Miele come rimedio naturale per la salute degli occhi

GLi elementi naturali per gli occhi
alimentazione e salute

Abbiamo in altri articoli parlato dei rapporti tra alimenti e congiuntiviti (QUI), disbiosi intestinale e blefarite/calazi (QUI), microbiota intestinale e salute degli occhi (QUI), alimentazione corretta per l’occhio secco (QUI). In questo articolo di oggi affronteremo, dopo aver parlato dell’effetto della propoli sulla cataratta diabetica nei murini, il tema dell’utilità del miele per le malattie oculari, e non solo. Del resto chi ci segue sa bene quanto riteniamo importante l’integrazione alimentare di sostanze naturali e una dieta sana per prevenzione generale e tutela della salute, come trovate scritto in questa pagina (Qui). Questo articolo sul miele non è a fini commerciali né di lucro, ma soltanto divulgativi e scientifici ed è preso da tanti lavori presenti in letteratura medica.  Naturalmente queste sostanze non vanno a sostituire le normali terapie dedicate per le varie malattie oculari, ma possono essere utile coadiuvante.
L’indice delle sostanze botaniche trattate nel sito lo trovate qui.

Miele

Il miele si usa dai tempi di Aristotele come medicina. Esso possiede una serie di attività medicinali tra cui antinfiammatorie, antibatteriche, antimicotiche e cicatrizzanti. Il miele naturale è dunque sostanza dolce e saporita, di alto valore nutritivo e di grande beneficio terapeutico. Questo elemento naturale è prodotto principalmente dalle api dai nettari secreti di vari fiori. Il miele è il dolcificante che è usato da più secoli secondo numerosissime fonti storiche.

Miele serbatoio di sostanze naturali benefiche

È interessante notare che, indipendentemente dalla sua fonte floreale, il miele contiene sostanze fitochimiche, flavonoidi, catalasi, acidi fenolici, acido ascorbico, inibina ricca di antibiotici, tocoferoli e peptidi, e la maggior parte di queste sostanze lavorano in sinergia per fornire i suoi effetti benefici. Le altre sostanze identificate nel miele naturale includono proteine, amminoacidi, enzimi (amilasi, catalasi, invertasi, ossidasi) e vitamine (tra cui niacina, riboflavina e acido pantotenico), nonché minerali (principalmente calcio, rame, ferro, magnesio, manganese, fosforo, potassio e zinco).

Miele e microbiota intestinale

 

Uno studio sui alcune popolazioni indigene ha rivelato un microbioma intestinale molto più diversificato rispetto a quello degli individui dell’Occidente industrializzato. Il miele è abbondante in certi momenti nella dieta e la raccolta e il consumo di miele è associato a cambiamenti nel microbioma intestinale

Miele come probiotico prebiotico antidiabetico

Studi più recenti hanno dimostrato che il miele possiede anche attività antidiabetica ed effetti positivi sulla salute orale. Alcuni degli oligosaccaridi nel miele sono prebiotici. Il miele probiotico (miele arricchito con probiotici) ha avuto un effetto benefico sui segni del metabolismo dell’insulina e sui marcatori dell’infiammazione nei soggetti con nefropatia diabetica. Si è osservata riduzione del colesterolo totale, di proteina C reattiva e di Malondialdeide. Ovviamente i soggetti diabetici devono consultare il proprio medico curante prima di assumere miele, e  verificare che non sia stato adulterato con aggiunta di zuccheri nocivi.

Miele e ematologia

È stato dimostrato che l’uso del miele naturale nell’apiterapia migliora gli effetti anemici, fornendo così soccorso ai pazienti e che l’assunzione giornaliera di miele naturale è associata a diversi effetti benefici sui parametri ematologici e sulle concentrazioni ematiche dei catalizzatori metabolici, enzimi e minerali.  

Miele e denti

L’uso orale di miele grezzo può influenzare positivamente la salute dentale e il benessere orale e sta assumendo importanza durante la chirurgia dentale. Un articolo molto recente indica che l’uso del miele poliflorale asiatico come agente apiterapeutico mitiga il dolore associato all’estrazione del dente e previene le infezioni orali, come gengiviti e carie dentali, nei pazienti sottoposti a trattamento ortodontico. Ha anche effetto anticariogeno. Le sostanze chimiche infatti  includono calcio, fluoro, fosforo e altri costituenti colloidali del miele. In sintesi, il miele è un potente agente analgesico in chirurgia dentale, oltre al suo valore nutraceutico se consumato da individui e / o usato come agente apiterapeutico nella gestione di pazienti con disturbi orali.

