Immagini di miodesopsie distacco di vitreo e
Corpi mobili vitreali Floaters
immagini all’oct (tomografia a coerenza ottica)

 

 

Questo articolo fa parte della serie di articoli riguardanti il vitreo, le miodesopsie e il distacco di vitreo. In fondo alla pagina trovate il link agli altri articoli

Il corpo vitreo è una struttura trasparente che occupa l’80% del volume interno dell’occhio. Purtroppo con il passare del tempo questa trasparenza viene persa per varie cause e in numerosi articoli abbiamo già parlato di miodesopsie, corpi mobili e distacco di vitreo. I motivi clinici e i fattori favorenti le miodesopsie li trovate  in questa pagina, meno tecnica e più divulgativa (QUI). Invece i fattori predisponenti il distacco di vitreo sono in questo altro articolo (link).

Immagini di miodesopsie e distacco di vitreo
OCT tomografia a coerenza ottica

La comparsa di ombre nel campo visivo, mobili e semitrasparenti (miodesopsie) e i flash luminosi possono indicare la comparsa di distacco di vitreo. Abbiamo dedicato una pagina intera al distacco di vitreo sui segni, sintomi e su cosa fare in caso di sintomi di distacco di vitreo e comparsa di miodesopsie. In questa pagina dunque pubblichiamo alcune immagini ottenute tramite OCT. L’oct, come descritto nella pagina dedicata (link qui), è una moderna tecnica di imaging oculare che, tramite un indolore raggio laser, scansiona la retina. Alcuni modelli di OCT, come quello presente a San Pier Damiano Hospital  di Faenza, permettono, oltre alla scansione retinica, anche l’acquisizione delle immagini dei vasi (angio-oct) senza mezzo di contrasto, e la ricostruzione della superficie di contatto vitreo retinica.

Vitreo anatomia
superficie vitreo retinica
punti di contatto tra vitreo e retina

l corpo vitreo è suddiviso in 3 ampie regioni anatomiche: corteccia vitreale (anteriore e posteriore), vitreo centrale e base vitreale. La corteccia vitrea è una struttura lamellare attaccata all’ILM della retina posteriormente alla base vitrea periferica da una matrice extracellulare “adesiva” costituita da fibronectina, ottica, laminina, eparan solfato e condroitin solfato. Anteriormente, la corteccia vitreale è attaccata al cristallino. Il vitreo è relativamente acellulare con solo un monostrato di fagociti mononucleari, ialociti, situati all’interno della corteccia vitrea posteriore, a circa 50 µm dall’ILM. 

Dove il vitreo si attacca alla retina
Adesione vitreo retinica periferica
adesione vitreale maculare
papilla e vitreo

Il vitreo è attaccato tenacemente alla parte periferica della retina, dove spesso avvengono rotture trattive con pericolo di distacco retinico successivo, e alla zona intorno alla papilla ottica. La membrana ialoidea posteriore è a diretto contatto con la retina e non è distinguibile dalla sua membrana limitante interna (ILM), ed è il punto in cui l’adesione è più lassa. 

Distacco posteriore di vitreo fattori di rischio

Tutto quanto concerne il distacco di vitreo è stato trattato già abbondantemente in altre sezioni: trovate tutto in questa pagina (QUI).

    Immagini OCT di distacco di vitreo
    visualizzazione di floaters e corpi mobili con oct

