Cos’è la cataratta

L’asportazione della  cataratta è il più frequente intervento in ambito oculistico. Abbiamo quindi pensato di rispondere alle domande inerenti l’intervento di cataratta che ci vengono poste dai pazienti. Altri articoli sulla cataratta, comprensivi di tutte le istruzioni pre-intervento e post-intervento le trovate qui, nella sezione apposita. In questa altra pagina invece trovate foto e immagini di numerosi tipi di cataratta (link). Tutte le info dopo la foto.

Caratta
Intervento di cataratta: facoemulsificazione + impianto di IOL

 

 

 

 

 

cataratta

 

Come viene eseguito l’intervento di cataratta

L’intervento di cataratta è ambulatoriale. Questo significa che il paziente arriva la mattina e esce dall’ospedale in giornata, senza ricovero. L’intervento, infatti, dura circa 20 minuti, viene normalmente fatto in anestesia topica, quindi solo con gocce (senza aghi nè punture). Il paziente dunque rimane sveglio, ma non sente alcun dolore. Si asporta il cristallino catarattaoso e si sostituisce con la lente di silicone. Tutto, del resto, è descritto qui.

Quanti giorni di riposo dopo intervento di cataratta
Convalescenza dopo cataratta

Dopo ogni intervento bisogna affrontare un periodo di riposo, e questo vale anche per l’intervento di cataratta. La variabilità di questo periodo di riposo è variabile, ma indicativamente tra i 10 e 20 giorni a seconda di vari parametri. Ovviamente chi esercita lavori pesanti e in ambienti polverosi deve avere maggiori accortezze di chi fa attività più tranquille.

Cosa si può fare per rallentare la comparsa di cataratta
Collirio per rallentare la cataratta
curare la cataratta senza intervento

La cataratta, essendo quindi un fenomeno degenerativo, potrebbe essere rallentata dall’eliminazione dei fattori di rischio. Sospendere il fumo o le terapie cortisoniche sicuramente  porta effetti benefici per la cataratta. Anche la dieta, se corretta e bilanciata, potrebbe avere influenza sulla evoluzione della cataratta. Assumere vitamine, antiossidanti, ridurre zuccheri raffinati e grassi idrogenati fa certamente bene a tutto l’organismo, cristallino compreso. Purtroppo ad oggi non esistono colliri che curano la cataratta. Pare però che sulla cataratta, specialmente diabetica, un certo effetto lo possa avere la propoli (nei ratti è dimostrato, cliccare QUI per articolo dedicato), insieme altre sostanze naturali (come il resveratrolo), che trovate nella sezione dedicata. Non esiste invece allo stato attuale un collirio che rallenti la progressione della cataratta.

 

Occhiali dopo intervento di cataratta
Quali occhiali protettivi dopo intervento di cataratta

A seguito dell’operazione della cataratta, spesso si resta un po’ abbagliati dalla luce, specialmente per le prime settimane. E’ utile perciò indossare occhiali da sole. Nei primi giorni, inoltre, tali occhiali sono consigliati per proteggere l’occhio anche da polvere e tocchi involontari. Con il passare dei giorni, però, la situazione migliora e il paziente è più libero di gestire l’uso degli occhiali protettivi come crede.

 E’ necessario curare la cataratta?
Quando è necessario operare la cataratta

Ci sono numerose variabili che influiscono sulla decisione se operare o meno la cataratta.  Queste comprendono età, lavoro, disturbi, condizioni generali e oculari, aspettative e altre. E’ necessario pertanto valutare attentamente con il proprio oculista ogni aspetto prima di procedere all’intervento.

Vedi anche il comportamento da tenere prima e dopo l’intervento di cataratta (clicca qui)

 

 

cataratta

 

Cosa non fare dopo operazione cataratta

In estrema sintesi, dopo l’intervento di cataratta è necessario proteggere l’occhio e evitare polvere e sforzi fisici intensi. Inoltre è fondamentale assumere tutti i colliri e i medicinali prescritti. Indicazioni più specifiche sui comportamenti da seguire dopo l’intervento sono in questa pagina (link qui), anche se ogni centro consegna tutto a termine dell’intervento.

Quanto costa un intervento di cataratta
E’ gratuita l’operazione?

Parlando dei costi dell’operazione, è necessario fare dei distinguo. Il SSN passa l’intervento in convenzione con ticket (qualche decina di euro) o gratuito per gli esenti. Chi ha una assicurazione sanitaria,  del resto, potrebbe farlo tramite essa, pagando la franchigia prevista dal proprio contratto. A pagamento invece le tariffe variano da centro a centro e nelle varie zone d’Italia, ma normalmente si va dai 1000 euro ai 4000.

Come pulire gli occhi dopo intervento di cataratta

Con molta delicatezza è possibile pulire l’occhio operato con una garza umida non abrasiva e acqua pulita, stando molto attenti a non spingere sull’occhio per evitare spostamento del cristallino appena inserito.

Cosa fare prima dell’intervento di cataratta

Non ci sono regole particolari. E’ certamente necessario assumere tutti i farmaci normalmente e osservare una dieta leggera il giorno prima. 

