioni di questo studio sono state che bassi livelli di vitamina D (<50 nmol / l) sono stati associati ai sintomi dell’occhio secco negli individui più anziani ma non in quelli con diagnosi di occhio secco. L’integratore di vitamina D ha aumentato i livelli di vitamina D e migliorato i sintomi dell’occhio secco, la qualità delle lacrime e le condizioni della superficie oculare.

Vitamina D e lacrime artificiali

Un altro studio del 2019 (6) ha dimostrato che l’effetto di  lacrime artificiali topiche dipendeva dai livelli sierici di 25HD (idrossivitamina D). L’integrazione di colecalciferolo ha migliorato l’efficacia del trattamento topico e, quindi, potrebbe essere un’utile terapia adiuvante per i pazienti con sindrome da occhio secco refrattaria ai lubrificanti topici somministrati isolatamente.

Ciclosporina occhio secco e vitamina D

Tra i trattamenti dell’occhio secco ricordiamo l’autosiero (clicca QUI) la ciclosporina in collirio ( descritta in questo articolo, QUI). Ricordiamo soltanto che la ciclosporina-A (CsA) 0,05% è un composto immunomodulatore topico con proprietà antinfiammatorie benefiche nel trattamento dell’occhio secco a causa dei suoi effetti sull’infiammazione subcongiuntivale e delle ghiandole lacrimali, con conseguente aumento della produzione lacrimale e congiuntivale densità delle cellule caliciformi.

Uno studio del 2020 ha valutato l’associazione tra ciclosporina 0,05% somministrata in collirio insieme a lacrime artificiali unitamente alla integrazione di vitamina D, 2000 UI di vitamina D attraverso spray orale una volta al giorno per 3 mesi. Il risultato di questo studio è che l’associazione tra colliri e integrazione di vitamina D ha migliorato notevolmente il quadro clinico e la sintomatologia rispetto alla somministrazione di colliri soltanto. Gli autori quindi suggeriscono di integrare, tramite spray, la vitamina D in pazienti con occhio secco carenti di vitamina D. Del resto, un altro studio del 2020 (8) pare aver trovato una correlazione tra la deficienza di livello sierico di 25(OH)D3 e gravità dei sintomi dell’occhio secco in pazienti con s. di Sjogren.

occhio secco, radioiodio e vitamina D


In ultimo segnaliamo  questo studio (9), dove si è dimostrato che dopo la terapia con radioiodio, la somministrazione di Vitamina D ha ridotto notevolmente i danni infiammatori, dimostrando proprietà antiinfiammatorie, antiossidanti e radioprotettive importanti, su valutazioni istopatologiche, citochiniche tissutali sui livelli di antiossidanti. Per cui chi si deve sottoporre a queste terapie dovrebbe pensare di integrare questa vitamina.

Alimentazione e salute degli occhi

Benché tutto questo dimostri effetti importanti della Vitamina D sull’occhio secco, non bisogna infine dimenticare l’effetto protettivo della dieta, come discusso ampiamente in questo articolo.  L’alimentazione sana e bilanciata è fondamentale, anche al fine di evitare di infiammare l’intestino, per non creare squilibri immunitari originati dal microbiota intestinale (QUI).

Occhio secco e integrazione vitamina D

Dai numerosi studi presenti in letteratura, ne abbiamo qui riportati alcuni, è evidente come la Vitamina D sia importante anche per gli occhi. Con l’oculista e il medico di base può esserne utile valutare l’integrazione, almeno periodica, per evitare fenomeni di tossicità da dosi elevate, come nausea, diarrea, calcificazione dei tessuti molli (sopra i 100ng/ml, e in letteratura descritti per dosi superiori a 40.000 unità giornaliere).
Non dimentichiamo anche le altre vitamine ovviamente, come scritto in altre pagine di questo sito, per questo insistiamo sempre sulla corretta e bilanciata alimentazione, ricca anche di antiossidanti naturali.

Principali fonti di vitamina D per occhio secco

Come sempre ricordiamo che non è compito dell’oculista fare il nutrizionista o dietologo; lasciamo a ognuno il suo. Possiamo certo dare qualche consiglio di massima, che, specialmente nei casi di gravità moderata/grave, non sostituisce un consulto di un professionista esperto in materia. In linea di massima ricordiamo qui che la vitamina D è presente in alimenti di origine animale, come trota e salmone, sgombro, pesce spada, aringhe, tonno, tuorlo d’uovo, latte. Tra i vegetali ricordiamo i funghi. L’olio di fegato di merluzzo, infine, è una fonte storica di Vitamina D, insieme a vitamina A, ma non ha proprio un buon sapore.
Consoliamoci, però, che anche il cacao e il cioccolato (specialmente fondente) sono ottime fonti di vitamina D. Considerando che il cacao contiene anche il Resveratrolo, di cui abbiamo parlato, potremmo concludere che un bel cioccolatino ogni tanto fa bene non solo all’umore (ma occhio alle blefariti da cioccolato!).

