Intolleranza da lenti a contatto
Fastidio e occhio rosso da lenti a contatto

Le lenti a contatto sono un mezzo correttivo molto gradito dalle persone con difetti visiti, e sono da considerarsi oramai sicure e efficaci nel garantire un buon comfort. Uno degli aspetti da considerare nell’uso delle lenti a contatto è, però, la loro tollerabilità a lungo termine. E’ un elemento che spesso viene trascurato erroneamente, poiché in caso di problemi infiammatori cronici indotti dall’uso di lenti a contatto, si può arrivare fino alla intolleranza alle lenti a contatto, cioè l’incapacità degli occhi di tenere le lenti  a contatto per più di pochi minuti. Districarsi tra i vari tipi di LAC è difficile, ed è necessario appoggiarsi a un buon contattologo, oltre che al medico oculista. La nostra preferenza va sicuramente per le semirigide, per i motivi esposti sotto.

Come usare le lenti a contatto

Prima di usare le lenti a contatto sarebbe bene andare dal medico oculista, il quale valuterà l’aspetto dell’occhio e tutte le condizioni mediche generali del paziente. Infatti le malattie generali, i farmaci assunti, la predisposizione genetica, l’ambiente lavorativo, le allergie e intolleranze influenzano non poco la tollerabilità, specie a lungo termine, delle lenti a contatto.

Fastidio lenti a contatto
Occhi rossi con lenti a contatto   

 

La congiuntivite da lenti a contatto è sudbola. Un abuso di LAC nel tempo porta inevitabilmente a dei fenomeni infiammatori oculari che nel tempo si aggravano, ma anche un uso corretto, o considerato tale, può portare a infiammazione. Inoltre le lenti a contatto alterano anche il microbioma oculare, il cui equilibrio è fondamentale per la salute degli occhi.  In altro paragrafo abbiamo parlato delle infiammazioni oculari e dei meccanismi che la sostengono (qui il link, consigliamo la lettura). L’uso dunque eccessivo di quello che  è a tutti gli effetti un corpo estraneo oculare va gestito con prudenze a buone senso.

Spesso sentiamo dire da pazienti con evidenti  aspetti di infiammazione congiuntivale riferire che non hanno nessun disturbo. Purtroppo o per fortuna, veda il lettore, l’occhio ha ottimi meccanismi compensatori di situazioni di stress. Ne consegue che inizialmente le infiammazioni congiuntivali da LAC non danno grandi sintomi. Quando però il tessuto è cronicamente infiammato, si producono alterazioni strutturali dello stesso, che portano a una alterazione della lacrima (dislacimia), con conseguente instabilità della stessa. E’ un quadro di occhio secco da lente a contatto.  A questo punto la LAC, che è sempre e comunque un corpo estraneo, anche se tollerato, non ha più il cuscinetto lacrimale di appoggio, provocando:

COME LIMITARE LA SINTOMATOLOGIA
della intolleranza da lenti a contatto

Innanzi tutto è bene chiarire che quando si hanno i sintomi è già piuttosto tardi, un po’ come innaffiare una pianta che presenta foglie gialle. La prevenzione con un corretto uso delle lac, specialmente in termini di tempo di uso quotidiano e manutenzione, è di primaria importanza. Nel caso malaugurato che si producano queste alterazioni, prima di rivolgersi all’ottico per cambiare tipo, marca, materiale delle LAC è bene fare una visita oculistica per valutazione di terapie locali. Abbiamo infatti numerosi colliri farmacologici che sfiammano gli occhi, e aumentano la tollerabilità dell’uso di lenti a contatto.

terapia delle congiuntiviti da LAC

Come per tutte le congiuntiviti è bene, in caso di irritazione oculare prolungata, eseguire una terapia ben calibrata e personalizzata. Le terapie sono molto simili a quelle delle congiuntiviti, che trovate qui: ne consigliamo la lettura. Riportiamo solo dei cenni in questa pagina. I farmaci  in collirio disponibili per la cura e la terapia della intolleranza da lenti a contatto sono principalmente:

  • Cortisonici (rapida azione, spesso alla sospensione effetto rimbalzo e peggioramento della sintomatologia se la causa non è stata rimossa)
  • Antistaminici (più blandi, tachifilassi – una sorta di assuefazione dell’organismo). Gli antistaminici per bocca sono indicati in alcune condizioni, ma spesso determinano secchezza oculare (aggravando la sintomatologia)
  • Stabilizzanti di membrana (sodiocromoglicato, acido spaglumico, molto utili come prevenzione o per stabilizzare cure piu’ aggressive)
  • Fans, farmaci antinfiammatori non steroidei
  • Vasocostrittori locali in collirio
  • Inibitori della chemiotassi e del complemento in collirio
  • Nei casi più resistenti si può ricorrere alla ciclosporina collirio
  • lavaggi con soluzione fisiologica
  • uso di lacrime artificiali
  • probiotici in collirio
  • ozono in collirio
  • alcune sostanze naturali, come i polifenoli
  • probiotici e prebiotici per bocca per effetto sulla regolazione immunitaria

In questo paragrafo è descritta la corretta modalità di somministrazione dei colliri in adulti e bambini (clicca qui). Molte di queste terapie sono descritte nel capitolo blefariti e congiuntiviti allergiche, che trovate qui.

visita oculistica per chi è affetto
da congiuntivite da LAC

L’oculista quindi valuterà tutte le condizioni locali e sistemiche (es. microbiota intestinale, allergie, malattie cutanee) per tentare di ripristinare, se non è troppo tardi, un buon compenso lacrimale e strutturale per poter riusare il più possibile le LAC. AL limite valuterà con il contattologo eventuale passaggio ad altro tipo di lente. Come indicazione generale noi preferiamo sempre le semirigide, dal momento che determinano meno fenomeni infiammatori negli anni. La morbida infatti, benché meglio tollerata inizialmente, è una cambiale a scadenza, e presenterà il conto comunque dopo qualche anno di uso. Comunque è necessario il consulto del contattologo (esperto) dal momento che le soluzioni tecniche sono numerose e è possibile anche costruire lenti personalizzate molto ben tollerate rispetto a quelle più commerciali di largo uso.

rimedi e terapie per congiuntiviti da lenti a contatto e intolleranza da lac

Sotto controllo dell’oculista potranno essere prescritte lacrime artificiali prive di conservanti o soluzione fisiologica per un wash out che allontani le interleuchine e sostanze proinfiammatorie che si accumulano nella lacrima, responsabili principali della sintomatologia. Le lacrime artificiali sono da usarsi costantemente, e non quando compare il sintomo (per fare un paragone, una pianta la si innaffia quando è verde non quando ha le foglie gialle, perché sta già soffrendo).
Inutile, se non dannoso, l’utilizzo di antibiotici locali (e generali, ca va sans dire), perché essi vanno  ad alterare il microbiota della superficie oculare (analogamente a quanto accade al microbiota  intestinale per le terapie sistemiche), che pare abbia un ruolo protettivo se ben equilibrato. Il microbioma oculare viene alterato dall’uso di LAC e questo, per forza di cose, ha conseguenze. Si può avere un quadro di occhio secco da alterato microbiota oculare, come riportato qui.

Consulto specialistico specialistico oculistico, con supporto  multidisciplinare

Lo specialista oculista, dopo visita e analisi della superficie anteriore dell’occhio, dove appoggia la lente a contatto,  fornirà indicazioni sull’uso corretto delle terapia e dei colliri (o eventualmente di farmaci per os). Inoltre insegnerà al paziente i modi per ridurre i sintomi, e i fastidi derivati dalle inevitabile ricadute (e possibilmente, a ridurre la frequenza delle stesse). La valutazione e il miglioramento passano però per una analisi globale, specialmente nei casi resistenti alle terapia locali oculari. L’oculista quindi si avvale eventualmente  del supporto di altre figure professionali come l’allergologo e il gastreoenterologo,  quast’ultimo necessario per l’analisi del microbiota tramite test di screening microbiota intestinale e Breath test. Può essere inoltre utile un consulto dermatologico o polispecialistico per ridurre la reazione infiammatoria generale dell’organismo. In sostanza la cura e la prevenzione delle forme infiammatorie dall’uso di lenti a contatto passano per un corretto stile di vita e un approccio a sintomi che va a analizzare e ridurre le cause infiammatorie dell’organismo anche generali.

