Occhio secco e dolore agli occhi

L’occhio secco è una frequente malattia infiammatoria della superficie oculare, che può influenzare negativamente la qualità della vita di chi ne è affetto. La disfunzione infatti della unità di funzione lacrimale, altera la composizione delle lacrime e altera l’omeostasi della superficie oculare. Tra i sintomi dell’occhio secco, oltre al bruciore, la vista appannata e fluttuante, il fastidio continuo, fotofobia, c’è anche il dolore. In questo paragrafo cercheremo di capire da dove trae origine questo sintomo. Tra le cause di occhio secco ricordiamo le malattie reumatologiche, varie condizioni ormonali, tireopatie, abuso di lenti a contatto, allergie, esposizione a fattori infiammatori ambientali (ne parliamo diffusamente QUI).

Cause di dolore nella malattia dell’occhio secco

Il dolore della superficie oculare è un sintomo principale dell’occhio secco cronico ed è spesso la ragione per cui i pazienti si rivolgono all’oculista. Spesso non vi è correlazione tra l’entità della lacrimazione e il dolore riferito, lasciando perplessità in sede di visita al medico. Sebbene non confermato, dunque, il disagio della superficie oculare può essere una neuropatia sensoriale causata da stimolazione ripetuta delle fibre nervose corneali periferiche. È stato dimostrato, infatti, che assoni mielinizzati e non mielnizzati di piccolo diametro sono presenti nella cornea e sono potenziali bersagli di disturbi dei nervi periferici. Quindi, una volta che si è innescato il circolo infiammatorio, i mediatori infiammatori rilasciati nei tessuti e nei nervi danneggiati possono stimolare eccessivamente la fine del dolore, portando il fine allo sviluppo di una sensibilizzazione centrale. Il rilascio di fattori associati all’odore infiammatorio, come neuropeptidi, citochine infiammatorie, anticorpi specifici per gangliosidi e cellule infiammatorie infiltranti sono ben documentati nella sindrome dell’occhio secco, e sono proprio questi mediatori lo stimolo cronico principale che determina la sintomatologia, anche dolorosa.

Allodinia e occhio secco

Allodinia è il dolore suscitato da uno stimolo che normalmente non produce dolore. Negli esperimenti con i murini, si dimostra chiaramente come ci sia questa allodinia tattile del ramo infraorbitario del nervo mascellare (trigemino). Il dolore neuropatico associato a disfunzione lacrimale può anche essere più comune nei pazienti con disfunzione lacrimale di quanto attualmente si possa pensare. Infatti non è raro che i pazienti con instabilità lacrimale cronica sviluppino sintomi di irritazione sproporzionati alla gravità apparente della loro malattia epiteliale corneale. In questi casi pare che un certo effetto benefico possa averlo l’assunzione di vitamina B (qui articolo su Effetti benefici della vitamina B su occhio secco).

Occhio secco
Rimedi per il dolore occhio secco e intestino

La terapia del dolore per l’occhio secco passa naturalmente nella cura delle condizioni di base. Nelle forme lievi di occhio secco si usano prevalentemente lacrime artificiali che forniscono solo un sollievo palliativo irritazione oculare ma non prevengono l’infiammazione sottostante o la metà aplasia squamosa della congiuntiva. Si possono anche usare combinazioni di lacrime artificiali, integratori orari di acidi grassi essenziali omega tre, stimolatori della secrezione della mucina. In casi un pochino più importanti, si associano steroidi, antichemiotassici e inibitori del complemento, ed eventualmente antinfiammatori fino ad arrivare alla ciclosporina in collirio.  Salendo di grado con l’infiammazione, un buon impiego trova il siero autologo autosiero collirio (clicca QUI). Nelle forme molto gravi e invalidanti, si possono usare anche degli immunosoppressori sistemici o lenti a contatto protettive fino ad arrivare alla tarsoraffia. Non sono da sottovalutare le integrazioni di vitamina B (QUI), e la correzione dietetica con introduzione di cibi benefici, ad esempio acidi grassi polinstaturi, come descritto qui, dove parliamo della dieta corretta per chi soffre di secchezza oculare.

