Allergie agli occhi e alimenti

La dieta priva di istamina migliora spesso le congiuntiviti e le blefariti associate ad allergie alimentari o che hanno la causa in alcuni cibi.
Ridurre l’istamina assunta con i cibi può aiutare a migliorare i sintomi delle infiammazioni oculari.

Allergie agli occhi e alimenti- sintomi e cure

Prima di leggere questo articolo che parla di allergie, occhi e legame con gli alimenti, consigliamo la lettura della pagina relativa all’inquadramento generale delle allergie oculari, che trovate in questo link. L’importanza della dieta corretta per gli occhi è descritta nella pagina introduttiva (link). Di allergie e occhi parliamo qui.

Chi ha avuto modo di navigare all’interno del nostro sito, avrà visto quanto noi abbiamo a cuore il tema della prevenzione tramite sana e corretta alimentazione. Abbiamo parlato a lungo, in altri articoli, delle allergie oculari (QUI), e dei loro fastidiosi sintomi, di come identificarle e di come trattarle anche con rimedi naturali.

In questa pagina parleremo della dieta a basso contenuto di istamina, essenziale nei pazienti che hanno problemi con questa molecola.

Le congiuntiviti alimentari e le intolleranze, unitamente ad altre indicazioni, inoltre sono descritte nell’articolo “allergie occhi e intolleranze”  in questa pagina. Sono infatti molte le notizie da fornire, e abbiamo deciso di non raggruppare in un unico sito, al fine di rendere meno impegnativa la lettura.

Spesso l’istamina, oltre al prurito, determina gonfiore palpebrale. Di occhi e palpebre gonfie, delle cause, cure farmacologiche e naturali parliamo in questa pagina: occhi e palpebre gonfie.

Istamina, la molecola della allergia anche per gli occhi
Putrescina

Per prima cosa è bene focalizzarci sull’istamina, una molecola organica, cioè a base di carbonio, che entra prepotentemente nei processi infiammatori dei viventi. L’istamina può aumentare dell’organismo per tre cause.

Per prima cosa si può essere allergici, quindi vittime di una liberazione di grandi quantità di istamina a seguito di stimoli   per le persone non allergiche.

Inoltre l’assunzione istamina tramite assunzione cibi, l’istamina esogena, può portare a disturbi.

Infine ci può essere un difetto di un enzima, Diamino-ossidasi (DAO), enzima che catabolizza l’istamina.

Ricordiamo in ultimo la putrescina, un prodotto fermentativo dei batterici, anche essa ,una diammina come l’istamina. I sintomi principali di un eccesso di istamina sono:

  • vasocostrizione delle grandi arterie, con effetto ipertensivo
  • vasodilatazione delle arterie più piccole, che, se massivo, può portare a ipotensione
  • aumento permeabilità dei capillari
  • broncospasmo

Ci possono essere quindi disturbi che coinvolgono l’apparato gastrointestinale, come diarrea e coliche, l’apparato neurologico come la cefalea, l’apparato respiratorio come riniti ed asma, la cute come dermatiti. I sintomi possono essere isolati o in combinazione tra loro.

Istamina nei cibi di origine vegetale
da limitare nelle congiuntiviti alimentari

Passiamo dunque ad analizzare dove si trova l’istamina nei cibi iniziando dai vegetali. L’elenco dei cibi che contengono istamina è indicativo e non esaustivo. Raccomandiamo, nei casi gravi, di consultare un nutrizionista.

istamina Verdure e legumi

I cibi principali che contengono istamina di origine vegetale sono melanzane, spinaci, e pomodoro. Spesso questi alimenti contengono anche Tiramina. La putrescina è stata rilevata in molte verdure e legumi. Tuttavia, alcuni campioni di peperone verde, melanzane, mais dolce, fagioli verdi e viola, spinaci, ketchup, soia e piselli hanno contenuti di putrescina sorprendentemente elevati. L’origine di questa molecola può essere intrinseca, cioè presente direttamente nel cibo, può essere il risultato di attività metaboliche di alcuni batteri. Attenzione anche al ketchup di pomodoro.

