chi mi deve dire se posso usare le lenti a contatto

Prima di scegliere la tipologia di lenti e di acquistarle, consultare il medico oculista per verificare l’assenza di controindicazioni e, anche in seguito, sottoporsi a controlli periodici dal medico.

La lente a contatto è un corpo estreneo, ben tollerato, ma sempre estraneo!

Pensare che indossare le LAC non porti a conseguenze è da illusi. Tutti i corpi estranei, benchè tollerati e inerti, portano a reazioni biologiche dell’organismo. Oltre quindi a risposte infiammatorie e immunitarie, anche se lievi perchè costruite con materiali tendenzialmente interti, la lente a contatto porta a alterazione del microbiota dell’occhio.
Inoltre alcune condizioni son  poco compatibili con l’uso, specialmente intenso, delle lenti a contatto, e sono da analizzare attentamente. Per esempio allergie, malattie cutanee, malattie autoimmuni, intolleranze varie, uso di farmaci particolari.
Dopo l’oculista è bene consultare inoltre un buon ottico/contattologo, che procederà alla valutazione della parte tecnica. Sarebbe utile che le due figure collaborassero insieme, poichè valutano due aspetti completamente differenti della stessa cosa.

lenti a contatto tempo di uso giornaliero

In linea generale è bene non usare le lenti a contatto per piu’ di 7-8 ore al giorno (indicativamente) possibilmente con “pausa pranzo”. Il tempo di uso varia ovviamente in base al tipo di lac, e al soggetto che le indossa. Le semirigide determinano meno problemi infiammatori a lungo andare. La lente morbida, inizialmente meglio tollerata, produce più spesso dislacrimia, secchezza oculare e allergie, con intolleranza alle LAC nel tempo.

come devo usare e gestire le lenti a contatto

E’ fondamentale gettare le lenti a contatto a scadenza e non usarle neanche un giorno in più’ di quanto previsto, poiché si aumenta il rischio di infezioni, anche intrattabili (alcune, piuttosto rare, portano inevitabilmente al trapianto di cornea) Utilizzare quindi sempre lenti a contatto sterili e non oltre il periodo raccomandato. Al termine del periodo di utilizzo indicato sulla confezione (giornaliero, bisettimanale, mensile, ecc.), sostituire le lenti con un paio nuovo.

devo usare colliri con le lenti a contatto?

E’ piuttosto utile lubrificare spesso gli occhi con lubrificanti e sostituti lacrimali (privi di conservante se con LAC indossate!) specie in condizioni di stress oculare come mare, vento, sabbia, fumo, poco sonno… in questo modo non si “stressano” la lacrimazione basale e quella riflessa, e si evitano processi infiammatori cronici a carico delle ghiandole lacrimali. Inoltre, l’effetto wash-out del lavaggio allontana dalla superficie oculare tutti i mediatori infiammatori che inevitabilmente si accumulano a causa dell’uso delle lenti a contatto (interleukine, istamina…). Da sottolineare che l’inizio di questa buona pratica deve essere prima della comparsa di sintomi come bruciore e secchezza, perché alla comparsa del sintomo l’occhio è già infiammato.

Ogni volta che si ripongono le lenti impiegare soluzioni per lenti a contatto non scadute e ben conservate, e non usare mai acqua corrente per sciacquarle. Non mettere mai le lenti in bocca per umidificarle con la saliva!

ho fastidio e occhio rosso con le lenti a contatto

In caso di arrossamenti, bruciori, prurito, sensazione di corpo estraneo, eccessiva lacrimazione, vista offuscata o qualsiasi altro disturbo, rimuovere immediatamente le lenti e consultare il medico oculista con sollecitudine. C’è pericolo di infezioni, anche gravi che possono determinare alterazioni permanenti della cornea. Può interessarti anche come gestire l’insorgere di intolleranza da lenti a contatto.