Miele e malattie cardiovascolari

Gli effetti sull’apparato cardiovascolare possono essere sintetizzati con l’affermazione ‘cura tutto’ associata alla potenza terapeutica del miele, poiché la ricerca in letteratura mostra la sua influenza positiva come agente apiterapeutico su vari organi e sistemi del corpo, che vanno dai siti metabolici del corpo, al cuore, ai reni, al sangue e al tratto gastrointestinale.

Miele e diabete

Il miele naturale è anche utile come alimento glicemico nel mantenere la concentrazione di zucchero nel sangue. Diversi studi dimostrano che il consumo orale di varietà di miele attenua disturbi metabolici in animali, i pazienti e individui sani suscettibili. A differenza degli zuccheri artificiali, questo dolcificante naturale può essere consumato dai pazienti diabetici con risultati benefici. Pertanto, se i pazienti diabetici consumano un campione di miele adulterato con un massimo del 70% di zuccheri artificiali, le loro condizioni di salute potrebbero peggiorare. Sempre comunque è necessario consultare il medico che segue il diabete prima di assumere il Miele.

Miele e effetti antimicrobici e antiparassitari

l potenziale antimicrobico del miele naturale è l’apiterapia più ampiamente studiata, insieme al suo utilizzo nella gestione delle ferite. La maggior parte dei batteri, virus e funghi sono sensibili al miele medicinale, poiché è un agente antimicrobico ad ampio spettro molto efficace . Alcuni autori ritengono che la formazione di perossido di idrogeno (H2O2), prodotto attraverso l’azione di enzimi, principalmente glucosio ossidasi, nel miele naturale,  accresca la capacità antibatterica del miele. Il miele naturale pere anche di valore terapeutico contro Candida albicans, parassiti di Leishmania, Trichophyton mentagrophytes e virus dell’influenza e della rosolia, nonché altri microbi patogeni. Inoltre, altri studi documentano anche gli effetti antimicotici del miele tanto che Le infezioni fungine cutanee e superficiali, come il piede d’atleta e la tigna, sono sensibili all’apiterapia. Questa sensibilità deriva in parte dall’inibizione della crescita dei funghi ed è in parte dovuta alla prevenzione dell’infezione secondaria da parte di opportunisti come i batteri. Molti microrganismi e parassiti sensibili miele naturale sono stati identificati da diversi ricercatori.

Miele in associazione ad altri composti aumenta le proprietà antimicrobitche

Numerosi lavori in letteratura mostrano che il miele naturale diluito e / o non diluito ha attività antisettiche, antielmintiche e antimicrobiche (antibatteriche, antimicobatteriche, antimicotiche, antiparassitarie, antivirali) se usato da solo; mentre mostra una maggiore potenza antipatogena quando l’apiterapia è combinata con la chemioterapia. 

Miele e bambini

Anche per i bambini il miele pare essere elemento che apporta notevoli benefici. Infatti pare sia stimolante della memoria e della crescita e abbia effetto nella riduzione dell’ansia. E’ possibile che ciò dipenda dall’effetto perbiotico del miele e quindi dalla modulazione del microbiota intestinale. E’ anche lenitiva di dermatiti e, insieme ad altre sostanze, della tosse.

Miele e effetti su tosse, dolori e altri disturbi

Gli altri effetti benefici sulla salute di varietà di miele naturale e pratiche apiterapeutiche includono il trattamento del dolore generale del corpo, dolore toracico, dolore mestruale, affaticamento, vertigini, disturbi postnatali, impotenza maschile e difficoltà respiratoria come tosse, bronchite, faringite, dolori alla gola, e infezioni del tratto urinario.

