Occhi rossi nei bambini cause, rimedi e terapie 

rimedi e terapie dell’occhio rosso del bimbo
probiotici per occhio rosso
prebiotici per bambini

I bimbi soffrono spesso di occhi rossi. I motivi e le cause di questi rossori ricorrenti sono già stati illustrati in questa altra pagina, della quale invitiamo la lattura (link qui).
Oggi ci soffermiamo su come sia possibile limitare i disturbi, curare e il percorso diagnostico per inquadrare tali condizioni pediatriche oculistiche frequenti. Abbiamo infatti a disposizione rimedi e colliri adatti ai bambini, cure naturali per gli occhi arrossati e misure di stile di vita che possono migliorare molto la sintomatologia dei piccoli pazienti. Non basta infatti, come spesso si pensa, dare un collirio (sia farmacologico che naturale o lacrima artificiale pediatrica) per curare l’occhio rosso. Bisogna agire più in profondità.

Visite oculistiche nei bambini
Cure per  occhi rossi nei bambini

Chi ha già letto la pagina relativa alle cause di rossore oculare nel bambini, avrà certamente inteso che è necessario trovare la causa degli occhi rossi al fine di eliminarla, ovviamente per quanto possibile. Questo richiede necessariamente una visita dal proprio pediatra, o meglio dall’oculista. Si può tamponare la situazione provvisoriamente con alcuni rimedi naturali per gli occhi rossi, ma non è sufficiente. La visita oculistica nei bambini si svolge in maniera differente rispetto agli adulti e, senza traumi neanche per i più piccoli, è fondamento del percorso di cura. Abbiamo già approfondito questo aspetto, e qui trovate il link alla pagina di come si svolgono le visite pediatriche.

 rimedi naturali: lavaggi e lacrime artificiali per bambini

I lavaggi oculari con soluzione salina e soluzione fisiologica, sono una vera manna dal cielo. Anche se da un punto di vista strettamente di microbiota oculare non servono, considerando che è stato visto che i lavaggi non cambiano la popolazione batterica residente che è alterata presente nelle malattie infiammatorie locali, hanno un impatto importante sulla sintomatologia. Infatti, se consideriamo il beneficio sui disturbi oculari percepiti, molti soggetti riferiscono risultati importanti eseguendo i lavaggi, probabilmente perché questi allontanano i mediatori infiammatori (es. istamina negli allergici e le interleukine chemiotassiche) che provocano sintomatologia. I lavaggi contribuiscono anche ad abbassare l’osmolarità lacrimale, fattore pro-infiammatorio se troppo elevata.

Lacrime artificiali per bambini

 Il razionale inoltre dell’uso delle lacrime artificiali (che sono altra cosa rispetto ai lavaggi con fisiologica) è nella loro capacità di ripristinano della barriera lacrimale e del film lacrimale, riducendo l’attrito e diluendo sostanze infiammatorie. Le più diffuse sono a base di Acido Ialuronico, Metilcellulosa e cationi. Inoltre ci sono comodi spray da spruzzare con occhi chiusi a base di vitamine che hanno importante effetto lubrificante, molto comodi nei bambini. Per come usare i colliri nei bambini rimandiamo all’apposito paragrafo (qui). Concludendo, si può dire che lavare l’occhio con soluzione fisiologica dedicata è una misura a bassissimo costo e piuttosto efficace nella maggior parte dei casi.

Cure naturali per l’occhio rosso nei bambini

Accanto ai lavaggi oculari, è possibile usare colliri a base di Camomilla, Perilla, Echinacea insieme ad altre sostanze naturali oltre alle lacrime artificiali come acido ialuronico, metilcellulosa e altre. In questo modo abbiamo la certezza di non provocare alcun danno, anche se ovviamente non è sicuro che queste terapie produrranno  risultati apprezzabili.  I colliri a base di erbe naturali, invece, potrebbero avere un blando effetto farmacologico utile in alcuni casi. I rimedi naturali per gli occhi li trovate in questa pagina (link qui).  Spesso sono utili integrazioni per bocca di sostanze naturali antiallergiche (come la quercetina).
Da non sottovalutare l’uso del probiotici e prebiotici, che si sono dimostrati utilissimi nelle infiammazioni allergiche (qui) e nei calazi (qui).

