Prevenzione in familarità per glaucoma

 

Il glaucoma, è noto, è una malattia silenziosa e spesso asintomatica. Il soggetto che si ammala non ha sintomi all’inizio e, quando si accorge di un calo visivo, il danno oramai è ampiamente irrimediabile.  Questo avviene perché il danno del glaucoma compromette il campo visivo periferico, mentre la parte centrale della vista è conservata. Per cui, il “novello ammalato” pensa di essere perfettamente sano, non pensando invece che un tarlo infido sta rodendo il suo nervo ottico.

ho un parente con glaucoma
familiarità

Nel caso di familiarità per glaucoma bisogna sottoporsi a visita oculistica periodica, al fine di valutare se l’occhio si stia ammalando. Come detto, la capacità visiva centrale è l’ultima a essere compromessa, per cui la prevenzione è fondamentale, per cui il fatto di vedere bene non esclude di essere malati. Ricordiamo inoltre che se i familiari non sono una scelta, con le loro tendenze genetiche, possiamo agire sui nostri comportamenti, riducendo, per esempio, il fumo, e facendo costante attività fisica, entrambi fattori protettivi nei confronti di molte patologie, tra cui il glaucoma.

la misura della pressione oculare non è sufficiente per escludere il glaucoma

Spesso, ahimè, sentiamo dire dai pazienti che hanno misurato la pressione oculare, per esempio dall’ottico o in farmacia. E’ bene specificare che queste misure sono del tutto inutili. In primis, gli strumenti non hanno spesso la precisione adeguata, dando dei frequenti falsi positivi. Ma soprattutto perché un valore basso di pressione oculare non dà certezza di essere sani.

perché si può avere il glaucoma anche con tono oculare basso

Innanzitutto è bene dire che ci sono persone che hanno un danno glaucomatoso nonostante la pressione sia bassa; questa condizione è chiamata glaucoma a bassa tensione. Inoltre, ben più frequente, la pressione oculare non è stabile durante il giorno. Potrebbe accadere, infatti, che di giorno, all’orario della misura, la pressione sia normale, ma ciò non esclude eventuali picchi in altri momenti, ad esempio di notte durante la posizione clinostatica (per modifiche nel deflusso venoso). In ultimo, alcune misure restituiscono misure basse, quando in realtà il tono è, per l’occhio in questione, troppo elevato comunque.

come essere sicuri di non avere il glaucoma

Una visita oculistica (oculista medico, non l’ottico che non è un medico) è l’unico modo che abbiamo per escludere la presenza di glaucoma. Oltre infatti alla misura della pressione, vengono analizzati i fattori predisponenti generali, come farmaci e familiarità, fumo e condizioni cardiocircolatorie, e locali. In particolare si analizzano l’angolo iridocorneale, lo stato del cristallino (che se catarattoso può emettere un materiale furfuraceo che induce ipertono, condizione detta cataratta con PEX), la pigmentazione delle strutture di deflusso, la camera anteriore oculare, il posizionamento dell’iride e del cristallino, il forame pupillare. La partita si gioca, oltre che su queste strutture, anche sull’analisi della testa del nervo ottico. Questo è l’organo bersaglio del glaucoma, per cui si modifica in caso di progressione della malattia.

esami da fare per la prevenzione del glaucoma

Gli esami da eseguire, oltre alla visita oculistica con misura della pressione e analisi globale dell’occhio, sono l’oct del nervo e il campo visivo. In alcuni casi utile anche la pachimetria.

L’oct permette di valutare, oltre che la retina, lo stato anatomico del nervo ottico. Attualmente la strumentazione consente di vedere alterazioni nell’ordine della perdita del 2-10% delle fibre del nervo. Una analisi seriale nel tempo, con lo stesso macchinario (presente per esempio a San Pier Damiano Hospital Faenza, e Osp. San Francesco Ravenna), restituisce curve di progressione molto significative, su cui basare la decisione terapeutica. L’oct si altera prima del campo visivo e può essere usato anche per visualizzare l’angolo irido-corneale.
Il campo visivo è l’esame funzionale delle vie ottiche. Esame noiosetto, permette di vedere il danno periferico normalmente non percepito dal paziente, almeno nelle fasi iniziali. L’alterazione del CV avviane quando il 30% delle fibre è lesionate, e il recupero del danno è possibile solo in minima parte. E’ necessario quindi  completare sempre il CV con OCT.
La pachimetria è un esame che misura lo spessore corneale. Pare che cornee molto spesse determinino errori di misurazione, così come cornee molto sottili. Questa correzione del bias è a carico dell’oculista. Alcuni OCT permettono di tracciare la mappa pachimetrica della cornea in toto.

