Cause di distacco di vitreo

Il distacco di vitreo si presenta molto di frequente e causa miodesopsie, corpi mobili, e altri sintomi.

Distacco di vitreo: sintomi

 La comparsa di ombre nel campo visivo, mobili e semitrasparenti (miodesopsie) e i flash luminosi sono un sintomo molto comune e possono indicare la comparsa di distacco di vitreo.

Il distacco del vitreo è un evento comune che può verificarsi nell’occhio umano. Il vitreo è una sostanza gelatinosa che riempie lo spazio all’interno dell’occhio e aiuta a mantenerlo in forma. Nel corso del tempo, il vitreo può iniziare a staccarsi dalla retina, il tessuto sensibile alla luce che ricopre la parte posteriore dell’occhio. Ciò può causare sintomi come mosche volanti, flash di luce e persino perdita della visione se non trattato correttamente. In questo articolo, esamineremo le cause del distacco del vitreo e i fattori di rischio associati. Inoltre, discuteremo le opzioni di trattamento disponibili per gestire questa condizione e prevenire eventuali complicazioni a lungo termine.

 Le cause cliniche di miodesopsie le trovate invece in questa pagina, meno tecnica e più divulgativa di questa che state leggendo (QUI). 

In questa pagina analizzeremo le cause di distacco di vitreo in maniera più approfondita rispetto agli altri articoli.

Leggi anche:

 Le cause cliniche di miodesopsie le trovate invece in questa pagina, meno tecnica e più divulgativa di questa che state leggendo (QUI).        

Distacco di vitreo e età

Il distacco del vitreo può essere causato da diversi fattori, tra cui:

  1. Età: Il distacco del vitreo è più comune negli individui di età superiore ai 50 anni.
  2. Miopia: Le persone con miopia, ovvero una condizione in cui gli oggetti distanti appaiono sfocati, possono avere un rischio maggiore di sviluppare un distacco del vitreo.
  3. Traumi all’occhio: I traumi all’occhio possono causare il distacco del vitreo, soprattutto se il trauma è stato grave o se è stato inflitto alla testa.
  4. Chirurgia oculare: Alcuni tipi di interventi chirurgici dell’occhio, come la rimozione della cataratta, possono aumentare il rischio di distacco del vitreo.
  5. Malattie degli occhi: Alcune malattie oculari, come la retinopatia diabetica, possono aumentare il rischio di sviluppare un distacco del vitreo.
  6. Uso di farmaci: L’uso di alcuni farmaci, come gli steroidi, può aumentare il rischio di sviluppare un distacco del vitreo.
  7. Disidratazione: per esempio dopo un parto o una emorragia, o per dismetabolismi.

La vecchiaia è il principale fattore di rischio

La causa principale di distacco di vitreo, sembra strano ma è la realtà, è la vecchiaia, e non è un modo di dire. I processi infatti degenerativi sulle strutture dell’organismo che avvengono con il passare del tempo alterano la struttura vitreale.
Il vitreo è adeso alla retina in alcuni punti, la base vitreale, il margine del disco ottico, la macula e i vasi sanguigni periferici.  Ci sono alcune alterazioni della struttura vitreale (spiegate nella pagina delle biochimica del vitreo, link qui), come sineresi (aggregazione) e sincisi (liquefazione). Nel video in questa pagina si può vedere un esempio di quanto si può osservare in casi piuttosto evidenti.
E’ possibile che alcune sostanze nutrienti rallentino i processi degenerativi

Distacco di vitreo spontaneo e secondario

Il distacco vitreale può essere spontaneo o causato da altri fattori. Ad esempio la chirurgia della cataratta, con il suo traumatismo locale, può favorirlo, così come la fotocoagulazione, i traumi, le uveiti. Anche la capsulotomia laser per cataratta secondaria, di cui parliamo qui, può avere la conseguenza di comparsa di corpi mobili vitreali e distacco di vitreo. Al distacco possono seguire emorragie retiniche per rotture di vasi e rotture della retina. Il 50%/70% dei distacchi di vitreo con emorragie si associa a lesioni retiniche. Solo circa il 10% dei pazienti senza emorragie presenta lacerazioni retiniche.

