Allergie agli occhi e alimenti- sintomi e cure

Prima di leggere questo articolo consigliamo la lettura della pagina relativa all’inquadramento generale delle allergie oculari, che trovate in questo link. L’importanza della dieta corretta per gli occhi è descritta nella pagina introduttiva (link).

Chi ha avuto modo di navigare all’interno del nostro sito, avrà visto quanto noi abbiamo a cuore il tema della prevenzione tramite sana e corretta alimentazione. Abbiamo parlato a lungo, in altri articoli, delle allergie oculari (QUI), e dei loro fastidiosi sintomi, di come identificarle e di come trattarle anche con rimedi naturali. In questa pagina parleremo della dieta a basso contenuto di istamina, essenziale nei pazienti che hanno problemi con questa molecola. Le congiuntiviti alimentari e le intolleranze, unitamente ad altre indicazioni, inoltre sono descritte nell’articolo “allergie occhi e intolleranze”  in questa pagina. Sono infatti molte le notizie da fornire, e abbiamo deciso di non raggruppare in un unico sito, al fine di rendere meno impegnativa la lettura.

Istamina, la molecola della allergia anche per gli occhi
Putrescina

Per prima cosa è bene focalizzarci sull’istamina, una molecola organica, cioè a base di carbonio, che entra prepotentemente nei processi infiammatori dei viventi. L’istamina può aumentare dell’organismo per tre cause.

Per prima cosa si può essere allergici, quindi vittime di una liberazione di grandi quantità di istamina a seguito di stimoli   per le persone non allergiche.

Inoltre l’assunzione istamina tramite assunzione cibi, l’istamina esogena, può portare a disturbi.

Infine ci può essere un difetto di un enzima, Diamino-ossidasi (DAO), enzima che catabolizza l’istamina.

Ricordiamo in ultimo la putrescina, un prodotto fermentativo dei batterici, anche essa ,una diammina come l’istamina. I sintomi principali di un eccesso di istamina sono:

  • vasocostrizione delle grandi arterie, con effetto ipertensivo
  • vasodilatazione delle arterie più piccole, che, se massivo, può portare a ipotensione
  • aumento permeabilità dei capillari
  • broncospasmo

Ci possono essere quindi disturbi che coinvolgono l’apparato gastrointestinale, come diarrea e coliche, l’apparato neurologico come la cefalea, l’apparato respiratorio come riniti ed asma, la cute come dermatiti. I sintomi possono essere isolati o in combinazione tra loro.

Istamina nei cibi di origine vegetale
da limitare nelle congiuntiviti alimentari

Passiamo dunque ad analizzare dove si trova l’istamina nei cibi iniziando dai vegetali.

istamina Verdure e legumi

I cibi principali che contengono istamina di origine vegetale sono melanzane, spinaci, e pomodoro. Spesso questi alimenti contengono anche Tiramina. La putrescina è stata rilevata in molte verdure e legumi. Tuttavia, alcuni campioni di peperone verde, melanzane, mais dolce, fagioli verdi e viola, spinaci, ketchup, soia e piselli hanno contenuti di putrescina sorprendentemente elevati. L’origine di questa molecola può essere intrinseca, cioè presente direttamente nel cibo, può essere il risultato di attività metaboliche di alcuni batteri. Attenzione anche al ketchup di pomodoro.

 Frutta e noci e istamina

Avocado e kiwi e succhi di pompelmo, arancia e ananas sono gli unici prodotti di questa categoria per i quali è stata segnalata la presenza di istamina. Uno studio condotto ha concluso che la presenza di istamina nei succhi di pompelmo, arancia e ananas è dovuta a una mancanza di qualità igienica durante la lavorazione o la conservazione, poiché questa ammina non si trova nella frutta fresca originale. La putrescina è stata trovata praticamente in tutti i frutti e le noci, con i livelli più alti in arancia, succo d’arancia, mandarino, pompelmo, succo di pompelmo, banana, frutto della passione e pistacchio.

istamina in Cereali e derivati

 L’unica fonte di spicco di putrescina è il germe di grano, che, come i germogli di soia, ha un alto tasso di divisione cellulare, in cui putrescina e poliammine svolgono un ruolo significativo. Il contenuto di putrescina nel pane integrale era leggermente superiore a quello del pane fatto con farina raffinata.

