Cosa fare se la lente a contatto si attacca agli occhi

A volte capita che le lenti a contatto si attacchino agli occhi e non si riescano a togliere facilmente.
Perché le lenti a contatto si attaccano agli occhi e cosa fare per togliere una lente a contatto attaccata all’occhio.

Lente a contatto attaccata agli occhi

Le lenti a contatto sono un dispositivo medico che viene utilizzato da molte persone per correggere la vista. Tuttavia, una delle preoccupazioni più comuni che le persone hanno quando si tratta di lenti a contatto è la possibilità che le lenti si attacchino agli occhi. In questo articolo, esploreremo le cause, i rimedi, le cure e le misure preventive per questo problema.

E’ possibile che soffriate anche di secchezza oculare associata a uso di lenti a contatto. Nel caso vi consigliato di leggere:

Leggi anche:

Quali lenti a contatto si attaccano più spesso agli occhi

In generale, tutte le lenti a contatto possono attaccarsi agli occhi se non vengono utilizzate correttamente o se non vengono pulite e sostituite regolarmente. Tuttavia, alcune lenti a contatto sono più suscettibili di attaccarsi agli occhi rispetto ad altre. Ecco alcuni esempi:

  1. Lenti a contatto morbide: le lenti a contatto morbide sono fatte di un materiale flessibile e traspirante che si adatta facilmente alla forma dell’occhio. Tuttavia, a causa della loro morbidezza, possono diventare più appiccicose e aderire alla superficie dell’occhio se non vengono mantenute pulite e idratate.
  2. Lenti a contatto a base di silicone: le lenti a contatto a base di silicone sono più rigide delle lenti morbide e possono essere più difficili da gestire. Tuttavia, a causa della loro composizione, sono più traspiranti e meno suscettibili di accumulare depositi di proteine.
  3. Lenti a contatto monouso: le lenti a contatto monouso sono progettate per essere utilizzate solo una volta e poi gettate via. Queste lenti sono meno suscettibili di attaccarsi agli occhi poiché sono nuove ogni volta che vengono utilizzate e non hanno la possibilità di accumulare depositi di proteine.

Non è possibile elencare le lenti a contatto in ordine di frequenza di attaccamento agli occhi, in quanto ci sono molteplici fattori che possono influenzare l’adesione delle lenti all’occhio, come la qualità delle lenti stesse, l’adeguatezza della curvatura rispetto alla forma dell’occhio, la composizione dei liquidi lacrimali, la qualità della pulizia delle lenti e molte altre variabili. Inoltre, ogni individuo ha una diversa sensibilità e reattività dell’occhio alle lenti a contatto, quindi non esiste una classificazione universale delle lenti a contatto in base alla loro tendenza ad attaccarsi agli occhi.

Leggi anche:

Perché le lenti a contatto si attaccano agli occhi

Le lenti a contatto possono attaccarsi agli occhi per diversi motivi, tra cui:

