Congiuntivite che non passa con le cure
la cherato-congiuntivite Vernal (VKC), quando la congiuntivite persiste
 

 

La Vernal keratocongiuntivite è una forma infiammatoria piuttosto antipatica che colpisce bambini, e tende a migliorare dopo l’adolescenza. Tendenzialmente cronica, si esacerba in primavera estate. Essa é considerata una patologia emergente e si calcola che in Italia vi siano circa 5000 soggetti affetti e 38000 in Europa; la gestione clinica è molto impegnativa per i possibili, se pur rari, esiti permanenti a livello oculare.

sintomi della vernal keratocongiuntivite

sintomi della Vernal cheratocongiuntivite si presentano in primavera (febbraio-aprile) e peggiorano progressivamente in estate, per regredire spesso nel periodo autunno-inverno; sono caratterizzati da

  • prurito,
  • rossore oculare intenso
  • fotofobia,
  • lacrimazione,
  • sensazione di corpo estraneo,
  • iperemia congiuntivale,
  • ipertrofia papillare e noduli limbari
  • a volte cheratiti, anche gravi.

Circa il 10-15% dei soggetti ha invece una forma definita “perenne”, in cui, nei mesi invernali si ha solo un miglioramento ma non una remissione completa.

tipi di vernal

Nella VKC si distinguono tre forme cliniche: tarsale, limbare e mista, che differiscono per la localizzazione dei segni e per il diverso coinvolgimento corneale. Questi sono aspetti clinici rilevabili in sede di visita dal medico oculista. E’ possibile che le tre forme abbiamo meccanismi di sviluppo e sostegno diversi.

Immunologia della Vernal Keratocongiuntivite

Gli individui di sesso maschile sono colpiti più frequentemente rispetto a quelli di sesso femminile. Il meccanismo immunopatogenetico della VKC, come detto precedentemente, è ad oggi poco chiaro. Le ricerche in merito stanno comunque procedendo, e da esse si spera che arrivino presto indicazioni terapeutiche.
Ad oggi è noto che l’organismo di pazienti affetti da VKC reagisce attivando meccanismi di difesa immunitaria: in particolare si tratta di una risposta immunitaria specifica nella quale svolgono un ruolo fondamentale i linfociti di tipo Th2. Gli studi effettuati hanno rivelato che linfociti T-helper Th2 sono presenti sia nelle lacrime sia in biopsie congiuntivali dei pazienti affetti dalla patologia.

Durante i processi infiammatori si liberano molti mediatori chiamati pro-infiammatori. Tra queste alcune molecole fungono da richiamo per le cellule immunitare (molecole chemiotattiche). Tutto questo accade anche nella vernal, dove numerose citochine, chemochine, neuropeptidi sono liberati. IL-5 è una interleukina che si libera nelle allergie e attiva gli eosinofili, così come Eosinophil Cationic Protein (ECP), una proteina citotossica. Inoltre nel secreto lacrimale ci sono anche il Nerve Growth Factor (NGF) e il Transforming Growth Factor b1 (TGF-b1). Alcuni studi dimostrano un  aumento delle mastcellule e eosinofili nella congiuntiva nella Vernal, correlata a livelli ematici di NGF.

Meccanismo fisiopatologico della Vernal

In sostanza quindi fattori ambientali irritanti attivano i TH2, i linfociti della immunità umorale (anticorpi), che sono associate a interleukina 4, IL-5 e IL-13. Le cellule dendridiche e i Th2 rilasciano quindi i mediatori infiammatori.

Tali mediatori determinano:
reclutamento di cellule infiammatorie, in particolare di eosinofili,
attivazione di cellule epiteliali e stromali della cornea,
• aumento nell’espressione di molecole di adesione,
rilascio di mediatori epitelio-tossici prodotti dagli eosinofili come MBP (major basic protein), ECP (eosinophil cationic protein) ed MMPs (matrix metalloproteinases).

Come conseguenza quindi dello squilibrio dei prodotti pro-infiammatori/anti-infiammatori ci sarebbe un rimaneggiamento tessutale, causato dalle MMP (metalloproteinasi).

La Vernal  è una allergia o no?