Miele, effetti sugli occhi

Per uso oculare, da secoli è noto che il miele è  balsamo lenitivo per gli occhio. Il miele ha dimostrato di essere efficace nel trattamento dell’endoftalmite e dell’edema corneale. Una relazione della Lituania nel 2007 ha mostrato un miglioramento della malattia da occhio secco con l’uso di colliri con soluzione di miele al 20%. C’è anche un crescente corpo di lavoro che guarda specificamente al miele di per l’uso nella sindrome di Sjögren e nell’occhio secco con carenza acquosa non Sjögren e nell’occhio secco evaporativo a causa della MGD.

Miele e occhio secco da sofferenza ghiandole di Meibomio (MGD)

Nel 2017 è stato pubblicato uno studio il cui scopo era valutare l’efficacia del miele antibatterico standardizzato di Manuka ( specie Leptospermum ) come trattamento aggiuntivo due volte al giorno alla terapia convenzionale (impacchi caldi, massaggio palpebrale e lubrificante senza conservanti), nei partecipanti con occhio secco evaporativo dovuto alla ghiandola di Meibomio da moderata ad avanzata disfunzione. Benché il prodotto somministrato come collirio abbia provocato rossore e  bruciore temporaneo, c’è stato un miglioramento sintomatologico. Si sono dimostrati anche effetti antibatterici, immunomobulanti e di calo delle metalloporoteinasi lacrimali (indice aspecifico di infiammazione). C’è stata inoltre un miglioramento della secrezione delle ghiandole di Meibomio, riduzione dello staining corneale (indice della epiteliopatia corneale). Sopredentemente, visto che il miele è iperosmolare, si è notato un calo della osmolarità lacrimale (alta osmolarità si associa a occhio secco). Lo studio comunque ha limitazioni e bias intrinseci che vanno considerati.

Miele da secoli benefico per gli occhi
cheratocongiuntivite primaverile

L’uso terapeutico del miele naturale nel trattamento e nella gestione dei disturbi agli occhi è registrato. L’antico uso del miele come sostanza curativa per le malattie degli occhi tagli attraverso le barriere geografiche, e coinvolge persone di Attica, Europa, India, Asia e Africa. In alcune zone del mondo la popolazione indigena continua ancora ad utilizzare il miele floreale come unguento apiterapeutico per curare le malattie degli occhi fino ad oggi. Alcuni studi su pazienti con cheratocongiuntivite primaverile hanno dimostrato benefici del miele se usato per via locale. 

Miele rimedio naturale per blefariti e congiuntiviti

Alcune condizioni tra cui blefarite, congiuntivite e cheratite, hanno mostrato una mancata risposta al trattamenti convenzionali. In qualche studio pare che  la somministrazione topica di diversi tipi di miele, avrebbe portato a una guarigione  sorprendente. L’uso apiterapeutico di varietà di miele nel campo dell’oftalmologia è ampiamente discusso da alcuni autori che hanno documentato l’efficacia del miele nella gestione tradizionale e ortodossa delle infezioni oculari, tra cui blefarite, congiuntivite, cheratite, morbillo e opacità corneale.

Conclusioni sul miele come rimedio naturale per la salute anche degli occhi

In conclusione, possiamo dire che i  vari studi della letteratura, che non riusciamo a citare poiché sono veramente tanti e ricercabili da chiunque, hanno dimostrato che le sostanze antiossidanti del miele, fitochimiche e bioattive producono effetti positivi sui vari organi. Il miele naturale dovrebbe essere la prima scelta e può essere usato come medicina complementare alle tradizionali terapie. Tutte le sostanze presenti nel miele concorrono a produrre i benefici all’organismo, in maniera sinergica. Ovviamente ci vorrebbero molti più studi, ma l’uso millenario è prova che comunque una integrazione quotidiana di miele dovrebbe essere seriamente presa in considerazione da tutti.

 

 

 

Metabolomica occhio secco: lipidomica disfunzione ghiandole di Meibomio

Occhio secco e disfunzione ghiandole di Meibomio Meibomian gland disease Tra le principali cause di occhio secco, abbiamo scritto della disfunzione delle ghiandole di Meibomio (qui il link). Esse paiono correlate alla dislipidemia. Questo studio sulla lipodomica, una branca della metabolomica,...

Alimentazione microbiota intestinale e salute degli occhi

 ALimentazione, elementi naturali, probiotici, prebiotici, botanica, vitamine e occhio La nostra filosofia medica si poggia su evidenze scientifiche, riportate ampiamente in questo sito nella sezione "alimentazione, microbiota intestinale e occhio", che la prevenzione tramite un corretto stile di...