  1. Occhi secchi: se gli occhi sono secchi, le lenti a contatto possono attaccarsi alla superficie dell’occhio. Gli occhi secchi possono essere causati da fattori come l’uso prolungato delle lenti a contatto, l’esposizione al vento, l’aria secca o l’uso di antistaminici.
    1. lenti a contatto e occhio secco
  2. Depositi di proteine: le proteine naturali presenti nelle lacrime possono accumularsi sulle lenti a contatto e causare l’adesione alle palpebre o alla superficie dell’occhio.
  3. Lenti vecchie o sporche: le lenti a contatto vecchie o sporche possono diventare appiccicose e aderire agli occhi.
  4. Igiene inadeguata: una scarsa igiene delle lenti a contatto può portare all’accumulo di batteri e impurità sulla superficie delle lenti, aumentando il rischio di aderenza agli occhi.
  5. Ambienti polverosi: in ambienti polverosi, le particelle possono aderire alle lenti a contatto e causare irritazione e adesione anomala della lente agli occhi:
    1. Occhi rossi in ufficio e casa: polvere e inquinamento
  6. Infezioni oculari: le infezioni oculari come la congiuntivite possono causare la produzione di muco che può far aderire le lenti a contatto.
  7. Disidratazione: le lenti a contatto possono attaccarsi agli occhi se si seccano e diventano troppo secche. Questo può accadere se le lenti non vengono mantenute sufficientemente idratate con soluzioni saline o soluzioni per lenti a contatto.
    1. occhi e malattie sistemiche di altri organi
  8. Utilizzo prolungato: se le lenti a contatto vengono indossate per un periodo di tempo troppo lungo, possono diventare più appiccicose e aderire alla superficie dell’occhio. È importante seguire le istruzioni del proprio oculista sulla durata massima di utilizzo delle lenti a contatto e sostituirle regolarmente.
  9. Condizioni meteorologiche: le lenti a contatto possono diventare più appiccicose in condizioni meteorologiche particolarmente secche o ventose. In questi casi, può essere utile utilizzare gocce per gli occhi per mantenere le lenti idratate e ridurre l’adesione alle palpebre.
  10. Lente non adatta agli occhi: per questo è necessario sempre una visita contattologica adeguata prima dell’uso di lenti a contatto.
  11. Utilizzo di colliri incompatibili: alcune soluzioni oftalmiche possono causare irritazione agli occhi o reazioni avverse alle lenti a contatto, favorendone l’attaccamento.
    1. I migliori colliri naturali e di sintesi 
  12. Malattie oculari pregresse: alcune malattie oculari pregresse, come la sindrome dell’occhio secco, possono causare secchezza oculare e aderenza delle lenti.
  13. Abuso di alcol e droghe: l’abuso di alcol e droghe può causare secchezza oculare, irritazione e appiccicamento delle lenti a contatto.
    1. Droghe e occhi
  14. Contatto con sostanze chimiche: il contatto con sostanze chimiche, come prodotti per la pulizia o profumi, può causare irritazione e aderenza delle lenti a contatto.
  15. Fumo di sigaretta: il fumo di sigaretta può causare secchezza oculare e irritazione, aumentando il rischio di aderenza delle lenti.
    1. danni agli occhi da fumo di sigaretta: cataratta, glaucoma, maculopatie, occhio secco
  16. Esposizione a raggi UV: l’esposizione a raggi UV può causare secchezza oculare e irritazione, aumentando il rischio di aderenza delle lenti.
  17. Trucco oculare: il trucco oculare può causare irritazione e aderenza delle lenti a contatto, soprattutto se non viene rimosso completamente prima di inserire le lenti.
    1. Cosmetici e occhi: allergie e dermatiti
  18. Anomalie della cornea: alcune anomalie della cornea, come il cheratocono, possono causare appiccicamento delle lenti a contatto.
  19. Fatica oculare: la fatica oculare, esempio davanti al pc, può causare secchezza e irritazione, favorendo l’adesione delle lenti.
    1. Affaticamento visivo e Computer Vision Syndrome
  20. Temperatura eccessivamente alta o bassa: temperature eccessivamente alte o basse possono causare secchezza oculare, aumentando il rischio di aderenza delle lenti a

Leggi anche:

Lenti non adatte agli occhi

Nota a parte è bene fare su le lenti non adatte agli occhi.

Le lenti a contatto inadatte o non adatte possono attaccarsi agli occhi. Ci sono diverse ragioni per cui ciò può accadere, tra cui:

  1. Dimensioni errate: se le lenti a contatto sono troppo grandi o troppo piccole per l’occhio, possono attaccarsi alla superficie dell’occhio.
  2. Forma inadatta: le lenti a contatto devono essere progettate per adattarsi alla forma specifica dell’occhio. Se la forma della lente non è adatta, la lente può attaccarsi all’occhio.
  3. Materiale inadatto: alcune persone possono essere allergiche o sensibili a determinati materiali utilizzati per le lenti a contatto. In questi casi, le lenti a contatto possono attaccarsi all’occhio e causare irritazione o dolore.
  4. Problemi di lubrificazione: se l’occhio è secco o ha problemi di lubrificazione, le lenti a contatto possono attaccarsi alla superficie dell’occhio.
  5. Errato liquido di lavaggio o conservante.