 Vitamina D quanta ne serve e in che alimenti si trova. Tabella vitamina D

E’ importante sfruttare tutte le fondi di vitamina D. La luce solare contribuisce circa all’80% del fabbisogno, il resto viene assunto con la dieta. Se la disponibilità comunque è insufficiente, sono utili gli integratori.

Alimento Quantità cibo grammi Quantità vitamina D microgr
salmone e trota salmonata 100 11/16
pesce spada 100 14
sgombro 100 13,8
aringa sardine 100 4,5
uova 2 uova 2
tonno 100 1,7
latte 100 1,3
funghi 100 0,4
cioccolato fondente 100 2-5,5

 

 

Riferimenti bibliografici

(1) https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31826364/

(2) https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31519560/

(3) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6626501/

(4) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6337085/

(5) https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/28919183/

(6) https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30531497/

(7) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7508137/

(8) https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31868853/

(9) https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30003810/

Microbiota e occhi – XII Congresso Aimo Oculisti Roma

 Microbiota intestinale e occhio Congresso AIMO Associazione Italiana Medici OculistiSessione Microbiota umano: la nuova frontiera della medicina Roma 30 settembre - 2 ottobre 2021 Anche quest’anno si è svolto il congresso AIMO (Associazione Italiana Medici Oculisti) a Roma dal 30 settembre,...

Presbiopia, esperidina e antiossidanti

 Curare la presbiopia con l'alimentazione E' possibile rallentare la presbiopia?   La presbiopia è un difetto di vista che impedisce la visione per vicino e colpisce i soggetti dopo i 40 anni. E' piuttosto fastidioso nella vita di questo periodo storico a causa della continua necessità delle...

Microbiota e malattie degli occhi

 Microbiota intestinale e occhio Come e perchè il microbiota intestinale è correlato alle malattie oculari e allo stato di salute dei nostri occhi Riporto l'articolo pubblicato sul numero 1.2021 di Viscochirurgia (rivista italiana di Oftalmologia a cura di Fabiano Editore, responsabile dott....

Microbiota e occhio: articoli giornali e siti

Microbiota e occhi L'idea che i batteri intestinali che vivono in costante simbiosi con noi (microbiota intestinale) possano influenzare lo stato di salute dell'organismo in generale si sta diffondendo anche tra gli oftalmologi. Si affacciano finalmente in alcune riviste specialistiche dedicate a...

Mirtillo e occhi

Mirtillo e occhi Dopo avere parlato di altri numerosi rimedi naturali benefici per gli occhi, scriviamo ora del mirtillo, noto elemento che spesso viene associato agli occhi anche nella cultura popolare da tempo. I composti botanici e gli estratti dalle piante è noto che possano essere utili in...

Vitamina C: antiossidante per gli occhi

  Vitamina C - potente antiossidanteCataratta, glaucomacornea - trabecolato - cristallino Proseguiamo i nostri articoli sulle vitamine  per gli occhi e, dopo aver accennato alla Vitamina D e alla Vitamina B e dei loro effetti su occhi secchi e dolore oculare, scriviamo oggi della vitamina C, per...

Probiotici e occhi: retinopatia diabetica

Questo articolo  fa parte di una serie che riguarda prebiotici, probiotici e occhio, che trovate cliccando qui Probiotici cosa sono I probiotici sono microrganismi viventi non patogeni, che possono portare beneficio all'ospite se somministrati con continuità. Generalmente, le specie probiotiche...

Vitamina D e salute degli occhi

Vitamina D e salute degli occhi Come più volte affermato in questo sito, con articoli tratti da letteratura, l'alimentazione ha un ruolo chiave nella prevenzione anche delle malattie oculari. Le vitamine dunque, insieme ad altri nutrienti, sono efficaci protettori degli occhi.  La base per una...

Luce blu e occhi: display, monitor, PC, telefonini e LED

Luce blu, telefonini, display, PC, led e occhi La luce  blu è una particolare lunghezza d'onda dello spettro luminoso compresa tra 415 nm e 455 nm. L'esposizione a questa radiazione avviene all'aperto ma anche durante l'applicazione ai display nelle attività lavorative e non. Pare che questa...

Probiotici, luce blu, pc, telefonini e occhi

 Questo articolo  fa parte di una serie che riguarda prebiotici, probiotici e occhio, che trovate cliccando qui Probiotici cosa sono Le specie probiotiche principali appartengono ai generi Lactobacillus e Bifidobacterium ma anche ad altri ceppi di altri batteri lattici,...

Proteoma lacrimale in rinocongiuntivite allergica

Rinocongiuntivite allergica e proteoma Mebabolomica congiuntiviti allergiche La metabolomica  studia le impronte chimiche dei processi dei sistemi biologici. In altri articoli abbiamo affrontato questi temi. Abbiamo infatti parlato di  metabolomica e disfunzione ghiandole Meibomio in occhio secco...

