Prevenzione maculopatie

I familiari di chi ha la degenerazione maculare come possono evitare di ammalarsi?

Prevenzione della degenerazione maculare

La degenerazione maculare, o maculopatia senile, è una patologia tipica deli anziani. Colpisce la retina centrale, nella parte detta macula, e può provocare la perdita della visione progressivamente. Come già spiegato in altri paragrafi, la degenerazione maculare si divide in forma secca, o atrofica, e umida,

Fattori di rischio della degenerazione maculare

La DMLE è una malattia multifattoriale. In primis abbiamo fattori costituzionali:

  • Età, che è il fattore di rischio principale
  • Genere: le donne sono più colpite degli uomini
  • Occhi chiari, iride chiara, per aumento del passaggio dei raggi dannosi della luce.

I fattori di rischio ambientali della degenerazione maculare sono:

  • Fumo di sigaretta: è il più importante dopo la familiarità, e aumenta di 3 volte il rischio di ammalarsi rispetto ai non fumatori. Un bell’articolo sui danni da fumo agli occhi lo trovate cliccando qui (ma poi niente scuse per ridurre le sigarette!)
  • Ipertensione arteriosa, ipercolesterolemia, abuso di alcool, diabete e obesità
  • Esposizione a  luce solare, per danni da UV e produzione di radicali liberi (es. marinai, contadini, lavoratori della strada…)

I fattori di rischio genetici della maculopatia senile sono:

  • Alcune variazioni genetiche aumentano il rischio. Senza entrare nei particolari, coinvolti sono i fattori H del complemento, il C3, il fattore I, enzimi del metabolismo del colesteroli, un gene mitocondriale detto ARMS2, e i geni della matrice extracellulare

Alcuni studi recenti danno una qualche importanza al microbiota intestinale per la produzione di squilibri nella regolazione immunitaria che darebbero luogo a manifestazioni retiniche (asse intestino-retina).

Stile di vita e maculopatia

Da quanto sopra detto, la riduzione del rischio nei familiari di pazienti con degenerazione maculare (e nella popolazione in generale) e la prevenzione  passano da:

  • corretto stile di vita
  • corretta alimentazione, qui la sezione dedicata alla alimentazione protettiva per gli occhi. Su questo punto insistiamo molto, dal momento che l’alimentazione  è la base della salute. Consigliamo quindi di leggere la pagina dedicata. La dieta mediterranea come beneficio per la maculopatia è trattata (QUI).
  • forte riduzione fino alla sospensione del fumo
  • uso di occhiali da sole filtranti, specialmente per chi ha occhi chiari e sta molte ore esposto al sole
  • integrazione vitaminica: è dimostrato che molte sostanze sono benefiche per gli occhi. In questa pagina parliamo di Luteina e Zeaxantina, mentre in questa degli elementi naturali e vitamine benefici per gli occhi in generale, che hanno efficacia protettiva anche per la protezione della retina. Non sottovalutiamo l’Assenzio (Artemisia) per le sue proprietà anti angiogeniche.
  • miglioramento stato cardiocircolatorio generale, con controllo ipertensione e altri fattori di rischio. La retina, infatti, è nutrita dal flusso sanguigno, e ogni condizione che altera la perfusione manda in sofferenza i tessuti, compresi quelli degli occhi.

Inoltre riveste un ruolo essenziale nelle prevenzione della maculopatia eseguire controlli periodici, anche se non si accusano sintomi e cali visivi. Questo vale soprattutto per la degenerazione maculare umida, e in quei quadri clinici che possono portare ad essa.  Infatti diagnosi tempestive cambiano radicalmente, in meglio, l’evoluzione, visti i  progressi nei trattamenti con farmaci intravitreali.
Il soggetto, inoltre, deve collaborare con l’autovalutazione della vista a casa. Si pone davanti a qualche cosa di rettilineo, come mattonelle della cucina o pali della luce in strada, e, con occhiali per lontano, valuta eventuali distorsioni, cali di contrasto, o qualsiasi asimmetria visiva di un occhio rispetto all’altro. Altra variante è lo schermo di Amsler, eseguito osservano un reticolo quadrato disegnato su un foglio, questa volta con occhiali per lettura. Naturalmente tutto ciò deve essere fatto con un occhio alla volta.