Ribadendo che per garantire una buona tollerabilità’ a lungo termine delle lenti a contatto ci vuole un lavoro combinato dell’ottico (per la parte tecnica), del medico (per la parte medica) e del portatore (per la parte di adesione alle norme elementari di buon senso e buon uso delle lac), proseguo con i consigli sull’uso delle lac.

Leggi anche:

mi è andato qualcosa nell’occhio con lenti a contatto indossate

Se una sostanza estranea chimica viene a contatto con gli occhi sciacquare immediatamente e recarsi subito dal medico. Togliere immediatamente la lente a contatto se facilmente asportabile, la quale, imbevuta della sostanza, potrebbe fare da serbatoio a lento rilascio; nel caso la lente sia tenacemente adesa alla cornea, è meglio lasciarla in sede, per evitare di lacerare i tessuti. Consultare quindi un oculista (o il pronto soccorso), per evitare possibili danni permanenti alla cornea.
Evitare l’esposizione a vapori nocivi o lacche per capelli, ed evitare anche, prima di utilizzare le lenti, l’uso di saponi contenenti creme, lozioni od oli cosmetici. La parte di cosmetici e lenti a contatto è in altro paragrafo (click here).

 

LEggi anche:

farmaci e lenti a contatto

Consultare il medico oculista se si devono assumere farmaci: alcune categorie di medicinali infatti possono provocare secchezza dell’occhio (ad esempio  antidepressivi).

lenti a contatto per attività sportiva

Per l’uso di lenti a contatto durante le attività sportive, consultare il medico. Evitare comunque l’uso in occasione di bagni al mare, in piscina e di docce nei luoghi pubblici. Anche se tale uso è molto diffuso e molto comodo, aumenta decisamente il rischio di infezioni, specie fungine (i funghi, come è noto, crescono bene negli ambienti caldo umidi). In nessun caso indossare una lente che è stata a contatto con il suolo!

In caso di esposizione ai raggi UV indossare sempre e comunuqe gli occhiali da sole.

devo andare dal medico o basta andare dall’ottico per le lenti a contatto?

E’ fondamentale sottoporsi periodicamente a controllo dall’oculista: infatti, anche in caso di buona tolleranza apparente delle lenti a contatto, ci possono essere dei fenomeni infiammatori che producono pochi sintomi – a volte nessuno –  ma che a lungo andare renderanno l’uso delle lac difficoltoso, provocando fenomeni di intolleranza o allergia. Il fatto di non avere disturbi con l’uso delle lac, non esclude quindi condizioni sottostanti infiammatorie. Un tempestivo intervento da parte dell’oculista, che dovrebbe vedere  tali segni, è benefico in termini di prolungamento nel tempo di buona tolleranza delle lac. Inoltre l’occhio potrebbe essere affetto da altre condizioni patologiche asintomatiche (glaucoma, patologie retiniche, non necessariamente riguardanti la terza età) delle quali il portatore di lac non si accorge, ma che potrebbero, se tardivamente diagnosticate, essere di difficile trattamento. All’ottico spetta la parte tecnica della costruzione e gestione delle lenti a contatto, non la parte medica, importantissima per conservare la salute degli occhi.

devo rifare gli occhiali, quanto tempo devo stare senza lac

Prima del rinnovo della prescrizione per occhiali/lenti a contatto sarebbe bene interrompere l’uso delle lac per almeno 3/4 giorni; il tempo di interruzuione può variare a giudizio dell’ oculista a seconda del difetto e delle condizioni soggettive. Il tutto è motivato dal fatto che la lac può dare compressioni sulla cornea producendone deformazioni temporanee che alterano la refrazione, provocando astigmatismi falsi o altre anomalie che inducono all’errore prescrittivo.