Istamina nei cibi di origine animale

Passiamo quindi a parlare degli alimenti di origine animale e dei loro contenuti di istamina.

istamina nel Pesce

I pesci principalmente più ricchi di vitamina sono sgombro, aringhe, sardine, tonno, pesci affumicati e salati come il salmone, e pesci in scatola, compresi quelli marinati. Anche i crostacei ne contengono in gran quantità.

istamina nei Formaggi

Tra i formaggi ricordiamo i formaggi fermentati e stagionati, come parmigiano, emmenthal.

istamina nella Carne

Le salsicce affumicate, i prosciutti stagionati e di salame sono ricchi di istamina. Inoltre le carni non conservate hanno maggiori quantità di putrescina.

istamina negli Alcoolici

L’alcool, in particolare il vino rosso, è un potente inibitore della diamino ossidasi oltre che ricco di istamina. I sintomi nocivi potrebbero essere però anche prodotti da altre ammine biogene come la tiramina e i solfiti.

Istamina e farmaci

L’elenco dei farmaci che può favorire il rilascio di istamina o inibiscono l’enzima che la catabolizza, e lungo. Ricordiamo alcuni narcotici, alcuni analgesici, anestetici, anzi aritmici, diuretici, antibiotici, mucolitici.

istamina in cacao Cioccolato caffè e dado da cucina

Il cioccolato e il dado da cucina sono cibi che possono contenere o liberare istamina, per cui dovrebbero essere ridotti fino all’eliminazione. Purtroppo anche il caffé ne contiene, ma a  consolarci arriva lo studio che afferma che le diammina nel caffè macinato tostato sono inferiori rispetto alla moka, a causa dello stress fisico e termico che subisce il caffè.

Come di comporta l’istamina con la conservazione e la cottura dei cibi

La temperatura di conservazione è un fattore molto importante nella formazione di ammine. Infatti l’aumento di  prodotti tossici (come la putrescina) avviene maggiormente se si ritarda la refrigerazione. Ci possono essere anche processi di conservazione e cottura che aumentano l’istamina, probabilmente a causa della perdita di acqua come avviene per i fritti. Le ammine sono composti termostabili, quindi in linea di principio i cambiamenti nel contenuto possono essere dovuti solo al loro trasferimento nell’acqua di cottura o agli effetti di diluizione o concentrazione del processo culinario, in cui il cibo guadagna o perde acqua.

Dieta a basso contenuti di istamina per le congiuntiviti allergiche alimentari

 Attualmente, la strategia principale per prevenire l’insorgenza dei sintomi di intolleranza all’istamina è seguire una dieta a basso contenuto di istamina. La sua efficacia è stata dimostrata in diversi studi clinici, che hanno sempre descritto un miglioramento o una remissione dei sintomi gastrointestinali, dermatologici e neurologici  se la dieta è stata seguita. Quindi la terapia si basa sulla riduzione dell’assunzione di istamina con la dieta fino alla completa eliminazione. Particolare attenzione va ai cibi a lunga maturazione e fermentati, come i formaggi e salumi. Anche i prodotti a base di lievito sono da considerarsi rischiosi. Qualche studio segnala che la degradazione della istamina può essere supportata da assunzione di vitamina C e vitamina B6, per l’aumento dell’attività dell’enzima DAO.

Alimenti consentiti nelle congiuntiviti allergiche e alimentari

Veniamo ora a parlare degli alimenti consentiti. Carne e pollame freschi sono consentiti, pesci come il merluzzo pure. La carne comunque fresca o surgelata va sempre bene, non bisogna invece consumare carne stagionata. La freschezza del cibo è importante per quanto abbiamo detto sopra sull’aumento della presenza di istamina nei pesci mal conservati. Anche le uova sono alimenti adatti.

Tra i formaggi è possibile consumare ricotta. Il latte è consentito, così come la panna e lo yogurt. Se proprio non possiamo fare a meno del grana padano, prendiamo quelli poco stagionati.

La pasta e il riso sono consentiti e del resto come si può non mangiare la pasta in Italia?

La frutta si può mangiare praticamente tutta, fresca, tranne quella citata in alto. Quindi mele, pesche, limoni e albicocche eccetera sono consentite.

Anche tutte le verdure si possono mangiare, con particolare preferenza per zucchine, cetrioli, cavolfiore, carote, asparagi, funghi, ravanelli, sia fresca che cruda. Da evitare ovviamente le verdure scritte precedentemente in rosso.