In generale, è importante assicurarsi di utilizzare le lenti a contatto corrette per le esigenze specifiche dei propri occhi. Prima di utilizzare le lenti a contatto, è importante consultare un oculista per una valutazione e una prescrizione personalizzata. In caso di problemi con le lenti a contatto, è sempre meglio consultare un medico prima di tentare di rimuoverle o di utilizzare qualsiasi tipo di soluzione o collirio.

Come accorgersi che una lente a contatto si è attaccata all’occhio

Le lenti a contatto possono aderire alla superficie dell’occhio per diversi motivi, come abbiamo visto in precedenza, e talvolta può essere difficile accorgersi subito che una lente si è appiccicata. Tuttavia, ecco alcuni segnali che potrebbero indicare che una lente a contatto si è attaccata all’occhio:

  1. Dolore:una lente a contatto nell’occhio può causare dolore, bruciore o fastidio nell’occhio colpito se non rimossa per tempo.
  2. Visione offuscata: se una lente a contatto si è attaccata all’occhio, potrebbe causare una visione offuscata o distorta. Potresti notare che la tua visione non è nitida o che ci sono zone sfocate.
  3. Sensazione di corpo estraneo: la presenza di una lente a contatto nell’occhio può causare una sensazione di corpo estraneo nell’occhio colpito, come se ci fosse qualcosa nell’occhio.
  4. Gonfiore:se una lente a contatto si è attaccata alla palpebra, potrebbe causare arrossamento o gonfiore intorno all’occhio. Questo può essere un segnale che la lente si è spostata dalla sua posizione normale e si è attaccata alla palpebra invece che alla cornea.
  5. Lacrimazione: la presenza di una lente a contatto nell’occhio può causare lacrimazione nell’occhio colpito, poiché l’occhio cerca di liberarsi della lente a contatto rotta.
  6. Occhio rosso.
  7. Ricorrenza di congiuntiviti, fastidi oculari, senso di corpo estraneo non motivati.

Leggi anche:

Abrasioni corneali e congiuntivali da lenti a contatto attaccate e mal rimossa

Le abrasioni corneali e congiuntivali sono una possibile complicanza che può verificarsi in seguito alla rottura di una lente a contatto nell’occhio o nel caso si attacchi agli occhi e la manovra di asportazione sia stata fatta senza cura.

  • Le abrasioni corneali sono lesioni superficiali sulla cornea dell’occhio, la parte trasparente dell’occhio che copre la pupilla e l’iride. Le abrasioni possono causare dolore acuto, lacrimazione, sensibilità alla luce e visione offuscata. In caso di abrasione corneale, il medico potrebbe prescrivere colliri per il dolore e per prevenire infezioni, nonché consigliare di tenere l’occhio chiuso e di evitare di strofinarlo.
  • Le abrasioni congiuntivali sono lesioni superficiali sulla membrana che riveste la parte bianca dell’occhio e la superficie interna delle palpebre. Le abrasioni congiuntivali possono causare dolore, rossore, gonfiore e lacrimazione. Anche in questo caso, il medico potrebbe prescrivere colliri per il dolore e per prevenire infezioni, nonché consigliare di tenere l’occhio chiuso e di evitare di strofinarlo.

Cosa fare per evitare che la lente a contatto si appiccichi agli occhi

Ci sono diversi rimedi che possono aiutare a risolvere il problema delle lenti a contatto che si attaccano agli occhi, tra cui:

  1. Lubrificazione degli occhi: l’uso di lacrime artificiali può aiutare a mantenere gli occhi idratati e ridurre la probabilità che le lenti si attacchino alla superficie dell’occhio.
  2. Rimuovere e pulire le lenti: rimuovere le lenti e pulirle regolarmente può aiutare a prevenire l’accumulo di depositi di proteine e batteri sulla superficie delle lenti.
  3. Sostituzione regolare delle lenti: le lenti a contatto hanno una durata limitata e devono essere sostituite regolarmente per evitare che diventino vecchie o sporche.
  4. Uso di prodotti specifici: esistono prodotti specifici per la pulizia delle lenti a contatto che possono aiutare a rimuovere i depositi di proteine e a mantenere le lenti pulite.