Il rapporto con l’atopia e la sensibilizzazione IgE è controverso.  Qualche studio avrebbe dimostrato che solo il 50% dei soggetti affetti da VKC analizzati presenta IgE specifi che per i comuni allergen. Inoltre, sarebbe stato documentato un diverso livello di sensibilizzazione IgE specifica nelle forme a localizzazione limbare  rispetto alla tarsale. In pratica le forme avrebbero meccanismi fisiopoatologici diversi.
Pare comunque che nella Vernal si  associ probabilmente una immunità cellulo mediata, perché il meccanismo IgE da solo non spiega la gravità della malattia. La Società Internazionale delle Malattie Infiammatorie Oculari, ha dunque proposto la suddivisione delle VKC in forme IgE mediate e non-IgE-mediate. Alcuni studiosi hanno suggerito un ruolo delle cellule dendritiche in questa malattia, proponendo l’attivazione diretta di queste cellule dendritiche, dotate di recettori ad alta affinità per le IgE, come meccanismo alternativo capace di innescare la flogosi allergica in pazienti con o senza evidenza di sensibilizzazione IgE-mediata. Qualche studio dimostra che alcuni peptidi come albumina, transferrina e emopexina soon aumentati nelle lacrime di soggetti vernal, e diminuiscono dopo somminstazione di ciclosporina.

Inquinamento e Vernal

Qualche studio in letteratura dimostra come la Vernal sia peggiorata dall’inquinamento, probabilmente per la reazione immune macrofagica e citochinica della mucosa oculare agli irritanti ambientali. La Vernal Cheratocongiuntivite è positivamente associata ai livelli di ossidante e PM 10 , ma negativamente associata a SO2. Gli articoli sull’inquinamento e le infiammazioni oculari li trovate qui a questo link.

Differenza tra vernal e congiuntivite perenne

La diagnosi differenziale va fatta principalmente con la congiuntivite allergica, stagionale o perenne. La congiuntivite allergica è innescata da una ipersensibilità, della quale le IgE sono responsabili. Viene attivata da allergeni aerei, e si associa, appunto, a elevati livelli sierici di immunoglobuline E. I test cutanei e serici per allergie son positivi. Si associa inoltre a asma e rinite, e non ha conseguenze oculari di rilievo, essendo tra l’altro ben controllata dalle terapie generali. La Vernal, come detto, ha caratteristiche cliniche e immunitarie differenti. La stagionalità, il difficile controllo con i farmaci classici, le caratteristiche obiettive rilevabili in visita, i test di provocazione congiuntivali, la correlazione delle conte polliniche con il periodo e l’intensità dei sintomi, infine, portano a indicare la direzione diagnostica.

come sapere se la congiuntivite è una vernal

L’inquadramento clinico-diagnostico e terapeutico necessita di un centro in cui gli specialisti collaborino tra di loro, essendo la patologia multidisciplinare, e abbiano a disposizione test di laboratorio dedicati. In questa pagina dedichiamo spazio a come si svolgono le visite nei bambini (link). 

 

 

Innanzitutto è da differenziare la Vernal dalle normali allergie, che possono avere quadri simili, ma, in genere, meno gravi. Inoltre può aver complicanze corneali anche gravi, e, considerando che si parla di bambini il più delle volte, non è una conseguenza auspicabile. Ne consegue che l’inquadramento necessita dell’oculista e di altre figure medico/specialistiche, per indirizzare correttamente la diagnosi, che, a volte, non è immediata, ma passa per periodi di infiammazioni oculari ricorrenti non ben inquadrate alle prime visite.

terapie e cura per la vernal keratocongiuntivite

La terapia è descritta in un altro articolo che trovate seguendo questo link.

Oculistica multidisciplinare

Oculistica multidisciplinareuna visione sistemica a partenza dagli occhi Con il passare del tempo, nella pratica medica ci si rende sempre più conto che l'interconnesione tra i vari organi  è fondamentale nell'omeostasi e la salute di tutto l'organismo, occhio compreso. Anche l'occhio, quindi, può...

