Intolleranza da lenti a contatto
Fastidio e occhio rosso da lenti a contatto

Le lenti a contatto sono un mezzo correttivo molto gradito dalle persone con difetti visiti, e sono da considerarsi oramai sicure e efficaci nel garantire un buon comfort. Uno degli aspetti da considerare nell’uso delle lenti a contatto è, però, la loro tollerabilità a lungo termine. E’ un elemento che spesso viene trascurato erroneamente, poiché in caso di problemi infiammatori cronici indotti dall’uso di lenti a contatto, si può arrivare fino alla intolleranza alle lenti a contatto, cioè l’incapacità degli occhi di tenere le lenti  a contatto per più di pochi minuti.

Districarsi tra i vari tipi di LAC è difficile, ed è necessario appoggiarsi a un buon contattologo, oltre che al medico oculista. La nostra preferenza va sicuramente per le semirigide, per i motivi esposti sotto.

Come usare le lenti a contatto

Prima di usare le lenti a contatto sarebbe bene andare dal medico oculista, il quale valuterà l’aspetto dell’occhio e tutte le condizioni mediche generali del paziente. Infatti le malattie generali, i farmaci assunti, la predisposizione genetica, l’ambiente lavorativo, le allergie e intolleranze influenzano non poco la tollerabilità, specie a lungo termine, delle lenti a contatto.

Fastidio lenti a contatto
Occhi rossi con lenti a contatto

La congiuntivite da lenti a contatto è sudbola. Un abuso di LAC nel tempo porta inevitabilmente a dei fenomeni infiammatori oculari che nel tempo si aggravano, ma anche un uso corretto, o considerato tale, può portare a infiammazione.

Inoltre le lenti a contatto alterano anche il microbioma oculare, il cui equilibrio è fondamentale per la salute degli occhi.  

In altro paragrafo abbiamo parlato delle infiammazioni oculari e dei meccanismi che la sostengono (qui il link, consigliamo la lettura). L’uso dunque eccessivo di quello che  è a tutti gli effetti un corpo estraneo oculare va gestito con prudenze a buone senso.

Leggi anche:

Sintomi e segni di intolleranza da lenti a contatto

Spesso sentiamo dire da pazienti con evidenti  aspetti di infiammazione congiuntivale riferire che non hanno nessun disturbo. Purtroppo o per fortuna, veda il lettore, l’occhio ha ottimi meccanismi compensatori di situazioni di stress. Ne consegue che inizialmente le infiammazioni congiuntivali da LAC non danno grandi sintomi. Quando però il tessuto è cronicamente infiammato, si producono alterazioni strutturali dello stesso, che portano a una alterazione della lacrima (dislacimia), con conseguente instabilità della stessa. E’ un quadro di occhio secco da lente a contatto.  A questo punto la LAC, che è sempre e comunque un corpo estraneo, anche se tollerato, non ha più il cuscinetto lacrimale di appoggio, provocando:

Leggi anche:

COME LIMITARE LA SINTOMATOLOGIA
della intolleranza da lenti a contatto

Innanzi tutto è bene chiarire che quando si hanno i sintomi è già piuttosto tardi, un po’ come innaffiare una pianta che presenta foglie gialle. La prevenzione con un corretto uso delle lac, specialmente in termini di tempo di uso quotidiano e manutenzione, è di primaria importanza. Nel caso malaugurato che si producano queste alterazioni, prima di rivolgersi all’ottico per cambiare tipo, marca, materiale delle LAC è bene fare una visita oculistica per valutazione di terapie locali. Abbiamo infatti numerosi colliri farmacologici che sfiammano gli occhi, e aumentano la tollerabilità dell’uso di lenti a contatto. Tutte le malattie oculari richiedono una diagnosi medica e una cura farmacologica. Esistono alcuni rimedi naturali, ma il tutto va sempre valutato dal medico specialista in oculistica. Il rischio è che si abbiano danni irreparabili alla vista se la patologia non è curata a dovere. Evitare l’auto-somministrazione di qualsiasi terapia senza consulto specialistico oculistico.

LA disbiosi oculare nel portatore di lenti a contatto

Analogamente a quanto oramai è noto per l’intestino, anche gli occhi possono andare incontro ad alterazioni del microbiota oculare (disbiosi oculare), che facilitano disturbi come secchezza, rossore, bruciore e altri, come descritto in questa pagina ampiamente. Sono disponibili test ambulatoriali per l’analisi del microbiota oculare (link). Nei portatori di lenti a contatto lo riteniamo molto utile (link: microbiota e lenti a contatto).

terapia delle congiuntiviti da LAC

Come per tutte le congiuntiviti è bene, in caso di irritazione oculare prolungata, eseguire una terapia ben calibrata e personalizzata. Le terapie sono molto simili a quelle delle congiuntiviti, che trovate qui: ne consigliamo la lettura.