Artemisia e assenzio rimedi naturali per gli occhi

 Artemisia e assenzio I composti botanici e gli estratti dalle piante sappiamo che possono essere utili in alcune patologie oculari come cataratta, diabete, congiuntiviti, blefariti, occhio secco.  In questa pagina parleremo della Artemisia o  Assenzio maggiore e dei suoi dimostrati effetti...

Resveratrolo, vino, cacao, pistacchi e occhi

Resveratrolo, polifenoli, vino e cacao Proseguono i nostri articoli per la sezione botanica, elementi naturali, vitamine e occhi.  Oggi scriveremo del Resveratrolo. Molte sostanze naturali, come detto, hanno potenti azioni antinfiammatorie e antiossidanti, che potrebbero essere utili se assunte e...

Blefariti, orzaioli e calazi cura e prevenzione

Rimedi per blefariti, orzaiolo, calaziosi Cura e prevenzione In questo articolo parleremo di blefariti, calazi, delle loro cause e del particolare legame che hanno con l'intestino. I calazi e le blefariti, infatti, hanno spesso come causa scatenante problemi intestinali a carico del...

Occhi rossi nei bambini

 Occhi rossi nei bambini cause, rimedi e terapie  Occhi rossi perché vengono Uno dei principali motivi di visita nei nostri ambulatori oculistici di Faenza e Ravenna, dedicati anche alla oculistica pediatrica,  è la presenza di occhi rossi nei bambini (qui il link a come si svolgono le visite...

Occhio pigro, ambliopia, e le visite oculistiche pediatriche per i bimbi sotto i 6 anni

visita oculistica prima dei 6 anni per tutti i bambini, anche quelli che non mostrano disturbi     Lo sviluppo degli occhi e la fase di plasticità si concludono entro i 6 anni di età. Per questo motivo è fondamentale sottoporre i bambini alle visite oculistiche già dai primi anni di vita...

Luteina e Zeaxantina: cure naturali per occhi e macula

Luetina e Zeaxastina I composti botanici e gli estratti dalle piante sappiamo che possono essere utili in alcune patologie oculari come cataratta, diabete, congiuntiviti, blefariti, occhio secco.  Questa pagina, dunque, parlerà di un paio di elementi naturali che hanno proprietà benefiche per gli...

Visita oculistica pediatrica bambini

 Visita oculistica completa pedaitraica per bambiniAmbulatori oculistici Faenza Ravenna In questa pagina i principali aspetti relativi alle visite oculistiche pediatriche. La visita oculistica pediatrica è la visita dedicata ai bambini e viene eseguita con tutti strumenti adeguati e permette di...

Blefariti e calazi: rimedi cure e terapie naturali

Rimedi per blefariti, orzaiolo, calaziosi Terapie e cure Questo articolo completa (ed è quindi la continuazione e la seconda parte in tema blefariti)   quanto scritto su origine e cause di calazi, blefariti e terapie, che trovate in questa pagina a cui rimandiamo. Ne consigliamo la lettura per...

Luce blu e occhi: display, monitor, PC, telefonini e LED

Luce blu, telefonini, display, PC, led e occhi La luce  blu è una particolare lunghezza d'onda dello spettro luminoso compresa tra 415 nm e 455 nm. L'esposizione a questa radiazione avviene all'aperto ma anche durante l'applicazione ai display nelle attività lavorative e non. Pare che questa...

Metabolomica occhio secco: i probiotici modificano il proteoma della ghiandola lacrimale

Metabolomica dell'occhio secco La superficie oculare, un'interfaccia tra l'occhio e l'ambiente, è costituita dalla cornea, dalla congiuntiva bulbare e palpebrale e dalle ghiandole lacrimali e di Meibomio. Spesso vittima di alterazioni infiammatorie e degenerative, può essere responsabile di...

Vitamina D per occhio secco

 Occhio secco e vitamina D L'occhio secco, una malattia multifattoriale descritta a fondo QUI, risponde, oltre che alle terapie locali con colliri a base di cortisonici, antinfiammatori, autosiero, ciclosporina e lacrime artificiali, anche all'alimentazione; in altri articoli, abbiamo già...