 Frutta e noci e istamina

Avocado e kiwi e succhi di pompelmo, arancia e ananas sono gli unici prodotti di questa categoria per i quali è stata segnalata la presenza di istamina. Uno studio condotto ha concluso che la presenza di istamina nei succhi di pompelmo, arancia e ananas è dovuta a una mancanza di qualità igienica durante la lavorazione o la conservazione, poiché questa ammina non si trova nella frutta fresca originale. La putrescina è stata trovata praticamente in tutti i frutti e le noci, con i livelli più alti in arancia, succo d’arancia, mandarino, pompelmo, succo di pompelmo, banana, frutto della passione e pistacchio.

istamina in Cereali e derivati

L’unica fonte di spicco di putrescina è il germe di grano, che, come i germogli di soia, ha un alto tasso di divisione cellulare, in cui putrescina e poliammine svolgono un ruolo significativo. Il contenuto di putrescina nel pane integrale era leggermente superiore a quello del pane fatto con farina raffinata.

 

Istamina nei cibi di origine animale

Passiamo quindi a parlare degli alimenti di origine animale e dei loro contenuti di istamina.

istamina nel Pesce

I pesci principalmente più ricchi di vitamina sono sgombro, aringhe, sardine, tonno, pesci affumicati e salati come il salmone, e pesci in scatola, compresi quelli marinati. Anche i crostacei ne contengono in gran quantità.

istamina nei Formaggi

Tra i formaggi ricordiamo i formaggi fermentati e stagionati, come parmigiano, emmenthal.

istamina nella Carne

Le salsicce affumicate, i prosciutti stagionati e di salame sono ricchi di istamina. Inoltre le carni non conservate hanno maggiori quantità di putrescina.

istamina negli Alcoolici

L’alcool, in particolare il vino rosso, è un potente inibitore della diamino ossidasi oltre che ricco di istamina. I sintomi nocivi potrebbero essere però anche prodotti da altre ammine biogene come la tiramina e i solfiti.

Istamina e farmaci

L’elenco dei farmaci che può favorire il rilascio di istamina o inibiscono l’enzima che la catabolizza, e lungo. Ricordiamo alcuni narcotici, alcuni analgesici, anestetici, anzi aritmici, diuretici, antibiotici, mucolitici.

istamina in cacao Cioccolato caffè e dado da cucina

Il cioccolato e il dado da cucina sono cibi che possono contenere o liberare istamina, per cui dovrebbero essere ridotti fino all’eliminazione. Purtroppo anche il caffé ne contiene, ma a  consolarci arriva lo studio che afferma che le diammina nel caffè macinato tostato sono inferiori rispetto alla moka, a causa dello stress fisico e termico che subisce il caffè.

Come di comporta l’istamina con la conservazione e la cottura dei cibi

La temperatura di conservazione è un fattore molto importante nella formazione di ammine. Infatti l’aumento di  prodotti tossici (come la putrescina) avviene maggiormente se si ritarda la refrigerazione. Ci possono essere anche processi di conservazione e cottura che aumentano l’istamina, probabilmente a causa della perdita di acqua come avviene per i fritti. Le ammine sono composti termostabili, quindi in linea di principio i cambiamenti nel contenuto possono essere dovuti solo al loro trasferimento nell’acqua di cottura o agli effetti di diluizione o concentrazione del processo culinario, in cui il cibo guadagna o perde acqua.