Tutte le malattie oculari richiedono una diagnosi medica e una cura farmacologica. Esistono alcuni rimedi naturali, ma il tutto va sempre valutato dal medico specialista in oculistica. Il rischio è che si abbiano danni irreparabili alla vista se la patologia non è curata a dovere. Evitare l’auto-somministrazione di qualsiasi terapia senza consulto specialistico oculistico.

Riportiamo solo dei cenni in questa pagina. I farmaci  in collirio disponibili per la cura e la terapia della intolleranza da lenti a contatto sono principalmente:

  • Cortisonici (rapida azione, spesso alla sospensione effetto rimbalzo e peggioramento della sintomatologia se la causa non è stata rimossa)
  • Antistaminici (più blandi, tachifilassi – una sorta di assuefazione dell’organismo). Gli antistaminici per bocca sono indicati in alcune condizioni, ma spesso determinano secchezza oculare (aggravando la sintomatologia)
  • Stabilizzanti di membrana (sodiocromoglicato, acido spaglumico, molto utili come prevenzione o per stabilizzare cure piu’ aggressive)
  • Fans, farmaci antinfiammatori non steroidei
  • Vasocostrittori locali in collirio
  • Inibitori della chemiotassi e del complemento in collirio
  • Nei casi più resistenti si può ricorrere alla ciclosporina collirio

Leggi anche:

 

cure naturali non di sintesi delle congiuntiviti da LAC

Come è chiaro in questo sito, quando possibile ci appoggiamo molto alla medicina naturale, con estratti fitoterapici e botanici. Per quanto concerne le terapie naturali e le cure per i portatori di lenti a contatto che  manifestano intolleranza alle lenti a contatto consigliamo:

 

  • L’indice generale delle cure naturali per gli occhi le trovate qui (link).

In altro paragrafo è descritta la corretta modalità di somministrazione dei colliri in adulti e bambini (clicca qui). Molte di queste terapie sono descritte nel capitolo blefariti e congiuntiviti allergiche, che trovate qui.

Tutte le malattie oculari richiedono una diagnosi medica e una cura farmacologica. Esistono alcuni rimedi naturali, ma il tutto va sempre valutato dal medico specialista in oculistica. Il rischio è che si abbiano danni irreparabili alla vista se la patologia non è curata a dovere. Evitare l’auto-somministrazione di qualsiasi terapia senza consulto specialistico oculistico.

visita oculistica per chi è affetto
da congiuntivite da LAC

L’oculista quindi valuterà tutte le condizioni locali e sistemiche (es. microbiota intestinale, allergie, malattie cutanee) per tentare di ripristinare, se non è troppo tardi, un buon compenso lacrimale e strutturale per poter riusare il più possibile le LAC. AL limite valuterà con il contattologo eventuale passaggio ad altro tipo di lente. Come indicazione generale noi preferiamo sempre le semirigide, dal momento che determinano meno fenomeni infiammatori negli anni. La morbida infatti, benché meglio tollerata inizialmente, è una cambiale a scadenza, e presenterà il conto comunque dopo qualche anno di uso. Comunque è necessario il consulto del contattologo (esperto) dal momento che le soluzioni tecniche sono numerose e è possibile anche costruire lenti personalizzate molto ben tollerate rispetto a quelle più commerciali di largo uso.

rimedi e terapie per congiuntiviti da lenti a contatto e intolleranza da lac

Sotto controllo dell’oculista potranno essere prescritte lacrime artificiali prive di conservanti o soluzione fisiologica per un wash out che allontani le interleuchine e sostanze proinfiammatorie che si accumulano nella lacrima, responsabili principali della sintomatologia. Le lacrime artificiali sono da usarsi costantemente, e non quando compare il sintomo (per fare un paragone, una pianta la si innaffia quando è verde non quando ha le foglie gialle, perché sta già soffrendo).
Inutile, se non dannoso, l’utilizzo di antibiotici locali (e generali, ca va sans dire), perché essi vanno  ad alterare il microbiota della superficie oculare (analogamente a quanto accade al microbiota  intestinale per le terapie sistemiche), che pare abbia un ruolo protettivo se ben equilibrato. Il microbioma oculare viene alterato dall’uso di LAC e questo, per forza di cose, ha conseguenze. Si può avere un quadro di occhio secco da alterato microbiota oculare, come riportato qui.