Perchè la disbiosi porta a malattie degli occhi

Microbiota intestinale e occhi Come avrete visto uno dei pilastri del nostro vedere la medicina e l'oftalmologia è la visione che pone al centro lo stile di vita e l'alimentazione. Le sezioni infatti importanti di questo sito, che si propone una informazione oftalmologica multidisciplinare e...

Microbiota intestinale, disbiosi e malattie dell’occhio (glaucoma, occhio secco, blefariti, uveiti,diabete, degenerazione maculare)

Il microbiota intestinale e gli occhi Questo articolo è tratto da un articolo pubblicato in letteratura medica (link in calce a questa pagina) e soltanto ha finalità divulgative/scientifiche e informative in tema di oftalmologia. Un nuovo e più esteso articolo per medici e oculisti l'ho scritto...

4-istamina e alimenti da evitare nelle allergie agli occhi (congiuntiviti allergiche e alimenti da non mangiare)

Allergie agli occhi e alimenti- sintomi e cure Prima di leggere questo articolo consigliamo la lettura della pagina relativa all'inquadramento generale delle allergie oculari, che trovate in questo link. La dieta a basso contenuto e priva di istamina è stata rielaborata in un nuovo articolo del...

Nutrizione e salute degli occhi: stress ossidativo

 Dieta e salute degli occhila nutrizione e la sua influenza per le malattie oculari La letteratura medica contiene vari articoli su nutrizione e occhi poiché la dieta può influenzare numerose condizioni lesive della capacità visiva, come la cataratta, la degenerazione maculare, il glaucoma, le...

reazioni allergiche crociate tra alimenti e inalanti mese per mese

REAZIONI ALLERGICHE OCCHI CROCIATE TRA ALIMENTI E INALANTI MESE PER MESE Prima di leggere questo articolo consigliamo la lettura della pagina relativa all'inquadramento generale delle allergie oculari, che trovate in questo link.Chi è allergico a polveri, pollini, animali e altri fattori può...

Vernal Cheratocongiuntivite Cure, rimedi e terapie con ciclosporina

 Keratocongiuntivite Vernal (VKC). Terapie, cure e rimedi possibili La ciclosporina collirio Chi colpisce la vernal keratocongiuntivite? Questo articolo fa seguito a quanto abbiamo già scritto in altra pagina, a cui rimandiamo (link qui) in merito al fatto che la cherato-congiuntivite vernal (VKC)...

occhio secco astenopia e luteina, zeaxantina, ribes nigrum, crisantemo e bacche di goji

Luetina e Zeaxantina Abbiamo più volte scritto in merito all'importanza della alimentazione e di come i composti naturali siano benefici per gli occhi. Presentiamo in questo articolo uno studio che ha migliorato molto l'astenopia, l'affaticamento visivo e i sintomi di occhio secco tramite la...

cosmetici e malattie occhi

rucchi, cosmetici e occhi   Per quanto naturali e ipoallergenici, i cosmetici, essendo applicati direttamente sulla cute in prossimità degli occhi, possono creare comunque problemi di natura infiammatoria oculare. E' necessario quindi un uso corretto dei prodotti viso. Di seguito riportiamo...

Zafferano efficace protettore degli occhi

Zafferano e malattie oculari Come avrete capito leggendo gli articoli di questo sito, la nostra filosofia di terapia tiene molto in considerazione la prevenzione tramite un corretto stile di vita e una alimentazione adeguata. I composti botanici e gli estratti dalle piante è noto che possano...

Cos’è l’occhio secco, perchè viene e come si cura

Occhio secco cause e cure L'occhio secco è una alterazione cronica della superficie oculare e risulta essere una condizione patologica frequente che colpisce milioni di persone. Si tratta fondamentalmente di una congiuntivite cronica che autoalimenta un deficit lacrimale, per cui la superficie...

Dott. Alberto Lanfernini – Oculista
Faenza – Ravenna – Riolo Terme – Pesaro

Dot. Lanfernini Alberto

Dott.ssa Annalisa Moscariello – Oculista
Ravenna – Faenza – Pesaro

Dott.ssa Annalisa Moscariello Oculista