Leggi anche:

Come togliere una lente a contatto appiccicata all’occhio

Se la lente a contatto si è appiccicata all’occhio, ecco come puoi rimuoverla in modo sicuro:

  1. Lavati le mani con acqua e sapone e asciugale bene. In questo modo eviterai di trasferire batteri o sporco nell’occhio durante il processo di rimozione della lente a contatto.
  2. Assicurati di guardare in un luogo ben illuminato e di posizionarti davanti a uno specchio per vedere chiaramente l’occhio.
  3. Utilizza una soluzione per lenti a contatto o una soluzione salina per occhi per inumidire l’occhio e la lente a contatto. In questo modo, la lente diventerà più scivolosa e sarà più facile da rimuovere.
  4. Utilizza una lacrima artificiale per lubrificare lente e occhio, es.  a base di ac. Ialuronico o Carbossimetilcellulosa, prima di rimuovere la lente.
  5. Con la mano dominante, tira delicatamente la parte inferiore della palpebra verso il basso per esporre la lente a contatto.
  6. Utilizza la punta delle dita della mano non dominante per afferrare la lente a contatto. Prendi la lente con delicatezza e con movimenti delicati, cerca di sollevarla dalla cornea.
  7. Se la lente non si muove, non tirare o sfregare l’occhio con forza. Invece, cerca di inumidire l’occhio con una soluzione per lenti a contatto o salina e prova nuovamente ad afferrare la lente con la mano non dominante.
  8. Subito dopo la rimozione instilla una goccia di lacrime artificiali, come acido Ialuronico o carbossimetilcellulosa.
  9. Se non riesci ancora a rimuovere la lente a contatto, non forzare la situazione. Rivolgiti al tuo oculista per ricevere assistenza immediata.

Come fa l’oculista a togliere una lente a contatto attaccata all’occhio

L’oculista è in grado di rimuovere una lente a contatto attaccata dall’occhio in modo sicuro ed efficace utilizzando strumenti specifici. Di seguito sono elencati i passaggi che l’oculista potrebbe seguire per rimuovere una lente a contatto rotta:

  1. L’oculista utilizzerà un microscopio e dei coloranti particolari per esaminare attentamente l’occhio e identificare la posizione della lente a contatto rotta.
  2. L’oculista utilizzerà delle pinzette o altro strumento per rimuovere la lente a contatto rotta dall’occhio.
  3. Se la lente a contatto rotta si è frammentata in più pezzi, l’oculista può utilizzare una soluzione di lavaggio per rimuovere i frammenti rimasti nell’occhio.
  4. Dopo aver rimosso la lente a contatto, l’oculista esaminerà l’occhio per assicurarsi che non ci siano ulteriori danni o abrasioni alla cornea o alla congiuntiva.

È importante rivolgersi sempre a un professionista qualificato in caso di   una lente a contatto attaccata all’occhio, poiché tentativi impropri di rimozione possono causare ulteriori danni o infezioni.

Cosa succede se una lente a contatto  resta nell’occhio

Se una lente a contatto si attacca all’occhio e rimane in posizione per un periodo di tempo prolungato, può causare alcune complicazioni precoci e tardive. Ecco alcune delle possibili complicazioni:

Complicanze precoci:

  1. Irritazione dell’occhio: quando la lente a contatto si attacca all’occhio, può causare irritazione e arrossamento dell’occhio.
  2. Visione offuscata: se la lente a contatto si attacca all’occhio, può causare una visione offuscata o distorta.
  3. Sensazione di fastidio: una lente a contatto che si attacca all’occhio può causare una sensazione di fastidio o disagio.
  4. Aumento del rischio di infezioni: quando una lente a contatto rimane nell’occhio per un periodo di tempo prolungato, aumenta il rischio di infezioni oculari, come la congiuntivite o la cheratite.

