e' meglio usare o non usare gli occhiali?

Usare o non usare gli occhiali?

Se è meglio usare gli occhiali o no è un argomento che spesso crea confusione tra i pazienti che si rivolgono agli oculisti.
Chi non li vuole perché pensano l’occhio si abitui, chi li cerca anche se non ne ha effettivamente bisogno.

Usare sempre gli occhiali o no?

Per capire se sia bene usare gli occhiali o è possibile farne a meno  necessario capire che in realtà, l’occhiale non ha indicazioni generali, ma deve essere adattato alle esigenze di ogni paziente in base al difetto di vista che presenta.

I bambini sotto i 6 anni devono sempre usare gli occhiali, mentre per gli adulti l’utilizzo dipende da vari fattori. Vediamo di fare chiarezza su alcune situazioni specifiche.

I bambini devono sempre usare gli occhiali secondo le indicazioni dell’oculista

Per i bimbi sotto i 6 anni,  se prescritto, l’occhiale va sempre usato secondo quanto dice l’oculista, poiché il più delle volte è essenziale per garantire un corretto sviluppo visivo e prevenire l’ambliopia (occhio pigro).
Leggi anche:
Per gli adulti, invece, l’uso dell’occhiale dipende da vari fattori (età, attività lavorativa, difetto di vista, carattere, esigenze…); vediamo quindi di chiarire qualche caso specifico.

Il miope deve sempre usare gli occhiali?

miopi non vedono bene da lontano, come è noto. Se sei miope, avrai sicuramente sentito la domanda: “Devi sempre usare gli occhiali?” La risposta potrebbe sorprenderti: se hai una lieve miopia, potresti usare gli occhiali solo quando ne hai bisogno, senza temere di peggiorare il tuo difetto visivo.  A quanto oggi noto, infatti, il mancato uso dell’occhiale non espone a rischi di aumento del difetto (salvo possibilità recente di indossare lenti per il controllo progressione miopica) . In realtà, dunque, attualmente la cosa è dibattuta.

Leggi anche:

Ma cosa succede ai miopi con una miopia più elevata? Devono portare gli occhiali sempre e comunque? Non necessariamente. Sebbene gli occhiali siano indispensabili per una visione nitida a lunga distanza, la mancanza di occhiali non comporta necessariamente un aumento del difetto visivo. Inoltre, per i miopi con difetti visivi più elevati, l’uso degli occhiali potrebbe essere limitato solo ad alcune attività, come la guida o la visione a distanza. Del resto essi, togliendo gli occhiali, vedono molto bene da vicino, e in alcuni casi può essere un vantaggio.

Quando l’ipermetrope deve usare gli occhiali

Gli ipermetropi, sfortuna loro, non vedono bene da lontano e neanche da vicino. Piccole ipermetropie, comunque, sono ben compensate, specialmente in giovane età, e spesso il soggetto non si accorge neanche di essere ipermetrope. Il mancato uso degli occhiali , però, può portare a astenopia, cioè a una stanchezza eccessiva nelle attività comuni (guidare, guardare la tv, scrivere, leggere, usare il pc); tutto ciò non arriva comunque a compromette la vista.

Stessa cosa dicasi per gli astigmatici, che, del resto, avranno più disturbi degli altri, ma che, per difetti di modesta entità, potranno vivere benissimo anche senza occhiali.

Presbiopia e occhiali: è sempre bene usare gli occhiali per la presbiopia?

Il quarantenne presbite, è davanti alla scelta di quando cominciare a usare gli occhiali. La presbiopia va avanti nel tempo senza pietà alcuna,  e si perdono circa tre diottrie dai 40 ai 60 anni. Tutti diventano presbiti, anche coloro che, per questioni ottiche (come i miopi) non se ne accorgono. Infatti la presbiopia è la perdita di funzionalità del muscolo ciliare, che si usa per la messa a fuoco, che inizia intorno ai 40 anni, e non risparmia nessuno.