Dieta a basso contenuti di istamina per le congiuntiviti allergiche alimentari

 Attualmente, la strategia principale per prevenire l’insorgenza dei sintomi di intolleranza all’istamina è seguire una dieta a basso contenuto di istamina. La sua efficacia è stata dimostrata in diversi studi clinici, che hanno sempre descritto un miglioramento o una remissione dei sintomi gastrointestinali, dermatologici e neurologici  se la dieta è stata seguita. Quindi la terapia si basa sulla riduzione dell’assunzione di istamina con la dieta fino alla completa eliminazione. Particolare attenzione va ai cibi a lunga maturazione e fermentati, come i formaggi e salumi. Anche i prodotti a base di lievito sono da considerarsi rischiosi. Qualche studio segnala che la degradazione della istamina può essere supportata da assunzione di vitamina C e vitamina B6, per l’aumento dell’attività dell’enzima DAO.

Alimenti consentiti nelle congiuntiviti allergiche e alimentari

Veniamo ora a parlare degli alimenti consentiti. Carne e pollame freschi sono consentiti, pesci come il merluzzo pure. La carne comunque fresca o surgelata va sempre bene, non bisogna invece consumare carne stagionata. La freschezza del cibo è importante per quanto abbiamo detto sopra sull’aumento della presenza di istamina nei pesci mal conservati. Anche le uova sono alimenti adatti.

Tra i formaggi è possibile consumare ricotta. Il latte è consentito, così come la panna e lo yogurt. Se proprio non possiamo fare a meno del grana padano, prendiamo quelli poco stagionati.

La pasta e il riso sono consentiti e del resto come si può non mangiare la pasta in Italia?

La frutta si può mangiare praticamente tutta, fresca, tranne quella citata in alto. Quindi mele, pesche, limoni e albicocche eccetera sono consentite.

Anche tutte le verdure si possono mangiare, con particolare preferenza per zucchine, cetrioli, cavolfiore, carote, asparagi, funghi, ravanelli, sia fresca che cruda. Da evitare ovviamente le verdure scritte precedentemente in rosso.

 L’olio extra vergine di oliva è consentito, anche per le benefiche proprietà di cui abbiamo scritto in un altro articolo (link qui).

In sintesi è necessario ridurre al minimo gli alimenti ricchi di istamina e ricchi di istamina liberatori, assumendo la poca quantità, con poca frequenza, e non in associazione tra loro.

 Per quanto tempo è necessario seguire la dieta povera di istaimina

La durata della dieta priva di istamina è variabile, e dipende da numerosi fattori, come  età del soggetto e manifestazioni cliniche. E’ ovviamente adatta anche a altre forme di allergie, come le dermatiti (ne parliamo qui in questa pagina) Normalmente è bene non proseguirla per più di qualche settimana, poiché è piuttosto restrittiva. Inoltre bisogna porre molta attenzione a non togliere alimenti necessari all’accrescimento nei bambini. Quindi anche questo tipo di dieta  va seguita con buon senso, e non eliminando del tutto intere categorie di cibo.

LA disbiosi oculare

Analogamente a quanto oramai è noto per l’intestino, anche gli occhi possono andare incontro ad alterazioni del microbiota oculare (disbiosi), che facilitano disturbi come secchezza, rossore, bruciore e altri, come descritto in questa pagina ampiamente. L’alimentazione potrebbe essere un modo per riequilibrare anche il microbiota oculare, oltre che quello intestinale.

Rimedi naturali per congiuntiviti da alimenti

Oltre naturalmente alla correzione dietetica è possibile associare anche fitoterapia antiinfiammatoria per ridurre i disturbi e migliorare l’equilibrio generale dell’organismo. Ne parliamo ampiamente qui (link: rimedi naturali per gli occhi).

Esistono dunque alcune erbe e piante che possono aiutare a ridurre i sintomi dell’intolleranza all’istamina e della sindrome dell’istaminosi alimentare. Tuttavia, è importante ricordare che la fitoterapia non dovrebbe essere usata come sostituto dei farmaci prescritti dal medico e che è sempre importante consultare un medico o un esperto di erboristeria prima di iniziare qualsiasi tipo di trattamento a base di erbe.