Inquinamento e infiammazioni oculari

  Inquinamento e infiammazioni oculari L'inquinamento atmosferico è un grande problema e costituisce una crescente preoccupazione globale. Sono chiare le correlazioni tra numerose malattie e inquinamento dell'acqua, dell'aria, del suolo, ma anche acustico e luminoso. Tra gli organi bersaglio...

Ambienti domestici, uffici, inquinamento e occhi

Inquinamento e infiammazioni oculari Nell'articolo precedente (link qui) abbiamo visto come l'inquinamento atmosferico sia composto da agenti particolati organici, inorganici  e gas nocivi. Tutti i fattori inoltre ambientali, quali temperatura, esposizione luce UV, umidità e ventilazione hanno la...

Dermatiti intorno agli occhi e alimentazione

Dermatiti occhi e alimenti Visto l'interesse degli utenti del sito in tema di allergie, alimenti e dermatiti, pubblichiamo un altro articolo scritto insieme alla Dottoressa Emanuela Fogli, dopo quello inerente le dermatiti da contatto e aeromediate (link), e le blefariti associate a rosacea...

Nutrizione e salute degli occhi: stress ossidativo

 Dieta e salute degli occhila nutrizione e la sua influenza per le malattie oculari La letteratura medica contiene vari articoli su nutrizione e occhi poiché la dieta può influenzare numerose condizioni lesive della capacità visiva, come la cataratta, la degenerazione maculare, il glaucoma, le...

Pappa reale e Polline: rimedi naturali per l’occhio secco

 Pappa reale cura naturale per occhio secco  Questo articolo è tratto e rielaborato da un lavoro pubblicato (link in fondo a questa pagina), e non ha finalità commerciali nè di lucro, ma solo divulgativo/scientifiche. L'occhio secco, è una malattia multifattoriale che segua la compromissione della...

VItamina B e dolore occhio secco

Vitamina B e dolore oculare L'occhio secco  è una malattia multifattoriale della superficie oculare, caratterizzata dalla perdita dell'omeostasi del film lacrimale, con conseguenti sintomi dovuti alla sua instabilità, quali bruciore, senso di corpo estraneo e dolore. Dell'occhio secco e delle sue...

terapie per miopia

Trattamenti e terapie della miopia cosa si può fare per rallentare la miopiafermare la miopia è possibile? Molti pazienti, specialmente i genitori dei bimbi che iniziano a diventare miopi, ci chiedono in visita se ci siano dei modi per rallentare la miopia (qui per leggere sui fattori di rischio...

3-sostanze negli alimenti che provocano occhi rossi e allergie agli occhi

Congiuntiviti da sostanze chimiche degli alimenti  La dieta a basso contenuto e priva di istamina è stata rielaborata in un nuovo articolo del quale consigliamo la lettura, a questo link.Questo articolo fa riferimento ad altri che trovate nella sezione allergie, cliccando qui. Probabilmente vi...

Occhio pigro, ambliopia, e le visite oculistiche pediatriche per i bimbi sotto i 6 anni

visita oculistica prima dei 6 anni per tutti i bambini, anche quelli che non mostrano disturbi     Lo sviluppo degli occhi e la fase di plasticità si concludono entro i 6 anni di età. Per questo motivo è fondamentale sottoporre i bambini alle visite oculistiche già dai primi anni di vita...

Occhiali dopo intervento di cataratta

Quando si possono fare gli occhiali dopo intervento di cataratta Questo articolo fa parte degli articoli inerenti la cataratta e l'intervento, che trovate QUI. Una domanda che molti pazienti ci fanno nei nostri ambulatori oculistici di Faenza e Ravenna è dopo quanto tempo dall'intervento di...

occhio secco e microbioma oculare

occhio secco e microbioma oculare Vi sono evidenze che il microbiota oculare (la comunità di microbi  che risiedono nella superficie oculare) e intestinale possano influenzare la comparsa dell'occhio secco. E' importante comprendere questi fattori per potere espandere le possibilità terapeutiche....

Stenosi e ostruzione vie lacrimali

ostruzione e stenosi vie lacrimali Le vie lacrimali sono dei piccoli canalini deputati al drenaggio delle lacrime. Una volta infatti prodotte dalle ghiandole lacrimali, principale e accessorie, le lacrime, dopo avere eseguito le loro funzioni, vengono allontanate dalla superficie oculare...

Dott. Alberto Lanfernini – Oculista
Faenza – Ravenna – Riolo Terme – Pesaro

Dot. Lanfernini Alberto

Dott.ssa Annalisa Moscariello – Oculista
Ravenna – Faenza – Pesaro

Dott.ssa Annalisa Moscariello Oculista