Cosa può e cosa non può fare
chi si opera di cataratta

FASE POST-OPERATORIA

Dopo l’intervento di cataratta
cosa posso e cosa devo fare?

Dopo l’intervento di cataratta ci sono dei comportamenti da tenere con prescrizioni da conoscere e osservare attentamente per non comprometterne l’esito. Ovviamente tutti i consigli sono consegnati dal personale della struttura in cui si esegue l’intervento e possono differire lievemente da quanto scritto sotto (i consigli del chirurgo hanno la precedenza!). Abbiamo pensato, però, che fosse utile riportare delle indicazioni generiche da consultare sempre, in modo da avere chiari i comportamenti da tenere nei giorni dopo l’intervento di cataratta. In altra pagina abbiamo risposto direttamente alle domande più comuni dei pazienti sull’operazione di cataratta (qui).
Ecco, quindi, sinteticamente, quello che bisogna fare e non fare dopo l’intervento di cataratta sinteticamente

  • IL NEMICO NUMERO UNO SONO LE INFEZIONI; IL NUMERO DUE E’ LO SPOSTAMENTO DEL CRISTALLINO!
  • è necessario evitare gli sforzi;
  • si può leggere e guardare la tv;
  • essenziale proteggere l’occhio da polvere e ambienti sporchi, per protezione infezioni;
  • avere pazienza perché il recupero visivo richiede qualche settimana (l’intervento non è una vacanza!), ci vuole tempo per la stabilizzazione;
  • i colori potranno essere diversi nell’occhio operato rispetto all’altro;
  • un po’ di fastidio e senso di corpo estraneo sono normali e non compromettono il recupero visivo.

quando posso tornare alla mia vita quotidiana dopo intervento di cataratta?

 1) E’ assolutamente vietato strofinare l’occhio per il primo mese.   

 

2) Per la prima settimana dopo intervento di cataratta non compiere sforzi fisici eccessivi. 

3) Fin dal primo giorno dopo l’intervento è permesso leggere, scrivere, guardare la televisione ecc.: anche l’occhio operato può essere usato ma la visione è spesso ancora annebbiata.

doccia bagno e parrucchiere dopo l’intervento di cataratta

4) La doccia o il bagno possono essere fatti fin dal primo giorno dopo l’intervento, proteggendo l’occhio operato.

5) Per andare dal parrucchiere e per lavarsi i capelli attendere che siano trascorsi almeno 2-3 giorni dall’operazione.

6) La barba può essere fatta fin dal primo giorno.

bendaggio conchiglia e occhiali dopo intervento di cataratta

7) Uno o due giorni dopo l’intervento il bendaggio può essere sostituito con un paio di occhiali affumicati che hanno lo scopo di riparare l’occhio dalla luce, dall’aria, dalla polvere e soprattutto da eventuali traumi: gli occhiali da sole vanno tenuti durante tutta la giornata.

8) Durante la notte proteggere l’occhio con la conchiglia che viene consegnata: la conchiglia va tenuta in sede con due cerotti per 2 settimane.

come metter colliri e eseguire terapie dopo intervento di cataratta  

 

9) Se sono state  prescritte compresse o iniezioni si consiglia di cominciare la cura fin dal primo giorno dopo l’intervento: non sospendere mai le medicine, colliri, o pomate, a meno che sia il vostro medico a dirlo.  

10) Il familiare che applica le pomate e i colliri si lavi accuratamente le mani prima della medicazione.

11) I colliri o la pomata vanno applicati nella parte interna della palpebra inferiore; per fare ciò abbassare con delicatezza la palpebra con un dito e applicare dentro 1-2 gocce di collirio ( mezzo centimetro di pomata ); attenzione a non esercitare pressioni sull’occhio appena operato. Quando i colliri o le pomate sono più di uno applicarli uno di seguito all’altro; se sono stati prescritti colliri e pomate insieme, applicare prima i colliri.

12) Le palpebre dell’occhio operato possono essere pulite con una garza sterile senza esercitare pressioni sull’occhio operato; il paziente può lavarsi regolarmente il viso ma senza strofinare l’occhio operato.

cosa vedo dopo l’intervento di cataratta
e quando posso comprare nuovi occhiali

13) I colori nell’occhio operato sono inizialmente percepiti in maniera diversa.

14) Durante i primi giorni successivi l’intervento la visione dell’occhio operato non sarà limpida; occorrerà attendere qualche decina di giorni perché raggiunga livelli migliori; la guarigione completa avviene di norma entro due mesi. 