Disturbi del sonno e occhio secco

Occhio secco e sonno L'occhio secco è una malattia multifattoriale che porta notevoli disagi a chi ne soffre. Dopo aver parlato nei precedenti articolo delle cause e dell'inquadramento generale, della correlazione con osteoporosi (qui), con malattie autoimmuni (qui), delle correlazioni con il...

5-Allergie, congiuntiviti, pollini e dieta. Alimenti da evitare in relazione alle allergie ai pollini

 Congiuntiviti allergiche alimenti da evitare i relazione all'allergia ai pollini Prima di leggere questo articolo consigliamo la lettura della pagina relativa all'inquadramento generale delle allergie oculari, che trovate in questo link.  La dieta a basso contenuto e priva di istamina è stata...

Occhi rossi nei bambini

 Occhi rossi nei bambini cause, rimedi e terapie  Occhi rossi perché vengono Uno dei principali motivi di visita nei nostri ambulatori oculistici di Faenza e Ravenna, dedicati anche alla oculistica pediatrica,  è la presenza di occhi rossi nei bambini (qui il link a come si svolgono le visite...

Difetti di vista: miopia, ipermetropia, astigmatismo e presbiopia

I difetti visivi sono quattromiopia ipermetropia astigmatismo e presbiopia Emmetropia cosa vuol dire Prima di parlare dei difetti di vista, bisogna spiegare che c'è una condizione di normalità che si chiama Emmetropia. In sostanza, questo vuole dire essere perfetti da un punto di vista visivo,...

Luce blu e occhi: display, monitor, PC, telefonini e LED

Luce blu, telefonini, display, PC, led e occhi La luce  blu è una particolare lunghezza d'onda dello spettro luminoso compresa tra 415 nm e 455 nm. L'esposizione a questa radiazione avviene all'aperto ma anche durante l'applicazione ai display nelle attività lavorative e non. Pare che questa...

Lenti a contatto microbiota oculare

le lenti a contatto alterano il microbiota oculare Il microbiota è la comunità di batteri che vive in un luogo. Anche la superficie oculare ha un suo proprio microbiota, che deve rimanere in equilibrio con il sistema immunitario dell'organismo. Numerosi sono gli stimoli che possono influenzare la...

Occhiali dopo intervento di cataratta

Quando si possono fare gli occhiali dopo intervento di cataratta Questo articolo fa parte degli articoli inerenti la cataratta e l'intervento, che trovate QUI. Una domanda che molti pazienti ci fanno nei nostri ambulatori oculistici di Faenza e Ravenna è dopo quanto tempo dall'intervento di...

Microbiota e occhi – XII Congresso Aimo Oculisti Roma

 Microbiota intestinale e occhio Congresso AIMO Associazione Italiana Medici OculistiSessione Microbiota umano: la nuova frontiera della medicina Roma 30 settembre - 2 ottobre 2021 Anche quest’anno si è svolto il congresso AIMO (Associazione Italiana Medici Oculisti) a Roma dal 30 settembre,...

Presbiopia, esperidina e antiossidanti

 Curare la presbiopia con l'alimentazione E' possibile rallentare la presbiopia?   La presbiopia è un difetto di vista che impedisce la visione per vicino e colpisce i soggetti dopo i 40 anni. E' piuttosto fastidioso nella vita di questo periodo storico a causa della continua necessità delle...

Microbiota e malattie degli occhi

 Microbiota intestinale e occhio Come e perchè il microbiota intestinale è correlato alle malattie oculari e allo stato di salute dei nostri occhi Riporto l'articolo pubblicato sul numero 1.2021 di Viscochirurgia (rivista italiana di Oftalmologia a cura di Fabiano Editore, responsabile dott....

Microbiota e occhio: articoli giornali e siti

Microbiota e occhi L'idea che i batteri intestinali che vivono in costante simbiosi con noi (microbiota intestinale) possano influenzare lo stato di salute dell'organismo in generale si sta diffondendo anche tra gli oftalmologi. Si affacciano finalmente in alcune riviste specialistiche dedicate a...

Mirtillo e occhi

Mirtillo e occhi Dopo avere parlato di altri numerosi rimedi naturali benefici per gli occhi, scriviamo ora del mirtillo, noto elemento che spesso viene associato agli occhi anche nella cultura popolare da tempo. I composti botanici e gli estratti dalle piante è noto che possano essere utili in...