Tutte le malattie oculari richiedono una diagnosi medica e una cura farmacologica. Esistono alcuni rimedi naturali, ma il tutto va sempre valutato dal medico specialista in oculistica. Il rischio è che si abbiano danni irreparabili alla vista se la patologia non è curata a dovere. Evitare l’auto-somministrazione di qualsiasi terapia senza consulto specialistico oculistico.

Consulto specialistico specialistico oculistico, con supporto  multidisciplinare

Lo specialista oculista, dopo visita e analisi della superficie anteriore dell’occhio, dove appoggia la lente a contatto,  fornirà indicazioni sull’uso corretto delle terapia e dei colliri (o eventualmente di farmaci per os).

Inoltre insegnerà al paziente i modi per ridurre i sintomi, e i fastidi derivati dalle inevitabile ricadute (e possibilmente, a ridurre la frequenza delle stesse). La valutazione e il miglioramento passano però per una analisi globale, specialmente nei casi resistenti alle terapia locali oculari.

L’oculista quindi si avvale eventualmente  del supporto di altre figure professionali come l’allergologo e il gastreoenterologo,  quast’ultimo necessario per l’analisi del microbiota tramite test di screening microbiota intestinale e Breath test. Può essere inoltre utile un consulto dermatologico o polispecialistico per ridurre la reazione infiammatoria generale dell’organismo.

Spesso è utile la valutazione del microbiota oculare per ricercare disbiosi da trattare.

In sostanza la cura e la prevenzione delle forme infiammatorie dall’uso di lenti a contatto passano per un corretto stile di vita e un approccio a sintomi che va a analizzare e ridurre le cause infiammatorie dell’organismo anche generali.

In caso di occhio secco da altre cause, la valutazione oculistica è ancora più importante come scrittoqui.

 

Tutte le malattie oculari richiedono una diagnosi medica e una cura farmacologica. Esistono alcuni rimedi naturali, ma il tutto va sempre valutato dal medico specialista in oculistica. Il rischio è che si abbiano danni irreparabili alla vista se la patologia non è curata a dovere. Evitare l’auto-somministrazione di qualsiasi terapia senza consulto specialistico oculistico.

Ti possono interessare anche:
Corretto uso di lenti a contatto
Componente alimentare che influenza le congiuntiviti allergiche ,
I cosmetici nei soggetti affetti da congiuntiviti allergiche come prodotti per viso – trucchi, creme, shampoo, tinture capelli.
allergie crociate tra alimenti e inalanti, che possono anche portare a congiuntiviti allergiche

 

Di miopia abbiamo già parlato in tanti articoli:

Difetti di vista: miopia, ipermetropia, astigmatismo e presbiopia

fattori di rischio miopia

terapie per miopia

Cure naturali per miopia

Ortocheratologia: lenti a contatto notturne

Lenti a contatto pediatriche per bambini

Bibliografia essenziale:

  1. Martin R, Sanchez-Silos A, Del-Rio-Vellosillo M, Bravo-Gonzalez LA. Impact of contact lens wear on the ocular surface and its microbiota in healthy subjects. Cont Lens Anterior Eye. 2020 Apr;43(2):173-8.
  2. Szczotka-Flynn LB, Pearlman E, Ghannoum M. Microbial diversity and contact lens-related disease: the unexplored connection. Eye Contact Lens. 2012 Jul;38(4):273-4.
  3. Ozkan J, Mandathara PS, Krishna PV, Mohamed A, Ghosh A. Role of Microbiome in the Pathophysiology and Disease Course of Contact Lens-Related Corneal Infections. Ocul Immunol Inflamm. 2021 Jan 1;29(1):100-8.
  4. Vellonen KS, Hongisto H, Kauppinen A, Uusitalo H, Salminen A, Tervo T, et al. The effect of microbiological contamination on oxygen transmissibility of contact lenses. Acta Ophthalmol Scand. 2006 Jun;84(3):386-9.
  5. Wu Y, Carnt N, Willcox M, Stapleton F. Contact lens and lens storage case cleaning instructions: whose advice should we follow? Eye Contact Lens. 2018 Mar;44(2):69-75.
  6. Giedd BD, Munden PM, Hendricks JK. Contact lens intolerance. Curr Opin Ophthalmol. 2019 Jul;30(4):235-40.
  7. Szczotka-Flynn L, Diaz M, Lasseter K, Loper N, Sorbara L. The role of contact lens compliance in contact lens-related complications. Optometry. 2010 Jun;81(6):298-307.
  8. Chalmers RL, Wagner H, Mitchell GL, et al. Age and other risk factors for corneal infiltrative and inflammatory events in young soft contact lens wearers from the Contact Lens Assessment in Youth (CLAY) study. Invest Ophthalmol Vis Sci. 2011;52(9):6690-6.
  9. Brennan NA. Contact lens-associated complications: a review. Clin Exp Optom. 2018 Nov;101(6):467-82.
  10. Dumbleton K, Woods CA, Jones LW, Fonn D. The relationship between compliance with lens replacement and contact lens-related problems in silicone hydrogel wearers. Cont Lens Anterior Eye. 2011 Jun;34(3):133-40.
  11. Pucker AD, Thangavelu M, Nichols JJ. In vitro lipid deposition on hydrogel and silicone hydrogel contact lenses. Invest Ophthalmol Vis Sci. 2010 Nov;51(11):6334-40.
  12. Wu Y, Carnt N, Willcox M, Stapleton F. Contact lens and lens storage case cleaning instructions: whose advice should we follow? Eye Contact Lens. 2018 Mar;44(2):69-75.
  13. Young G, Veys J, Pritchard N, Coleman S. A multi-centre study of lapsed contact lens wearers. Ophthalmic Physiol Opt. 2002 Jan;22(1):5160.

 

Blefariti, orzaioli e calazi cura e prevenzione

cure di blefariti, orzaioli, calaziosi ricorenti (cosa fare e come curarli) Blefariti e calazi, cura e prevenzione. Alimentazione  e dieta per blefariti.Spesso le blefariti e le blefarocongiuntiviti sono associate a calazi e a malattie della pelle come la rosacea o dermatiti. Inoltre l'intestino e la disbiosi intestinale sono un fattore che entra nella patogenesi delle blefariti.La cura delle blefariti dunque è complessa. Cura e prevenzione delle blefariti e dei calazi Blefariti e calazi, processi infiammatori delle ghiandole lacrimali palpebrali, affliggono molte persone. In questo articolo...

Ciclosporina in Vernal e Occhio Secco (dry eye)

La ciclopsorina collirio come terapia nelle Cheratocongiuntiviti Vernal e NELLA SINDROME DA OCCHIO SECCO Il collirio a base di ciclosporina è una ottima soluzione per alcune malattie oculari, come la sindrome da occhio secco, la vernal cheratocongiuntivite (VKC) la rosacea oculare. Si tratta di un collirio galenico, cioè preparato da alcune farmacie direttamente, anche se ora è presente un costosissimo (per l'ssn) preparato commerciale la cui prescrizione è possibile solo in reparti ospedalieri. Di seguito andiamo a capire di cosa parliamo analizzando la ciclosporina collirio più da vicino....

Autosiero (collirio con siero autologo)

L'autosiero contro l'occhio seccosiero autologo e siero eterologo collirio In questo articolo parleremo dell'autosiero (o siero collirio autologo), un derivato del sangue (emocomponente) molto utile per la terapia di alcune condizioni patologiche della superficie oculare. Siero collirio Il siero autologo, chiamato anche autosiero, è uno speciale collirio ottenuto tramite la centrifugazione del proprio sangue (che viene normalmente prelevato come per gli esami di laboratorio ematici), e contiene diversi fattori di crescita, tra cui fibronectina e vitamine che contribuiscono all’integrità...

campo visivo a cosa serve

Campo visivo Il campo visivo è un esame che si fa in numerose condizioni, dal glaucoma al mal di testa, dai traumi agli insulti vascolari. il Campo visivo a cosa serve e come si esegue Il campo visivo è un esame che serve per valutare la funzionalità delle vie ottiche e viene eseguito ambulatorialmente, avendo una durata di una ventina di minuti. Il paziente si appoggia con il mento davanti a una cupola sferica, sulla quale vengono proiettati dei punti luminosi in posizioni diverse e di intensità variabile, alla vista dei quali  non deve fare altro che suonare un piccolo campanello...

Laser occhi per miopia e astigmatismo

Laser eccimeri occhi per miopia (e astigmatismo) Laser eccimeri: un utile trattamento per gli occhi per miopia, astigmatismo e altri difetti visivi.Una valida alternativa a occhiali e lenti a contatto Correggere la miopia, metodi alternativi al laser La miopia è un errore di rifrazione comune in cui è presente una visione sfocata degli oggetti distanti. Questa condizione è spesso attribuita a una cornea più curva o a un occhio più lungo rispetto alla norma. I difetti visivi, come la miopia, possono avere un impatto significativo sulla qualità della vita di un individuo, influenzando le...