15) La prescrizione definitiva dell’occhiale per l’occhio operato verrà fatta verso la fine del secondo mese successivo l’intervento (qui specifichiamo il discorso occhiali dopo intervento di cataratta- link)

16) Al mare od in montagna o comunque quando la luce solare è molto intensa usare occhiali protettivi   colorati con filtro per i raggi ultravioletti perché l’occhio operato è sensibile alla luce violenta.

può tornare la cataratta una volta operata?

16bis) Dopo qualche mese od anno dall’intervento talvolta si forma una piccola opacità dove prima c’era la cataratta; non c’è da preoccuparsi, però in tal caso è necessario fare una applicazione laser. E’ uno speciale raggio di luce che rimuove l’opacità in maniera indolore, senza anestesia, senza ricovero, in pochi secondi.

chi devo contattare in caso di dubbi

18) In caso di dubbi sulle modalità di eseguire la terapia o sull’andamento del decorso postoperatorio, contattare l’oculista che ha eseguito l’intervento.

Bruciore e dolore dopo l’intervento di cataratta?

Fastidi modesti dopo l’intervento di cataratta sono comprensibili. Se il vostro oculista ai controlli ha detto che  è tutto a posto, fidatevi! A volte possono rimanere fastidi dopo intervento di cataratta, come occhio rosso, occhio che brucia, occhio secco o eccessivamente lacrimoso, o senso di corpo estraneo. Si tratta di disturbi post operatori che vanno via nel giro di qualche mese il più delle volte. Parlatene comunque alle visite di controlli, così da concordare una terapia antiinfiammatoria locale. Di questo tema, cioè di come affrontare i disturbi dopo l’intervento di cataratta, ne abbiamo perlato a lungo in questa pagina (link).

Blefariti, orzaioli e calazi cura e prevenzione

Rimedi per blefariti, orzaiolo, calaziosi Cura e prevenzione Blefariti e calazi, processi infiammatori delle ghiandole lacrimali palpebrali, affliggono molte persone. In questo articolo parleremo di blefariti, calazi, e delle loro cause, analizzando i motivi della loro frequente comparsa partendo...

Ciclosporina in Vernal e Occhio Secco (dry eye)

La ciclopsorina collirio come terapia nelle Cheratocongiuntiviti Vernal e NELLA SINDROME DA OCCHIO SECCO Il collirio a base di ciclosporina è una ottima soluzione per alcune malattie oculari, come la sindrome da occhio secco e la vernal cheratocongiuntivite (VKC). Si tratta di un collirio...

Autosiero (collirio con siero autologo)

L'autosiero contro l'occhio seccosiero autologo e siero eterologo collirio   In questo articolo parleremo dell'autosiero (o siero collirio autologo), un derivato del sangue (emocomponente) molto utile per la terapia di alcune condizioni patologiche della superficie oculare.Il siero autologo,...

Traumi agli occhi (lesioni da petardi)

Come sempre in questo periodo le raccomandazioni inerenti l'uso dei petardi e botti non sono mai abbastanza! traumi agli occhi da petardi Come di consueto raccomandiamo l'uso con massima cautela di botti e petardi. Le parti più esposte a lesioni sono mani e viso, in particolare gli occhi. I traumi...

Curcuma nelle malattie dell’occhio

I composti botanici: effetti sulle malattie oculari Proseguono i nostri approfondimenti sugli effetti dell'alimentazione nelle patologie oculari come cataratta, diabete, congiuntiviti, blefariti, occhio secco. In questo breve articolo (che traiamo da un lavoro riportato in calce, non a scopi...

Probiotici e occhi. Rimedio naturale per malattie oculari

Questo articolo  fa parte di una serie che riguarda prebiotici, probiotici e occhio, che trovate cliccando qui Probiotici e malattie degli occhi probiotici nella congiuntivite allergica I probiotici, cioè i batteri "buoni" che fanno parte del microbiota intestinale, possono essere assunti per...

Resveratrolo, vino, cacao, pistacchi e occhi

Resveratrolo, polifenoli, vino e cacao Proseguono i nostri articoli per la sezione botanica, elementi naturali, vitamine e occhi.  Oggi scriveremo del Resveratrolo. Molte sostanze naturali, come detto, hanno potenti azioni antinfiammatorie e antiossidanti, che potrebbero essere utili se assunte e...