Per quanto concerne, dunque, l’uso degli occhiali, se inizialmente può avere un senso non usare gli occhiali e “sforzare” un pochino la vista, al fine di ritardare il momento dell’uso dello stesso occhiale, con il passare del tempo, nel momento quindi  che si cominciano ad usare gli occhiali, decidere di portare correzioni basse e non appropriate non ha senso. Infatti, come detto inizialmente, la perdita visiva da vicino resta un  parametro età-correlato, intorno alle 2,5/3 diottrie, ed è indipendente dal valore dell’occhiale che si usa. Usare un occhiale da +1, se per l’attività svolta serve un +2, non porta alcun beneficio, ma, anzi, la sottocorrezione troppo marcata porta all’astenopia.

Leggi anche:

Conseguenze di non portare gli occhiali

Se non si portano gli occhiali possiamo avere alcuni disturbi. Bisogna innanzitutto fare dei distinguo sul mancato uso degli occhiali. LE conseguenze di non usare gli occhiali sono infatti diversa per bambini e adulti.

  • Se un bambino non porta gli occhiali può restare ambliope, cioè non guarire dall’occhio pigro (qui l’articolo di approfondimento) per mancato sviluppo della vista. Quindi nei bambini l’occhiale è d’obbligo se prescritto dall’oculista, secondo le sue indicazioni.
  • Negli adulti la questione è diversa. Se un adulto non porta gli occhiali non avrà conseguenze sulla vista, ma semplicemente vedrà meno e potrà stancarsi molto, avere sintomi di visione offuscata, visione doppia e annebbiata. Inoltre è possibile aggravare quadri di cefalea, emicrania e altri disturbi generali come nausea e vertigini: in questo caso però l’uso del occhiale ripristinerà una situazione di buon comfort senza danni permanenti della vista.

Leggi anche:

Come rallentare la presbiopia con rimedi naturali

E’ evidente che la lotta contro il tempo è persa in partenza. E’ possibile però mantenere l’organismo in buon equilibrio da un punto di vista generale per riuscire a ritardare i segni del tempo e i disagi dell’invecchiare. Qualche piccolo rimedio naturale su come sia possibile rallentare la presbiopia esiste: ne abbiamo parlato in questa pagina (link). Questo sito per il resto è pieno di articoli che suggeriscono come mantenersi in forma con la vista (sezione alimentazione).

Leggi anche:

Consigli generali per uso/non uso occhiali

  • l’occhiale deve essere una comodità, non una condanna, quindi l’uso è al bisogno (e per la sicurezza sulla guida!);
  • se con un occhiale si sta bene, anche se  tecnicamente non è proprio perfetto, significa che comunque l’organismo lo accetta;
  • usando l’occhiale non si perde la vista; ci sono solo degli adattamenti muscolari dell’occhio che fanno sembrare, nel momento in cui si toglie l’occhiale, di vedere meno di prima; questo accade perché il muscolo accomodatore si rilassa (un po’ come perdere l’allenamento in palestra… se prima si sollevano 40 kili, poi ridotti a 20, nel momento che tornano 40 sembrano più pesanti, ma sempre 40 sono!).
  • i vari tipi di occhiali, monofocali, progressivi, e le lenti a contatto sono uno strumento personale, il cui uso va adeguato alle proprie esigenze lavorative, caratteriali, di benessere. Il consulto dallo specialista dovrebbe essere utile ad indagare questi aspetti, al fine di ottimizzarne l’uso, senza che sia un peso. Non tutti, infatti, scelgono la strada dell’occhiale a tutti i costi, ma, anzi, alcuni li rifiutano.
  • in caso di piccole differenze tra un occhio e l’altro, la scelta dell’occhiale da vista va eseguita valutando il disagio in visione binoculare, cioè con due occhi aperti, nonché la percezione tridimensionale valutabile con appositi test.  Restando in tema, spesso è difficile garantire la stessa vista, anche corretta, nei due occhi, a causa di differenze tecniche nel difetto di vista e percettive.