Qui di seguito sono elencate alcune erbe e piante che potrebbero essere utili per le persone affette da disturbi di istamina:

  1. Ortica (Urtica dioica): l’ortica è un antistaminico naturale e può aiutare a ridurre i sintomi dell’allergia, come il prurito e l’infiammazione.
  2. Camomilla (Matricaria chamomilla): la camomilla ha proprietà antinfiammatorie e antiallergiche e può aiutare a ridurre i sintomi dell’intolleranza all’istamina.
  3. Liquirizia (Glycyrrhiza glabra): la liquirizia può aiutare a ridurre l’infiammazione e la produzione di istamina.
  4. Boswellia (Boswellia serrata): la boswellia può aiutare a ridurre l’infiammazione e può essere utile per le persone con sindrome dell’istaminosi alimentare.
  5. Curcuma (Curcuma longa): la curcuma ha proprietà antinfiammatorie e antiossidanti e può aiutare a ridurre i sintomi dell’intolleranza all’istamina.
  6. Zafferano (Crocus sativus): lo zafferano può aiutare a ridurre l’infiammazione e può essere utile per le persone con intolleranza all’istamina.
  7. le altre cure naturali per gli occhi le trovate in questa pagina (link: indice sostanze naturali per gli occhi).

È importante ricordare che gli integratori a base di erbe possono interagire con i farmaci e possono causare effetti collaterali indesiderati. Pertanto, è sempre importante consultare un medico prima di iniziare qualsiasi tipo di trattamento a base di erbe.

 

Oculistica multidisciplinare e visione di insieme nelle allergie oculari

L’oculista pertanto oltre a dare le indicazioni di massima,  deve collaborare con figure quali  l’allergologo, il nutrizionista e il gastroenterologo,  quest’ultimo necessario anche per l’analisi del microbiota tramite test di screening intestinale e Breath test; fondamentale, quindi, è la parte gastroenterologica oltre che immunologica e allergologica. Si può analizzare anche l’istamina fecale, test al quale spesso ricorriamo, per capire se c’è un eccesso di istamina nell’intestino che può favorire anche disturbo agli occhi come occhi gonfi, prurito, lacrimazione e sintomi di allergia in generale.

Ci piace qui ricordare l’importanza della immuno-regolazione del microbiota intestinale anche per ridurre i disturbi delle malattie oculari. E’ dimostrato che alcuni batteri come la Klebsiella producono istamina da aminoacidi innocui. Dunque pare l’aumento dei livelli di Klebsiella nell’intestino possa portare a un’infiammazione locale che a sua volta può aumentare la produzione di istamina. La dieta scorretta e l’ingestione di cibi pro-infiammatori, provocano anche disbiosi intestinale, con conseguente peggioramento della sintomatologia infiammatoria dei vari organi, occhi compresi.

Per chi fosse interessato al tema, ne sito è approfondito in queste pagine, alle quali rimandiamo.

 Riferimenti bibliografici a fondo pagina

 

Esempio di dieta povera di istamina

Giorno 1:

Colazione:

  • Tè verde o caffè senza latte o altre bevande contenenti istamina
  • Pancakes senza uova e senza lievito con sciroppo d’acero puro

Pranzo:

  • Insalata di lattuga iceberg con pomodori e cetrioli freschi, condita con olio d’oliva e aceto di mele
  • Pollo arrosto con patate dolci al forno

Cena:

  • Zuppa di verdure miste fatta in casa senza brodo
  • Salmone alla griglia con contorno di zucchine saltate in padella

Snack:

  • Carote fresche con hummus fatto in casa

Giorno 2:

Colazione:

  • Smoothie di banane, mirtilli e latte di mandorla senza zucchero aggiunto

Pranzo:

  • Pollo alla piastra con patate novelle al forno
  • Insalata di spinaci con mandorle tostate, peperoni arrostiti e aceto balsamico