Occhio pigro, ambliopia, e le visite oculistiche pediatriche per i bimbi sotto i 6 anni

visita oculistica prima dei 6 anni per tutti i bambini, anche quelli che non mostrano disturbi     Lo sviluppo degli occhi e la fase di plasticità si concludono entro i 6 anni di età. Per questo motivo è fondamentale sottoporre i bambini alle visite oculistiche già dai primi anni di vita...

Sale, ipertensione e malattie degli occhi

 ALimentazione, dieta ricca di sale e malattie oculari  La visione dell'oculistica multidisciplinare, che trovate descritta QUI,  cerca di considerare l'organismo come unico e non valuta quindi  l'occhio avulso dal resto del corpo. Questa impostazione, ovviamente, non  può prescindere anche da ciò...

Dieta priva di istamina per congiuntiviti allergiche alimentari

Allergie agli occhi e alimenti- sintomi e cure Prima di leggere questo articolo che parla di allergie, occhi e legame con gli alimenti, consigliamo la lettura della pagina relativa all'inquadramento generale delle allergie oculari, che trovate in questo link. L'importanza della dieta corretta per...

documentazione per intervento cataratta

Documenti da portareper intervento di cataratta In questo breve articolo trovate indicati i documenti da portare per accedere l'intervento di cataratta. Si tratta di linee generali, è necessario ovviamente rivolgersi e chiedere informazioni specifiche alla segreteria oculistica della struttura in...

2- allergie occhi e intolleranze. Alimenti da evitare

ALlergie oculari e intolleranze alimentarialimenti da evitare nelle congiuntiviti allergiche Forse non tutti sanno che le reazioni avverse agli alimenti possono dare quadri di infiammazione oculare. Queste reazioni  che possono essere tossiche, allergiche, e da intolleranze si manifestano, con...

Metabolomica occhio secco: generalità

Metabolomica dell'occhio secco La superficie oculare, un'interfaccia tra l'occhio e l'ambiente, è costituita dalla cornea, dalla congiuntiva bulbare e palpebrale e dalle ghiandole lacrimali e di Meibomio. L'unità funzionale lacrimale, responsabile della secrezione lacrimale acquosa, è composta...

Perchè la disbiosi porta a malattie degli occhi

Microbiota intestinale e occhi Come avrete visto uno dei pilastri del nostro vedere la medicina e l'oftalmologia è la visione che pone al centro lo stile di vita e l'alimentazione. Le sezioni infatti importanti di questo sito, che si propone una informazione oftalmologica multidisciplinare e...

Ginseng per occhi

Proprietà del Ginseng e effetti sulle malattie oculari Continuiamo qui la nostra carrellata su botanica, elementi naturali e occhi. Oggi, dunque, parliamo del Ginseng e delle sue proprietà benefiche per gli occhi. Questo articolo trae spunto da un lavoro  riportato in calce, e non ha fini...

OCT il raggio laser per le maculopatie

OCT il raggio laser che in pochi secondi fa diagnosi di maculopatie L'esame OCT è un esame che permette di visualizzarela retina con i suoi strati profondie il nervo ottico   L'oct è una esame la cui sigla significa tomografia a coerenza ottica. Negli ultimi anni si è imposto come pilastro...

Occhio secco da disfunzione ghiandole meibomio

Occhio secco e disfunzione ghiandole di Meibomio L'occhio secco è una alterazione cronica della superficie oculare e risulta essere una condizione patologica frequente che colpisce milioni di persone. Si tratta fondamentalmente di una congiuntivite cronica che autoalimenta un deficit lacrimale,...

Probiotici e occhi: retinopatia diabetica

Questo articolo  fa parte di una serie che riguarda prebiotici, probiotici e occhio, che trovate cliccando qui Probiotici cosa sono I probiotici sono microrganismi viventi non patogeni, che possono portare beneficio all'ospite se somministrati con continuità. Generalmente, le specie probiotiche...

Intolleranza da lenti a contatto

Intolleranza da lenti a contatto Fastidio e occhio rosso da lenti a contatto Sicuramente uno degli aspetti da considerare nell'uso delle lenti a contatto è la loro tollerabilità a lungo termine. Districarsi tra i vari tipi di LAC è difficile, ed è necessario appoggiarsi a un buon contattologo,...

Dott. Alberto Lanfernini – Oculista
Faenza – Ravenna – Riolo Terme – Pesaro

Dot. Lanfernini Alberto

Dott.ssa Annalisa Moscariello – Oculista
Ravenna – Faenza – Pesaro

Dott.ssa Annalisa Moscariello Oculista