Leggi anche:

Distacco di vitreo e vecchiaia

Dicevamo come l’età sia il principale fattore di rischio. Dopo i 50 anni ben il 53% circa dei soggetti presenta DPV. Questa percentuale aumenta sino alla ottava decade, quando  ben il 63% avrebbe distacco di vitreo.

Distacco di vitreo e sesso femminile

Nelle donne il distacco di vitreo ha una evoluzione più rapida che negli uomini, a parità di età.

Leggi anche:

Miopia e distacco di vitreo

Sappiamo che i miopi hanno l’occhio più lungo del normale. Questo di conseguenza porta a alterazioni del vitreo che deve crescere in maniera anomala. Gli occhi con miopia elevata, più lunghi di 30mm, hanno più possibilità di soffrire di distacco di vitreo.

Leggi anche:

Menopausa

La mancanza di estrogeni porta a sofferenza vitreali. Ne consegue che le terapie con estrogeni possono avere effetto protettivo.

Leggi anche:

Distacco di vitreo e farmaci

Alcuni farmaci possono aumentare il rischio di distacco del vitreo, soprattutto se assunti per un lungo periodo di tempo. Tra questi farmaci ci sono:

  1. Corticosteroidi: Gli steroidi possono aumentare il rischio di sviluppare un distacco del vitreo a causa del loro effetto sul tessuto connettivo dell’occhio.
  2. Terapia ormonale sostitutiva (TOS): Le donne che assumono la TOS, soprattutto quelle di età superiore ai 60 anni, possono avere un rischio maggiore di sviluppare un distacco del vitreo.
  3. Anticoagulanti: L’uso di anticoagulanti può aumentare il rischio di sanguinamento nell’occhio, il che può aumentare il rischio di distacco del vitreo.
  4. Antidepressivi: Alcuni antidepressivi possono aumentare il rischio di distacco del vitreo, soprattutto se assunti a lungo termine.
  5. Antipsicotici: Alcuni antipsicotici possono aumentare il rischio di distacco del vitreo, soprattutto se assunti a lungo termine.
  6. Diuretici: L’uso di diuretici può causare un’alterazione dei livelli di fluidi nell’occhio, che può aumentare il rischio di distacco del vitreo.

Leggi anche:

Vitamina B6 e vitreo

La vitamina B6 ha effetto antiestrogeno, quindi può aumentare l’incidenza di distacco vitreale. In questa pagine parliamo di occhi e vitamine (link) e dell’equilibrio che una corretta alimentazione porta all’organismo in toto, occhi compresi.

Leggi anche:

Infiammazione e distacco di vitreo

Infiammazioni di vecchia data portano ovviamente a proliferazione cellulare e fibrosi (qui le infiammazioni oculari). Le fibrosi vitreali possono operare trazioni sulla retina. E’ necessario dunque evitare infiammazioni oculari interna e trattarle prontamente.

Leggi anche:

Traumi e distacco di vitreo

I traumi ovviamente possono operare scuotimenti diretti e indiretti del vitreo, con conseguente alterazione di struttura che porta a miodesopsie, corpi mobili e distacco vitreale. Inutile ribadire l’importanza di evitare traumi, come anche semplici pallonate se si è predisposti a vitreopatie.

Leggi anche:

Stress e distacco di vitreo

Lo stress è implicato in numerose condizioni patologiche, poiché altera la PNEI. Di questo parliamo in questo altro articolo (link) in cui analizziamo come lo stress possa concorrere nella genesi del distacco di vitreo.

Leggi anche:

Bere poco, disidrtazione e distacco di vitreo

La disidratazione del vitreo può aumentare il rischio di distacco del vitreo, poiché il gel vitreo diventa più denso e contratto, il che può causare una maggiore separazione tra il gel vitreo e la retina. In alcuni casi, questo aumento della separazione può portare alla rottura della retina o alla trazione della retina, il che può causare un distacco del vitreo.

La disidratazione sistemica si verifica quando il corpo non ha abbastanza acqua per funzionare correttamente. Ci sono diverse cause di disidratazione sistemica, tra cui:

  1. Scarso apporto di liquidi: Bere meno liquidi di quelli necessari può portare alla disidratazione sistemica. Ciò può accadere se una persona non beve abbastanza acqua o se perde troppo liquido attraverso la sudorazione, la diarrea o il vomito.