Cena:

  • Pesce spada alla griglia con contorno di broccoli al vapore
  • Riso integrale bollito

Snack:

  • Frutta fresca (ad esempio mela o pera) con burro di arachidi fatto in casa

 Giorno 3:

Colazione:

  • Tè verde o caffè senza latte o altre bevande contenenti istamina
  • Frittata di zucchine senza formaggio

Pranzo:

  • Pollo alla griglia con insalata di pomodori, avocado e rucola, condita con olio d’oliva e limone
  • Risotto con carote e piselli

Cena:

  • Pesce al vapore con contorno di carciofi saltati in padella
  • Patate dolci al forno

Snack:

  • Frutta fresca (ad esempio fragole o kiwi) con yogurt di cocco senza zucchero aggiunto

Giorno 4:

Colazione:

  • Smoothie di fragole, banane e latte di riso senza zucchero aggiunto

Pranzo:

  • Insalata di quinoa con verdure fresche (peperoni, cetrioli, carote) e pollo grigliato, condita con olio d’oliva e aceto balsamico
  • Tazza di zuppa di zucca

Cena:

  • Petto di pollo ripieno di spinaci e formaggio di capra senza stagionatura, servito con broccoli al vapore
  • Patate dolci al forno

Snack:

  • Mix di frutta secca e semi (ad esempio noci, mandorle, semi di zucca) senza additivi o condimenti aggiunti

Ricorda che questi menu sono solo un esempio e dovrebbero essere adattati alle tue esigenze individuali. È importante notare che una dieta povera di istamina può variare da persona a persona e dovrebbe essere personalizzata in base alle esigenze individuali e alle eventuali intolleranze alimentari.  E’ necessario consultare un medico o un dietista prima di apportare modifiche significative alla propria dieta.

 

 

Blefariti, orzaioli e calazi cura e prevenzione

cure di blefariti, orzaioli, calaziosi ricorenti (cosa fare e come curarli) Blefariti e calazi, cura e prevenzione. Alimentazione  e dieta per blefariti.Spesso le blefariti e le blefarocongiuntiviti sono associate a calazi e a malattie della pelle...

Ciclosporina in Vernal e Occhio Secco (dry eye)

La ciclopsorina collirio come terapia nelle Cheratocongiuntiviti Vernal e NELLA SINDROME DA OCCHIO SECCO Il collirio a base di ciclosporina è una ottima soluzione per alcune malattie oculari, come la sindrome da occhio secco, la vernal...

Autosiero (collirio con siero autologo)

L'autosiero contro l'occhio seccosiero autologo e siero eterologo collirio In questo articolo parleremo dell'autosiero (o siero collirio autologo), un derivato del sangue (emocomponente) molto utile per la terapia di alcune condizioni patologiche...

Cosa fare dopo aver preso una botta in un occhio (trauma all’occhio)

Cosa fare in caso di botta in un occhio: i traumi oculari Cosa fare in causa di botta in un occhio e dopo traumi oculari: le cause, le cure e le conseguenze dei traumi oculari. Traumi oculari I traumi oculari rappresentano una delle principali...

MIcrobioma oculare e microbiota oculare

  Il Microbioma Oculare: Un Ecosistema Unico nell'Organo della Vista Il microbioma oculare è l'insieme di microorganismi che vivono sulla superficie dell'occhio. Questo ecosistema è diverso dal microbiota oculare, che si riferisce alla totalità...

Cosa fare se entra una scheggia nell’occhio

Cosa fare se entra una scheggia in un occhio Cosa fare e come rimuovere una scheggia in un occhio. Cosa non fare in caso di corpo estraneo oculare. Tempi di guarigione Scheggia negli occhi In questo articolo ci proponiamo di fornire indicazioni ...