Leggi anche:

Occhiali per la luce blu

La luce blu, emessa dai monitor e display di telefonini, PC, tablet e tv pare abbia qualche effetto nocivo anche se l’allarme è molto ridotto negli ultimi anni. L’uso di occhiali con filtro blu potrebbe essere utile, ma, in sostanza, non è così indispensabile come teluni ricredono.

Per approfondire questo tema rimandiamo alla pagina in cui parliamo di luce blu (link qui). 

Leggi anche:

Migliorare la vista con la medicinta naturale

Migliorare la vista con la medicina naturale è possibile grazie all’utilizzo di piante ed erbe che possono offrire benefici alla salute degli occhi. Tra i rimedi naturali più efficaci troviamo la vitamina A, che si trova in alimenti come carote, patate dolci e spinaci, e il mirtillo, che contiene antiossidanti utili per la prevenzione di patologie come la degenerazione maculare.

Inoltre, la calendula può essere utilizzata per curare irritazioni e infiammazioni oculari, mentre l’echinacea può migliorare la circolazione sanguigna nella retina. Anche la camomilla è utile per alleviare la stanchezza degli occhi.

La medicina naturale in generale può offrire una valida alternativa ai farmaci tradizionali per molti disturbi, ma è importante ricordare che la sua efficacia dipende dalla corretta somministrazione e dosaggio, e che non deve mai sostituire le terapie prescritte dal medico. Del perchè preferiamo i rimedi naturali per gli occhi, quando possibile, parliamo in questa pagina (link: medcina naturale e occhi vs medicina di sintesi). 

Leggi anche:

Erbe e spezie per migliorare la vista

Oltre alle piante già menzionate, ci sono altre erbe e spezie che possono offrire benefici alla vista.

Il Ginkgo Biloba, ad esempio, è stato tradizionalmente utilizzato per migliorare la circolazione sanguigna nel cervello e negli occhi, ed è stato anche studiato per la prevenzione della degenerazione maculare e glaucoma.

La curcuma è un’altra spezia che può offrire benefici alla salute degli occhi grazie alle sue proprietà antiossidanti e antinfiammatorie. Inoltre, la rosa canina, ricca di vitamina C e antiossidanti, può essere utilizzata per prevenire la degenerazione maculare.

Anche la foglia di tè verde contiene antiossidanti che possono proteggere gli occhi dalla degenerazione maculare e da altri problemi legati all’età. Infine, il Ribes nigrum, comunemente noto come ribes nero, può essere utilizzato per la prevenzione di patologie oculari come la cataratta e la degenerazione maculare grazie alla sua ricchezza di antiossidanti.

Inoltre, una sana alimentazione ricca di frutta e verdura può fornire importanti nutrienti per la salute degli occhi, come la vitamina C e gli antiossidanti e nutrire il microbiota in modo da evitare la disbiosi, che comprometta la salute generale.

In conclusione, se si desidera migliorare la vista con la medicina naturale, è importante consultare un  medico esperto in erboristeria e integratori alimentari, e non trascurare l’importanza di una dieta equilibrata e uno stile di vita sano, e consultare sempre lo specialista in oculistica.

 

Leggi anche:

Bibliografia a fondo pagina

 

e' meglio usare o non usare gli occhiali?

Bibliografia

  1. Ma L, Lin XM. Effects of Ginkgo biloba extract on visual field damage in patients with normal tension glaucoma. Journal of Glaucoma. 2012;21(7):492-497.