  2. Eccessiva perdita di sali: La disidratazione sistemica può anche verificarsi quando il corpo perde troppi sali, come il sodio e il potassio, attraverso la sudorazione o l’urina.

  3. Malattie: Alcune malattie, come il diabete o la sindrome da insufficienza renale cronica, possono causare disidratazione sistemica.

  4. Farmaci: Alcuni farmaci, come diuretici, lassativi o farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), possono causare disidratazione sistemica.

La disidratazione sistemica può avere conseguenze anche sull’occhio. Quando il corpo è disidratato, il gel vitreo all’interno dell’occhio può diventare più denso e contratto, aumentando il rischio di distacco del vitreo.

Distacco di vitreo e chirurgia

Gli interventi chirurgici possono portare a varie modifiche del vitreo. In particolare sia le manovre sul cristallino, come intervento di cataratta e yag laser, che anche la LASIK e altri. Dopo l’intervento di cataratta c’è una alterazione della viscosità del vitreo vicino alla retina (opposto alla condizione di normalità), modifica del proteoma vitreale, destabilizzazione vitreale e cambiamenti reologici del vitreo. Anche i laser retinici portano a modificazioni, così come la criografia retinica.

Distacco di vitreo e diabete

Nella retinopatia diabetica si possono formare dei neovasi che trovano sostegno per la crescita nei fattori angiogenetici contenuti nel vitreo e nella ialoide vitreale, che funge da impalcatura. Di conseguenza in pazienti diabetici con distacco di vitreo completo c’è un impedimento della neovascolarizzazione.

Leggi anche:

Distacco di vitreo, entità complessa

Da quanto scritto sopra risulta quindi evidente che le semplificazioni non sono utili in medicina. Il distacco di vitreo è una entità complessa che necessita di approfondimento anche sulle cause, essendo spesso derivato non solo da traumi ma anche da squilibri elettrolitici o stati psicogeni.  Invitiamo alla lettura degli altri articoli in merito che trovate nel box in fondo alla pagina. Prima di concludere ricordiamo che, essendo il vitreo una palletta di acqua, gelatina, sali minerali  e antiossidanti, l’equilibrio idroelettrolitico che garantisce una sana alimentazione è fondamentale arma preventiva.

 

Leggi anche:

Di tutti gli altri aspetti del distacco di vitreo, corpi mobili, miodesopsie  e floaters parliamo in numerosi articoli che potete trovare cliccando qui o nel box in basso.

 

 

 

 

Le noci di mare sono trasparenti, e possono essere assimilate ai corpi mobili del vitreo. Esse quando vengono attraversate dalla luce proiettano la loro ombra sul fondo, come appunto le miodesopsie proiettano la loro ombra sulla retina. Un osservatore sulla riva non vede le noci di mare ma vede benissimo le loro ombre. Analogamente a volte anche l’oculista non identifica il corpo mobile del vitreo (i distacchi del vitreo invece si vedono più chiaramente) anche se il paziente percepisce nettamente un’ombra.

oct con distacco di vitreo

Blefariti, orzaioli e calazi cura e prevenzione

cure di blefariti, orzaioli, calaziosi ricorenti (cosa fare e come curarli) Blefariti e calazi, cura e prevenzione. Alimentazione  e dieta per blefariti.Spesso le blefariti e le blefarocongiuntiviti sono associate a calazi e a malattie della pelle come la rosacea o dermatiti. Inoltre l'intestino e la disbiosi intestinale sono un fattore che entra nella patogenesi delle blefariti.La cura delle blefariti dunque è complessa. Cura e prevenzione delle blefariti e dei calazi Blefariti e calazi, processi infiammatori delle ghiandole lacrimali palpebrali, affliggono molte persone. In questo articolo...