Probiotici calazi, occhio, secco e blefariti

Blefariti e calazi: probiotici rimedi naturali efficaci L'integrazione con probiotici può favorire il riequilibrio del microbiota intestinale e  e avere efficacia in problemi oculari quali occhio secco, blefariti e calazi? Come è noto, blefariti,...

Allergie occhi

  Allergie agli occhiCause, sintomi e cure Le allergie agli occhi sono una condizione comune che colpisce molte persone in tutto il mondo.In questo articolo, esploreremo i diversi tipi di allergie oculari, le loro cause e i modi per prevenire e...

OCT cos’è, come funziona, quanto dura

Cos’è l’OCT? L’OCT, o Tomografia a Coerenza Ottica, è un esame oculistico non invasivo che fornisce immagini dettagliate della retina. Questo esame è fondamentale per la diagnosi e il monitoraggio di varie malattie oculari, tra cui la maculopatia e...

Vernal keratocongiuntivite – cause, sintomi, evoluzione e terapie

la cherato-congiuntivite Vernal (VKC), quando la congiuntivite non passa La Vernal keratocongiuntivite è una forma infiammatoria piuttosto antipatica che colpisce bambini, e tende a migliorare dopo l'adolescenza. Tendenzialmente cronica, si...

Cheratocono cause e cure

1. Introduzione al cheratocono Il cheratocono è una malattia degenerativa dell’occhio che causa una deformazione progressiva della cornea, la parte anteriore trasparente dell’occhio. Questa condizione può portare a una visione distorta e offuscata,...

campo visivo a cosa serve

Campo visivo Il campo visivo è un esame che si fa in numerose condizioni, dal glaucoma al mal di testa, dai traumi agli insulti vascolari. il Campo visivo a cosa serve e come si esegue Il campo visivo è un esame che serve per valutare la...

Blefarite cronica e calaziosi ricorrente

Blefariti cronica e calaziosi ricorrente Blefarite e calazi sono spesso associate.Blefarite cronica è una blefarite che non passa  e tende e persistere e riacutizzarsi periodicamente, producendo spesso anche calazi. Blefariti e calazi La blefarite...

lenti a contatto e occhio secco

Lenti a contatto e occhio secco Le lenti a contatto si associano spesso ad occhio secco e sensibile.E' possibile usare le lenti a contatto con occhio secco?cosa fare per migliorare l'uso di lenti a contatto con occhio secco? Lente a contatto per...

Sale, ipertensione e occhi

 ALimentazione, dieta ricca di sale e malattie oculari  La visione dell'oculistica multidisciplinare, che trovate descritta QUI,  cerca di considerare l'organismo come unico e non valuta quindi  l'occhio avulso dal resto del corpo. Questa...

Probiotici e occhi: retinopatia diabetica

Questo articolo  fa parte di una serie che riguarda prebiotici, probiotici e occhio, che trovate cliccando qui Probiotici cosa sono I probiotici sono microrganismi viventi non patogeni, che possono portare beneficio all'ospite se somministrati con...

Stress e occhi: disturbi oculari da stress

Stress e occhi Lo stress può influenzare gli occhi oltre che il nostro corpo in molti modi. Perché lo stress danneggia gli occhi: occhi e stress I meccanismi per cui lo stress danneggia gli occhi sono numerosi, impossibile elencarli tutti in questo...

Vedere scuro da un occhio: amaurosi

Vedere Scuro da un Occhio Vedere scuro da un occhio può essere spaventoso e preoccupante. Questo sintomo, noto come visione offuscata o annebbiata, può essere causato da una serie di problemi oculari e di salute generale. In questo articolo,...