Collirio per occhi rossi nei bambini

Non essendo opportuno somministrare farmaci ai bimbi senza il parere del medico, non possiamo quindi scrivere di terapie importanti. Ribadiamo che l’uso di antibiotici deve essere attentamente valutato. L’antibiotico infatti serve solo in caso di infezioni, non va quindi prescritto senza consulto specialistico anche perché spesso può sensibilizzare l’occhio e produrre infiammazioni lui stesso.

allergie oculari nei bimbi

Negli allergici ovviamente sarà necessario allontanare la causa scatenante l’allergia, ed eventualmente associare colliri antistaminici o stabilizzatori di membrana: abbiamo già approfondito il tema delle cure per le allergie oculari qui (link). Ci sono anche dei colliri che possono essere somministrati preventivamente per ridurre l’intensità e la frequenza delle ricadute.

Irritazione oculare ambientale nei bambini: occhio rosso irritativo pediatrico

Nelle forme irritative normalmente è sufficiente (e necessario) allontanare la causa scatenante. Nel caso questo non sia possibile, per esempio perché il bambino va spesso in piscina o al mare, sarà necessario usare spray lenitivi, lavaggi con lacrime artificiali, soluzione fisiologica, e altri presidi non farmacologici come indicato nel capitolo a parte. I fattori ambientali di infiammazione oculare (es. ufficio, piscina, casa, inquinamento) sono spesso sottovalutati, per cui abbiamo dedicato qualche cenno anche a questo argomento in queste pagine (link).

Collirio per occhio rosso

Non esiste , come avrete capito, un collirio per l’occhio rosso dei bambini, tanto-meno per gli adulti, dal momento che bisogna capire prima le cause scatenanti. Per chi vuole approfondire comunque  alcuni aspetti di terapie rimandiamo alle pagine specifiche che trovate nel menù in alto sotto la voce infiammazione/occhi rossi.

Cosa fare se il bimbo ha gli occhi rossi
regola uno: cercare e eliminare la causa

Per concludere quindi nel caso di rossore oculare del bambino è da capire per prima cosa la causa potenziale ed eliminarla. Appare complicato, specialmente all’inizio, ma è inutile focalizzarsi sulle conseguenze e somministrare terapie se può essere eliminata la causa. Un bravo medico cerca sempre di non fare ammalare il paziente, non di curarlo soltanto. Ci rendiamo conto della difficoltà di questo e anche di quanto a volte sia penoso limitare gli stimoli irritativi a bimbi. Pensiamo infatti alla piscina o al mare, fattori principali di infiammazione estiva oculare pediatrica (dopo la piscina spesso i bimbi hanno gli occhi rossi). Ovviamente si cerca di trovare un equilibrio tra stile di vita, rimedi preventivi (lavaggi) e cure (inutile un bimbo triste che non va al mare con occhi bianchi, noi preferiamo un lieve rossore e un bimbo felice!). Però è bene che il genitore conosca il problema e lo inquadri.

Regola numero due:
il diario e la prevenzione

Una cosa molto utile che suggeriamo è di annotare su un quaderno, alla comparsa del rossore, che cosa ha fatto il bambino il giorno prima e che cosa ha mangiato. Dopo qualche tempo, con un poco di fortuna, si inquadreranno alcune cause irritative, a volte non sospette. In questo modo, se capiamo che 10 cioccolatini producono occhio rosso e blefarite, cerchiamo di intervenire preventivamente, o se vediamo come dopo 5 ore di mare avviene lo stesso, magari somministriamo lavaggi o facciamo qualche pausa.