Ciclosporina in Vernal e Occhio Secco (dry eye)

La ciclopsorina collirio come terapia nelle Cheratocongiuntiviti Vernal e NELLA SINDROME DA OCCHIO SECCO Il collirio a base di ciclosporina è una ottima soluzione per alcune malattie oculari, come la sindrome da occhio secco, la vernal cheratocongiuntivite (VKC) la rosacea oculare. Si tratta di un collirio galenico, cioè preparato da alcune farmacie direttamente, anche se ora è presente un costosissimo (per l'ssn) preparato commerciale la cui prescrizione è possibile solo in reparti ospedalieri. Di seguito andiamo a capire di cosa parliamo analizzando la ciclosporina collirio più da vicino....

Autosiero (collirio con siero autologo)

L'autosiero contro l'occhio seccosiero autologo e siero eterologo collirio In questo articolo parleremo dell'autosiero (o siero collirio autologo), un derivato del sangue (emocomponente) molto utile per la terapia di alcune condizioni patologiche della superficie oculare. Siero collirio Il siero autologo, chiamato anche autosiero, è uno speciale collirio ottenuto tramite la centrifugazione del proprio sangue (che viene normalmente prelevato come per gli esami di laboratorio ematici), e contiene diversi fattori di crescita, tra cui fibronectina e vitamine che contribuiscono all’integrità...

prevenzione glaucoma – familiarità

Prevenzione in familarità per glaucoma La prevenzione del glaucoma seguendo alcune semplici regole e con moderni esami. Come prevenire il glaucoma Il glaucoma, è noto, è una malattia silenziosa e spesso asintomatica. Il soggetto che si ammala non ha sintomi all'inizio e, quando si accorge di un calo visivo, il danno oramai è ampiamente irrimediabile.  Questo avviene perché il danno del glaucoma compromette il campo visivo periferico, mentre la parte centrale della vista è conservata. Per cui, il "novello ammalato" pensa di essere perfettamente sano, non pensando invece che un tarlo infido...

Maculopatia e terapia intravitreale

Maculopatia e terapia intravitreale.La cura per la degenerazione maculare. La degenerazione maculare (maculopatia)  è una malattia che colpisce la macula, la parte centrale della retina responsabile della visione dettagliata. Le terapia intravitreali sono una valida soluzione terapeutica. NB per indicazioni sulle terapie intravitreali nelle struttiure di Faenza ee Ravenna in cui lavoriamo, vedere a fine articolo. Degenerazione maculare secca e umida Esistono due tipi principali di maculopatia la forma secca e quella umida. La forma secca è la più comune e si caratterizza per...

Disturbi degli occhi e malattie reumatologiche autoimmuni

Disturbi degli OCCHI E MALATTIE REUMATOLOGICHE autoimmuni Le malattie reumatologiche sono un gruppo di patologie che colpiscono le articolazioni, i muscoli e il tessuto connettivo del corpo umano. Tuttavia, non solo le articolazioni e i muscoli sono interessati da queste malattie, ma anche gli occhi possono essere coinvolti.   SINTOMI OCULARI DI MALATTIE REUMATOLOGICHE La lista dei sintomi oculari associati alle malattie reumatologiche è lunga: Occhio secco: è sicuramente il disturbo principale associato a malattie reumatologiche. E' caratterizzato da sensazione di bruciore, prurito e...

Cure naturali per occhi gonfi

Cure Naturali per gli Occhi Gonfi Le cure naturali per gli occhi gonfi sono essenzialmente rimedi fitoterapici.Vediamo  quali sono le cure naturali  utili , la dieta corretta e i rimedi locali.E' essenziale però che l'oculista faccia una diagnosi precisa. Occhi gonfi cause Gli occhi gonfi possono essere causati da vari fattori come l'affaticamento, l'insonnia, l'allergia, la disidratazione, il pianto o anche una malattia oculare. Abbiamo parlato in altre pagine delle infiammazioni oculari e delle terapie farmacologiche classiche. Di occhi e palpebre gonfie, delle cause, cure farmacologiche e...