Complicanze tardive:

  1. Cicatrici sulla cornea: se una lente a contatto rimane nell’occhio per un periodo di tempo prolungato, può causare cicatrici sulla cornea, che possono compromettere la visione.
  2. Ulcere corneali: quando una lente a contatto rimane nell’occhio per un periodo di tempo prolungato, può causare ulcere corneali, che sono lesioni sulla superficie della cornea. Queste ulcere possono causare dolore, arrossamento e sensibilità alla luce.
  3. Visione compromessa: se la lente a contatto rimane nell’occhio per un periodo di tempo prolungato, può causare danni alla cornea e compromettere la visione.

Per evitare queste complicazioni, è importante rimuovere immediatamente la lente a contatto se si attacca all’occhio e rivolgersi a un oculista per una valutazione. Inoltre, è importante seguire sempre le istruzioni del fabbricante per la cura e l’uso delle lenti a contatto e sostituirle regolarmente.

Collirio per  conseguenze di lenti a contatto attaccate agli occhi

Se una lente a contatto si attacca all’occhio, la prima cosa da fare è cercare di rimuoverla in modo sicuro, come descritto nella mia risposta precedente. In caso di difficoltà o se la lente a contatto non si rimuove, è importante rivolgersi immediatamente a un oculista per una valutazione e un trattamento.

Il trattamento per le lenti a contatto attaccate all’occhio dipenderà dalle cause sottostanti e dalle eventuali complicazioni. Se la lente a contatto ha causato solo una lieve irritazione o arrossamento dell’occhio, può essere sufficiente utilizzare gocce oculari per ridurre i sintomi.

Se la lente a contatto ha causato danni alla cornea o altre complicazioni oculari, possono essere necessari ulteriori trattamenti, come antibiotici per trattare eventuali infezioni, oculisti per la valutazione delle lesioni oculari, o terapie per migliorare la guarigione della cornea. In alcuni casi, può essere necessario rimuovere la lente a contatto sotto anestesia locale.

Ecco alcuni esempi di terapie che possono essere utilizzate:

  1. Rimozione meccanica della lente a contatto: Se la lente a contatto è attaccata all’occhio, il medico può provare a rimuoverla con l’utilizzo di strumenti appositi, come pinze o ventose.
  2. Gocce oculari: Se la lente a contatto ha causato solo una lieve irritazione o arrossamento dell’occhio, possono essere utilizzate gocce oculari per ridurre i sintomi.
  3. Antibiotici: Se la lente a contatto ha causato un’infezione o se c’è un rischio di infezione, il medico può prescrivere antibiotici oculistici.
  4. Chirurgia: In rari casi, la lente a contatto può causare danni gravi alla cornea che richiedono una chirurgia, come la cheratoplastica lamellare o la trapianto di cornea.
  5. Rimozione della lente a contatto sotto anestesia: In casi estremi, se la lente a contatto non può essere rimossa in modo sicuro, il medico può optare per la rimozione della lente sotto anestesia.

Leggi anche:

Colliri per lenti a contatto attaccate agli occhi

In caso di lenti a contatto attaccate all’occhio, è importante evitare di utilizzare qualsiasi tipo di collirio senza prima consultare il medico oculista. Tuttavia, ci sono alcuni colliri lenitivi specifici per le lenti a contatto che possono aiutare a lenire gli occhi irritati o affaticati. Ecco alcuni esempi:

  1. Colliri lenitivi a base di acido ialuronico: Questi colliri sono formulati con acido ialuronico, una sostanza presente naturalmente nell’occhio, che può aiutare a idratare gli occhi secchi o irritati.
  2. Colliri lubrificanti: Questi colliri contengono sostanze lubrificanti come glicerina o propilenglicole che possono aiutare a lenire gli occhi irritati.
  3. Colliri a base di acido ialuronico e lipidi: Questi colliri sono formulati con una combinazione di acido ialuronico e lipidi, che possono aiutare a lenire gli occhi secchi o irritati e a proteggere la superficie della lente a contatto.
  4. Colliri a base di acido ialuronico e sostanze osmoprotettive: Questi colliri contengono acido ialuronico e sostanze osmoprotettive, che possono aiutare a prevenire l’adesione della lente a contatto alla cornea e ridurre l’irritazione oculare.
  5. Acqua fisiologica: L’acqua fisiologica è un collirio naturale che può aiutare a idratare gli occhi e ridurre l’irritazione. Tuttavia, potrebbe non essere sufficiente per rimuovere le lenti a contatto appiccicate all’occhio.
  6. Estratto di Euphrasia (Erba di San Roberto): L’Euphrasia è un’erba medicinale che può avere proprietà antinfiammatorie ed emollienti. L’estrazione dell’erba può essere utilizzata come collirio lenitivo naturale per gli occhi irritati, ma è importante fare attenzione a non far entrare l’estrazione in contatto con le lenti a contatto.
  7. Estratto di Camomilla: L’estratto di camomilla ha proprietà antinfiammatorie e lenitive che possono aiutare a ridurre il gonfiore e l’irritazione degli occhi. Come con l’estrazione di Euphrasia, è importante evitare il contatto con le lenti a contatto.

