Alimentazione e dieta  per glaucoma

Una corretta alimentazione unita a dieta sana può aiutare a controllare la pressione intraoculare e a prevenire lo sviluppo o la progressione del glaucoma.

Glaucoma

Il glaucoma (qui) è una patologia oftalmica che colpisce il nervo ottico e può causare danni irreversibili alla vista. La pressione intraoculare elevata è uno dei fattori di rischio più importanti per lo sviluppo del glaucoma.  La dieta sana e corretta può essere utile per prevenire il glaucoma e costituisce un valido aiuto per la salute oculare.

Questo può avvenire per vai motivi, tra cui:

    • apporto di nutrienti come antiossidanti
    • limitazione dei tossici
    • riequilibrio del microbiota intestinale, orale e oculare con la dieta
    • riduzione dalla infiammazione di basso grado polidistrettuale dell’organismo
    • miglioramento circolatorio con assunzione di alcuni alimenti e nutrienti.

In questo articolo, esamineremo alcuni consigli dietetici utili per i pazienti affetti da glaucoma. L’alimentazione per gli occhi in generale è descritta qui.

Sono fondamentali le terapie suggerite dall’oculista, colliri, laser o interventi chirurgici: il glaucoma è una malattia che se trascurata porta alla cecità. No automedicazione.

1. Limitare il consumo di sale

Il sale è un elemento che contribuisce ad aumentare la pressione sanguigna e la pressione intraoculare. È quindi importante limitare il consumo di sale e preferire alimenti a basso contenuto di sodio.

2. Aumentare l’assunzione di acqua

L’acqua è un elemento fondamentale per mantenere il corretto equilibrio idrico dell’organismo. Un adeguato apporto di acqua aiuta a ridurre la pressione intraoculare. Si consiglia di bere almeno otto bicchieri d’acqua al giorno.

3. Consumare alimenti ricchi di antiossidanti

Gli antiossidanti sono sostanze in grado di contrastare i radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento cellulare e di molte malattie. Consumare alimenti ricchi di antiossidanti può aiutare a proteggere il nervo ottico. Tra gli alimenti più ricchi di antiossidanti troviamo frutta, verdura e legumi.

Sono fondamentali le terapie suggerite dall’oculista, colliri, laser o interventi chirurgici: il glaucoma è una malattia che se trascurata porta alla cecità. No automedicazione.

4. Assumere alimenti ricchi di vitamina A

La vitamina A è fondamentale per la salute degli occhi. Consumare alimenti ricchi di vitamina A, come carote, spinaci e patate dolci, può aiutare a prevenire la progressione del glaucoma.

5. Preferire alimenti a basso indice glicemico

L’indice glicemico è un indicatore della velocità con cui un alimento viene convertito in zuccheri nel sangue. Alimenti con un basso indice glicemico aiutano a mantenere stabile la glicemia e a ridurre la pressione intraoculare. Alcuni esempi di alimenti a basso indice glicemico sono le verdure, i legumi, le noci e i semi.

Sono fondamentali le terapie suggerite dall’oculista, colliri, laser o interventi chirurgici: il glaucoma è una malattia che se trascurata porta alla cecità. No automedicazione.

6. Limitare l’assunzione di caffeina

La caffeina è un stimolante che può aumentare la pressione intraoculare. Limitare l’assunzione di caffè, tè e bevande gassate può aiutare a ridurre il rischio di sviluppare il glaucoma o di peggiorare la condizione nei pazienti affetti.

7. Consumare alimenti ricchi di acidi grassi omega-3

Gli acidi grassi omega-3 sono importanti per la salute degli occhi e possono aiutare a ridurre la pressione intraoculare. Consumare alimenti ricchi di omega-3, come pesce, semi di lino e noci, può aiutare a prevenire la progressione del glaucoma.

8. Limitare l’assunzione di grassi saturi

I grassi saturi sono associati ad un aumento della pressione sanguigna e della pressione intraoculare. È importante limitare l’assunzione di alimenti ricchi di grassi saturi, come carne rossa, formaggi, burro e olio di palma.

Sono fondamentali le terapie suggerite dall’oculista, colliri, laser o interventi chirurgici: il glaucoma è una malattia che se trascurata porta alla cecità. No automedicazione.