 L’olio extra vergine di oliva è consentito, anche per le benefiche proprietà di cui abbiamo scritto in un altro articolo (link qui).

In sintesi è necessario ridurre al minimo gli alimenti ricchi di istamina e ricchi di istamina liberatori, assumendo la poca quantità, con poca frequenza, e non in associazione tra loro.

 Per quanto tempo è necessario seguire la dieta povera di istaimina

La durata della dieta priva di istamina è variabile, e dipende da numerosi fattori, come  età del soggetto e manifestazioni cliniche. E’ ovviamente adatta anche a altre forme di allergie, come le dermatiti (ne parliamo qui in questa pagina) Normalmente è bene non proseguirla per più di qualche settimana, poiché è piuttosto restrittiva. Inoltre bisogna porre molta attenzione a non togliere alimenti necessari all’accrescimento nei bambini. Quindi anche questo tipo di dieta  va seguita con buon senso, e non eliminando del tutto intere categorie di cibo.

Oculistica multidisciplinare e visione di insieme nelle allergie oculari

L’oculista pertanto oltre a dare le indicazioni di massima,  deve collaborare con figure quali  l’allergologo e il gastroenterologo,  quest’ultimo necessario anche per l’analisi del microbiota tramite test di screening intestinale e Breath test; fondamentale, quindi, è la parte gastroenterologica oltre che immunologica e allergologica. Si può analizzare anche l’istamina fecale.

Ci piace qui ricordare l’importanza della immuno-regolazione del microbiota intestinale anche per ridurre i disturbi delle malattie oculari. La dieta scorretta e l’ingestione di cibi pro-infiammatori, provocano anche disbiosi intestinale, con conseguente peggioramento della sintomatologia infiammatoria dei vari organi, occhi compresi. Per chi fosse interessato al tema, ne sito è approfondito in queste pagine, alle quali rimandiamo.

 Riferimenti bibliografici

Alcuni concetti sono presi e rielaborati autonomamente da:

Sánchez-Pérez, S .; Comas-Basté, O .; Rabell-González, J .; Veciana-Nogués, MT; Latorre-Moratalla, ML; Vidal-Carou, MC Ammine biogeniche negli alimenti di origine vegetale: sono spesso sottovalutate nelle diete a basso contenuto di istamina? Foods 2018 , 7 , 205. https://doi.org/10.3390/foods7120205

Questo è un articolo ad accesso aperto distribuito sotto la Licenza di attribuzione Creative Commons che consente l’uso, la distribuzione e la riproduzione senza restrizioni con qualsiasi mezzo, a condizione che il lavoro originale sia citato correttamente

 

Ti possono interessare anche:
Componenti alimentari che influenzano le congiuntiviti allergiche 
I cosmetici nei soggetti affetti da congiuntiviti allergiche come prodotti per viso – trucchi, creme, shampoo, tinture capelli
allergie crociate tra alimenti e inalanti, che possono anche portare a congiuntiviti allergiche

Microbiota e occhi – XII Congresso Aimo Oculisti Roma

 Microbiota intestinale e occhio Congresso AIMO Associazione Italiana Medici OculistiSessione Microbiota umano: la nuova frontiera della medicina Roma 30 settembre - 2 ottobre 2021 Anche quest’anno si è svolto il congresso AIMO (Associazione Italiana Medici Oculisti) a Roma dal 30 settembre,...

Presbiopia, esperidina e antiossidanti

 Curare la presbiopia con l'alimentazione E' possibile rallentare la presbiopia?   La presbiopia è un difetto di vista che impedisce la visione per vicino e colpisce i soggetti dopo i 40 anni. E' piuttosto fastidioso nella vita di questo periodo storico a causa della continua necessità delle...

Microbiota e malattie degli occhi

 Microbiota intestinale e occhio Come e perchè il microbiota intestinale è correlato alle malattie oculari e allo stato di salute dei nostri occhi Riporto l'articolo pubblicato sul numero 1.2021 di Viscochirurgia (rivista italiana di Oftalmologia a cura di Fabiano Editore, responsabile dott....

Microbiota e occhio: articoli giornali e siti

Microbiota e occhi L'idea che i batteri intestinali che vivono in costante simbiosi con noi (microbiota intestinale) possano influenzare lo stato di salute dell'organismo in generale si sta diffondendo anche tra gli oftalmologi. Si affacciano finalmente in alcune riviste specialistiche dedicate a...