Vitamina C: antiossidante per gli occhi

  Vitamina C - potente antiossidanteCataratta, glaucomacornea - trabecolato - cristallino Proseguiamo i nostri articoli sulle vitamine  per gli occhi e, dopo aver accennato alla Vitamina D e alla Vitamina B e dei loro effetti su occhi secchi e dolore oculare, scriviamo oggi della vitamina C, per...

Probiotici e occhi: retinopatia diabetica

Questo articolo  fa parte di una serie che riguarda prebiotici, probiotici e occhio, che trovate cliccando qui Probiotici cosa sono I probiotici sono microrganismi viventi non patogeni, che possono portare beneficio all'ospite se somministrati con continuità. Generalmente, le specie probiotiche...

Vitamina D e salute degli occhi

Vitamina D e salute degli occhi Come più volte affermato in questo sito, con articoli tratti da letteratura, l'alimentazione ha un ruolo chiave nella prevenzione anche delle malattie oculari. Le vitamine dunque, insieme ad altri nutrienti, sono efficaci protettori degli occhi.  La base per una...

Luce blu e occhi: display, monitor, PC, telefonini e LED

Luce blu, telefonini, display, PC, led e occhi La luce  blu è una particolare lunghezza d'onda dello spettro luminoso compresa tra 415 nm e 455 nm. L'esposizione a questa radiazione avviene all'aperto ma anche durante l'applicazione ai display nelle attività lavorative e non. Pare che questa...

Probiotici, luce blu, pc, telefonini e occhi

 Questo articolo  fa parte di una serie che riguarda prebiotici, probiotici e occhio, che trovate cliccando qui Probiotici cosa sono Le specie probiotiche principali appartengono ai generi Lactobacillus e Bifidobacterium ma anche ad altri ceppi di altri batteri lattici,...

Proteoma lacrimale in rinocongiuntivite allergica

Rinocongiuntivite allergica e proteoma Mebabolomica congiuntiviti allergiche La metabolomica  studia le impronte chimiche dei processi dei sistemi biologici. In altri articoli abbiamo affrontato questi temi. Abbiamo infatti parlato di  metabolomica e disfunzione ghiandole Meibomio in occhio secco...

Inquinamento e infiammazioni oculari

  Inquinamento e infiammazioni oculari L'inquinamento atmosferico è un grande problema e costituisce una crescente preoccupazione globale. Sono chiare le correlazioni tra numerose malattie e inquinamento dell'acqua, dell'aria, del suolo, ma anche acustico e luminoso. Tra gli organi bersaglio...

Ambienti domestici, uffici, inquinamento e occhi

Inquinamento e infiammazioni oculari Nell'articolo precedente (link qui) abbiamo visto come l'inquinamento atmosferico sia composto da agenti particolati organici, inorganici  e gas nocivi. Tutti i fattori inoltre ambientali, quali temperatura, esposizione luce UV, umidità e ventilazione hanno la...

Dermatiti intorno agli occhi e alimentazione

Dermatiti occhi e alimenti Visto l'interesse degli utenti del sito in tema di allergie, alimenti e dermatiti, pubblichiamo un altro articolo scritto insieme alla Dottoressa Emanuela Fogli, dopo quello inerente le dermatiti da contatto e aeromediate (link), e le blefariti associate a rosacea...

Nutrizione e salute degli occhi: stress ossidativo

 Dieta e salute degli occhila nutrizione e la sua influenza per le malattie oculari La letteratura medica contiene vari articoli su nutrizione e occhi poiché la dieta può influenzare numerose condizioni lesive della capacità visiva, come la cataratta, la degenerazione maculare, il glaucoma, le...

Chi siamo
Dott. Alberto Lanfernini – Oculista
Faenza – Ravenna – Riolo Terme – Pesaro

Dot. Lanfernini Alberto

Chi Siamo
Dott.ssa Annalisa Moscariello – Oculista
Ravenna – Faenza – Pesaro

Dott.ssa Annalisa Moscariello Oculista