In caso di occhio secco da altre cause, la valutazione oculistica è ancora più importante come scritto qui.

Ti possono interessare anche:
Corretto uso di lenti a contatto
Componente alimentare che influenza le congiuntiviti allergiche ,
I cosmetici nei soggetti affetti da congiuntiviti allergiche come prodotti per viso – trucchi, creme, shampoo, tinture capelli.
allergie crociate tra alimenti e inalanti, che possono anche portare a congiuntiviti allergiche



Occhiali da sole e protezione occhi

Gli occhiali da sole proteggono gli occhi Con l’arrivo della bella stagione, soprattutto in luoghi con intensi riflessi di luce come ad esempio in acqua, su una spiaggia bianca oppure sulla neve, gli occhiali sono essenziali per salvaguardare gli occhi dai dannosi effetti dei raggi ultravioletti....

Luce blu e occhi: display, monitor, PC, telefonini e LED

Luce blu, telefonini, display, PC, led e occhi La luce  blu è una particolare lunghezza d'onda dello spettro luminoso compresa tra 415 nm e 455 nm. L'esposizione a questa radiazione avviene all'aperto ma anche durante l'applicazione ai display nelle attività lavorative e non. Pare che questa...

Congiuntivite allergica e rinite

Allergie degli occhi associate a rinite Per allergia si intende una iper-reazione immunitaria dell'organismo verso sostanza normalmente innocue. La congiuntivite allergica (AC) comprende cinque entità cliniche, una congiuntivite allergica stagionale, congiuntivite allergica perenne,...

Occhiali dopo intervento di cataratta

Quando si possono fare gli occhiali dopo intervento di cataratta Dopo l'intervento di cataratta bisogna aspettare qualche tempo prima di comprare gli occhiali. Dopo la cataratta non vedo da vicino, è normale?  Comprare gli occhiali dopo la cataratta Una domanda che molti pazienti ci fanno nei...

Probiotici calazi, occhio, secco e blefariti

Blefariti e calazi: probiotici rimedi naturali efficaci L'integrazione con probiotici può favorire il riequilibrio del microbiota intestinale e  e avere efficacia in problemi oculari quali occhio secco, blefariti e calazi? Come è noto, blefariti, orzaioli e calazi sono spesso legati ad alterazioni...

Microbioma, dieta e alimentazione per occhio secco

Alimentazione e dieta per occhio seccoMicrobioma e occhio secco   Un recentissimo studio fa il punto della situazione su alimentazione, microbioma e occhio secco. Il microbioma intestinale è collegato al sistema immunitario stimolando o attenuando la risposta linfocitaria, coinvolta nelle...

Microbiota e occhi – XII Congresso Aimo Oculisti Roma

 Microbiota intestinale e occhio Congresso AIMO Associazione Italiana Medici OculistiSessione Microbiota umano: la nuova frontiera della medicina Roma 30 settembre - 2 ottobre 2021 Anche quest’anno si è svolto il congresso AIMO (Associazione Italiana Medici Oculisti) a Roma dal 30 settembre,...

Nutrizione e salute degli occhi: stress ossidativo

 Dieta e salute degli occhila nutrizione e la sua influenza per le malattie oculari La letteratura medica contiene vari articoli su nutrizione e occhi poiché la dieta può influenzare numerose condizioni lesive della capacità visiva, come la cataratta, la degenerazione maculare, il glaucoma, le...

Chi siamo

Dott. Alberto Lanfernini - Oculista

Faenza - Ravenna 

Dot. Lanfernini Alberto

Chi siamo

Dott.ssa Annalisa Moscariello - Oculista

Ravenna - Faenza - 

Dott.ssa Annalisa Moscariello Oculista