Di miopia abbiamo già parlato in tanti articoli:

Difetti di vista: miopia, ipermetropia, astigmatismo e presbiopia

fattori di rischio miopia

terapie per miopia

Cure naturali per miopia

Ortocheratologia: lenti a contatto notturne

Lenti a contatto pediatriche per bambini

Blefariti, orzaioli e calazi cura e prevenzione

cure di blefariti, orzaioli, calaziosi ricorenti (cosa fare e come curarli) Blefariti e calazi, cura e prevenzione. Alimentazione  e dieta per blefariti.Spesso le blefariti e le blefarocongiuntiviti sono associate a calazi e a malattie della pelle come la rosacea o dermatiti. Inoltre l'intestino e la disbiosi intestinale sono un fattore che entra nella patogenesi delle blefariti.La cura delle blefariti dunque è complessa. Cura e prevenzione delle blefariti e dei calazi Blefariti e calazi, processi infiammatori delle ghiandole lacrimali palpebrali, affliggono molte persone. In questo articolo...

Ciclosporina in Vernal e Occhio Secco (dry eye)

La ciclopsorina collirio come terapia nelle Cheratocongiuntiviti Vernal e NELLA SINDROME DA OCCHIO SECCO Il collirio a base di ciclosporina è una ottima soluzione per alcune malattie oculari, come la sindrome da occhio secco, la vernal cheratocongiuntivite (VKC) la rosacea oculare. Si tratta di un collirio galenico, cioè preparato da alcune farmacie direttamente, anche se ora è presente un costosissimo (per l'ssn) preparato commerciale la cui prescrizione è possibile solo in reparti ospedalieri. Di seguito andiamo a capire di cosa parliamo analizzando la ciclosporina collirio più da vicino....

Autosiero (collirio con siero autologo)

L'autosiero contro l'occhio seccosiero autologo e siero eterologo collirio In questo articolo parleremo dell'autosiero (o siero collirio autologo), un derivato del sangue (emocomponente) molto utile per la terapia di alcune condizioni patologiche della superficie oculare. Siero collirio Il siero autologo, chiamato anche autosiero, è uno speciale collirio ottenuto tramite la centrifugazione del proprio sangue (che viene normalmente prelevato come per gli esami di laboratorio ematici), e contiene diversi fattori di crescita, tra cui fibronectina e vitamine che contribuiscono all’integrità...

Vernal keratocongiuntivite – cause, sintomi, evoluzione e terapie

la cherato-congiuntivite Vernal (VKC), quando la congiuntivite non passa La Vernal keratocongiuntivite è una forma infiammatoria piuttosto antipatica che colpisce bambini, e tende a migliorare dopo l'adolescenza. Tendenzialmente cronica, si esacerba in primavera estate. Essa é considerata una patologia emergente e si calcola che in Italia vi siano circa 5000 soggetti affetti e 38000 in Europa; la gestione clinica è molto impegnativa per i possibili, se pur rari, esiti permanenti a livello oculare. Vernal congiuntivite in pillole Definizione: La vernal keratocongiuntivite è una malattia...

Dermatiti intorno agli occhi e alimenti

Dermatiti contorno occhi e alimenti LA alimentazione è una causa di  dermatiti, pelle arrossata, palprbe arrossate intorno agli occhi. Le dermatiti perioculari  si associano spesso a irritazione degli occhi come blefariti e congiuntiviti.  Cute rossa intorno agli occhi e blefariti/congiuntiviti Visto l'interesse degli utenti del sito in tema di allergie, alimenti e dermatiti, pubblichiamo un altro articolo scritto insieme alla Dottoressa Emanuela Fogli, dopo quello inerente a le dermatiti da contatto e aeromediate (link), e le blefariti associate a rosacea (rosacea oculare - link). In...

Cibi da evitare nel glaucoma

Alimenti e cibi da evitare nel glaucomaCosa non mangiare per il glaucoma Una errata alimentazione può aumentare il rischio di progressione del glaucoma. Glaucoma cosa non mangiare Il glaucoma (qui) è una patologia oftalmica che colpisce il nervo ottico e può causare danni irreversibili alla vista. La pressione intraoculare elevata è uno dei fattori di rischio più importanti per lo sviluppo del glaucoma.  La dieta sana e corretta può essere utile per prevenire il glaucoma e costituisce un valido aiuto per la salute oculare. Questo può avvenire per vai motivi, tra cui: apporto di nutrienti...