Microbiota oculare sano, un nuovo studio

Microbiota oculare sano Un recente studio ha analizzato il microbiota e il microbioma oculare normale negli occhi sani tramite tecniche di metagenomica che possono evidenziare la disbiosi oculare.    Il microbiota oculare (eye-microbioma) Da anni è noto che il microbiota, la comunità di batteri che vive in un organismo ospite, ha profonde azioni regolatorie immunitarie e che una sua alterazione può portare a quadri patologici. Anche gli occhi hanno il loro microbiota (confuso spesso con il microbioma oculare), che comprende i microrganismi sia commensali che patogeni. Abbiamo già accennato...

Perchè la disbiosi porta a malattie degli occhi

 Microbiota intestinale, oculare e occhiRelazione tra intestino e occhi Il microbiota intestinale influenza lo stato di salute degli occhi, ed è elemento cruciale nella relazione tra intestino e occhi.Alterazioni del microbiota possono portare a malattie generali e oculari.Di conseguenza l'alimentazione sana e l'integrazione con probiotici e prebiotici sono fondamentale arma di prevenzione delle malattie oculari. Quali alimenti sono utili per la vista e come si può regolare il microbiota per aiutare i nostri occhi? alimentazione per la salute oculare Come avrete visto uno dei pilastri del...

1-allergie occhi cosa sono, cause, cure e terapie – congiuntiviti allergiche cure

  Allergie agli occhi - cause,  sintomi e cure Cause, sintomi, rimedi e cure di allergie degli occhi.Questo è il primo articolo che costituisce la base per tutti i successivi inerenti le allergie oculari. Ne consigliamo quindi la lettura prima degli altri inerenti lo stesso tema. Per allergia si intende una iper-reazione immunitaria dell'organismo verso sostanza normalmente innocue.Un riassunto di questo lungo articolo, più divulgativo, è in questa pagina. classificazione delle allergie oculari La congiuntivite allergica comprende cinque entità cliniche:  congiuntivite allergica...

Cause di distacco di vitreo

Cause di distacco di vitreo Il distacco di vitreo si presenta molto di frequente e causa miodesopsie, corpi mobili, e altri sintomi. Distacco di vitreo: sintomi  La comparsa di ombre nel campo visivo, mobili e semitrasparenti (miodesopsie) e i flash luminosi sono un sintomo molto comune e possono indicare la comparsa di distacco di vitreo. Il distacco del vitreo è un evento comune che può verificarsi nell'occhio umano. Il vitreo è una sostanza gelatinosa che riempie lo spazio all'interno dell'occhio e aiuta a mantenerlo in forma. Nel corso del tempo, il vitreo può iniziare a staccarsi dalla...

Vedere flash e lampi di luce

Vedere flash e lampi di luce Il vedere lampi di luce e flash è un fenomeno visivo spesso descritto come comparsa  brevi scintille di luce che possono apparire improvvisamente nell'ambito del campo visivo. Questi sintomi possono variare in intensità e durata e possono essere associati a una serie di condizioni oculari. In questo articolo, esploreremo le cause, i sintomi e i possibili trattamenti per i lampi e i flash luminosi. Spesso sono associate a visione di macchie scure, per cui consigliamo anche la lettura di: Vedere scuro da un occhio: amaurosi Cause di flash luminosi, lampi di luce e...

Allergie occhi

  Allergie agli occhiCause, sintomi e cure Le allergie agli occhi sono una condizione comune che colpisce molte persone in tutto il mondo.In questo articolo, esploreremo i diversi tipi di allergie oculari, le loro cause e i modi per prevenire e trattare i sintomisia naturali che farmacologici. Cos'è un'allergia agli occhi? Un'allergia agli occhi è una reazione immunitaria del corpo a sostanze estranee come polline, polvere, peli di animali, muffe e altri allergeni. Quando gli allergeni entrano in contatto con gli occhi, il sistema immunitario produce sostanze chimiche come l'istamina, che...

Chi siamo

Dott. Alberto Lanfernini - Oculista

Faenza - Ravenna 

Dot. Lanfernini Alberto

Chi siamo

Dott.ssa Annalisa Moscariello - Oculista

Ravenna - Faenza - 

Dott.ssa Annalisa Moscariello Oculista