9. Preferire alimenti a basso contenuto di colesterolo

Il colesterolo è un elemento presente nella maggior parte dei tessuti del corpo, ma in eccesso può causare danni alla salute. Un eccesso di colesterolo può aumentare il rischio di sviluppare il glaucoma e di peggiorare la condizione nei pazienti affetti. Preferire alimenti a basso contenuto di colesterolo può aiutare a mantenere stabile la pressione intraoculare.

10. Limitare l’assunzione di alcol

L’assunzione eccessiva di alcol può aumentare la pressione sanguigna e la pressione intraoculare. È importante limitare l’assunzione di alcol o evitare completamente il consumo di bevande alcoliche.

11. Evitare il fumo

Il fumo di sigaretta è uno dei fattori di rischio più importanti per la salute degli occhi. Il fumo può aumentare la pressione intraoculare e contribuire alla progressione del glaucoma. È quindi importante evitare completamente il fumo o cercare di ridurne l’assunzione. L’occhio è molto danneggiato dal fumo anche per altri motivi scritti qui.

12. Preferire cibi freschi e naturali

I cibi industriali e processati contengono spesso elevate quantità di sale, zucchero e grassi saturi. Preferire alimenti freschi e naturali può aiutare a controllare la pressione intraoculare e a prevenire la progressione del glaucoma. La dieta mediterranea pare sia sempre la migliore.

Sono fondamentali le terapie suggerite dall’oculista, colliri, laser o interventi chirurgici: il glaucoma è una malattia che se trascurata porta alla cecità. No automedicazione.

13. Mantenere un peso corporeo sano

L’obesità è associata ad un aumento della pressione sanguigna e della pressione intraoculare. Mantenere un peso corporeo sano può aiutare a prevenire il glaucoma o a controllare la sua progressione nei pazienti affetti.

14. Fare esercizio fisico regolarmente

L’esercizio fisico regolare può aiutare a controllare la pressione sanguigna e la pressione intraoculare. Si consiglia di fare almeno 30 minuti di attività fisica al giorno, come camminare, correre, nuotare o fare yoga.

Sono fondamentali le terapie suggerite dall’oculista, colliri, laser o interventi chirurgici: il glaucoma è una malattia che se trascurata porta alla cecità. No automedicazione.

15. Consultare il medico o il nutrizionista

È importante consultare il medico o il nutrizionista per elaborare un piano alimentare personalizzato in base alle esigenze individuali. Il medico potrebbe anche prescrivere integratori alimentari specifici per il glaucoma, come la vitamina C, la vitamina E, il magnesio e lo zinco.

16. Rimedi naturali per glaucoma

Abbiamo già descritto quanto la fitoterapia e l’integrazione di vitamine e nutrienti antiossidanti sia utile per gli occhi in generale.

Di seguito sono elencati alcuni rimedi naturali e fitoterapici che alcune persone potrebbero utilizzare per il glaucoma:

    1. Estratto di ginkgo biloba: alcune ricerche preliminari hanno suggerito che l’estratto di ginkgo biloba potrebbe avere un effetto positivo sulla pressione intraoculare, che è un fattore di rischio importante per il glaucoma.
    2. Estratto di curcumina: la curcumina è un composto presente nella curcuma, una spezia comunemente usata nella cucina indiana. Alcune ricerche preliminari suggeriscono che l’estratto di curcumina potrebbe avere un effetto protettivo sulla retina e sul nervo ottico.
    3. Estratto di foglie di bilberry: la bilberry è un frutto simile al mirtillo e le sue foglie sono state utilizzate tradizionalmente per trattare problemi di vista. Alcune ricerche preliminari suggeriscono che l’estratto di foglie di bilberry potrebbe avere un effetto positivo sulla pressione intraoculare.
    4. Estratto di mirtillo: come la bilberry, il mirtillo è stato utilizzato tradizionalmente per migliorare la vista. Alcune ricerche preliminari suggeriscono che l’estratto di mirtillo potrebbe avere un effetto positivo sulla pressione intraoculare.
    5. Estratto di erba di san Giovanni: l’estratto di erba di San Giovanni è stato utilizzato tradizionalmente per trattare una vasta gamma di problemi di salute. Alcune ricerche preliminari suggeriscono che potrebbe avere un effetto positivo sulla pressione intraoculare.
    6. Estratto di radice di valeriana: l’estratto di radice di valeriana è stato utilizzato tradizionalmente per ridurre l’ansia e il nervosismo. Alcune ricerche preliminari suggeriscono che potrebbe avere un effetto positivo sulla pressione intraoculare.
    7. Estratto di foglie di olivo: l’estratto di foglie di olivo è stato utilizzato tradizionalmente per trattare una vasta gamma di problemi di salute. Alcune ricerche preliminari suggeriscono che potrebbe avere un effetto positivo sulla pressione intraoculare.
    8. Estratto di radice di echinacea: l’estratto di radice di echinacea è stato utilizzato tradizionalmente per migliorare il sistema immunitario. Alcune ricerche preliminari suggeriscono che potrebbe avere un effetto positivo sulla pressione intraoculare.
    9. Estratto di foglie di ortica: l’estratto di foglie di ortica è stato utilizzato tradizionalmente per trattare una vasta gamma di problemi di salute. Alcune ricerche preliminari suggeriscono che potrebbe avere un effetto positivo sulla pressione intraoculare.
    10. Estratto di radice di zenzero: l’estratto di radice di zenzero è stato utilizzato tradizionalmente per ridurre l’infiammazione e il dolore. Alcune ricerche preliminari suggeriscono che potrebbe avere un effetto positivo sulla pressione intraoculare.
    11. Estratto di foglie di salvia: l’estratto di foglie di salvia è stato utilizzato tradizionalmente per migliorare la memoria e la concentrazione. Alcune ricerche preliminari suggeriscono che potrebbe avere un effetto positivo sulla pressione intraoculare.
    12. Estratto di foglie di eucalipto: l’estratto di foglie di eucalipto è stato utilizzato tradizionalmente per trattare problemi respiratori. Alcune ricerche preliminari suggeriscono che potrebbe avere un effetto positivo sulla pressione intraoculare.
    13. Estratto di radice di liquirizia: l’estratto di radice di liquirizia è stato utilizzato tradizionalmente per trattare problemi digestivi e respiratori. Alcune ricerche preliminari suggeriscono che potrebbe avere un effetto positivo sulla pressione intraoculare.
    14. Estratto di radice di curcuma: l’estratto di radice di curcuma è stato utilizzato tradizionalmente per ridurre l’infiammazione e il dolore. Alcune ricerche preliminari suggeriscono che potrebbe avere un effetto positivo sulla pressione intraoculare.

Come accennato in precedenza, è importante notare che non esiste ancora alcuna prova scientifica solida sull’efficacia di questi rimedi naturali e fitoterapici per il trattamento del glaucoma. Pertanto, è importante consultare sempre un medico prima di utilizzare qualsiasi integratore o erba per il trattamento del glaucoma. Inoltre sono fondamentali le terapie suggerite dall’oculista, colliri, laser o interventi chirurgici.
L’indice delle sostanze naturali per gli occhi lo trovate qui.

16 bis. vitamine per glaucoma

Ecco una breve descrizione delle vitamine che possono essere utili per la salute degli occhi e potrebbero aiutare a prevenire o gestire il glaucoma:

    1. Vitamina C: potente antiossidante che aiuta a prevenire il danno ossidativo alle cellule degli occhi, proteggendo così la retina e la cornea.
    2. Vitamina E: un altro antiossidante che può aiutare a prevenire il danno ossidativo agli occhi.
    3. Vitamina D: può aiutare a ridurre l’infiammazione degli occhi e migliorare la salute generale degli occhi.
    4. Vitamina B12: può contribuire alla prevenzione della neuropatia ottica, una complicanza del glaucoma.
    5. Vitamina B6: può aiutare a ridurre i livelli di omocisteina, un aminoacido che può essere associato a un rischio più elevato di sviluppare il glaucoma.
    6. Vitamina A: può aiutare a prevenire la degenerazione maculare, una malattia oculare che può essere associata al glaucoma.

Tuttavia, è importante ricordare che l’assunzione di vitamine da sola non è sufficiente per prevenire o curare il glaucoma e che dovrebbe sempre essere discussa con un medico.