Occhio secco: sintomi cosa fare

Occhio secco sintomi, cosa fare? Cosa fare per prevenire l'occhio secco e alleviare i sintomi?e nel momento della diagnosi di occhio secco qual è il percorso di cura migliore? Occhio secco L'occhio secco è una condizione che colpisce molte persone. Si verifica quando gli occhi non producono abbastanza lacrime o le lacrime prodotte non sono di buona qualità. Questo può causare disagio e persino dolore. In questo articolo, esploreremo cosa causa l'occhio secco e cosa fare per prevenirlo e trattarlo. Un articolo più approfondito su occhio secco è in questa altra pagina: Occhio secco come si...

5-Allergie occhi crociate alimenti – pollini

 Congiuntiviti allergiche e alimentiallergie crociate Spesso le congiuntiviti si manifestano per allergie crociate tra alimenti e inalanti, come pollini. E' bene conoscere quali sono le allergie crociate che provocano congiuntivite allergica. Allergie crociate occhi e pollini Prima di leggere questo articolo consigliamo la lettura della pagina relativa all'inquadramento generale delle allergie oculari, che trovate in questo link.  La dieta a basso contenuto e priva di istamina è stata rielaborata in un nuovo articolo del quale consigliamo la lettura, a questo link.Essere allergici, è noto, ...

VItamina B e dolore occhio secco

Vitamina B e dolore oculare L'occhio secco  è una malattia multifattoriale della superficie oculare, caratterizzata dalla perdita dell'omeostasi del film lacrimale, con conseguenti sintomi dovuti alla sua instabilità, quali bruciore, senso di corpo estraneo e dolore. Dell'occhio secco e delle sue cause ne parliamo diffusamente QUI. Occhio secco e dolore Come già descritto nel relativo articolo (disponibile QUI) il dolore viene trasmesso dagli assoni periferici del nervo Trigemino, innervanti la congiuntiva e la cornea, che è uno dei tessuti più densi di noicicettori (recettori del dolore),...

lenti a contatto e occhio secco

Lenti a contatto e occhio secco Le lenti a contatto si associano spesso ad occhio secco e sensibile.E' possibile usare le lenti a contatto con occhio secco?cosa fare per migliorare l'uso di lenti a contatto con occhio secco? Lente a contatto per chi ha occhio secco Le lenti a contatto sono diventate una scelta popolare per la correzione della vista, poiché sono pratiche e offrono una visione nitida e senza limitazioni. Tuttavia, una delle complicanze più comuni associate all'uso di lenti a contatto è l'occhio secco. In questo articolo, esploreremo il problema dell'occhio secco associato...

Blefariti, orzaioli e calazi cura e prevenzione

cure di blefariti, orzaioli, calaziosi ricorenti (cosa fare e come curarli) Blefariti e calazi, cura e prevenzione. Alimentazione  e dieta per blefariti.Spesso le blefariti e le blefarocongiuntiviti sono associate a calazi e a malattie della pelle come la rosacea o dermatiti. Inoltre l'intestino e...

Ciclosporina in Vernal e Occhio Secco (dry eye)

La ciclopsorina collirio come terapia nelle Cheratocongiuntiviti Vernal e NELLA SINDROME DA OCCHIO SECCO Il collirio a base di ciclosporina è una ottima soluzione per alcune malattie oculari, come la sindrome da occhio secco, la vernal cheratocongiuntivite (VKC) la rosacea oculare. Si tratta di un...

Autosiero (collirio con siero autologo)

L'autosiero contro l'occhio seccosiero autologo e siero eterologo collirio In questo articolo parleremo dell'autosiero (o siero collirio autologo), un derivato del sangue (emocomponente) molto utile per la terapia di alcune condizioni patologiche della superficie oculare. Siero collirio Il siero...

Ginkgo biloba rimedio naturale per occhi: retina e glaucoma

Ginkgo biloba rimedio naturale per glaucoma  Il ginkgo biloba è un albero originario della Cina che è stato usato per le sue proprietà medicinali per oltre 5.000 anni. Nel corso degli anni, il ginkgo biloba è stato studiato per il suo potenziale uso come rimedio naturale per una varietà di...

Perchè la disbiosi porta a malattie degli occhi

 Microbiota intestinale, oculare e occhiRelazione tra intestino e occhi Il microbiota intestinale influenza lo stato di salute degli occhi, ed è elemento cruciale nella relazione tra intestino e occhi.Alterazioni del microbiota possono portare a malattie generali e oculari.Di conseguenza...