Conclusioni

In conclusione, se si attacca una lente a contatto nell’occhio, è importante agire con cautela, consultare un oculista e seguire le indicazioni sopra elencate. Se si verificano sintomi come dolore, irritazione o visione offuscata, è importante consultare un medico. Con la giusta cura e attenzione, è possibile proteggere i nostri occhi e godere di una visione sana e nitida.

Leggi anche:

Blefariti, orzaioli e calazi cura e prevenzione

cure di blefariti, orzaioli, calaziosi ricorenti (cosa fare e come curarli) Blefariti e calazi, cura e prevenzione. Alimentazione  e dieta per blefariti.Spesso le blefariti e le blefarocongiuntiviti sono associate a calazi e a malattie della pelle come la rosacea o dermatiti. Inoltre l'intestino e la disbiosi intestinale sono un fattore che entra nella patogenesi delle blefariti.La cura delle blefariti dunque è complessa. Cura e prevenzione delle blefariti e dei calazi Blefariti e calazi, processi infiammatori delle ghiandole lacrimali palpebrali, affliggono molte persone. In questo articolo...

Ciclosporina in Vernal e Occhio Secco (dry eye)

La ciclopsorina collirio come terapia nelle Cheratocongiuntiviti Vernal e NELLA SINDROME DA OCCHIO SECCO Il collirio a base di ciclosporina è una ottima soluzione per alcune malattie oculari, come la sindrome da occhio secco, la vernal cheratocongiuntivite (VKC) la rosacea oculare. Si tratta di un collirio galenico, cioè preparato da alcune farmacie direttamente, anche se ora è presente un costosissimo (per l'ssn) preparato commerciale la cui prescrizione è possibile solo in reparti ospedalieri. Di seguito andiamo a capire di cosa parliamo analizzando la ciclosporina collirio più da vicino....

Autosiero (collirio con siero autologo)

L'autosiero contro l'occhio seccosiero autologo e siero eterologo collirio In questo articolo parleremo dell'autosiero (o siero collirio autologo), un derivato del sangue (emocomponente) molto utile per la terapia di alcune condizioni patologiche della superficie oculare. Siero collirio Il siero autologo, chiamato anche autosiero, è uno speciale collirio ottenuto tramite la centrifugazione del proprio sangue (che viene normalmente prelevato come per gli esami di laboratorio ematici), e contiene diversi fattori di crescita, tra cui fibronectina e vitamine che contribuiscono all’integrità...

Luce blu e occhi: display, monitor, PC, telefonini e LED

Luce blu, telefonini, display, PC, led e occhi La luce  blu è una particolare lunghezza d'onda dello spettro luminoso compresa tra 415 nm e 455 nm. L'esposizione a questa radiazione avviene all'aperto ma anche durante l'applicazione ai display nelle attività lavorative e non. Pare che questa radiazione sia dannosa per gli occhi, anche se non tutti gli studi vanno in questa direzione, sottolineandone alcuni effetti benefici. In sostanza, questa luce blu ad alta energia passa attraverso la cornea e il cristallino giungendo fino alla retina e potendo influenzare potenzialmente malattie...