Esempio di dieta per glaucoma

Ecco due possibili esempi di dieta per il glaucoma, da seguire sotto la supervisione di un medico o un nutrizionista:

Primo giorno:

Colazione:

  • Yogurt magro con frutta fresca e cereali integrali
  • Tè verde senza zucchero

Spuntino:

  • Frutta fresca

Pranzo:

  • Insalata mista con spinaci, lenticchie, pomodorini e olio d’oliva
  • Fagiolini al vapore conditi con succo di limone e spezie
  • Una fetta di pane integrale
  • Acqua naturale

Spuntino:

  • Carote crude e hummus

Cena:

  • Filetto di salmone al vapore con verdure miste e quinoa
  • Una macedonia di frutta fresca con un cucchiaio di yogurt magro
  • Acqua naturale

Spuntino:

  • Frutta fresca

Secondo giorno:

Colazione:

  • Uova strapazzate con pomodori secchi e una fetta di pane integrale
  • Tè verde senza zucchero

Spuntino:

  • Frutta secca non salata

Pranzo:

  • Zuppa di lenticchie con verdure miste e un cucchiaio di olio d’oliva
  • Una fetta di pane integrale
  • Acqua naturale

Spuntino:

  • Carote crude e hummus

Cena:

  • Pollo alla griglia con verdure miste e quinoa
  • Una macedonia di frutta fresca con un cucchiaio di yogurt magro
  • Acqua naturale

Spuntino:

  • Frutta fresca

Ricorda che questa è solo un’esempio di dieta e che è importante consultare sempre un medico o un nutrizionista prima di apportare qualsiasi modifica alla propria alimentazione.

Sono fondamentali le terapie suggerite dall’oculista, colliri, laser o interventi chirurgici: il glaucoma è una malattia che se trascurata porta alla cecità. No automedicazione.

Blefariti, orzaioli e calazi cura e prevenzione

cure di blefariti, orzaioli, calaziosi ricorenti (cosa fare e come curarli) Blefariti e calazi, cura e prevenzione. Alimentazione  e dieta per blefariti.Spesso le blefariti e le blefarocongiuntiviti sono associate a calazi e a malattie della pelle come la rosacea o dermatiti. Inoltre l'intestino e la disbiosi intestinale sono un fattore che entra nella patogenesi delle blefariti.La cura delle blefariti dunque è complessa. Cura e prevenzione delle blefariti e dei calazi Blefariti e calazi, processi infiammatori delle ghiandole lacrimali palpebrali, affliggono molte persone. In questo articolo...

Ciclosporina in Vernal e Occhio Secco (dry eye)

La ciclopsorina collirio come terapia nelle Cheratocongiuntiviti Vernal e NELLA SINDROME DA OCCHIO SECCO Il collirio a base di ciclosporina è una ottima soluzione per alcune malattie oculari, come la sindrome da occhio secco, la vernal cheratocongiuntivite (VKC) la rosacea oculare. Si tratta di un collirio galenico, cioè preparato da alcune farmacie direttamente, anche se ora è presente un costosissimo (per l'ssn) preparato commerciale la cui prescrizione è possibile solo in reparti ospedalieri. Di seguito andiamo a capire di cosa parliamo analizzando la ciclosporina collirio più da vicino....

Autosiero (collirio con siero autologo)

L'autosiero contro l'occhio seccosiero autologo e siero eterologo collirio In questo articolo parleremo dell'autosiero (o siero collirio autologo), un derivato del sangue (emocomponente) molto utile per la terapia di alcune condizioni patologiche della superficie oculare. Siero collirio Il siero autologo, chiamato anche autosiero, è uno speciale collirio ottenuto tramite la centrifugazione del proprio sangue (che viene normalmente prelevato come per gli esami di laboratorio ematici), e contiene diversi fattori di crescita, tra cui fibronectina e vitamine che contribuiscono all’integrità...

Cure e rimedi naturali per il vitreo: vitamine e antiossidanti

  Cure naturali e rimedi per le miodesopsie e il vitreo. Ci sono cure e rimedi naturali che possono essere utili per le miodesopsie, i corpi mobili del vitreo e il distacco del vitreo. Il vitreo è un contenitore di antiossidanti, per cui integrando questo tipo di sostanze se ne potrebbe avere grande beneficio. Miodesopsie e antiossidanti. Perché è difficile guarire dalle miodesopsie.  Torniamo a parlare di cause miodesopsie, corpi mobili vitreali, e distacco del vitreo. In particolare accenniamo  un tema piuttosto importante, ovvero se gli antiossidanti e gli integratori sono utili nelle...