Si può andare da soli all’intervento di cataratta

Nonostante questo tipo di intervento non comprenda anestesie generali, è necessario farsi accompagnare e assistere nelle fasi successive per il rientro a casa. In caso di forte difficoltà visiva è consigliabile farsi assistere per qualche giorno nelle attività principali di casa, quali lavare, pulire, cucinare. 

Vedi anche il comportamento da tenere prima e dopo l’intervento di cataratta (clicca qui) 

 

cataratta polare

 

Quando posso guidare dopo l’intervento di cataratta

Guidare comporta movimenti del capo e uno sforzo visivo importante. E’ difficile, pertanto, dare un tempo definito in giorni, ma indicativamente dopo 7/20 giorni, se è tutto nella norma e la visione è buona, si può ricominciare a guidare per brevi tragitti. Il tutto però è da valutare caso per caso essendo troppe le variabili. E’ necessario, perciò, rivolgersi al proprio oculista.

Quando posso cambiare gli occhiali dopo l’intervento di cataratta

Normalmente la stabilizzazione visiva avviene dopo almeno 4 settimane circa, per cui è bene attendere un mese circa prima del rinnovo occhiali. Nel frattempo, se l’occhiale vecchio procura fastidi, si può sostituire la lente con una neutra. Tutte le indicazioni in questa pagina dedicata.

Quali colliri usare dopo l’intervento di cataratta
Devo continuare i vecchi colliri che usavo prima?

Le terapie in collirio prescritte dopo l’intervento di cataratta sono molto variabili, ma normalmente prevedono antiinfiammatori, antibiotici e lacrime artificiali (tutto in colliri). Alcune volte si prescrivono antidolorifici. Le terapie che il soggetto operato stava eseguendo prima vanno usualmente continuate, specialmente quelle per glaucoma, ma il tutto è da concordare con l’oculista che esegue l’intervento.

Come si vede dopo l’intervento di cataratta

Il recupero visivo avviene progrressivamente nei primi giorni. Ovviamente tutto è condizionato dalle patologie concomitanti dell’occhio, esempio maculopatie. La vista dovrebbe essere molto più nitida e chiara già nelle prime giornate, ma se non accade non vuol dire assolutamente che l’intervento non sia andato bene. Nel caso però di un occhio operato e l’altro no vi può essere un poco di confusione con i due occhi aperti; è necessario, pertanto, rivalutare la lente dell’occhiale ed eventualmente penalizzare l’occhio non operato.

Quanto operare il secondo occhio di cataratta?
Quanto tempo deve passare tra la prima e la seconda cataratta?

In generale si attende la guarigione totale del primo occhio prima di procedere all’intervento del secondo. Qualche settimana in genere è sufficiente.

 

Vedi anche il comportamento da tenere prima e dopo l’intervento di cataratta (clicca qui)

 

 

cataratta

 

La cataratta può tornare?

Il cristallino artificiali inserito può opacizzarsi, dando luogo alla cataratta secondaria. Questa condizione si tratta, in linea di massima, se fastidiosa o evolutiva con lo yag laser, come descritto qui. Pertanto una seduta sarà sufficiente a risolvere definitivamente la situazione.

Come va messa la conchiglia sull’occhio

La conchiglia prescritta dopo intervento di cataratta serve a proteggere l’occhio dai traumi. Usata di norma qualche giorno, va applicata delicatamente e fissata alla cute perioculare con un normale cerotto, con mani molto pulite. Anche la sua rimozione, ovviamente, deve essere fatta con molta cura.

Dopo la catarattta vedo male, perchè?
Non vedere bene dopo l’intervento

Le condizioni che influiscono sul recupero visivo sono numerose. In particolare maculopatie, degenerazione maculare, glaucoma possono essere responsabili del mancato recupero, totale o parziale. A volte invece condizioni infiammatorie post chirurgiche, come l’edema maculare post cataratta o una infiammazione temporanea della cornea, possono essere la principale causa. Spesso però l’oculista è in grado di trattare queste condizioni. E’ certo utile, pertanto, contattare l’oculista in caso di problemi o dubbi.

In generale si attende la guarigione totale del primo occhio prima di procedere all’intervento del secondo. Qualche settimana in genere è sufficiente.

 

Vedi anche il comportamento da tenere prima e dopo l’intervento di cataratta (clicca qui)

 

Microbiota e occhi – XII Congresso Aimo Oculisti Roma

 Microbiota intestinale e occhio Congresso AIMO Associazione Italiana Medici OculistiSessione Microbiota umano: la nuova frontiera della medicina Roma 30 settembre - 2 ottobre 2021 Anche quest’anno si è svolto il congresso AIMO (Associazione Italiana Medici Oculisti) a Roma dal 30 settembre,...

Presbiopia, esperidina e antiossidanti

 Curare la presbiopia con l'alimentazione E' possibile rallentare la presbiopia?   La presbiopia è un difetto di vista che impedisce la visione per vicino e colpisce i soggetti dopo i 40 anni. E' piuttosto fastidioso nella vita di questo periodo storico a causa della continua necessità delle...