Occhi rossi in ufficio e casa: polvere e inquinamento

Occhi rossi in ufficio e in casa. Polvere e inquinamento Gli occhi rossi in ufficio e in casa possono essere causati da polvere e inquinamento.Vediamo alcuni modi per ridurre gli occhi rossi in ufficio da polvere. Occhi inquinamento e ufficio Nell'articolo precedente (link qui) abbiamo visto come...

Prebiotici utili per gli occhi: cosa sono

Migliori prebiotici per gli occhi I prebiotici sono tra i migliori rimedi naturali per gli occhi. Si tratta di elementi naturali  che assunti per bocca modulano il microbiota intestinale, aiutando anche gli occhi Prebiotici cosa sono I prebiotici sono stati definiti una ventina di anni fa come "un...

Microbiota e occhio: articoli giornali e siti

Microbiota e occhi Microbiota oculare, microbiota intestinale e occhio.Le malattie oculari possono essere influenzate dal microbiota? L'idea che i batteri che vivono in costante simbiosi con noi (microbiota intestinale, cutaneo, vaginale, oculare, ecc.) possano influenzare lo stato di salute...

Cosa fare dopo aver preso una botta in un occhio (trauma all’occhio)

Cosa fare in caso di botta in un occhio: i traumi oculari Cosa fare in causa di botta in un occhio e dopo traumi oculari: le cause, le cure e le conseguenze dei traumi oculari. Traumi oculari I traumi oculari rappresentano una delle principali cause di perdita della vista e possono essere causati...

Occhi e cattiva digestione

Occhi e cattiva digestione: come sono collegati? La salute dei nostri occhi dipende da molti fattori, tra cui l'alimentazione e la digestione. Una cattiva digestione può influire negativamente sulla salute degli occhi, causando infiammazione, aumento del rischio di malattie oculari e diminuzione...

Allergie occhi

  Allergie agli occhiCause, sintomi e cure Le allergie agli occhi sono una condizione comune che colpisce molte persone in tutto il mondo.In questo articolo, esploreremo i diversi tipi di allergie oculari, le loro cause e i modi per prevenire e trattare i sintomisia naturali che farmacologici....

Riferimenti bibliografici:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK563273/

Ankamah, E .; Sebag, J .; Ng, E .; Nolan, JM Vitreous Antiossidanti, Degenerazione e Vitreo-Retinopatia: Exploring the Links. Antiossidanti 2020 , 9 , 7. https://doi.org/10.3390/antiox9010007
https://www.mdpi.com/2076-3921/9/1/7/htm
© 2019 dagli autori. Licenziatario MDPI, Basilea, Svizzera. Questo articolo è un articolo ad accesso aperto distribuito secondo i termini e le condizioni della licenza Creative Commons Attribution (CC BY) (http://creativecommons.org/licenses/by/4.0/ ).https://www.mdpi.com/openaccess
Johnson MW. Distacco vitreo posteriore: evoluzione e complicazioni delle sue prime fasi. Sono J Ophthalmol. 2010 Mar; 149 (3): 371-82.e1
Hayashi K, Sato T, Manabe SI, Hirata A. Differenze legate al sesso nella progressione del distacco vitreo posteriore con l’età. Ophthalmol Retina. 2019 Mar;
Milston R, Madigan MC, Sebag J. Vitreous floater: eziologia, diagnostica e gestione. Surv Ophthalmol. 2016 marzo-aprile; 61 (2): 211-27.
Bond-Taylor M, Jakobsson G, Zetterberg M. Distacco del vitreo posteriore: prevalenza e fattori di rischio per le lacrime retiniche. Clin Ophthalmol. 2017; 11 : 1689-1695.
 Marrone GC, Marrone MM, Fischer DH. Fotopsie: una chiave per la diagnosi. Oftalmologia. 2015 Oct; 122 (10)

Dott. Alberto Lanfernini – Oculista
Faenza – Ravenna – Pesaro

Dot. Lanfernini Alberto

Dott.ssa Annalisa Moscariello – Oculista
Ravenna – Faenza – Pesaro

Dott.ssa Annalisa Moscariello Oculista