Ortocheratologia: lenti a contatto notturne

  Ortocheratologia: le lenti a contatto notturne La lente a contatto notturne per ortocheratologia sono  una ottima soluzione che trova molte applicazioni   e può avere molti vantaggi. Introduzione L'ortocheratologia, che usa lenti a contatto notturne, è una tecnica non chirurgica utilizzata per correggere la miopia e l'astigmatismo. Questo trattamento prevede l'uso di lenti a contatto rigide gas-permeabili, indossate durante la notte, in grado di modificare temporaneamente la forma della cornea. In questo articolo, approfondiremo gli aspetti scientifici e clinici di questa tecnica,...

Asse intestino occhio (1): microbiota e immunità

Asse intestino-occhio L'intestino e il microbiota intestinale sono collegati anche agli occhi. Il legame tra microbiota intestinale e occhi è detto "asse intestino-occhi" Microbiota intestinale e occhi Uno dei motivi di fondo delle pagine di questo sito è l'importanza della alimentazione legata alla salute degli occhi, come trovate spiegato in questa pagina. L'alimentazione del resto influisce profondamente sul microbiota intestinale e recenti correnti scientifiche affermano che il mantenimento della salute umana è fortemente dipendente dal microbiota intestinale e dalla sua funzione...

Mascherine ffp anticovid e dermatiti, blefariti congiuntiviti

Mascherine ffp pelle e occhi  A seguito di questa situazione emergenziale, molti di noi sono obbligati (o autonomamente indotti) ad usare mascherine protettive per proteggere gli altri e se stessi da eventuali contagi, come prevenzione della Sars Cov 19. Questi dispositivi, benché utili, possono provocare disagi e irritazioni al viso, pelle e occhi. Insieme alla dott.ssa Emanuela Fogli (medico dermatologo a Faenza), che già ha scritto per noi riguardo le dermatiti da contatto e aeromediate, e le blefariti associate a rosacea (rosacea oculare), abbiamo pensato dunque di proporre qualche...

Cause di distacco di vitreo

Cause di distacco di vitreo Il distacco di vitreo si presenta molto di frequente e causa miodesopsie, corpi mobili, e altri sintomi. Distacco di vitreo: sintomi  La comparsa di ombre nel campo visivo, mobili e semitrasparenti (miodesopsie) e i flash luminosi sono un sintomo molto comune e possono indicare la comparsa di distacco di vitreo. Il distacco del vitreo è un evento comune che può verificarsi nell'occhio umano. Il vitreo è una sostanza gelatinosa che riempie lo spazio all'interno dell'occhio e aiuta a mantenerlo in forma. Nel corso del tempo, il vitreo può iniziare a staccarsi dalla...

Test microbiota oculare per la disbiosi oculare

Test del microbiota per disbiosi oculare Il test del microbiota oculare è un esame utile per comprendere se è presente  disbiosi oculare. La disbiosi oculare è l'alterazione della normale flora di microrganismi presenti sulla superficie dell'occhio e può portare a vari disturbi. Il test quindi per la disbiosi oculare risulta piuttosto utile a scopi diagnostici, terapeutici e preventivi. I testtamponi oculari PCRe i Test per il microbiota ocularesono disponibili nel seguente sito https://pcr4eye.it Clik su questo box: si aprirà il sito in nuova pagina Nei nostri ambulatori eseguitamo i...

occhi e farmaci

Disturbi agli occhi dai farmaci principali sistemici I farmaci sistemici sono farmaci che vengono assorbiti dal sistema circolatorio e distribuiti in tutto il corpo. Sebbene questi farmaci siano spesso efficaci per il trattamento di una vasta gamma di disturbi, possono causare una serie di effetti collaterali, tra cui disturbi agli occhi.   Farmaci e occhi: interazioni  e disturbi agli occhi da farmaci In questo articolo, descriveremo le diverse classi di farmaci sistemici e i loro effetti sulle funzioni visive. I farmaci possono dare disturbi agli occhi per diversi motivi, tra cui:...

Metabolomica occhio secco: generalità

Metabolomica dell'occhio secco La superficie oculare, un'interfaccia tra l'occhio e l'ambiente, è costituita dalla cornea, dalla congiuntiva bulbare e palpebrale e dalle ghiandole lacrimali e di Meibomio. L'unità funzionale lacrimale, responsabile della secrezione lacrimale acquosa, è composta dalla superficie oculare, dalla ghiandola lacrimale principale e dall'innervazione interconnessa. Se un elemento del totale non funziona bene, si avranno disturbi vari, da lievi a intensi. Il sistema nervoso parasimpatico stimola la secrezione lacrimale. Tra le principali cause di occhio secco, abbiamo...