 Riferimenti bibliografici

Alcuni concetti sono presi e rielaborati autonomamente da:

Sánchez-Pérez, S .; Comas-Basté, O .; Rabell-González, J .; Veciana-Nogués, MT; Latorre-Moratalla, ML; Vidal-Carou, MC Ammine biogeniche negli alimenti di origine vegetale: sono spesso sottovalutate nelle diete a basso contenuto di istamina? Foods 2018 , 7 , 205. https://doi.org/10.3390/foods7120205

Questo è un articolo ad accesso aperto distribuito sotto la Licenza di attribuzione Creative Commons che consente l’uso, la distribuzione e la riproduzione senza restrizioni con qualsiasi mezzo, a condizione che il lavoro originale sia citato correttamente

Roschek Jr. B, Fink RC, McMichael M, Alberte RS. Nettle extract (Urtica dioica) affects key receptors and enzymes associated with allergic rhinitis. Phytotherapy Research. 2009 May;23(5):920-6. doi: 10.1002/ptr.2763.

Srivastava JK, Shankar E, Gupta S. Chamomile: A herbal medicine of the past with a bright future (Review). Molecular Medicine Reports. 2010 Nov;3(6):895-901. doi: 10.3892/mmr.2010.377.

Bown D. The Encyclopedia of Herbs and Their Uses. New York, NY: DK Publishing; 1995.

Kimmatkar N, Thawani V, Hingorani L, Khiyani R. Efficacy and tolerability of Boswellia serrata extract in treatment of osteoarthritis of knee–a randomized double blind placebo controlled trial. Phytomedicine. 2003 Jan;10(1):3-7. doi: 10.1078/094471103321648593.

Prasad S, Tyagi AK, Aggarwal BB. Recent developments in delivery, bioavailability, absorption and metabolism of curcumin: the golden pigment from golden spice. Cancer Research and Treatment. 2014 Jul;46(1):2-18. doi: 10.4143/crt.2014.46.1.2.

Hosseinzadeh H, Nassiri-Asl M. Avicenna’s (Ibn Sina) the Canon of Medicine and Saffron (Crocus sativus): A Review. Phytotherapy Research. 2013 Mar;27(4):475-83. doi: 10.1002/ptr.4782.

Ti possono interessare anche:
Componenti alimentari che influenzano le congiuntiviti allergiche 
I cosmetici nei soggetti affetti da congiuntiviti allergiche come prodotti per viso – trucchi, creme, shampoo, tinture capelli
allergie crociate tra alimenti e inalanti, che possono anche portare a congiuntiviti allergiche

 

 

 

 

Blefariti, orzaioli e calazi cura e prevenzione

cure di blefariti, orzaioli, calaziosi ricorenti (cosa fare e come curarli) Blefariti e calazi, cura e prevenzione. Alimentazione  e dieta per blefariti.Spesso le blefariti e le blefarocongiuntiviti sono associate a calazi e a malattie della pelle...

Ciclosporina in Vernal e Occhio Secco (dry eye)

La ciclopsorina collirio come terapia nelle Cheratocongiuntiviti Vernal e NELLA SINDROME DA OCCHIO SECCO Il collirio a base di ciclosporina è una ottima soluzione per alcune malattie oculari, come la sindrome da occhio secco, la vernal...

Autosiero (collirio con siero autologo)

L'autosiero contro l'occhio seccosiero autologo e siero eterologo collirio In questo articolo parleremo dell'autosiero (o siero collirio autologo), un derivato del sangue (emocomponente) molto utile per la terapia di alcune condizioni patologiche...

Come prendersi cura dei propri occhi

Come prendersi cura dei propri occhi Gli occhi sono uno dei nostri organi più importanti, ma spesso vengono trascurati nella nostra routine quotidiana.Tuttavia, prenderci cura della salute degli occhi è fondamentale per la nostra visione a lungo...

Occhio che trema: blefarospasmo

Occhio che trema: blerarospasmo A volte i muscoli intorno all'occhio tremano spontaneamente. Cause e rimedi per il blefarospasmo OCchio che trema L'occhio che trema, noto anche come blefarospasmo o fascicolazione palpebrale, è un fenomeno comune...

cosa fare dopo l’intervento di cataratta

 può e cosa non può farechi si opera di cataratta FASE POST-OPERATORIA Dopo l'intervento di catarattacosa posso e cosa devo fare? Dopo l'intervento di cataratta ci sono dei comportamenti da tenere con prescrizioni da conoscere e osservare...