Per chi volesse approfondire ogni aspetto della terapia del dry eye, il paragrafo relativo alla terapia è QUI.

Infine, come descritto in altri articoli, a causa dell’influenza del microbiota intestinale sul sistema immunitario e sulla infiammazione di basso grado sistemica, c’è correlazione tra occhio secco e intestino (QUI).

È fondamentale comunque, al fine di impostare la corretta terapia, l’analisi attenta dello stile di vita per trovare tutti i fattori ambientali o intrinseci della persona che possono portare all’aumento dei livelli infiammatoria generale dell’organismo. La valutazione spesso è multidisciplinare, coinvolgendo anche reumatologo, gastroenterologo, dermatologo.

occhio secco astenopia e luteina, zeaxantina, ribes nigrum, crisantemo e bacche di goji

Luetina e Zeaxantina Abbiamo più volte scritto in merito all'importanza della alimentazione e di come i composti naturali siano benefici per gli occhi. Presentiamo in questo articolo uno studio che ha migliorato molto l'astenopia, l'affaticamento visivo e i sintomi di occhio secco tramite la...

reazioni allergiche crociate tra alimenti e inalanti mese per mese

REAZIONI ALLERGICHE OCCHI CROCIATE TRA ALIMENTI E INALANTI MESE PER MESE Prima di leggere questo articolo consigliamo la lettura della pagina relativa all'inquadramento generale delle allergie oculari, che trovate in questo link.Chi è allergico a polveri, pollini, animali e altri fattori può...

Perchè la disbiosi porta a malattie degli occhi

Microbiota intestinale e occhi Come avrete visto uno dei pilastri del nostro vedere la medicina e l'oftalmologia è la visione che pone al centro lo stile di vita e l'alimentazione. Le sezioni infatti importanti di questo sito, che si propone una informazione oftalmologica multidisciplinare e...

Microbiota oculare e malattie dell’occhio (lenti a contatto, diabete, allergie, occhio secco, blefariti…)

microbioma oculare La superficie oculare sana è caratterizzata da un microbiota relativamente stabile, relativamente poco diversificato. Inoltre recenti scoperte suggeriscono che i batteri della possano avere un ruolo nel mantenimento dell'omeostasi modulando la funzione immunitaria, proteggendo,...

Proteoma lacrimale in rinocongiuntivite allergica

Rinocongiuntivite allergica e proteoma Mebabolomica congiuntiviti allergiche La metabolomica  studia le impronte chimiche dei processi dei sistemi biologici. In altri articoli abbiamo affrontato questi temi. Abbiamo infatti parlato di  metabolomica e disfunzione ghiandole Meibomio in occhio secco...

Rimedi naturali per allergie occhi: olio di oliva e acido Oleanolico

 Polline, OLIO di oliva  e allergie occhi Questo articolo trae spunto da alcune pubblicazioni riportate in calce, che son state rielaborate dall'autore a fini divulgativi/scientifici e non a scopo di lucro. Il polline è l'aeroallergene più comune che causa la congiuntivite stagionale. Il risultato...

Luteina e Zeaxantina: cure naturali per occhi e macula

Luetina e Zeaxastina I composti botanici e gli estratti dalle piante sappiamo che possono essere utili in alcune patologie oculari come cataratta, diabete, congiuntiviti, blefariti, occhio secco.  Questa pagina, dunque, parlerà di un paio di elementi naturali che hanno proprietà benefiche per gli...

Ginkgo biloba per OCCHI: proprietà benefiche per retina e glaucoma

Ginkgo biloba contro i radicali liberiProtezione retina e nervo ottico (glaucoma)   Alimentazione e salute degli occhi Continuiamo i nostri articoli su prodotti botanici e occhi. Come sapete siamo fermamente convinti dell'efficacie preventiva sulle malattie oculari e generali di una corretta...

Dott. Alberto Lanfernini – Oculista
Faenza – Ravenna – Riolo Terme – Pesaro

Dot. Lanfernini Alberto

Dott.ssa Annalisa Moscariello – Oculista
Ravenna – Faenza – Pesaro

Dott.ssa Annalisa Moscariello Oculista