Bibliografia

  1. Leske MC, Heijl A, Hyman L, Bengtsson B. Early Manifest Glaucoma Trial: design and baseline data. Ophthalmology. 1999;106(11):2144-2153.
  2. Leske MC, Heijl A, Hussein M, et al. Factors for glaucoma progression and the effect of treatment: the Early Manifest Glaucoma Trial. Arch Ophthalmol. 2003;121(1):48-56.
  3. Tan JC, Francis BA, Noecker R. Glaucoma treatment trends: a review. Can J Ophthalmol. 2017;52(1):114-124.
  4. Weinreb RN, Aung T, Medeiros FA. The pathophysiology and treatment of glaucoma: a review. JAMA. 2014;311(18):1901-1911.
  5. Wiggs JL. The cell and molecular biology of complex forms of glaucoma: updates on genetic, environmental, and epigenetic risk factors. Invest Ophthalmol Vis Sci. 2012;53(5):2467-2469.
  6. Yucel YH, Gupta N. Glaucoma of the brain: a disease model for the study of optic neuropathies. Prog Brain Res. 2008;173:465-478.
  7. Giaconi JA, Yu F, Stone KL, et al. The association of consumption of fruits/vegetables with decreased risk of glaucoma among older African-American women in the study of osteoporotic fractures. Am J Ophthalmol. 2012 Mar;153(3): 639-47.
  8. Kaimbo DK, Missotten T, Kestelyn P. Glaucoma and nutrition: a review. Bull Soc Belge Ophtalmol. 2005;(295):37-48.
  9. Gupta V, Baskaran M, Raman GV, et al. Effect of curcumin on retinal oxidative stress and inflammation in glaucoma. Br J Ophthalmol. 2018 Apr;102(4): 447-452.
  10. Flammer J, Haefliger IO, Orgül S, Resink T. Vascular dysregulation: a principal risk factor for glaucomatous damage? J Glaucoma. 1999 Aug;8(4): 212-9.
  11. Tanito M, Kaidzu S, Takai Y, et al. Association between dietary intake and intraocular pressure in Japanese individuals: the Tohoku Study of Child Development and Aging. Clin Ophthalmol. 2017 Aug;11: 1483-1491.
  12. Obi A, Mba AU, Okoye OI, et al. Effect of dietary patterns on intraocular pressure in patients with primary open-angle glaucoma in a Nigerian population. Niger J Clin Pract. 2018 Jul;21(7): 865-871.
  13. Ojaimi E, Rose KA, Smith W, et al. Methods for a population-based study of myopia and other eye conditions in school children: the Sydney Myopia Study. Ophthalmic Epidemiol. 2005 Apr;12(2): 59-69.
  14. Lee WJ, Lee YJ, Lee JH, et al. Association between dietary carbohydrate intake and glaucoma in the Korean National Health and Nutrition Examination Survey. Br J Ophthalmol. 2017 Oct;101(10): 1342-1347.
  15. Huang J, Li Y, Li T, et al. The association between coffee consumption and primary open-angle glaucoma: a meta-analysis. Sci Rep. 2016 Aug;6: 38041.

  16. Park JH, Kim YJ, Kim YH, et al. The association between glaucoma and milk consumption: a meta-analysis. PLoS One. 2017 Mar;12(3): e0172083.

  17. Imai K, Sato S, Takemoto S, et al. Possible association between high dietary intake of sodium and prevalence of open-angle glaucoma. Jpn J Ophthalmol. 2014 Jul;58(4): 344-51.

  18. Lin J, Zhang W, Huang C, et al. Alcohol consumption and risk of glaucoma: a meta-analysis. BMC Ophthalmol. 2020 Oct;20(1): 382.

  19. Yan X, Li M, Chen Y, et al. Effects of vitamin C on intraocular pressure: a systematic review and meta-analysis. PLoS One. 2016 Nov;11(11): e0168240.

  20. Zeng J, Liu J, Zhang J, et al. The role of vitamin D in the pathogenesis and treatment of glaucoma. Am J Transl Res. 202

Dott. Alberto Lanfernini – Oculista
Faenza – Ravenna –

Dot. Lanfernini Alberto

Dott.ssa Annalisa Moscariello – Oculista
Ravenna – Faenza –

Dott.ssa Annalisa Moscariello Oculista