Prevenzione della degenerazione maculare

La degenerazione maculare, o maculopatia senile, è una patologia tipica degli anziani che provoca modificazioni anatomiche nella parte centrale della retina, detta macula, con conseguente alterazione importante della funzione visiva. Cliccando Qui trovate per esteso cos’è la maculopatia.

Fattori di rischio della degenrazione maculare
Studi Areds

Abbiamo già parlato dei fattori di rischio per questa malattia in questa pagina (QUI). Ribadendo l’importanza del fumo, la familiarità, la dieta, lo stile di vita e l’attività sportiva, rimandiamo quindi a quell’articolo per gli approfondimenti (QUI). Nelle forme di malattia neovascolari, è disponibile una terapia efficace, vale a dire agenti del fattore di crescita endoteliale antivegf. Tuttavia, nelle forme non essudative, nell’85% dei casi, siamo limitati alla supplementazione di antiossidanti / minerali, che potrebbe solo ritardare la progressione della malattia. Due studi di riferimento sono notevoli in questo settore. Il primo, lo Studio sulle malattie degli occhi legate all’età (AREDS), uno studio multicentrico, randomizzato e interventistico, ha dimostrato che la progressione verso l’AMD avanzata è stata ridotta con l’integrazione con alte dosi di zinco e antiossidanti, rispetto a un placebo.  Questo studio è stato seguito dallo studio AREDS2, anch’esso uno studio multicentrico, randomizzato e interventistico che ha dimostrato che l’integrazione con xantofille maculari (luteina e zeaxantina), ma non acidi grassi omega ‐ 3 , sembra ridurre ulteriormente il rischio di progressione verso l’AMD avanzata. Altri studi hanno anche sostenuto un ruolo protettivo per il consumo alimentare di alimenti ricchi di luteina e acidi grassi omega-3.

Studio su dieta mediterranea e degenerazione maculare

.La dieta mediterranea è caratterizzata da un elevato consumo di frutta, verdura, legumi, cereali, pesce e olio d’oliva, un consumo da basso a moderato di latticini, un basso consumo di carne e un consumo regolare ma moderato di alcol, in particolare vino. V’è qualche evidenza che l’adesione a una dieta mediterranea può essere associata ad un ridotto rischio per AMD.

Categorie alimenti

Una classificazione degli alimenti proposta è la seguente:

  • Verdure: Cavolo cappuccio (cinque tipi), broccoli, cavolfiori, cavoletti di Bruxelles, rapini, cime di rapa, spinaci, fagiolini, piselli, lattuga…
  • Legumi: piselli, fagioli (rossi, marroni, fave, ecc.), ceci, lupini, lenticchie.
  • Frutta: mele, pere, arance, mandarini, banane, kiwi, fragole, ciliegie, pesche, fichi, nespole, albicocche, nocciole, mandorle, noci, arachidi, pistacch…
  • Cereali: (grano, segale, orzo, intero o in miscele), avena, pane di mais, derivati ​​diretti (fiocchi di mais), riso.
  • Carne: pollo, coniglio, tacchino, mucca, maiale, derivati ​​della carne.
  • Pesce: grassi e magri, merluzzo, conserve di pesce…
  • Latte:latte (intero, metà o scremato), yogurt, formaggi, gelati….

Dieta mediterranea per gli occhi: micronutrienti e vitamine

Pare che il consumo significativamente più elevato di caffeina, fibre, beta ‐ carotene, vitamina C e vitamina E protegga dall’insorgenza di degenerazione maculare.

attività fisica e degenerazione maculare

Anche l’attività fisica di routine è associata a una ridotta frequenza di AMD. Pare che l’attività fisica migliori anche la barriera intestinale e, di conseguenza, influisca sul microbiota e i rapporti di esso con l’ospite. Anche prebiotici e probiotici potrebbero avere un ruolo regolatore.

Fumo e degenerazione maculare

I danni da fumo agli occhi sono già stati discussi in questa pagina, link, alla quale rimandiamo.

Dieta mediterranea per la protezione degli occhi

I risultati di studi  confermano che la dieta mediterranea è una forte efficace arma protettrice nei confronti della degenerazione maculare.  Questo ha plausibilità biologica, a causa l’elevato contenuto di antiossidanti.. Pertanto, si ritiene che il consumo di frutta possa guidare gli effetti protettivi nell’AMD della dieta mediterranea e la analisi dei nutrienti sembra supportare questa ipotesi.