Mirtillo e occhi

Mirtillo e occhi Dopo avere parlato di altri numerosi rimedi naturali benefici per gli occhi, scriviamo ora del mirtillo, noto elemento che spesso viene associato agli occhi anche nella cultura popolare da tempo. I composti botanici e gli estratti dalle piante è noto che possano essere utili in...

Vitamina C: antiossidante per gli occhi

  Vitamina C - potente antiossidanteCataratta, glaucomacornea - trabecolato - cristallino Proseguiamo i nostri articoli sulle vitamine  per gli occhi e, dopo aver accennato alla Vitamina D e alla Vitamina B e dei loro effetti su occhi secchi e dolore oculare, scriviamo oggi della vitamina C, per...

Probiotici e occhi: retinopatia diabetica

Questo articolo  fa parte di una serie che riguarda prebiotici, probiotici e occhio, che trovate cliccando qui Probiotici cosa sono I probiotici sono microrganismi viventi non patogeni, che possono portare beneficio all'ospite se somministrati con continuità. Generalmente, le specie probiotiche...

Vitamina D e salute degli occhi

Vitamina D e salute degli occhi Come più volte affermato in questo sito, con articoli tratti da letteratura, l'alimentazione ha un ruolo chiave nella prevenzione anche delle malattie oculari. Le vitamine dunque, insieme ad altri nutrienti, sono efficaci protettori degli occhi.  La base per una...

Luce blu e occhi: display, monitor, PC, telefonini e LED

Luce blu, telefonini, display, PC, led e occhi La luce  blu è una particolare lunghezza d'onda dello spettro luminoso compresa tra 415 nm e 455 nm. L'esposizione a questa radiazione avviene all'aperto ma anche durante l'applicazione ai display nelle attività lavorative e non. Pare che questa...

Probiotici, luce blu, pc, telefonini e occhi

 Questo articolo  fa parte di una serie che riguarda prebiotici, probiotici e occhio, che trovate cliccando qui Probiotici cosa sono Le specie probiotiche principali appartengono ai generi Lactobacillus e Bifidobacterium ma anche ad altri ceppi di altri batteri lattici,...

Proteoma lacrimale in rinocongiuntivite allergica

Rinocongiuntivite allergica e proteoma Mebabolomica congiuntiviti allergiche La metabolomica  studia le impronte chimiche dei processi dei sistemi biologici. In altri articoli abbiamo affrontato questi temi. Abbiamo infatti parlato di  metabolomica e disfunzione ghiandole Meibomio in occhio secco...

Inquinamento e infiammazioni oculari

  Inquinamento e infiammazioni oculari L'inquinamento atmosferico è un grande problema e costituisce una crescente preoccupazione globale. Sono chiare le correlazioni tra numerose malattie e inquinamento dell'acqua, dell'aria, del suolo, ma anche acustico e luminoso. Tra gli organi bersaglio...

Ambienti domestici, uffici, inquinamento e occhi

Inquinamento e infiammazioni oculari Nell'articolo precedente (link qui) abbiamo visto come l'inquinamento atmosferico sia composto da agenti particolati organici, inorganici  e gas nocivi. Tutti i fattori inoltre ambientali, quali temperatura, esposizione luce UV, umidità e ventilazione hanno la...

Dermatiti intorno agli occhi e alimentazione

Dermatiti occhi e alimenti Visto l'interesse degli utenti del sito in tema di allergie, alimenti e dermatiti, pubblichiamo un altro articolo scritto insieme alla Dottoressa Emanuela Fogli, dopo quello inerente le dermatiti da contatto e aeromediate (link), e le blefariti associate a rosacea...

Nutrizione e salute degli occhi: stress ossidativo

 Dieta e salute degli occhila nutrizione e la sua influenza per le malattie oculari La letteratura medica contiene vari articoli su nutrizione e occhi poiché la dieta può influenzare numerose condizioni lesive della capacità visiva, come la cataratta, la degenerazione maculare, il glaucoma, le...

Dott. Alberto Lanfernini – Oculista
Faenza – Ravenna – Riolo Terme – Pesaro

Dot. Lanfernini Alberto

Dott.ssa Annalisa Moscariello – Oculista
Ravenna – Faenza – Pesaro

Dott.ssa Annalisa Moscariello Oculista