    Abbiamo infine pensato che fosse utile proporre ai lettori interessati alcune immagini OCT di distacco di vitreo. Le immagini vanno interpretate come segue.
    In alto trovate il vitreo, in basso la retina con il suo normale profilo foveolare (la depressione centrale). Concettualmente è come una immagine di taglio ecografica dell’occhio. La luce è da considerarsi proveniente dall’alto. In basso, quindi, nelle immagini v’è la retina, che riceve la luce proveniente dall’esterno (in alto). Quest’ultima passa nel vitreo, che, se addensato come in molte delle foto proposte, ne altera il passaggio, producendo fenomeni rifrattivi che portano alla percezione di miodesopsie, floaters e visione di corpi mobili.
    Crediamo che vedere queste immagini, che non abbiamo trovato in altri siti, sia importante per i pazienti al fine di capire l’origine del loro disturbo. Noi spesso proponiamo l’OCT nel distacco di vitreo. Esso serve per valutare alterazioni centrali (che possono portare a fori maculari, cellophane maculare, puker maculare) e per ottenere una visualizzazione che da un lato è utile  al medico per rendersi conto della entità del fenomeno, e da un lato permette  al paziente di capire, visualizzare ed elaborare la condizione (che, ripetiamo, per quanto fastidiosa, il più delle  volte non ha conseguenze drammatiche). Non ha comunque utilità terapeutica (salvo appunto nei casi descritti sopra per valutare eventuali trazioni centrali).
    Cliccando sulle immagini si ingrandiranno.

    Qui trovate invece le Immagini delle cataratte (link).

     

    Occhiali dopo intervento di cataratta

    Quando si possono fare gli occhiali dopo intervento di cataratta Questo articolo fa parte degli articoli inerenti la cataratta e l'intervento, che trovate QUI. Una domanda che molti pazienti ci fanno nei nostri ambulatori oculistici di Faenza e Ravenna è dopo quanto tempo dall'intervento di...

    Lenti a contatto microbiota oculare

    le lenti a contatto alterano il microbiota oculare Il microbiota è la comunità di batteri che vive in un luogo. Anche la superficie oculare ha un suo proprio microbiota, che deve rimanere in equilibrio con il sistema immunitario dell'organismo. Numerosi sono gli stimoli che possono influenzare la...

    Dolore e occhio rosso dopo intervento di cataratta: cause e cure

       Occhio secco e occhio rosso dopo intervento di catarattail dolore  e la congiuntivite dopo l'intervento di cataratta Questo articolo fa seguito al precedente di inquadramento delle cause dell'occhio secco che trovate in questa pagina cliccando QUI. Consigliamo di leggerlo prima di questo....

    Prevenzione degenerazione maculare senile

    Prevenzione maculopatie I familiari di chi ha la degenerazione maculare come possono evitare di ammalarsi?Prevenzione della degenerazione maculare La degenerazione maculare, o maculopatia senile, è una patologia tipica deli anziani. Colpisce la retina centrale, nella parte detta macula, e può...

    cataratta giorno dell’intervento

    Come si svolge l'intervento di cataratta   cosa succede il giorno dell'intervento di cataratta Dopo aver letto cosa fare nei giorni precedenti  l'intervento di cataratta, e prima di leggere le norme di comportamento da tenere i giorni successivi, crediamo sia importante raccontare a grandi...

    Immagini OCT di miodesopsie, corpi mobili, distacco vitreo

    Immagini di miodesopsie distacco di vitreo eCorpi mobili vitreali Floatersimmagini all'oct (tomografia a coerenza ottica)     Questo articolo fa parte della serie di articoli riguardanti il vitreo, le miodesopsie e il distacco di vitreo. In fondo alla pagina trovate il link agli altri...

    come si usano i colliri (anche nei bimbi)

    Come si usano i colliri Una colpa che spesso abbiamo noi medici, è quella di non essere sufficientemente chiari con i pazienti riguardo alle terapie da eseguire. No, non parlo della scrittura tipicamente medica, visto che a oggi si usano i computer, bensì di come vanno assunti i farmaci. Cosa sono...

    danni agli occhi da fumo di sigaretta: cataratta, glaucoma, maculopatie, occhio secco

    Fumo e patologie oculari E' noto da tempo  che il fumo sia un fattore di rischio maggiore per numerose patologie. Tra queste ricordiamo quelle vascolari, dismetaboliche - come il diabete, tumorali, infiammatorie generali. Questo messaggio è oramai passato, e tutta la popolazione è cosciente dei...

    Dott. Alberto Lanfernini – Oculista
    Faenza – Ravenna – Pesaro

    Dot. Lanfernini Alberto

    Dott.ssa Annalisa Moscariello – Oculista
    Ravenna – Faenza – Pesaro

    Dott.ssa Annalisa Moscariello Oculista