Oct angio-oct e degenerazione maculare

In sede di visita l’oculista valuterà tutti gli aspetti dell’occhio, fondo oculare compreso. La diagnostica della maculopatia è stata però rivoluzionata dall’oct maculare, che ha affiancato la tradizionale fluorangiografia e la angiografia con verde indocianina. La sua evoluzione, l’angio-oct, ha permesso di limitare fortemente l’esecuzione di questi due esami fastidiosi, che richiedono somministrazione endovena di mezzo di contrasto. Il confronto di esami nel tempo permette di valutare minimi aspetti di evoluzione, impensabili fino a qualche anno fa. Per approfondimenti clicca qui.

Nelle strutture di Faenza, Ravenna e Pesaro disponiamo delle strumentazioni per la diagnosi e il follow-up della degenerazione maculare senile.

Occhiali dopo intervento di cataratta

Quando si possono fare gli occhiali dopo intervento di cataratta Questo articolo fa parte degli articoli inerenti la cataratta e l'intervento, che trovate QUI. Una domanda che molti pazienti ci fanno nei nostri ambulatori oculistici di Faenza e Ravenna è dopo quanto tempo dall'intervento di...

Proteoma lacrimale in rinocongiuntivite allergica

Rinocongiuntivite allergica e proteoma Mebabolomica congiuntiviti allergiche La metabolomica  studia le impronte chimiche dei processi dei sistemi biologici. In altri articoli abbiamo affrontato questi temi. Abbiamo infatti parlato di  metabolomica e disfunzione ghiandole Meibomio in occhio secco...

5-Allergie, congiuntiviti, pollini e dieta. Alimenti da evitare in relazione alle allergie ai pollini

 Congiuntiviti allergiche alimenti da evitare i relazione all'allergia ai pollini Prima di leggere questo articolo consigliamo la lettura della pagina relativa all'inquadramento generale delle allergie oculari, che trovate in questo link.  La dieta a basso contenuto e priva di istamina è stata...

Curcuma nelle malattie dell’occhio

I composti botanici: effetti sulle malattie oculari Proseguono i nostri approfondimenti sugli effetti dell'alimentazione nelle patologie oculari come cataratta, diabete, congiuntiviti, blefariti, occhio secco. In questo breve articolo (che traiamo da un lavoro riportato in calce, non a scopi...

Vitamina C e Vitamina E per gli occhi: maculopatie

 Vitamina C - vitamina E per maculopatie Arriviamo oggi a parlare di due Vitamine fondamentali per l'uomo, la vitamina C e la vitamina E, dopo aver accennato alla Vitamina D e alla Vitamina B e dei loro effetti su occhi secchi e dolore oculare. Infatti tutto l'organismo e ovviamente  gli occhi,...

Luce blu e occhi: display, monitor, PC, telefonini e LED

Luce blu, telefonini, display, PC, led e occhi La luce  blu è una particolare lunghezza d'onda dello spettro luminoso compresa tra 415 nm e 455 nm. L'esposizione a questa radiazione avviene all'aperto ma anche durante l'applicazione ai display nelle attività lavorative e non. Pare che questa...

Autosiero (collirio con siero augologo)

l'autosiero contro l'occhio secco siero autologo e siero eterologo collirio   Il siero autologo, chiamato anche autosiero, è uno speciale collirio ottenuto tramite la centrifugazione del proprio sangue (che viene normalmente prelevato come per gli esami di laboratorio ematici), e contiene diversi...

Prebiotici e occhi: rimedi naturali per malattie oculari

Questo articolo  fa parte di una serie che riguarda prebiotici, probiotici e occhio, che trovate cliccando qui Prebiotici e malattie oculari I prebiotici sono stati definiti una ventina di anni fa come "un ingrediente alimentare non digeribile che influisce positivamente sull'ospite stimolando...

Dott. Alberto Lanfernini – Oculista
Faenza – Ravenna – Riolo Terme – Pesaro

Dot. Lanfernini Alberto

Dott.ssa Annalisa Moscariello – Oculista
Ravenna – Faenza – Pesaro

Dott.ssa Annalisa Moscariello Oculista