prevenzione glaucoma nei familiari dei malati

In sintesi è necessaria una visita ogni 12/36 mesi a seconda dell’età e della intensità della malattia nei familiari. A cadenza periodica l’oculista deciderà che esami fare, a completamento diagnostico. Di certo, la misura della pressione oculare presa ogni tanto, non permette l’esclusione o la conferma della malattia.
Negli Ospedali di Faenza e Ravenna in cui lavoriamo, abbiamo a disposizione tutta la strumentazione per la diagnosi, l’inquadramento e il follow up del glaucoma.

 microbiota intestinale e glaucoma
alimentazione e glaucoma

Recentemente sono emerse evidenze che alterazioni del microbiota concorrono nel danno glaucomatoso. In particolare paiono importanti le parodontopatie e alterazioni del microbiota orale. Per maggiori informazioni leggete questa pagine (clicca qui). Inoltre l’alimentazione equilibrata pare protegga da numerose condizioni patologiche. L’assunzione quindi di antiossidanti con la dieta potrebbe avere effetti protettivi anche sulle malattie oculari. Di tutto questo parliamo in questa sezione (link).

 

 

Asse intestino occhio (terza parte): digiuno, trapianto fecale, probiotici

Microbiota intestinale e occhio Asse intestino occhio La prima e seconda parte di questo articolo si trovano  qui Il digiuno intermittente e le malattie oculari Continuando il riadattamento dell'articolo citato in  calce a questa pagina, liberamente rielaborato a fini divulgativi, arriviamo infine...

Metabolomica occhio secco: lipidomica disfunzione ghiandole di Meibomio

Occhio secco e disfunzione ghiandole di Meibomio Meibomian gland disease Tra le principali cause di occhio secco, abbiamo scritto della disfunzione delle ghiandole di Meibomio (qui il link). Esse paiono correlate alla dislipidemia. Questo studio sulla lipodomica, una branca della metabolomica,...

Vernal Cheratocongiuntivite Cure, rimedi e terapie con ciclosporina

 Keratocongiuntivite Vernal (VKC). Terapie, cure e rimedi possibili La ciclosporina collirio Chi colpisce la vernal keratocongiuntivite? Questo articolo fa seguito a quanto abbiamo già scritto in altra pagina, a cui rimandiamo (link qui) in merito al fatto che la cherato-congiuntivite vernal (VKC)...

occhio secco e microbioma oculare

occhio secco e microbioma oculare Vi sono evidenze che il microbiota oculare (la comunità di microbi  che risiedono nella superficie oculare) e intestinale possano influenzare la comparsa dell'occhio secco. E' importante comprendere questi fattori per potere espandere le possibilità terapeutiche....

Nutrizione e salute degli occhi: stress ossidativo

 Dieta e salute degli occhila nutrizione e la sua influenza per le malattie oculari La letteratura medica contiene vari articoli su nutrizione e occhi poiché la dieta può influenzare numerose condizioni lesive della capacità visiva, come la cataratta, la degenerazione maculare, il glaucoma, le...

Probiotici calazi, occhio, secco e blefariti

Blefariti e calazi: probiotici rimedi naturali efficaci L'integrazione con probiotici può favorire il riequilibrio del microbiota intestinale e  e avere efficacia in problemi oculari quali occhio secco, blefariti e calazi? Come è noto, blefariti, orzaioli e calazi sono spesso legati ad alterazioni...

Occhio secco, diabete mellito e microbiota oculare

microbiota oculare e occhio secco L' occhio secco, quadro patologico molto frequente che affligge milioni di persone nel mondo provocando la spiacevole sensazione di avere costantemente l'occhio asciutto, potrebbe essere valutato anche attraverso le modifiche del microbioma oculare, oltre ai...

Prebiotici cosa sono

Questo articolo  fa parte di una serie che riguarda prebiotici, probiotici e occhio, che trovate cliccando qui Prebiotici cosa sono I prebiotici sono stati definiti una ventina di anni fa come "un ingrediente alimentare non digeribile che influisce positivamente sull'ospite stimolando...
papilla glaucomatosa

Dott. Alberto Lanfernini – Oculista
Faenza – Ravenna – Riolo Terme – Pesaro

Dot. Lanfernini Alberto

Dott.ssa Annalisa Moscariello – Oculista
Ravenna – Faenza – Pesaro

Dott.ssa Annalisa Moscariello Oculista