Frutta per gli occhi

E’ interessante notare che non solo la prevenzione ma anche la funzione visiva possono essere migliorata con l’integrazione. In uno studio gli autori hanno riscontrato un consumo significativamente maggiore di caffeina, fibre, beta ‐ carotene, vitamina C e vitamina E nel gruppo senza maculopatia. Al contrario, non sono state riscontrate differenze significative per quanto riguarda il consumo di grassi monoinsaturi, omega ‐ 3, omega ‐ 6, zinco o alcol. Per quanto riguarda la caffeina, i risultati sono coonfermati. Tuttavia, in quanto antiossidante naturale, ricco di xantina, si ritiene he sia un micronutriente promettente in quest’area che richiede ulteriori studi. L’efficacia della supplementazione esogena di beta-carotene, vitamina C e vitamina E è ben stabilita dallo studio AREDS. Tuttavia, l’effetto protettivo di dosi dietetiche di questi micronutrienti è meno noto, anche se alcuni studi supportano tale effetto.  Sembra anche esistere una prova biologica di un ruolo protettivo per omega-3 acidi grassi, come l’aumento dei livelli circolanti di acido docosapentaenoico associati con una maggiore densità di pigmenti maculari, la luteina e la zeaxantina (QUI per esteso). L’omocisteina circolante, che è inversamente correlata alla dieta di vitamina B12 e folato, sembra essere associato con aumento della prevalenza della AMD umida. Infine, per quanto riguarda il consumo di alcol, nonostante molti risultati contraddittori, alcuni studi suggeriscono un piccolo effetto protettivo associato a un consumo moderato, che non si sono  replicati nel campione.

La dieta mediterranea quindi protegge  gli occhi

Si pensa infine che un’attività fisica regolare potrebbe avere un effetto protettivo. Sembra esserci un effetto protettivo generale associato a un’elevata aderenza a  dieta mediterranea. Nell’esaminare gruppi di alimenti specifici, l’aumento del consumo di frutta emerge come fattore protettivo. Del resto pare che la nutrizione influenzi, tramite la modulazione degli antiossidanti, la salute anche degli occhi (link qui).  Nella sezione  alimentazione trovate i micronutrienti analizzati singolarmente, tutto sui probiotici e elementi naturali efficaci per le malattie oculari.

 Riferimenti bibliografici 

Nutritional and Lifestyle Interventions for Age-Related Macular Degeneration: A Review

Ângela Carneiro1,2 and José Paulo Andrade3,4

Volume 2017 |Article ID 6469138 https://doi.org/10.1155/2017/64691382017

Ângela Carneiro and José Paulo Andrade. This is an open access article distributed under the Creative Commons Attribution License, which permits unrestricted use, distribution, and reproduction in any medium, provided the original work is properly cited.

Occhiali dopo intervento di cataratta

Quando si possono fare gli occhiali dopo intervento di cataratta Una domanda che molti pazienti ci fanno nei nostri ambulatori oculistici di Faenza e Ravenna è dopo quanto tempo dall'intervento di cataratta possono iniziare ad acquistare gli occhiali. Anticipiamo subito che successivamente...

microbioma oculare e malattie occhio: proteoma lacrimale

Microbioma oculare e proteoma lacrimale Un recente studio ha analizzato la correlazione tra microbioma della superficie oculare e proteoma lacrimale, per comprendere più a fondo alcuni squilibri infiammatori della superficie oculare, come l'occhio secco. Abbiamo già parlato di metabolomica oculare...

Autosiero collirio con una goccia di sangue?

Sangue come autosiero collirionella malattia  occhio secco (dry eye) Abbiamo già parlato del collirio autosiero, un particolare derivato del sangue che viene utilizzato da anni nelle sindromi dell'occhio secco, nelle erosioni ricorrenti corneali, nelle cheratiti neurotrofiche, e in altre...

Zafferano efficace protettore degli occhi

Zafferano e malattie oculari Come avrete capito leggendo gli articoli di questo sito, la nostra filosofia di terapia tiene molto in considerazione la prevenzione tramite un corretto stile di vita e una alimentazione adeguata. I composti botanici e gli estratti dalle piante è noto che possano...

Proteoma lacrimale in rinocongiuntivite allergica

Rinocongiuntivite allergica e proteoma Mebabolomica congiuntiviti allergiche La metabolomica  studia le impronte chimiche dei processi dei sistemi biologici. In altri articoli abbiamo affrontato questi temi. Abbiamo infatti parlato di  metabolomica e disfunzione ghiandole Meibomio in occhio secco...

reazioni allergiche crociate tra alimenti e inalanti mese per mese

REAZIONI ALLERGICHE OCCHI CROCIATE TRA ALIMENTI E INALANTI MESE PER MESE Prima di leggere questo articolo consigliamo la lettura della pagina relativa all'inquadramento generale delle allergie oculari, che trovate in questo link.Chi è allergico a polveri, pollini, animali e altri fattori può...

Traumi agli occhi (lesioni da petardi)

Come sempre in questo periodo le raccomandazioni inerenti l'uso dei petardi e botti non sono mai abbastanza! traumi agli occhi da petardi Come di consueto raccomandiamo l'uso con massima cautela di botti e petardi. Le parti più esposte a lesioni sono mani e viso, in particolare gli occhi. I traumi...

VItamina B e dolore occhio secco

Vitamina B e dolore oculare L'occhio secco  è una malattia multifattoriale della superficie oculare, caratterizzata dalla perdita dell'omeostasi del film lacrimale, con conseguenti sintomi dovuti alla sua instabilità, quali bruciore, senso di corpo estraneo e dolore. Dell'occhio secco e delle sue...

Dott. Alberto Lanfernini – Oculista
Faenza – Ravenna – Riolo Terme – Pesaro

Dot. Lanfernini Alberto

Dott.ssa Annalisa Moscariello – Oculista
Ravenna – Faenza – Pesaro

Dott.ssa Annalisa Moscariello Oculista