Intervento di cataratta – Domande più frequenti

Cos'è la cataratta L'asportazione della  cataratta è il più frequente intervento in ambito oculistico. Abbiamo quindi pensato di rispondere alle domande inerenti l'intervento di cataratta che ci vengono poste dai pazienti. Altri articoli sulla...

Vedere scuro da un occhio: amaurosi

Vedere Scuro da un Occhio Vedere scuro da un occhio può essere spaventoso e preoccupante. Questo sintomo, noto come visione offuscata o annebbiata, può essere causato da una serie di problemi oculari e di salute generale. In questo articolo,...

Alimentazione e occhio secco: omega 3

occhio secco e dieta mediterranea La dieta e la alimentazione corrette per l'occhio secco.  Gli omega 3 e omega 6 della dieta mediterranea. Alimentazione corretta nell'occhio secco L'occhio secco è una patologia frequente che provoca molti disturbi...

Autosiero collirio con una goccia di sangue?

Sangue come autosiero collirionella malattia  occhio secco (dry eye) Abbiamo già parlato del collirio autosiero, un particolare derivato del sangue che viene utilizzato da anni nelle sindromi dell'occhio secco, nelle erosioni ricorrenti corneali,...

Camomilla per occhi

Collirio camomilla e occhi L'uso della camomilla per gli occhi è stato a lungo considerato un rimedio popolare per alleviare l'irritazione e il rossore. In effetti, alcune ricerche suggeriscono che la camomilla potrebbe avere proprietà...

Vernal keratocongiuntivite – cause, sintomi, evoluzione e terapie

la cherato-congiuntivite Vernal (VKC), quando la congiuntivite non passa La Vernal keratocongiuntivite è una forma infiammatoria piuttosto antipatica che colpisce bambini, e tende a migliorare dopo l'adolescenza. Tendenzialmente cronica, si...

Meglio usare o non usare gli occhiali?

Usare o non usare gli occhiali? Se è meglio usare gli occhiali o no è un argomento che spesso crea confusione tra i pazienti che si rivolgono agli oculisti.Chi non li vuole perché pensano l'occhio si abitui, chi li cerca anche se non ne ha...

4-congiuntiviti da alimenti: istamina e alimenti da evitare

Allergie agli occhi e alimenti- sintomi e cure Le allergie agli occhi, dette congiuntiviti da alimenti, possono avere origine nella alimentazione.L'istamina presente negli alimenti può provocare occhi gonfi, rossi, prurito oculare, blefariti e...

Maculopatia e terapia intravitreale

Maculopatia e terapia intravitreale.La cura per la degenerazione maculare. La degenerazione maculare (maculopatia)  è una malattia che colpisce la macula, la parte centrale della retina responsabile della visione dettagliata. Le terapia...

visita ortottica e traning ortottico

Visita ortottica a cosa serve e come si esegue La valutazione ortottica riveste un ruolo fondamentale nello studio dei muscoli oculari e dell’equilibrio visivo sia nel bambino che nell’adulto. Proprio per questo il si consiglia questo tipo di esame...

Occhi che lacrimano bambini e adulti

Occhi che lacrimano  Quando gli occhi iniziano a lacrimare, può essere un fastidio costante. Le lacrime sono un meccanismo di difesa naturale del nostro corpo per proteggere gli occhi, ma a volte il loro eccesso può causare irritazione, rossore e...

Dott. Alberto Lanfernini – Oculista
Faenza – Ravenna 

Dot. Lanfernini Alberto

Dott.ssa Annalisa Moscariello – Oculista
Ravenna – Faenza 

Dott.ssa Annalisa Moscariello Oculista