Microbiota e malattie degli occhi

 Microbiota intestinale e occhio Come e perchè il microbiota intestinale è correlato alle malattie oculari e allo stato di salute dei nostri occhi Riporto l'articolo pubblicato sul numero 1.2021 di Viscochirurgia (rivista italiana di Oftalmologia a cura di Fabiano Editore, responsabile dott....

Microbiota e occhio: articoli giornali e siti

Microbiota e occhi L'idea che i batteri intestinali che vivono in costante simbiosi con noi (microbiota intestinale) possano influenzare lo stato di salute dell'organismo in generale si sta diffondendo anche tra gli oftalmologi. Si affacciano finalmente in alcune riviste specialistiche dedicate a...

Mirtillo e occhi

Mirtillo e occhi Dopo avere parlato di altri numerosi rimedi naturali benefici per gli occhi, scriviamo ora del mirtillo, noto elemento che spesso viene associato agli occhi anche nella cultura popolare da tempo. I composti botanici e gli estratti dalle piante è noto che possano essere utili in...

Vitamina C: antiossidante per gli occhi

  Vitamina C - potente antiossidanteCataratta, glaucomacornea - trabecolato - cristallino Proseguiamo i nostri articoli sulle vitamine  per gli occhi e, dopo aver accennato alla Vitamina D e alla Vitamina B e dei loro effetti su occhi secchi e dolore oculare, scriviamo oggi della vitamina C, per...

Probiotici e occhi: retinopatia diabetica

Questo articolo  fa parte di una serie che riguarda prebiotici, probiotici e occhio, che trovate cliccando qui Probiotici cosa sono I probiotici sono microrganismi viventi non patogeni, che possono portare beneficio all'ospite se somministrati con continuità. Generalmente, le specie probiotiche...

Vitamina D e salute degli occhi

Vitamina D e salute degli occhi Come più volte affermato in questo sito, con articoli tratti da letteratura, l'alimentazione ha un ruolo chiave nella prevenzione anche delle malattie oculari. Le vitamine dunque, insieme ad altri nutrienti, sono efficaci protettori degli occhi.  La base per una...

Luce blu e occhi: display, monitor, PC, telefonini e LED

Luce blu, telefonini, display, PC, led e occhi La luce  blu è una particolare lunghezza d'onda dello spettro luminoso compresa tra 415 nm e 455 nm. L'esposizione a questa radiazione avviene all'aperto ma anche durante l'applicazione ai display nelle attività lavorative e non. Pare che questa...

Probiotici, luce blu, pc, telefonini e occhi

 Questo articolo  fa parte di una serie che riguarda prebiotici, probiotici e occhio, che trovate cliccando qui Probiotici cosa sono Le specie probiotiche principali appartengono ai generi Lactobacillus e Bifidobacterium ma anche ad altri ceppi di altri batteri lattici,...

Proteoma lacrimale in rinocongiuntivite allergica

Rinocongiuntivite allergica e proteoma Mebabolomica congiuntiviti allergiche La metabolomica  studia le impronte chimiche dei processi dei sistemi biologici. In altri articoli abbiamo affrontato questi temi. Abbiamo infatti parlato di  metabolomica e disfunzione ghiandole Meibomio in occhio secco...

Inquinamento e infiammazioni oculari

  Inquinamento e infiammazioni oculari L'inquinamento atmosferico è un grande problema e costituisce una crescente preoccupazione globale. Sono chiare le correlazioni tra numerose malattie e inquinamento dell'acqua, dell'aria, del suolo, ma anche acustico e luminoso. Tra gli organi bersaglio...

Ambienti domestici, uffici, inquinamento e occhi

Inquinamento e infiammazioni oculari Nell'articolo precedente (link qui) abbiamo visto come l'inquinamento atmosferico sia composto da agenti particolati organici, inorganici  e gas nocivi. Tutti i fattori inoltre ambientali, quali temperatura, esposizione luce UV, umidità e ventilazione hanno la...

Dermatiti intorno agli occhi e alimentazione

Dermatiti occhi e alimenti Visto l'interesse degli utenti del sito in tema di allergie, alimenti e dermatiti, pubblichiamo un altro articolo scritto insieme alla Dottoressa Emanuela Fogli, dopo quello inerente le dermatiti da contatto e aeromediate (link), e le blefariti associate a rosacea...

Nutrizione e salute degli occhi: stress ossidativo

 Dieta e salute degli occhila nutrizione e la sua influenza per le malattie oculari La letteratura medica contiene vari articoli su nutrizione e occhi poiché la dieta può influenzare numerose condizioni lesive della capacità visiva, come la cataratta, la degenerazione maculare, il glaucoma, le...

Chi siamo
Dott. Alberto Lanfernini – Oculista
Faenza – Ravenna – Riolo Terme – Pesaro

Dot. Lanfernini Alberto

Chi Siamo
Dott.ssa Annalisa Moscariello – Oculista
Ravenna – Faenza – Pesaro

Dott.ssa Annalisa Moscariello Oculista