  2. Kocaadam B, Şanlier N. Curcumin, an active component of turmeric (Curcuma longa), and its effects on health. Critical Reviews in Food Science and Nutrition. 2017;57(13):2889-2895.
  3. Dawidowicz AL, Olszowy M, Jeszka-Skowron M, Złotek U. Bioactive compounds and antioxidant activity of Rosa canina L. biotypes from Poland. Journal of Food Science and Technology. 2015;52(7):4291-4297.
  4. Chrysant SG. The antioxidant effects of tea polyphenols in eye protection. In: Benzie IFF, Wachtel-Galor S, eds. Herbal Medicine: Biomolecular and Clinical Aspects. 2nd edition. Boca Raton (FL): CRC Press/Taylor & Francis; 2011. Chapter 18. Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK92768/
  5. Khodadoust A, Vojdani R, Khodadoust S, Gohari M, Ashrafi S. The effect of blackcurrant supplements on visual fatigue and visual function in visual display terminal workers: A randomized, double-blind, placebo-controlled study. Journal of Food Biochemistry. 2021;45(2):e13503.
  6. Gavankar C, Gavankar P. A Review on Herbal Drugs for Eye Diseases. Journal of Applied Pharmaceutical Science. 2012;2(8):1-6.
  7. Yang J, Meyers KJ, van der Heide RS, Liu RH. Varietal differences in phenolic content and antioxidant and antiproliferative activities of onions. Journal of Agricultural and Food Chemistry. 2004;52(21):6787-6793.
  8. Lachinov D, Sudoma I, Bokuchava M. Use of Echinacea in ophthalmology. Vestnik oftalmologii. 2016;132(6):82-87.

  9. Ma L, Lin XM. Effects of Ginkgo biloba extract on visual field damage in patients with normal tension glaucoma. Journal of Glaucoma. 2012;21(7):492-497.

  10. Kocaadam B, Şanlier N. Curcumin, an active component of turmeric (Curcuma longa), and its effects on health. Critical Reviews in Food Science and Nutrition. 2017;57(13):2889-2895.
  11. Dawidowicz AL, Olszowy M, Jeszka-Skowron M, Złotek U. Bioactive compounds and antioxidant activity of Rosa canina L. biotypes from Poland. Journal of Food Science and Technology. 2015;52(7):4291-4297.
  12. Chrysant SG. The antioxidant effects of tea polyphenols in eye protection. In: Benzie IFF, Wachtel-Galor S, eds. Herbal Medicine: Biomolecular and Clinical Aspects. 2nd edition. Boca Raton (FL): CRC Press/Taylor & Francis; 2011. Chapter 18. Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK92768/
  13. Khodadoust A, Vojdani R, Khodadoust S, Gohari M, Ashrafi S. The effect of blackcurrant supplements on visual fatigue and visual function in visual display terminal workers: A randomized, double-blind, placebo-controlled study. Journal of Food Biochemistry. 2021;45(2):e13503.

Nutrizione e occhi

Di nutrizione e come essa possa influenzare la salute oculare se ne parla qui (link).

Alimentazione e occhi
La dieta sana per le malattie oculari e la loro prevenzione

Cliccando qui si aprirà la sezione alimentazione e occhi.

Probiotici e prebiotici. Correlazioni con malattie degli occhi.

Cliccando qui si aprirà la sezione prebiotici e probiotici.

Microbiota intestinale e salute degli occhi

Clicca qui per la sezione microbiota intestinale e correlazione con le malattie degli occhi.

Elementi naturali, erbe, botanica e effetti sulle malattie degli occhi e sulla prevenzione

 Clicca qui per la sezione botanica, erbe medicinali e occhi.
Cliccando invece qui si aprirà l'elenco degli articoli.

Occhi e vitamine

Clicca QUI per la sezione vitamine.

Metabolomica e occhio

Clicca qui per gli articoli inerenti la metabolomica e gli occhi.

Inquinamento e infiammazioni degli occhi

. Parliamo di occhi e inquinamento e di come correggere l'ambiente interno in cui viviamo, in queste pagine (link).

Se siete interessati a qualcosa di particolare, usate la funzione Cerca, in altro a destra

Blefariti, orzaioli e calazi cura e prevenzione

cure di blefariti, orzaioli, calaziosi ricorenti (cosa fare e come curarli) Blefariti e calazi, cura e prevenzione. Alimentazione  e dieta per blefariti.Spesso le blefariti e le blefarocongiuntiviti sono associate a calazi e a malattie della pelle come la rosacea o dermatiti. Inoltre l'intestino e...