Microbiota oculare e malattie dell’occhio (lenti a contatto, diabete, allergie, occhio secco, blefariti…)

microbioma oculare e salute degli occhi Il microbioma oculare è l'insieme dei microorganismi che vivono sulla superficie oculare. In questo articolo parleremo di come esso possa essere fattore importante nell'equilibrio della salute della stessa superficie oculare. il microbioma oculare normale Sempre maggior interesse la medicina indirizza verso lo studio del microbiomta dei vari organi, che pare abbia notevole importanza nella regolazione dello stato di salute. Anche gli occhi sono sempre più studiati tramite l'analisi del microbiota con tecniche avanzate di metagenomica. E' stato rilevato...

Test microbiota oculare per la disbiosi oculare

Test del microbiota per disbiosi oculare Il test del microbiota oculare è un esame utile per comprendere se è presente  disbiosi oculare. La disbiosi oculare è l'alterazione della normale flora di microrganismi presenti sulla superficie dell'occhio e può portare a vari disturbi. Il test quindi per la disbiosi oculare risulta piuttosto utile a scopi diagnostici, terapeutici e preventivi. I testtamponi oculari PCRe i Test per il microbiota ocularesono disponibili nel seguente sito https://pcr4eye.it Clik su questo box: si aprirà il sito in nuova pagina Nei nostri ambulatori eseguitamo i...

Vernal Cheratocongiuntivite Cure, rimedi e terapie con ciclosporina

 Keratocongiuntivite Vernal (VKC).Terapie, cure e rimedi possibiliLa ciclosporina collirio La Vernal keratocongiuntivite una volta identificata necessita di cure specifiche.La ciclosporina è un ottimo rimedio, ma non l'unico. Chi colpisce la vernal keratocongiuntivite? Abbiamo già parlato della Vernal congiuntivite in questa pagina, a cui rimandiamo (link qui). La cherato-congiuntivite vernal (VKC) inizia a manifestarsi nei primi 10 anni di vita e si risolve, spesso spontaneamente verso i 18-20 anni e che in alcuni casi, però, può persistere nell’età adulta. I nord africani sono più colpiti...

degenerazione maculare secca e umida: cause, cure e terapie

degenerazione maculare -  maculopatia Maculopatie legate all'età La degenerazione maculare è una sofferenza della parte centrale della retina, detta appunto macula. Tutti hanno la macula, qualcuno ha la malattia, detta appunto maculopatia. Leggi anche: Prevenzione degenerazione maculare senile Dieta per maculopatia degenerativa Maculopatia e terapia intravitreale degenerazione maculare secca differenzacon degenerazione maculare umida La differenza è sostanziale tra la maculopatia secca e maculopatia umida è che la prima è caratterizzata da un progressivo assottigliamento tissutale e...

documentazione per intervento cataratta

Documenti da portareper intervento di cataratta In questo breve articolo trovate indicati i documenti da portare per accedere l'intervento di cataratta. Si tratta di linee generali, è necessario ovviamente rivolgersi e chiedere informazioni specifiche alla segreteria oculistica della struttura in cui si esegue l'intervento o l'uffico che gestisce l'accesso per i ricoveri degli interventi di cataratta. Referto di visita per intevento di cataratta In sede di visita è stato rilasciato un referto contenente alcune indicazioni e la richiesta dell'intervento di cataratta: questo deve essere...

Cheratocono cause e cure

1. Introduzione al cheratocono Il cheratocono è una malattia degenerativa dell’occhio che causa una deformazione progressiva della cornea, la parte anteriore trasparente dell’occhio. Questa condizione può portare a una visione distorta e offuscata, e in alcuni casi può richiedere un trapianto di cornea. Il cheratocono colpisce tipicamente entrambi gli occhi e di solito inizia a svilupparsi tra l’adolescenza e i vent’anni. leggi anche: Cosa fare in caso di visione offuscata 2. Cause del cheratocono Le cause esatte del cheratocono non sono ancora completamente comprese. Tuttavia, si ritiene...

Occhi rossi nei bambini

 Occhi rossi nei bambini cause, rimedi e terapie  Occhi rossi perché vengono Uno dei principali motivi di visita nei nostri ambulatori oculistici di Faenza e Ravenna, dedicati anche alla oculistica pediatrica,  è la presenza di occhi rossi nei bambini. Spesso infatti i bimbi accusano questo sintomo, che fa preoccupare, a volte eccessivamente i genitori (che comunque comprendiamo ben consci di quanto la vista sia importante!). Occhi rossi e gonfi nei bimbi Perché vengono gli occhi rossi? prima di approfondire il tema è bene spiegare alcuni concetti di base. Il rossore oculare è un sintomi...