Presbiopia rimedi naturali: esperidina

 Cure naturali per la presbiopia La presbiopia è un difetto di vista che impedisce la visione per vicino e colpisce i soggetti dopo i 40 anni. Vediamo di capire se esistono cure e rimedi naturali per rallentare la presbiopia. E' possibile rallentare la presbiopia? E' piuttosto fastidioso nella vita dei quarantenni la presbiopia, specialmente adesso a causa della continua necessità diffusa di passare molto tempo su telefoni e computer. La presbiopia disturba inoltre anche la vecchia guardia affezionata al cucito e al ricamo, specie quasi in via di estinzione. Una domanda ricorrente è se si...

Pappa reale e Polline: rimedi naturali per l’occhio secco

 Pappa reale e polline per gli occhiCura naturale per occhio secco Il polline non procura solo allergie oculari, ma è anche una integrazione molto utile, insieme alla pappa reale, per l'occhio secco. Occhio secco L'occhio secco, è una malattia multifattoriale che segua la compromissione della secrezione delle ghiandole lacrimali.  Dopo aver parlato della Vitamina B e degli effetti sull'occhio secco specialmente sul dolore neuropatico, della vitamina D e di altro inerente vitamine, elementi naturali e occhi, vediamo oggi uno studio in letteratura medica pubblicato riguardo il polline e la...

Occhiali da riposo non graduati

Occhiali da riposo "non graduati" Esistono gli occhiali da riposo non graduati? funzionano davvero gli occhiali da riposo? e quando vanno usati gli occhiali da riposo? Occhiali riposanti non graduati Gli occhiali da riposo" non graduati" sono diventati molto popolari negli ultimi anni. Questi occhiali sono progettati per aiutare a ridurre l'affaticamento degli occhi, soprattutto per chi trascorre molte ore al giorno davanti a uno schermo di computer o di smartphone. Di affaticamento di occhi e altri rimedi naturali parliamno qui.  Non graduati significa senza lenti che modificano il percorso...

Artemisia e assenzio rimedi naturali per gli occhi

 Artemisia e assenzio I composti botanici e gli estratti dalle piante sappiamo che possono essere utili in alcune patologie oculari come cataratta, diabete, congiuntiviti, blefariti, occhio secco.  In questa pagina parleremo della Artemisia o  Assenzio maggiore e dei suoi dimostrati effetti farmacologici. Qui invece trovate il link che rimanda ad alcuni composti naturali dagli effetti benefici sugli occhi. L'indice delle sostanze botaniche trattate nel sito lo trovate qui. Artemisia e assenzio L'artemisinina, è un lattone derivato dalla pianta di assenzio dolce ( Artemisia annua), che è...

Cheratocono cause e cure

1. Introduzione al cheratocono Il cheratocono è una malattia degenerativa dell’occhio che causa una deformazione progressiva della cornea, la parte anteriore trasparente dell’occhio. Questa condizione può portare a una visione distorta e offuscata, e in alcuni casi può richiedere un trapianto di cornea. Il cheratocono colpisce tipicamente entrambi gli occhi e di solito inizia a svilupparsi tra l’adolescenza e i vent’anni. leggi anche: Cosa fare in caso di visione offuscata 2. Cause del cheratocono Le cause esatte del cheratocono non sono ancora completamente comprese. Tuttavia, si ritiene...

Dott. Alberto Lanfernini – Oculista
Faenza – Ravenna – Riolo Terme – Pesaro

Dot. Lanfernini Alberto

Dott.ssa Annalisa Moscariello – Oculista
Ravenna – Faenza – Pesaro

Dott.ssa Annalisa Moscariello Oculista