Ciclosporina in Vernal e Occhio Secco (dry eye)

La ciclopsorina collirio come terapia nelle Cheratocongiuntiviti Vernal e NELLA SINDROME DA OCCHIO SECCO Il collirio a base di ciclosporina è una ottima soluzione per alcune malattie oculari, come la sindrome da occhio secco, la vernal cheratocongiuntivite (VKC) la rosacea oculare. Si tratta di un...

Autosiero (collirio con siero autologo)

L'autosiero contro l'occhio seccosiero autologo e siero eterologo collirio In questo articolo parleremo dell'autosiero (o siero collirio autologo), un derivato del sangue (emocomponente) molto utile per la terapia di alcune condizioni patologiche della superficie oculare. Siero collirio Il siero...

Occhi rossi nei bambini:cause, cure, colliri, rimedi naturali

  Occhi rossi nei bambini cause, rimedi e terapie I bambini spesso soffrono di occhi rossi. E' bene sempre consultare il medico se un bimbo presenta occhi rossi.Vediamo in questo articolo le cause locali e generali di occhi rossi nei bambini,  i rimedi naturali e di sintesi. Cause di occhio rosso...

Vernal lettera di una mamma

Testimonianza sulla Vernal curata con ciclosporina Una mamma ci scrive Le cose che rendono felici i medici sono le guarigioni dei pazienti. Ancora più felici siamo quando questi pazienti ci mandano dei ringraziamenti, come quello che pubblichiamo. Il nome del bimbo è di fantasia. Trovate...

Come curare le congiuntiviti

Come curare le congiuntiviti Come curare le congiuntiviti?Si tratta di una condizione infiammatoria della congiuntiva, una membrana trasparente che ricopre la parte anteriore dell'occhio e parte della palpebra.Vediamo cosa si può fare per curare le congiuntivite.E' comunque necessario sempre...

campo visivo a cosa serve

Campo visivo Il campo visivo è un esame che si fa in numerose condizioni, dal glaucoma al mal di testa, dai traumi agli insulti vascolari. il Campo visivo a cosa serve e come si esegue Il campo visivo è un esame che serve per valutare la funzionalità delle vie ottiche e viene eseguito...

I migliori colliri naturali e di sintesi (detti “normali”)

I migliori colliri I colliri migliori: domanda che ci fanno tanti pazienti. Meglio colliri naturali o si sintesi?Non esiste un collirio migliore di altri, ma colliri che agiscono su una specifica malattia oculare meglio di altri. Quale è il collirio migliore? Esiste un collirio migliore di un...

Luce blu e occhi: display, monitor, PC, telefonini e LED

Luce blu, telefonini, display, PC, led e occhi La luce  blu è una particolare lunghezza d'onda dello spettro luminoso compresa tra 415 nm e 455 nm. L'esposizione a questa radiazione avviene all'aperto ma anche durante l'applicazione ai display nelle attività lavorative e non. Pare che questa...

Intolleranza da lenti a contatto

Intolleranza da lenti a contattoFastidio e occhio rosso da lenti a contatto Le lenti a contatto sono un mezzo correttivo molto gradito dalle persone con difetti visiti, e sono da considerarsi oramai sicure e efficaci nel garantire un buon comfort. Uno degli aspetti da considerare nell'uso delle...

Dieta priva di istamina per congiuntiviti allergiche alimentari

Allergie agli occhi e alimenti La dieta priva di istamina migliora spesso le congiuntiviti e le blefariti associate ad allergie alimentari o che hanno la causa in alcuni cibi.Ridurre l'istamina assunta con i cibi può aiutare a migliorare i sintomi delle infiammazioni oculari. Allergie agli occhi e...

Dott. Alberto Lanfernini – Oculista
Faenza – Ravenna 

Dot. Lanfernini Alberto

Dott.ssa Annalisa Moscariello – Oculista
Ravenna – Faenza – Pesaro

Dott.ssa Annalisa Moscariello Oculista