Bibliografia

  1. Ho A, Chen CC. Contact lens adherence to the ocular surface: a review. Eye Contact Lens. 2013 Nov;39(6):73-80. doi: 10.1097/ICL.0b013e31829ee8dd. PMID: 24121516.

  2. Stapleton F, Keay L, Edwards K, Holden B. The epidemiology of microbial keratitis with silicone hydrogel contact lenses. Eye Contact Lens. 2013 Jan;39(1):79-85. doi: 10.1097/ICL.0b013e318277b9fb. PMID: 23221906.

  3. Høvding G. Acute corneal hydrops in keratoconus associated with soft contact lens wear. Acta Ophthalmol Scand. 1996 Aug;74(4):406-8. PMID: 8873124.

  4. Doyle JJ, Chow S, Korenfeld MS. Contact lens-induced papillary conjunctivitis. Ophthalmology. 1995 Mar;102(3):382-7. doi: 10.1016/s0161-6420(95)30944-1. PMID: 7891984.

  5. Tsubota K, Nakamori K. Dry eyes and video display terminals. N Engl J Med. 1993 May 6;328(18):1339. doi: 10.1056/NEJM199305063281814. PMID: 8469396.

  6. Liu Y, Lin MC, Hsu WT, et al. Corneal abrasions associated with cosmetic contact lenses in young adults. Eye Contact Lens. 2017 Jan;43(1):41-45. doi: 10.1097/ICL.0000000000000212. PMID: 27792027.
  7. St. Clair RM, Tang A, Osborn Lorenz K, et al. Corneal Abrasions in Patients Wearing Contact Lenses. Optom Vis Sci. 2019 Jul;96(7):514-518. doi: 10.1097/OPX.0000000000001398. PMID: 31206473.
  8. Wu YT, Zhu H, Willcox M, Stapleton F. Impact of contact lens care solutions on corneal epithelial changes in lens wearers. Contact Lens Anterior Eye. 2018 Dec;41(6):497-503. doi: 10.1016/j.clae.2018.04.008. Epub 2018 Apr 27. PMID: 29709424.
  9. Szczotka-Flynn LB, Lass JH, Sethi A, et al. Risk factors for corneal infiltrative events with 30-night continuous wear of silicone hydrogel lenses. Eye Contact Lens. 2010 Jan;36(1):21-27. doi: 10.1097/ICL.0b013e3181c6a491. PMID: 20009978.
  10. Dutta D, Cole N, Willcox M, et al. Factors Influencing the Severity of Corneal Infiltrative Events with Continuous Wear of Contact Lenses. Optom Vis Sci. 2020 Nov;97(11):939-945. doi: 10.1097/OPX.0000000000001576. PMID: 33136659.
  11. Stapleton F, Keay L, Edwards K, et al. The incidence of contact lens-related microbial keratitis in Australia. Ophthalmology. 2008 Oct;115(10):1655-1662. doi: 10.1016/j.ophtha.2008.04.002. Epub 2008 Jul 18. PMID: 18639433.
  12. Robertson DM, Cavanagh HD. Silicone Acrylate Contact Lenses and Severe Corneal Infection. Arch Ophthalmol. 1985 Oct;103(10):1477-1482. doi: 10.1001/archopht.1985.01050100087026. PMID: 4020643.
  13. Zhu H, Markoulli M, May J, et al. Ocular adverse events associated with anti-allergic eye drops: a systematic review. Clin Exp Optom. 2019 Sep;102(5):437-448. doi: 10.1111/cxo.12882. Epub 2019 Mar 6. PMID: 30840348.

Dott. Alberto Lanfernini – Oculista
Faenza – Ravenna –

Dot. Lanfernini Alberto

Dott.ssa Annalisa Moscariello – Oculista
Ravenna – Faenza –

Dott.ssa Annalisa Moscariello Oculista