Regola tre:
no fai da te, consulto del medico oculista e del pediatra

Essendo la situazione molto critica e l’occhio molto delicato, è utile consultare sempre il pediatra o l’oculista di riferimento, evitando le cure fai-da-te potenzialmente dannose. L’antibiotico per esempio può sensibilizzare e essere dannoso oltre che inutile o un eccesso di farmaci in collirio può causare la riduzione della loro stessa efficacia o portare a complicanze. È possibile anche che iniziando una terapia di automedicazione si ritardi la diagnosi di condizioni potenzialmente grave, o si vada a mascherare il quadro clinico nel momento in cui lo specialista oculista pediatra eseguirà la visita.  Altre volte invece, il mancato consulto dell’oculista, può portare a mancata diagnosi di quadri infiammatori come cheratocono e vernal congiuntivite (di cui parliamo qui). Infine, abbiamo volutamente omesso altre cause meno frequenti di rossore oculare nei bambini, ma ugualmente importanti da valutare in sede di visita. L’oculista curante saprà eseguire una valutazione completa per fornire diagnosi corretta e terapia adeguata, e indicare il percorso da seguire per migliorare e approfondire la situazione, anche tramite un consulto multidisciplinare (allergologo, dermatologo…).

Come avvengono le visite oculistiche pediatriche è descritto in questa pagina (link).

Sale, ipertensione e malattie degli occhi

 ALimentazione, dieta ricca di sale e malattie oculari  La visione dell'oculistica multidisciplinare, che trovate descritta QUI,  cerca di considerare l'organismo come unico e non valuta quindi  l'occhio avulso dal resto del corpo. Questa impostazione, ovviamente, non  può prescindere anche da ciò...

Probiotici e occhi. Rimedio naturale per malattie oculari

Questo articolo  fa parte di una serie che riguarda prebiotici, probiotici e occhio, che trovate cliccando qui Probiotici e malattie degli occhi probiotici nella congiuntivite allergica Alcuni autori  hanno riportato un effetto complessivo positivo dei probiotici nella miglioramento dei sintomi...

cosmetici e malattie occhi

rucchi, cosmetici e occhi   Per quanto naturali e ipoallergenici, i cosmetici, essendo applicati direttamente sulla cute in prossimità degli occhi, possono creare comunque problemi di natura infiammatoria oculare. E' necessario quindi un uso corretto dei prodotti viso. Di seguito riportiamo...

Alimentazione corretta per occhio secco: omega 3

occhio secco e dieta mediterranea Alimentazione corretta nell'occhio secco L'occhio secco è una patologia frequente che provoca molti disturbi alle persone che ne sono affette. Le cause di occhio secco sono numerose: possiamo ricordare malattie reumatologiche, varie condizioni ormonali, malattie...

fattori di rischio miopia

Cos'è la MiopiaFattori di rischio della miopia    Molti pazienti, specialmente genitori di bimbi miopi, mi chiedono se esista qualche  terapia per miopia e come sia possibile rallentare la miopia. Riportiamo in questa pagina la sintesi delle conoscenze attuali dei fattori di rischio della...

Siero autologo collirio (autosiero): differenza con siero collirio da donatore e siero cordonale

L'autosiero contro l'occhio seccosiero autologo e siero eterologo collirio   Di  sindrome dell'occhio secco abbiamo ampiamente parlato in numerose altre pagine alle quali rimandiamo (link). Come spiegato già, tra le terapie di secondo livello, che si eseguono quando purtroppo le terapie...

blefarite: oculista o dermatologo? Blefariti eczemi dermatiti rosacea

Dermatiti da contatto - Blefariti - Eczemi da contatto - Rosacea Le blefariti sono infiammazioni delle palpebre, associate spesso a congiuntiviti, calazi, ma frequentemente anche a dermatiti. Di blefariti, delle loro cause e dei loro rimedi (anche naturali e non farmacologici), oltre che della...

Vitamina C: antiossidante per gli occhi

  Vitamina C - potente antiossidanteCataratta, glaucomacornea - trabecolato - cristallino Proseguiamo i nostri articoli sulle vitamine  per gli occhi e, dopo aver accennato alla Vitamina D e alla Vitamina B e dei loro effetti su occhi secchi e dolore oculare, scriviamo oggi della vitamina C, per...

Dott. Alberto Lanfernini – Oculista
Faenza – Ravenna – Riolo Terme – Pesaro

Dot. Lanfernini Alberto

Dott.ssa Annalisa Moscariello – Oculista
Ravenna – Faenza – Pesaro

Dott.ssa Annalisa Moscariello Oculista